Pagina 500 di 500 PrimaPrima ... 400 450 490 496 497 498 499 500
Risultati da 7,486 a 7,500 di 7500

Discussione: L'ultimo film che avete visto?

  1. #7486
    Opinionista L'avatar di follemente
    Data Registrazione
    22/12/09
    Località
    Al mare
    Messaggi
    8,171
    Stupendo questo post, Barrett: hai documentato qualcosa che avvertivo da tempo, ma su cui non ho riflettuto appieno, e tu mi dai modo di farlo.

    Ma quindi, secondo te, da cosa è orientata la giuria degli Oscar?

  2. #7487
    Opinionista L'avatar di Barrett
    Data Registrazione
    07/10/07
    Messaggi
    2,197
    Grazie Folle.
    Rispondendo alla tua domanda, bisogna considerare che l'Oscar è il premio creato per promuovere l'industria cinematografica americana (Hollywood) all'interno della quale si muovono diverse anime, dai produttori ai registi, passando per attori e a tutta una serie di maestranze. E' per questo motivo che alcuni dei più grandi registi non hanno vinto alcun premio Oscar o quasi, penso soprattutto a Stanley Kubrick, il più bravo di tutti. Perchè l'industria si rivolta nei confronti di coloro che ne parlano male o che non fanno abbastanza per promuovere la commercialità del prodotto, in quanto alla fine quello che il film deve fare secondo la filosofia hollywoodiana è raggiungere il più ampio consenso all'interno del pubblico. A Hollywood non interessa la qualità del film se non raggiunge l'interesse del pubblico, l'esempio di quest'anno è "I'm thinking of ending things" di Kaufman, troppo difficile per un pubblico medio.
    Detto questo, c'è da dire che la statuetta al miglior film dal 2009 segue un meccanismo piuttosto complicato. Non vince il film che prende il maggior numero di voti ma quello che raggiunge la maggioranza dei voti espressi. I votanti sono 6000, vince chi raggiunge 3001 voti. Impossibile che si vinca alla prima votazione, e nelle seguenti non partecipano i film che nelle precedenti hanno preso meno voti, finchè uno dei film rimasti non arriva a 3001 voti. Quindi spesso la vittoria non va al miglior film ma quello che mediamente mette d'accordo i giurati, come è successo l'anno passato per "Parasite", non proprio il film favorito.

  3. #7488
    Opinionista L'avatar di follemente
    Data Registrazione
    22/12/09
    Località
    Al mare
    Messaggi
    8,171
    Molto interessante ciò che scrivi.

    Infatti quando vinse Green book, non potevo non pensare a queste cose. I film di quest'anno non li ho visti, di solito li guardavo al cinema.

    Quindi consigli "I'm thinking of ending things"?

  4. #7489
    Bravo Barrett, hai illuminato anche me.
    Bambol utente of the decade

  5. #7490
    Opinionista L'avatar di Barrett
    Data Registrazione
    07/10/07
    Messaggi
    2,197
    Citazione Originariamente Scritto da follemente Visualizza Messaggio
    Molto interessante ciò che scrivi.

    Infatti quando vinse Green book, non potevo non pensare a queste cose. I film di quest'anno non li ho visti, di solito li guardavo al cinema.

    Quindi consigli "I'm thinking of ending things"?
    Lo consiglio solo a chi piace David Linch. Ho sentito di amici appassionati di cinema come me non riuscire a finirlo. Personalmente dopo la prima visione non avevo capito molto, ma avevo apprezzato regia e fotografia a prescindere, con la scena della gelateria nel deserto un piccolo capolavoro. Successivamente ho letto in rete la spiegazione, l'ho riguardato e solo allora è scattata la scintilla.

  6. #7491
    Opinionista L'avatar di Barrett
    Data Registrazione
    07/10/07
    Messaggi
    2,197
    "Rifkin's Festival" (2020) di Woody Allen
    L'immancabile film annuale di Allen è ambientato a San Sebastian dove si svolge un festival internazionale di cinema. Una coppia in crisi si reca per una vacanza-lavoro, lui studioso di cinema mentre lei fa parte dell'ufficio stampa di un famoso regista. Entrambi flirtano con altre persone e soprattutto per lui è l'occasione per rivisitare la sua vita anche attraverso immagini di altri famosi film diretti dai maestri di Allen come Fellini, Truffaut, Bunuel e soprattutto Bergman dove il suo "Il posto delle fragole" lo ricorda e con "Il settimo sigillo" il film termina. Idea brillante, purtroppo la realizzazione non è all'altezza delle sue opere migliori a cominciare dagli attori, tutti di secondo livello per colpa del suo coinvolgimento in situazioni con minori con il quale il movimento "Me Too" - organizzato anche da famosi attori che una volta facevano la fila per lavorare con lui - lo ha boicottato. Anche la regia nella prima parte non è convincente, come pure la fotografia di Storaro che da quando è passato al digitale è diventata eccessiva nell'esplosione dei colori, mentre il b/n dei vecchi film riportati è un grigio topo.

    Rifkin's Festival **

  7. #7492
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    54,868
    Barrett, sei il maggiore esperto di cinema qua dentro: E' stato assegnato un David di Donatello speciale, alla carriera, a Monica Bellucci. Mi scrivi qualcosa in proposito? Me lo daresti un giudizio ponderato e competente su Monica?
    Ti ringrazio!
    amate i vostri nemici

  8. #7493
    Opinionista L'avatar di Barrett
    Data Registrazione
    07/10/07
    Messaggi
    2,197
    Grazie per il "maggiore esperto" ma ritengo di essere solo un appassionato. Dove penso di essere davvero un esperto è nel calcio ahahahah.
    Evito di guardare i film con la Bellucci perchè per me non è un'attrice, rimane semplicemente una bella donna ma con un fascino da femme fatale non riuscito. La paragono a Richard Gere che riusciva a rovinare tutti i film a cui partecipava.
    Venendo ai David di Donatello, miglior film a "Volevo nascondermi" e anch'io avrei votato così.

  9. #7494
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    54,868
    Mi sono rivisto tutta la serata delle premiazioni. Veramente toccante il discorso della bambina, figlia e orfana dello sceneggiatore Mattia Torre.
    Per Monica....mi fai piangere, invece. Possibile non abbia apprezzato interpretazioni come quelle in "Malena" di Tornatore, in "La passione" di Gibson, in "On the milky road" di Kusturica?
    Se te la sei persa, ecco la motivazione ufficiale del premio:

    "Una carriera stellare e tuttavia saggia, che parte da Citta' di Castello e dalla nostra commedia, e si lascia valorizzare da grandi autori come Francis Ford Coppola e Giuseppe Tornatore diventando subito internazionale, con in più la devozione del cinema francese dalla sua parte". Con questa dichiarazione Piera Detassis, Presidente e Direttore Artistico dell'Accademia del Cinema Italiano, ha motivato l’ambito riconoscimento a Monica Bellucci per “la sua bellezza unica ma soprattutto la capacità di giocare d’azzardo e provocazione, come nel caso di Irréversible, alternando registi riconosciuti a giovani debuttanti o innovatori e scegliendo quasi sempre lo slancio d’autore, dai Wachowski a Virzì, da Sam Mendes a Maria Sole Tognazzi, da Terry Gilliam a Kusturica, da Claude Lelouch a Kaouther Ben Hania. Bellucci incarna la rara capacità di essere icona globale, senza perdere di vista il lavoro creativo e la comunità artistica. Carismatica, cosmopolita e insieme profondamente italiana", prosegue Detassis. Monica Bellucci è da anni una delle attrici italiane più conosciute e apprezzate a livello globale. Nella sua carriera ha collaborato con i maggiori registi del cinema italiano e mondiale, a partire dal suo esordio con la miniserie televisiva Vita coi figli di Dino Risi e poi come interprete in grandi produzioni internazionali, come Dracula di Bram Stoker di Francis Ford Coppola”.

    https://tg24.sky.it/spettacolo/cinem...onica-bellucci
    amate i vostri nemici

  10. #7495
    Opinionista L'avatar di Barrett
    Data Registrazione
    07/10/07
    Messaggi
    2,197
    In Malena è terribile. Mi dispiace ma non la considero un'attrice. Tipo Tom Cruise o Richard Gere in campo maschile. Un'icona della bellezza, però senza talento.
    A proposito del David stavo leggendo su Facebook giudizi sul film con la Loren (che non ho visto). Raramente mi era capitato di sentire o leggere giudizi così contrastanti. Chi lo considera un bel film e chi una schifezza completa, con gli schieramenti divisi equamente.

  11. #7496
    Cosmo-Agonica L'avatar di Bauxite
    Data Registrazione
    25/12/09
    Messaggi
    28,943
    A me il film di Ponti è piaciuto.
    Devo dire che ne ho apprezzata la descrizione dell'umanità dei personaggi, il fatto che non fossero patetici e anche qualche richiamo a Scola e ad Almodovar.
    La Loren per me resta una delle migliori attrici italiane, per molti versi ineguagliabile.
    Anzi, ho sempre pensato che avesse una vena comica non esaltata del tutto.

    Ritengo che il David alla Bellucci, ora, sia inspiegabile. Ho sempre atteso che "svoltasse" in qualche modo.
    un po' di possibile, sennò soffoco.
    G. Deleuze

  12. #7497
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    54,868
    Citazione Originariamente Scritto da Barrett Visualizza Messaggio
    In Malena è terribile. Mi dispiace ma non la considero un'attrice. Tipo Tom Cruise o Richard Gere in campo maschile. Un'icona della bellezza, però senza talento.
    A proposito del David stavo leggendo su Facebook giudizi sul film con la Loren (che non ho visto). Raramente mi era capitato di sentire o leggere giudizi così contrastanti. Chi lo considera un bel film e chi una schifezza completa, con gli schieramenti divisi equamente.


    Citazione Originariamente Scritto da Bauxite Visualizza Messaggio
    A me il film di Ponti è piaciuto.
    Devo dire che ne ho apprezzata la descrizione dell'umanità dei personaggi, il fatto che non fossero patetici e anche qualche richiamo a Scola e ad Almodovar.
    La Loren per me resta una delle migliori attrici italiane, per molti versi ineguagliabile.
    Anzi, ho sempre pensato che avesse una vena comica non esaltata del tutto.

    Ritengo che il David alla Bellucci, ora, sia inspiegabile. Ho sempre atteso che "svoltasse" in qualche modo.
    amate i vostri nemici

  13. #7498
    Il gladiatore, l'altro giorno in tv, per l'ennesima volta!

  14. #7499
    Opinionista L'avatar di Barrett
    Data Registrazione
    07/10/07
    Messaggi
    2,197
    "Sulla infinitezza" (2019) di Roy Andersson

    Presentato a Venezia dove nel 2019 ottenne il premio quale miglior regia. Sono brevi scenette quasi mai collegate tra di loro, tranne quelle che vedono un prete in crisi esistenziale che si reca da uno psicologo in quanto dubita dell'esistenza di Dio e ottiene quale risposta la possibilità che non esista alcun Dio. La maggior parte di queste scenette sono introdotte da una voce fuori campo che dice "ho visto un uomo/donna che... " e sono ambientate nel presente, a parte una che vede protagonista Hitler e un'altra Ivan il terribile. E' un cinema tipicamente svedese che riprende alcuni temi cari a Bergman come quelli riguardante la fede e il senso della vita. Bellissima la fotografia.

    Sulla infinitezza ***

  15. #7500
    Opinionista L'avatar di follemente
    Data Registrazione
    22/12/09
    Località
    Al mare
    Messaggi
    8,171
    Citazione Originariamente Scritto da Barrett Visualizza Messaggio
    "Sulla infinitezza" (2019) di Roy Andersson

    Presentato a Venezia dove nel 2019 ottenne il premio quale miglior regia. Sono brevi scenette quasi mai collegate tra di loro, tranne quelle che vedono un prete in crisi esistenziale che si reca da uno psicologo in quanto dubita dell'esistenza di Dio e ottiene quale risposta la possibilità che non esista alcun Dio. La maggior parte di queste scenette sono introdotte da una voce fuori campo che dice "ho visto un uomo/donna che... " e sono ambientate nel presente, a parte una che vede protagonista Hitler e un'altra Ivan il terribile. E' un cinema tipicamente svedese che riprende alcuni temi cari a Bergman come quelli riguardante la fede e il senso della vita. Bellissima la fotografia.

    Sulla infinitezza ***
    Spero non abbia nulla in comune con la demenzialità di un altro film svedese, Un piccione seduto su un ramo riflette sull'esistenza...

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •