Pagina 510 di 512 PrimaPrima ... 10 410 460 500 506 507 508 509 510 511 512 UltimaUltima
Risultati da 7,636 a 7,650 di 7673

Discussione: L'ultimo film che avete visto?

  1. #7636
    Opinionista L'avatar di follemente
    Data Registrazione
    22/12/09
    Località
    Al mare
    Messaggi
    9,640
    Citazione Originariamente Scritto da Barrett Visualizza Messaggio
    “Broker” (2022) di Hirokazu Kore-Eda
    Il tema è quello del traffico di bambini abbandonati in Corea del Sud, nel caso specifico però la madre ha un ripensamento che la porta a scoprire che il bambino è finito nelle mani di due trafficanti. Decide allora di andare con loro alla ricerca di genitori adottivi per suo figlio. Vicenda amara attutita dai sensi di colpa della madre che trova giustificazione e sollievo affermando che l’abbandono è meglio dell’aborto. Il film ha vinto a Cannes la palma per la miglior interpretazione maschile, mentre quattro anni fa Kor-eda vinse la Palma per il miglior film con il bellissimo “Affari di Famiglia”.

    Broker ***
    Questo voglio vederlo.

    Ho già visto Affari di famiglia e Father and son che sono stati pregni di sensazioni e riflessioni ed ora mi aspetto almeno una cosa simile.

  2. #7637
    Opinionista L'avatar di Barrett
    Data Registrazione
    07/10/07
    Messaggi
    2,294
    “Decision to Leave” (titolo internazionale) (2022) di Park Chan–wook
    In italiano esce col titolo “La donna del mistero”. Ancora un film da Cannes e da un altro grande regista asiatico che molti anni fa con “Old Boy” mi fece avvicinare al cinema sud coreano. Trama in pillole. Un uomo viene trovato morto alle pendici di una parete da scalare. Si pensa a un incidente, successivamente a un suicidio o a un omicidio. Unica sospettata la moglie, donna affascinante e piena di mistero, che non sembra presentare alcun dispiacere per la perdita del marito e l’investigatore che si occupa del caso è quasi convinto della sua colpevolezza ma ha il torto di innamorarsene. La parte poliziesca non mi pare pienamente riuscita, ma è strumentale alla parte sentimentale, che rimanda a Hitchcock – come non pensare a “Vertigo” – e a suoi discepoli, soprattutto De Palma, con quello strano rapporto che si instaura tra i due. Magnifiche le immagini finali. Credo che lo rivedrò perché con i veloci sottotitoli in inglese ho perso il significato di alcune battute importanti.

    Decision to Leave ***

  3. #7638
    Opinionista L'avatar di Barrett
    Data Registrazione
    07/10/07
    Messaggi
    2,294
    “Argentina 1985” (2022) di Santiago Mitre
    Sul processo alla giunta militare guidata da Videla che diede vita in Argentina alla sanguinosa dittatura tra il 1976 e il 1983. Malgrado la maggioranza della popolazione argentina fosse favorevole al processo, resistevano nel paese parti di società che volevano impedire il rinvio a giudizio dei militari. Anche tra gli stessi promotori si produsse un acceso dibattito sulle modalità di perseguimento della giustizia con il rischio di frantumare quella unità necessaria per consolidare una democrazia ancora fragile. Presentato in concorso all’ultimo Venezia il film è una testimonianza di cosa ha rappresentato per il popolo argentino quell’esperienza di violenza, tortura e morte, e anche se la produzione Amazon ci ricorda la matrice di provenienza, con tecnica di ripresa e montaggio e alcune scene che rimandano a “Gli Intoccabili” di De Palma, questo è il prezzo da pagare per ampliare l’offerta di un prodotto che è soprattutto storia, cultura e umanità.

    Argentina 1985 ***

  4. #7639
    Opinionista L'avatar di Barrett
    Data Registrazione
    07/10/07
    Messaggi
    2,294
    “Causeway” (2022) di Lila Neugebauer
    Linsey è vittima di un’esplosione durante una missione militare in Afghanistan che le lascia strascichi neurologici quasi del tutto superati grazie alla riabilitazione. Quello che invece la ragazza fatica ad accettare è il tran tran quotidiano della sua nuova vita da dividere a casa con la madre a New Orleans al punto da voler tornare in Afghanistan. Presentato a Toronto e successivamente a Roma, “Causeway” è un piccolo film dal ritmo lento come i pensieri di Linsey costretta a rimettere in sesto la propria esistenza e i propri drammi familiari che con il visino di Jennifer Lawrence (qui in veste anche di produttrice) offre una versione ammorbidita del soldato ferito che torna a casa. La cosa migliore a mio parere la regia senza fronzoli ma precisa ed efficace della Neugebauer.

    Causeway ***

  5. #7640
    Opinionista L'avatar di Barrett
    Data Registrazione
    07/10/07
    Messaggi
    2,294
    “Gli Orsi non esistono” (2022) di Jafar Panahi
    Panahi è nascosto in un villaggio vicino al confine iraniano da dove dirige in modalità remoto il suo film. Da anni viene accusato dal governo di portare avanti una campagna contro il regime (realtà), mentre all’interno del villaggio di aver scattato una foto a una coppia clandestina (finzione); inoltre ci sono problemi con la troupe del film in quanto i due protagonisti hanno organizzato alla sua insaputa la loro fuga all’estero (ancora finzione). Mischiando realtà e finzione tra città e zone rurali, Panahi descrive la sua condizione da semi recluso in un paese come l’Iran che non permette un percorso diverso da quello che la teocrazia in vigore ha fissato, come stiamo imparando a conoscere attraverso le proteste in piazza delle donne vittime di violenze e uccisioni da parte del regime. A Venezia il film ha vinto il premio speciale della giuria, ma Panahi non è potuto andare a ritirarlo in quanto nel frattempo nuovamente arrestato.

    Gli orsi non esistono ***

  6. #7641
    Adieu Monsieur Haffmann con Daniel Auteil di Fred Cavayé (2021). Si tenga present5e che essendo ipoudente ho bisogno dei sottotitoli (non importa se in italiano, francese o inglese) per seguire il film.

    Il tema è sempre quello dell'occupazione tedesca a Parigi nel 1941, ma è svolto molto, molto bene , gli attori sono in parte ed anche se la trama è quella, la sorpresina finale c'è e ci sta tutta.

    Se vi capita vedetelo, vi piacerà
    Pnta rhi h?s potams

    arecata il 2 nick-name di Blasel

  7. #7642
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    57,636
    Grazie del consiglio: Adoro tutto il cinema francese.
    amate i vostri nemici

  8. #7643
    Opinionista L'avatar di follemente
    Data Registrazione
    22/12/09
    Località
    Al mare
    Messaggi
    9,640
    Citazione Originariamente Scritto da arecata Visualizza Messaggio
    Adieu Monsieur Haffmann con Daniel Auteil di Fred Cavayé (2021). Si tenga present5e che essendo ipoudente ho bisogno dei sottotitoli (non importa se in italiano, francese o inglese) per seguire il film.

    Il tema è sempre quello dell'occupazione tedesca a Parigi nel 1941, ma è svolto molto, molto bene , gli attori sono in parte ed anche se la trama è quella, la sorpresina finale c'è e ci sta tutta.

    Se vi capita vedetelo, vi piacerà
    Ciao Arecata, bello rileggerti qui!

  9. #7644
    Opinionista L'avatar di Barrett
    Data Registrazione
    07/10/07
    Messaggi
    2,294
    In tour qui da noi per partecipare a rassegne a loro dedicate e per parlare della loro ultima fatica “Tori e Lokita” - in uscita la prossima settimana, i fratelli Dardenne hanno sviluppato il loro cinema sui problemi sociali in Belgio alimentati dal passaggio dall’industria pesante più tradizionale che permetteva la piena occupazione a una moderna e tecnologica che taglia posti di lavoro con il contemporaneo disimpegno del governo nelle politiche sociali per via dei bilanci da risistemare. Nasce quindi l’arte di arrangiarsi, anche con mezzi illegali e che coinvolge le fasce meno abbienti in una sorta di lotta tra poveri. Così in “La Promesse” (1996 ***) sono l’immigrazione clandestina, il lavoro non regolare e l’abbandono i temi trattati, mentre è la disperata ricerca di lavoro “per avere un’esistenza normale” in “Rosetta” (1999 *** palma d’oro a Cannes), che porta le persone a comportamenti discutibili, come il tradimento di un amico per prendere il suo posto di lavoro o persino reati disumani prima ancora che penalmente rilevanti come la vendita di un figlio appena nato (“L’Enfant” 2005 *** altra palma d’oro). Da un punto di vista tecnico il loro cinema è basato principalmente sul piano sequenza, che è quello più efficace nel rappresentare la disperazione dei personaggi, con la cinepresa attaccata al collo dei protagonisti quale testimone dell’ossessione di trovare un rimedio a una vita senza speranza.

  10. #7645
    Opinionista L'avatar di Barrett
    Data Registrazione
    07/10/07
    Messaggi
    2,294
    “Athena” (2022) di Romain Gravas
    Un ragazzo algerino viene ammazzato da un poliziotto ad Athena, periferia di Parigi. Si scatena la vendetta con i fratelli dell’ucciso in prima linea anche se con idee diverse su come risolvere il problema. Non è il mio genere, non l’avrei mai visto se non fosse passato in concorso a Venezia, però devo dire che non è mi è dispiaciuto; è soprattutto lo stile di Gravas, con un passato da autore di videoclip, caratterizzato da una feroce organizzazione del set, e considerato il tema trattato la parola ci sta tutta, e un continuo piano sequenza con l’inquadratura che spesso si stacca dal soggetto principale per fare una panoramica generale, ad aver tenuto alto il mio interesse durante la visione. Anche il commento sonoro, tra l’epico e il religioso, forse con una eccessiva pomposità ha un ruolo determinante nell’enfatizzare un’atmosfera da non ritorno.

    Athena ***

  11. #7646
    Opinionista L'avatar di Barrett
    Data Registrazione
    07/10/07
    Messaggi
    2,294
    “Triangle of Sadness (2022) di Ruben Ostlund
    Film diviso in tre parti, nella seconda un gruppo di persone facoltose si ritrova a viaggiare su una piccola nave da crociera. Manifestano senza vergogna la loro volgarità creando situazioni tra il paradossale e il comico, confrontandosi con i dipendenti di bordo e alimentando con loro un possibile ribaltamento dei ruoli che effettivamente avverrà nel proseguo della storia. Il film ha ricevuto molte stroncature (ad esempio quelle di Mereghetti sul Corriere e di Bradshaw sul Guardian), ma anche elogi come quello della giuria di Cannes che gli ha tributato il successo quale miglior film della rassegna, la seconda Palma d’oro per Ostlund dopo quella per l’altrettanto controverso “The Square” del 2017. Come ogni film scandinavo e in particolare quelli di Ostlund l’obiettivo principale non è mai la ricerca di un’approvazione gratuita da parte del pubblico, anzi come si può notare ad esempio nella scena della cena con il comandante della nave - un piccolo capolavoro che il regista alla fine volutamente rende indigesta, viene percorsa la strada più impervia per raggiungere il consenso.

    Triangle of Sadness ***

  12. #7647
    Qua siete tutti estimatori di film impegnati, vedo. Io solo film leggeri, commedia, d'azione o avventura. Non disdegno nemmeno i super eroi preferendo quelli della DC film alla Marvel Comics. L'ultimo film che ho visto è stato per l'appunto Black Adam con interprete il super nerboruto Dwayne D. Johnson.
    Piacevole, ma ho visto di meglio.

  13. #7648
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    57,636
    Esterno notte, di Marco Bellocchio. Fabrizio Gifuni che interpreta Aldo Moro e Margherita Buy nei panni della moglie Eleonora...
    semplicemente fantastici!
    Film che solo un regista come Bellocchio poteva rendere in tutta la sua drammatica crudezza.
    amate i vostri nemici

  14. #7649
    Opinionista L'avatar di follemente
    Data Registrazione
    22/12/09
    Località
    Al mare
    Messaggi
    9,640
    Sono andata a vedere il film di Roberto Andò La stranezza (2022) , su Pirandello, tanto decantato da tutti: ho abbandonato la sala dopo il primo tempo: tetro, oppressivo e claustrofobico nell’ambientazione e nei personaggi, per tacere della interpretazione eccessivamente teatrale di alcuni e l'assenza di una vera e propria trama.
    Non ho capito perché a molti sia piaciuto.

  15. #7650
    Opinionista L'avatar di Barrett
    Data Registrazione
    07/10/07
    Messaggi
    2,294
    A molti davvero, visto che è in testa al botteghino dei film italiani. Non sono andato a vederlo finora solo perchè stavano uscendo i film di Cannes e Venezia. Ma dopo la tua recensione evito.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •