Pagina 123 di 123 PrimaPrima ... 23 73 113 119 120 121 122 123
Risultati da 1,831 a 1,841 di 1841

Discussione: Poesie

  1. #1831
    la viaggiatrice L'avatar di dark lady
    Data Registrazione
    09/03/05
    Località
    On the road
    Messaggi
    52,732
    E la gente rimase a casa
    E lesse libri e ascoltò
    E si riposò e fece esercizi
    E fece arte e giocò
    E imparò nuovi modi di essere
    E si fermò

    E ascoltò più in profondità
    Qualcuno meditava
    Qualcuno pregava
    Qualcuno ballava
    Qualcuno incontrò la propria ombra
    E la gente cominciò a pensare in modo differente

    E la gente guarì.
    E nell’assenza di gente che viveva
    In modi ignoranti
    Pericolosi
    Senza senso e senza cuore,
    Anche la terra cominciò a guarire

    E quando il pericolo finì
    E la gente si ritrovò
    Si addolorarono per i morti
    E fecero nuove scelte
    E sognarono nuove visioni
    E crearono nuovi modi di vivere
    E guarirono completamente la terra
    Così come erano guariti loro

    ( Kitty O’Meary. 1839- 1888)

    Ua fake news narra che questa poesia fu scritta dall'autrice durante la peste nel 1800. In realtà si tratta di una poetessa contemporanea che l'ha scritta proprio in questo periodo di coronavirus. Però è molto bella
    “Io e il mio gatto... siamo due randagi senza nome che non appartengono a nessuno e a cui nessuno appartiene” [cit. Colazione da Tiffany]

    Noi vogliamo cantare l'amor del pericolo, l'abitudine all'energia e alla temerità [cit: Manifesto futurista] .

  2. #1832
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    51,960
    Dicono che la Speranza sia felicità,
    Ma il vero Amore deve amare il passato,
    E il Ricordo risveglia i pensieri felici
    Che primi sorgono e ultimi svaniscono.


    E tutto ciò che il Ricordo ama di più
    Un tempo fu Speranza solamente;
    E quel che amò e perse la Speranza
    Ormai è circonfuso nel Ricordo.


    È triste! È tutto un'illusione:
    Il futuro ci inganna da lontano,
    Non siamo più quel che ricordiamo,
    Né osiamo pensare a ciò che siamo.

    GEORGE BYRON
    amate i vostri nemici

  3. #1833
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    51,960
    Sulla morte senza esagerare


    Non s'intende di scherzi,
    stelle, ponti,
    tessitura, miniere, lavoro dei campi,
    costruzione di navi e cottura di dolci.
    Quando conversiamo del domani
    intromette la sua ultima parola
    a sproposito.
    Non sa fare neppure ciò
    che attiene al suo mestiere:
    né scavare una fossa,
    né mettere insieme una bara,
    né rassettare il disordine che lascia.
    Occupata a uccidere,
    lo fa in modo maldestro,
    senza metodo né abilità.
    Come se con ognuno di noi stesse imparando.
    Vada per i trionfi,
    ma quante disfatte,
    colpi a vuoto
    e tentativi ripetuti da capo!
    A volte le manca la forza
    di far cadere una mosca in volo.
    Più d'un bruco
    la batte in velocità.
    Tutti quei bulbi, baccelli,
    antenne, pinne, trachee,
    piumaggi nuziali e pelame invernale
    testimoniano i ritardi
    del suo ingrato lavoro.
    La cattiva volontà non basta
    e perfino il nostro aiuto con guerre e rivoluzioni
    e, almeno finora, insufficiente.
    I cuori battono nelle uova.
    Crescono gli scheletri dei neonati.
    Dai semi spuntano le prime due foglioline,
    e spesso anche grandi alberi all'orizzonte.
    Chi ne afferma l'onnipotenza
    è lui stesso la prova vivente
    che essa onnipotente non è.
    Non c'è vita
    che almeno per un attimo
    non sia stata immortale.
    La morte
    è sempre in ritardo di quell'attimo.
    Invano scuote la maniglia
    d'una porta invisibile.
    A nessuno può sottrarre
    il tempo raggiunto.


    Wislawa Szymborska
    amate i vostri nemici

  4. #1834
    Opinionista L'avatar di Turbociclo
    Data Registrazione
    28/04/19
    Località
    Roma
    Messaggi
    2,808

    Ah, da “La canzone dei folli”, Charles Bukowski




    Non finirà mai, non ci saranno
    soccorsi né pietà né cose vive,
    andrà tutto avanti, inutilmente, percorso
    di menzogne e vecchie abitudini,
    continuerà così, vita di un corpo
    senza testa, rifacendo sempre lo stesso
    cammino, ripetendo gli stessi trucchi,
    sognando sogni già sognati,
    come in una montagna deserta,
    e nonostante miliardi di esseri
    non ci sarà un solo vero uomo,
    soltanto eterni rifiuti, e saranno veri
    soltanto gli animali, soli depositari
    di grazia e puro spirito,
    saranno loro gli ultimi, gli autentici,
    gli onesti, brace e significato
    profondo, il lupo avrà cuore
    e la pantera polmoni
    e l’aquila occhi, e l’ultima
    guerra sarà un uomo seduto su una
    sedia, che se la ride di
    tutto quanto
    .
    È il tempo che hai perduto per la tua rosa che ha reso la tua rosa così importante

  5. #1835
    Opinionista L'avatar di follemente
    Data Registrazione
    22/12/09
    Località
    Al mare
    Messaggi
    5,967
    Citazione Originariamente Scritto da dark lady Visualizza Messaggio
    E la gente rimase a casa
    E lesse libri e ascoltò
    E si riposò e fece esercizi
    E fece arte e giocò
    E imparò nuovi modi di essere
    E si fermò

    E ascoltò più in profondità
    Qualcuno meditava
    Qualcuno pregava
    Qualcuno ballava
    Qualcuno incontrò la propria ombra
    E la gente cominciò a pensare in modo differente

    E la gente guarì.
    E nell’assenza di gente che viveva
    In modi ignoranti
    Pericolosi
    Senza senso e senza cuore,
    Anche la terra cominciò a guarire

    E quando il pericolo finì
    E la gente si ritrovò
    Si addolorarono per i morti
    E fecero nuove scelte
    E sognarono nuove visioni
    E crearono nuovi modi di vivere
    E guarirono completamente la terra
    Così come erano guariti loro

    ( Kitty O’Meary. 1839- 1888)

    Ua fake news narra che questa poesia fu scritta dall'autrice durante la peste nel 1800. In realtà si tratta di una poetessa contemporanea che l'ha scritta proprio in questo periodo di coronavirus. Però è molto bella
    Davvero? E' una fake news? Come posso appurarlo? Me l'ha inviata un uomo di cultura alquanto prestigiosa...

  6. #1836
    Opinionista L'avatar di follemente
    Data Registrazione
    22/12/09
    Località
    Al mare
    Messaggi
    5,967
    “È notte” di Eduardo De Filippo




    Tutt’è silenzio dint’a sta nuttata
    nun se sente nu passo ‘e cammenà.
    Nu ventariello tutta na serata
    pare ca me vuleva accarezzà.
    E finalmente chiagno! Tu non vide,
    tu staje luntano, comme ‘o può ‘vedè?
    Però t’ ‘o ddico pecchè tu me cride
    e si me cride, chiagne nzieme a me!
    Scenne stu chianto lento, doce doce,
    nun aizo na mano p’ ‘asciuttà.
    Io strillo pe’ te fa’sentì sta voce,
    ma tu non puo’ sentì…c’allùcco a ffa’?
    Tutt’è silenzio…ncielo quanta stelle!
    affaccete, tu pure ‘e ppuo’ vedè:
    songo a migliare, e saie pecchè so’ belle?
    Pecchè stanno luntano, comm’ ‘a tte!

    ************************************************

    Traduzione:

    Tutto è silenzio in questa nottata
    non si sente un passo camminare.
    Un venticello per tutta la serata
    pare che mi volesse accarezzare…
    E finalmente piango! Tu non vedi,
    tu sei lontana, come puoi vedere?.
    Però te lo dico perché tu mi creda
    e se mi credi, piangi assieme a me!
    Scende lento questo pianto, dolce dolce,
    e non alzo una mano per asciugarlo.
    Grido per farti sentire questa voce,
    ma tu non puoi sentire…che grido a fare?
    Tutto è silenzio…in cielo quante stelle!
    Affacciati, anche tu le puoi vedere:
    sono migliaia, e sai perché son belle?
    Perché sono lontane, come te!

    Eduardo De Filippo

  7. #1837
    Greto L'avatar di Tiberio
    Data Registrazione
    16/08/16
    Località
    SV
    Messaggi
    2,947
    Il trionfo di Bacco ed Arianna o Canzona di Bacco (e Arianna)

    Quant’è bella giovinezza,
    che si fugge tuttavia!
    Chi vuol esser lieto, sia:
    di doman non c’è certezza.
    Quest’è Bacco e Arianna,
    belli, e l’un dell’altro ardenti:
    perché ’l tempo fugge e inganna,
    sempre insieme stan contenti.
    Queste ninfe ed altre genti
    sono allegre tuttavia.
    Chi vuol esser lieto, sia:
    di doman non c’è certezza.
    Questi lieti satiretti,
    delle ninfe innamorati,
    per caverne e per boschetti
    han lor posto cento agguati;
    or da Bacco riscaldati,
    ballon, salton tuttavia.
    Chi vuol esser lieto, sia:
    di doman non c’è certezza.
    Queste ninfe anche hanno caro
    da lor essere ingannate:
    non può fare a Amor riparo,
    se non gente rozze e ingrate;
    ora insieme mescolate
    suonon, canton tuttavia.
    Chi vuol esser lieto, sia:
    di doman non c’è certezza.

    Questa soma, che vien drieto
    sopra l’asino, è Sileno:
    cosí vecchio è ebbro e lieto,
    giá di carne e d’anni pieno;
    se non può star ritto, almeno
    ride e gode tuttavia.
    Chi vuol esser lieto, sia:
    di doman non c’è certezza.
    Mida vien drieto a costoro:
    ciò che tocca, oro diventa.
    E che giova aver tesoro,
    s’altri poi non si contenta?
    Che dolcezza vuoi che senta
    chi ha sete tuttavia?
    Chi vuol esser lieto, sia:
    di doman non c’è certezza.
    Ciascun apra ben gli orecchi,
    di doman nessun si paschi;
    oggi sian, giovani e vecchi,
    lieto ognun, femmine e maschi;
    ogni tristo pensier caschi:
    facciam festa tuttavia.
    Chi vuol esser lieto, sia:
    di doman non c’è certezza.
    Donne e giovinetti amanti,
    viva Bacco e viva Amore!
    Ciascun suoni, balli e canti!
    Arda di dolcezza il core!
    Non fatica, non dolore!
    Ciò c’ha a esser, convien sia.
    Chi vuol esser lieto, sia:
    di doman non c’è certezza.

    Lorenzo de' Medici (Lorenzo il Magnifico)
    Ultima modifica di Tiberio; 02-04-2020 alle 10:58
    Lupo ululà e castello ululì

  8. #1838
    Greto L'avatar di Tiberio
    Data Registrazione
    16/08/16
    Località
    SV
    Messaggi
    2,947
    A livella

    Ogn'anno, il due novembre, c'é l'usanza
    Per i defunti andare al Cimitero.
    Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
    Ognuno adda tené chistu penziero.
    Ogn'anno, puntualmente, in questo giorno,
    Di questa triste e mesta ricorrenza,
    Anch'io ci vado, e con dei fiori adorno
    Il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.
    St'anno m'é capitato 'navventura...
    Dopo di aver compiuto il triste omaggio.
    Madonna! si ce penzo, e che paura!,
    Ma po' facette un'anema e curaggio.
    'O fatto è chisto, statemi a sentire:
    S'avvicinava ll'ora d'à chiusura:
    Io, tomo tomo, stavo per uscire
    Buttando un occhio a qualche sepoltura.
    "Qui dorme in pace il nobile marchese
    Signore di Rovigo e di Belluno
    Ardimentoso eroe di mille imprese
    Morto l'11 maggio del'31"
    'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
    ...sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
    Tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
    Cannele, cannelotte e sei lumine.
    Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore
    Nce stava 'n 'ata tomba piccerella,
    Abbandunata, senza manco un fiore;
    Pe' segno, sulamente 'na crucella.
    E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
    "Esposito Gennaro - netturbino":
    Guardannola, che ppena me faceva
    Stu muorto senza manco nu lumino!
    Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo...
    Chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
    Stu povero maronna s'aspettava
    Ca pur all'atu munno era pezzente?
    Mentre fantasticavo stu penziero,
    S'era ggià fatta quase mezanotte,
    E i'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
    Muorto 'e paura... nnanze 'e cannelotte.
    Tutto a 'nu tratto, che veco 'a luntano?
    Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
    Penzaje: stu fatto a me mme pare strano...
    Stongo scetato... dormo, o è fantasia?
    Ate che fantasia; era 'o Marchese:
    C'o' tubbo, 'a caramella e c'o' pastrano;
    Chill'ato apriesso a isso un brutto arnese;
    Tutto fetente e cu 'nascopa mmano.
    E chillo certamente è don Gennaro...
    'Omuorto puveriello...'o scupatore.
    'Int 'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
    So' muorte e se ritirano a chest'ora?
    Putevano sta' 'a me quase 'nu palmo,
    Quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
    S'avota e tomo tomo.calmo calmo,
    Dicette a don Gennaro:"Giovanotto!
    Da Voi vorrei saper, vile carogna,
    Con quale ardire e come avete osato
    Di farvi seppellir, per mia vergogna,
    Accanto a me che sono blasonato!
    La casta è casta e va, si, rispettata,
    Ma Voi perdeste il senso e la misura;
    La Vostra salma andava, si, inumata;
    Ma seppellita nella spazzatura!
    Ancora oltre sopportar non posso
    La Vostra vicinanza puzzolente,
    Fa d'uopo, quindi, che cerchiate un fosso
    Tra i vostri pari, tra la vostra gente"
    "Signor Marchese, nun è colpa mia,
    I'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
    Mia moglie è stata a ffa' sta fesseria,
    I' che putevo fa' si ero muorto?
    Si fosse vivo ve farrei cuntento,
    Pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
    E proprio mo, obbj'...'nd'a stu mumento
    Mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".
    "E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
    Che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
    Se io non fossi stato un titolato
    Avrei già dato piglio alla violenza!"
    "Famme vedé.-piglia sta violenza...
    'A verità, Marché, mme so' scucciato
    'E te senti; e si perdo 'a pacienza,
    Mme scordo ca so' muorto e so mazzate!...
    Ma chi te cride d'essere... nu ddio?
    Ccà dinto, 'o vvuo capi, ca simmo eguale?...
    ...Muorto si'tu e muorto so' pur'io;
    Ognuno comme a 'na'ato é tale e quale".
    "Lurido porco!...Come ti permetti
    Paragonarti a me ch'ebbi natali
    Illustri, nobilissimi e perfetti,
    Da fare invidia a Principi Reali?".
    "Tu qua' Natale... Pasca e Ppifania!!!
    T"o vvuo' mettere 'ncapo...'int'a cervella
    Che staje malato ancora è fantasia?...
    'A morte 'o ssaje ched"e?...è una livella.
    'Nu rre, 'nu maggistrato, 'nu grand'ommo,
    Trasenno stu canciello ha fatt'o punto
    C'ha perzo tutto, 'a vita e pure 'o nomme:
    Tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto?
    Perciò, stamme a ssenti... nun fa"o restivo,
    Suppuorteme vicino-che te 'mporta?
    Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
    Nuje simmo serie... appartenimmo à morte!"

    Totò (Antonio de Curtis)

    Lupo ululà e castello ululì

  9. #1839
    Opinionista L'avatar di follemente
    Data Registrazione
    22/12/09
    Località
    Al mare
    Messaggi
    5,967
    Aiutami, Tiberio, quale grande opera ricorda questa di Totò?

  10. #1840
    Greto L'avatar di Tiberio
    Data Registrazione
    16/08/16
    Località
    SV
    Messaggi
    2,947
    Citazione Originariamente Scritto da follemente Visualizza Messaggio
    Aiutami, Tiberio, quale grande opera ricorda questa di Totò?
    Non ne ho idea. Forse "Le notti romane al sepolcro degli Scipioni" di Alessandro Verri (zio biologico di Manzoni)

    Faccio una ricerca
    Lupo ululà e castello ululì

  11. #1841
    Greto L'avatar di Tiberio
    Data Registrazione
    16/08/16
    Località
    SV
    Messaggi
    2,947
    No, è questa
    https://it.wikipedia.org/wiki/Dialog...a_nobilt%C3%A0

    Parini, Dialogo sopra la nobiltà

    Come indicato qui

    https://it.wikipedia.org/wiki/%27A_l...39;ispirazione

    Il Parini proseguì col Giorno.
    Specialmente l'incompiuta ultima parte del poema satirico La Notte


    In una parte de Il Giorno c'è il famoso episodio della cagnetta che causa il licenziamento del servo che la calcia per un morso.

    Pare si tratti di una maltese, come la mia. Ma la mia non morde
    Lupo ululà e castello ululì

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •