Pagina 4 di 120 PrimaPrima 1 2 3 4 5 6 7 8 14 54 104 ... UltimaUltima
Risultati da 46 a 60 di 1790

Discussione: Poesie

  1. #46
    Orribile grassone L'avatar di Zazzauser
    Data Registrazione
    05/06/05
    Località
    Nella coulisse di un trombone
    Messaggi
    5,297
    Leopardi generalmente non mi piace, ma la poesia migliore di lui, secondo me è questa.

    GIACOMO LEOPARDI

    Il passero solitario

    D'in su la vetta della torre antica,
    Passero solitario, alla campagna
    Cantando vai finchè non more il giorno;
    Ed erra l'armonia per questa valle.
    Primavera dintorno
    Brilla nell'aria, e per li campi esulta,
    Sì ch'a mirarla intenerisce il core.
    Odi greggi belar, muggire armenti;
    Gli altri augelli contenti, a gara insieme
    Per lo libero ciel fan mille giri,
    Pur festeggiando il lor tempo migliore:
    Tu pensoso in disparte il tutto miri;
    Non compagni, non voli
    Non ti cal d'allegria, schivi gli spassi;
    Canti, e così trapassi
    Dell'anno e di tua vita il più bel fiore.
    Oimè, quanto somiglia
    Al tuo costume il mio! Sollazzo e riso,
    Della novella età dolce famiglia,
    E te german di giovinezza, amore,
    Sospiro acerbo de' provetti giorni,
    Non curo, io non so come; anzi da loro
    Quasi fuggo lontano;
    Quasi romito, e strano
    Al mio loco natio,
    Passo del viver mio la primavera.
    Questo giorno ch'omai cede alla sera,
    Festeggiar si costuma al nostro borgo.
    Odi per lo sereno un suon di squilla,
    Odi spesso un tonar di ferree canne,
    Che rimbomba lontan di villa in villa.
    Tutta vestita a festa
    La gioventù del loco
    Lascia le case, e per le vie si spande;
    E mira ed è mirata, e in cor s'allegra.
    Io solitario in questa
    Rimota parte alla campagna uscendo,
    Ogni diletto e gioco
    Indugio in altro tempo: e intanto il guardo
    Steso nell'aria aprica
    Mi fere il Sol che tra lontani monti,
    Dopo il giorno sereno,
    Cadendo si dilegua, e par che dica
    Che la beata gioventù vien meno.
    Tu, solingo augellin, venuto a sera
    Del viver che daranno a te le stelle,
    Certo del tuo costume
    Non ti dorrai; che di natura è frutto
    Ogni vostra vaghezza.
    A me, se di vecchiezza
    La detestata soglia
    Evitar non impetro,
    Quando muti questi occhi all'altrui core,
    E lor fia vóto il mondo, e il dì futuro
    Del dì presente più noioso e tetro,
    Che parrà di tal voglia?
    Che di quest'anni miei? che di me stesso?
    Ahi pentirornmi, e spesso,
    Ma sconsolato, volgerommi indietro.
    Ultima modifica di Zazzauser; 24-11-2005 alle 14:34
    [I][B][FONT="Century Gothic"][COLOR="Navy"]"...Cose errate che paiono giuste dapprima, ma per quanto ci

  2. #47
    CECCO ANGIOLIERI
    Qualunque giorno non veggio 'l mi' amore.




    [I]Qualunque giorno non veggio 'l mi' amore,
    la notte come serpe mi travollo,
    e s
    Membro del Consiglio degli Admin


    [RIGHT][I]L'ironia

  3. #48
    Opinionista L'avatar di maia
    Data Registrazione
    16/09/05
    Messaggi
    558
    Perche' udir musica in malinconia,
    tu che sei musica?Gioia ama gioia,
    dolcezze il dolce:ma tu sei rapito
    da quel che accogli scontento-o ami accogliere
    il tuo patire?Se armonia congiunta
    d'accordi suoni l'orecchio t'offende
    e' rimprovero dolce,che' ridurre
    le parti tue a un "a solo" vorresti.
    La corda all'altra soave s'ammoglia,
    vedi,e in mutua rispondenza vibrano,
    come il marito e la madre e il figliolo
    che insieme un canto levino dolcissimo.
    E muto il canto,ch'e' molti e pare uno,
    canta:sii solo,e non sarai nessuno.

    Shakespeare

  4. #49
    Orribile grassone L'avatar di Zazzauser
    Data Registrazione
    05/06/05
    Località
    Nella coulisse di un trombone
    Messaggi
    5,297
    GIOVANNI PASCOLI

    La tessitrice

    Mi son seduto su la panchetta
    come una volta . . . quanti anni fa ?
    Ella, come una volta, s'è stretta
    su la panchetta.
    E non il suono d'una parola;
    solo un sorriso tutto pietà.
    La bianca mano lascia la spola.
    Piango, e le dico: Come ho potuto,
    dolce mio bene, partir da te?
    Piange, e mi dice d'un cenno muto:
    Come hai potuto ?
    Con un sospiro quindi la cassa
    tira del muto pettine a sè.
    Muta la spola passa e ripassa.
    Piango, e le chiedo: Perchè non suona
    dunque l'arguto pettine più?
    Ella mi fissa timida e buona:
    Perchè non suona?
    E piange, piange - Mio dolce amore,
    non t'hanno detto? non lo sai tu ?
    Io non son viva che nel tuo cuore.
    Morta! Sì, morta! Se tesso, tesso
    per te soltanto; come, non so:
    in questa tela, sotto il cipresso,
    accanto alfine ti dormirò


    Mi viene da piangere... Pascoli è più profondo di quanto si possa immaginare...
    [I][B][FONT="Century Gothic"][COLOR="Navy"]"...Cose errate che paiono giuste dapprima, ma per quanto ci

  5. #50
    Citazione Originariamente Scritto da Crazy Diamond
    non s'uccisero con fili, ma con un aroma

    orrore... la traduzione di "se ataron" non

  6. #51
    CHARLES BAUDELAIRE
    Spleen e Ideale

    24




    [I]T'adoro al pari della volta notturna, o vaso di tristezza, o grande taciturna! E tanto pi
    Membro del Consiglio degli Admin


    [RIGHT][I]L'ironia

  7. #52
    Pensierosa cronica...... L'avatar di Psych
    Data Registrazione
    19/11/05
    Località
    Lo volete sapere???Calabria...
    Messaggi
    476
    Io che come un sonnambulo cammino
    Io che come un sonnambulo cammino
    per le mie trite vie quotidiane,
    vedendoti dinanzi a me trasalgo.

    Tu mi cammini innanzi lenta come
    una regina.
    Regolo il mio passo
    io subito destato dal mio sonno
    sul tuo ch’è come una sapiente musica.
    E possibilità d’amore e gloria
    mi s’affacciano al cuore e me lo gonfiano.
    Pei riccioletti folli d’una nuca
    per l’ala d’un cappello io posso ancora
    alleggerirmi della mia tristezza.
    Io sono ancora giovane, inesperto
    col cuore pronto a tutte le follie.

    Una luce si fa nel dormiveglia.
    Tutto è sospeso come in un’attesa.
    Non penso più. Sono contento e muto.
    Batte il mio cuore al ritmo del tuo passo.
    (Camillo Sbarbaro)

    Si descrive da sola....sarebbe bello se qualcuno la dedicasse alla persona amata...

  8. #53
    L'avatar di Stefi
    Data Registrazione
    28/07/05
    Località
    un luogo antico...
    Messaggi
    6,398
    Si fosse n'aucielloTotò-Antonio de Curtis

    Si fosse n'auciello, ogne matina
    vurria cantà 'ncoppa 'a fenesta toja:
    "Bongiorno, ammore mio,bongiorno, ammore!".
    E po' vurria zumpà 'ncoppa 'e capille
    e chiano chiano, comme a na carezza,
    cu stu beccuccio accussi piccerillo,
    mme te mangiasse 'e vase a pezzechillo...
    si fosse nu canario o nu cardillo.
    Ultima modifica di Stefi; 29-11-2005 alle 16:39

  9. #54
    L'avatar di Stefi
    Data Registrazione
    28/07/05
    Località
    un luogo antico...
    Messaggi
    6,398
    Chi è ll'ommo?
    Totò

    Nun songo nu grand'ommo
    nun songo nu scienziato.
    'A scola nun sò gghiuto
    nisciuno m'ha mannato.
    S' i' songo intelliggente?
    e m' 'o spiate a mme?
    I' songo nato a Napule,
    che ne pozzo sapè?!
    Appartengo alla massa...
    a chella folla 'e ggente
    ca nun capisce proprio 'o riesto 'e niente.
    Però ve pozzo dicere na cosa:
    campanno notte e ghiuomo a stu paese
    pur i' me sò 'mparato quacche cosa,
    quaccosa ca se chiamma umanità.
    Senza sapè nè leggere e nè scrivere,
    da onesto cittadino anarfabbeta,
    ve pozzo parlà 'ncopp' a n' argomento
    ca certamente ve pò interessà: chi è ll'ommo.
    Ll'ommo è nu pupazzo 'e carne
    cu sango e cu cervello
    ca primma 'e venì al mondo
    (cioè 'ncopp' a sta terra)
    madre natura, ca è sempre priviggente,
    l'ha miso 'nfunno 'a ll'anema,
    cusuto dint'o core, na vurzella
    cu dinto tante e tante pupazzielle
    che saccio: 'o mariuncello,
    na strega 'e Beneviento,
    nu scienziatiello atomico
    cu a faccia indisponente,
    nu bello Capo 'e Stato
    vestuto 'a Pulcinella;
    curtielle, accette, strummolo
    e quacche sciabbulella.
    Penzanno ca 'o pupazzo
    nu juomo se fa ommo,
    si se vò divertì,
    chesto 'o ppò fà. E comme?
    Sceglienno 'a dint' 'o mazzo
    ca tene dint' 'a vurzella,
    chello ca cchiù lle piace
    fra tutte 'e pazzielle.
    Si po' sentite 'e dicere:
    "'0 tale hanno arrestato!
    Era uno senza scrupolo:
    pazziava al peculato.
    E trene nun camminano?
    'A posta s'he fermata?".
    Chi tene 'mmano 'o strummolo,
    pazzianno s'he spassato.
    '0 scienziatiello atomico
    ch' 'a bomba 'a tena stretta
    "Madonna! - tremma 'o popolo-
    E si mo chisto 'a jetta?".
    Guardate che disgrazia
    si 'a sciabbulella afferra
    nu capo ca è lunatico:
    te fa scuppià na guerra.
    Senza penzà ca 'o popolo:
    mamme, mugliere e figlie,
    chiagneno a tante 'e lacreme.
    Distrutte sò 'e famiglie!
    A sti pupazze 'e carne affocaggente
    l'avessame educà cu 'o manganiello,
    oppure, la natura priviggente,
    avess' 'a fa turnà nu Masaniello.
    Ma 'e ccose no... nun cagnano
    e v' 'o dich'i' 'o pecchè:
    nuie simme tanta pecure...
    facimmo sempe "mbee".

  10. #55
    Orribile grassone L'avatar di Zazzauser
    Data Registrazione
    05/06/05
    Località
    Nella coulisse di un trombone
    Messaggi
    5,297
    SANDRO PENNA

    Il mare è tutto calmo

    Il mare è tutto azzurro.
    Il mare è tutto calmo.
    Nel cuore è quasi un urlo
    di gioia. E tutto è calmo.
    [I][B][FONT="Century Gothic"][COLOR="Navy"]"...Cose errate che paiono giuste dapprima, ma per quanto ci

  11. #56
    Orribile grassone L'avatar di Zazzauser
    Data Registrazione
    05/06/05
    Località
    Nella coulisse di un trombone
    Messaggi
    5,297
    GIOVANNI PASCOLI

    La mia sera (1903)

    Il giorno fu pieno di lampi;
    ma ora verranno le stelle,
    le tacite stelle. Nei campi
    c'è un breve gre gre di ranelle.
    Le tremule foglie dei pioppi
    trascorre una gioia leggiera.
    Nel giorno, che lampi! che scoppi!
    Che pace, la sera!
    Si devono aprire le stelle
    nel cielo sì tenero e vivo.
    Là, presso le allegre ranelle,
    singhiozza monotono un rivo.
    Di tutto quel cupo tumulto,
    di tutta quell'aspra bufera,
    non resta che un dolce singulto
    nell'umida sera.
    E`, quella infinita tempesta,
    finita in un rivo canoro.
    Dei fulmini fragili restano
    cirri di porpora e d'oro.
    O stanco dolore, riposa!
    La nube nel giorno più nera
    fu quella che vedo più rosa
    nell'ultima sera.
    Che voli di rondini intorno!
    che gridi nell'aria serena!
    La fame del povero giorno
    prolunga la garrula cena.
    La parte, sì piccola, i nidi
    nel giorno non l'ebbero intera.
    Né io... e che voli, che gridi,
    mia limpida sera!
    Don... Don... E mi dicono, Dormi!
    mi cantano, Dormi! sussurrano,
    Dormi! bisbigliano, Dormi!
    là, voci di tenebra azzurra...
    Mi sembrano canti di culla,
    che fanno ch'io torni com'era...
    sentivo mia madre... poi nulla...
    sul far della sera.
    [I][B][FONT="Century Gothic"][COLOR="Navy"]"...Cose errate che paiono giuste dapprima, ma per quanto ci

  12. #57
    L'avatar di Stefi
    Data Registrazione
    28/07/05
    Località
    un luogo antico...
    Messaggi
    6,398
    [QUOTE=Zazzauser]SANDRO PENNA

    [B][I]Il mare

  13. #58
    Orribile grassone L'avatar di Zazzauser
    Data Registrazione
    05/06/05
    Località
    Nella coulisse di un trombone
    Messaggi
    5,297
    Veramente ti è piaciuta?
    Neanche io la conoscevo fino a quest'anno. L'ho presa dal mio libro di poesia.
    Ma ho scoperto, sfogliando i miei tre libri di poesia delle medie, che questi ultimi sono molto più forniti... lì tra l'altro ce ne sono altre di Penna
    [I][B][FONT="Century Gothic"][COLOR="Navy"]"...Cose errate che paiono giuste dapprima, ma per quanto ci

  14. #59
    L'avatar di Stefi
    Data Registrazione
    28/07/05
    Località
    un luogo antico...
    Messaggi
    6,398
    si sul serio Zazza è semplice ma bellissima non conoscevo Penna sono ingnorante...

  15. #60
    Orribile grassone L'avatar di Zazzauser
    Data Registrazione
    05/06/05
    Località
    Nella coulisse di un trombone
    Messaggi
    5,297
    Mi fa piacere Stefi... tranquilla neanche io conoscevo Penna sebbene avessimo letto qualcosa alle medie. Ma proprio non me lo ricordavo. Poi magari ne posto altre, le sue sono tutte molto semplici e corte

    EMILY DICKINSON

    Il vento bussò (traduzione di Giuseppe Ierolli)

    Il Vento - bussò come chi è stanco -
    E come una Padrona di casa - "Avanti"
    Risposi con baldanza - entrò allora
    Dentro la mia Dimora
    Un Ospite Rapido - senza piedi -
    Offrirgli una Sedia
    Era impossibile come offrire
    Un Sofà all'Aria -

    Non aveva Ossa che Lo tenessero unito -
    Il suo Parlare era come la Spinta
    Di un insieme di armoniosi Colibrì
    Da un immateriale Cespuglio -

    Il suo Aspetto - un'Onda -
    Le sue Dita, al Suo passare
    Liberavano una musica - come melodie
    Tremolanti soffiate in un Bicchiere -

    Mi fece visita - sempre volteggiando -
    Poi come Chi è timido
    Di nuovo, bussò - nervosamente -
    Ed io ridivenni sola -




    Testo originale

    The Wind - tapped like a tired Man -
    And like a Host - "Come in"
    I boldly answered - entered then
    My Residence within
    A Rapid - footless Guest -
    To offer whom a Chair
    Were as impossible as hand
    A Sofa to the Air -

    No Bone had He to bind Him -
    His Speech was like the Push
    Of numerous Humming Birds at once
    From a superior Bush -

    His Countenance - a Billow -
    His Fingers, as He passed
    Let go a music - as of tunes
    Blown tremulous in Glass -

    He visited - still flitting -
    Then like a timid Man
    Again, He tapped - 'twas flurriedly -
    And I became alone -
    [I][B][FONT="Century Gothic"][COLOR="Navy"]"...Cose errate che paiono giuste dapprima, ma per quanto ci

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •