Pagina 1 di 4 1 2 3 4 UltimaUltima
Risultati da 1 a 15 di 51

Discussione: Libri, film, programmi, idee per trascorrere bene l'isolamento

  1. #1
    Opinionista L'avatar di follemente
    Data Registrazione
    22/12/09
    Località
    Al mare
    Messaggi
    6,285

    Libri, film, programmi, idee per trascorrere bene l'isolamento

    Siamo tutti in zona rossa, siamo invitati a starcene a casa, quindi abbiamo più tempo per dedicarci alla lettura, alla visione di film (forse anche la tv di stato si adeguerà) ed a cos'altro?

    Vorrei che qui ci scambiassimo delle idee per trascorrere meglio il nostro tempo, non dico come nel Decameron, ma quasi.

    Comincio con la proposta di Axe:

    Il film I duellanti, di Ridley Scott, con D. Carradine e H. Keitel, tratto dal Duello di J. Conrad; tantissima roba;

    storia di un duello che si protrae per decenni durante la storia, tra due ufficiali di cavalleria napoleonici;

    lettura a più livelli: d'Hubert rappresenta il lato vitale, capace di compromessi e paura, ma spinto dal desiderio di vivere; il suo antagonista, Féraud, è l'ombra: lo perseguita col suo fanatismo che non sente ragioni, persegue un senso dell'onore che è desiderio di morte, pulsione alla negazione di sé e del desiderio vitale dell'altro; potrebbero essere anche letti come due tratti della stessa persona.

  2. #2
    No Excuses L'avatar di Jerda
    Data Registrazione
    12/04/19
    Località
    Amsterdam
    Messaggi
    3,159
    Bellissimo film, l'ho visto più volte!

    Vado su dei libri: se piacciono i gialli psicologici, consiglio caldamente "la notte ha mille occhi" di Cornell Woolrich, non solo un giallo ma un libro pieno di sfaccettature su svariati aspetti della natura umana, scritto da un autore tra i meno riconosciuti, almeno in Italia.

    Un altro libro che mi viene in mente, perché da tanto tempo mi riprometto di rileggerlo, è "Il giovane Holden", di J.D. Salinger

    "Il Maestro e Margherita" di M. Bulgakov. E' sempre il momento buono per leggerlo, o rileggerlo.

    Per ora passo
    And now 'twas like all instruments,
    Now like a lonely flute;
    And now it is an angel's song,
    That makes the heavens be mute.

    S.T. Coleridge

  3. #3
    Opinionista L'avatar di Vega
    Data Registrazione
    04/05/05
    Messaggi
    11,661
    Stile Decameron, se qualcuno ha velleità di scrittore, potrebbe mettersi ad inventare qualcosa.
    Sennò, crostate, dolci, biscotti
    Pienamente funzionante e programmata in tecniche multiple

  4. #4
    Opinionista L'avatar di follemente
    Data Registrazione
    22/12/09
    Località
    Al mare
    Messaggi
    6,285
    Darò un'occhiata su Amazon se trovo il libro di Woolrich per il mio Kindle.

    Il giovane Holden (bello!) e Il maestro e Margherita (grande!) li ho letti, del Maestro e Margherita ho visto anche la versione teatrale, ma mi pare ci sia in giro anche una versione cinematografica, vero?

    Per ora leggo Camilleri, Il birraio di Preston, che non mi entusiasma, ed in inglese Chicken soup for the woman's soul, un po' troppo sdolcinato, ma va bene per questo periodo difficile.

    Qualcuno ha letto L'amore ai tempi del colera? Mi sapreste dire qualcosa?

    Inoltre, visto che le lezioni d'inglese alla scuola privata sono sospese (hanno chiuso per una settimana, poi hanno riaperto, poi hanno dimezzato le persone per mantenere la distanza di sicurezza, ora infine hanno chiuso di nuovo), mi guardo qualche film in inglese su Netflix, niente di che, solo per tenermi in allenamento.

    Cosa fate, inoltre? Vi dedicate anche alla cucina?

  5. #5
    Opinionista L'avatar di follemente
    Data Registrazione
    22/12/09
    Località
    Al mare
    Messaggi
    6,285
    Le restrizioni imposte dalle norme per contenere la diffusione del coronavirus stanno cambiando la vita di tutti noi. Ognuno deve affrontare questo passaggio facendo rinunce e sacrifici, cambiando le proprie abitudini. Dobbiamo riuscirci e ogni persona, ogni famiglia ha una sua storia da raccontare: fatta di piccoli gesti, di nuove consuetudini e anche di scoperte inattese, ritrovando una dimensione diversa della propria esistenza.

    Conoscere queste storie può essere di aiuto: a noi stessi e agli altri, condividendo una difficoltà ma anche imparando dagli altri che non si è soli, che ognuno di noi sa aver cura di se stesso e dell’intera comunità. Vuoi raccontare la tua esperienza, il tuo quotidiano della quarantena, e condividerlo con gli altri?

  6. #6
    Opinionista L'avatar di LadyHawke
    Data Registrazione
    29/04/19
    Messaggi
    2,783
    Io non sono semplicemente in quarantena, sono anche sotto osservazione e non posso uscire neanche per fare la spesa.
    Se dovessero fare il tampone a me e agli membri della mia famiglia con cui convivo sono certa che sarebbero positivi anche a noi.
    Infatti avevo mezza voglia di ribaltare la casa ma è meglio che non mi affatico e il servizio di Bavaria può restare ancora dov'è per qualche settimana, perchè dopo 5gg da quando hanno portato via mio padre e ricoverato, anche se non ho febbre mi sento una fiacchezza addosso che fino a ieri non avevo.
    L'unica cosa che mi auguro è che se deve sfogare, sfoghi senza richiedere ricovero ospedaliero, e non se ne parli più.

    Come passare il tempo?
    Be'intanto non sono sola perchè in casa siamo in tre più il gatto, quattro se si considera mia madre che vive al piano di sotto, ho un giardino privato per cui la possibilità dell'ora d'aria e sole c'è., insomma non sgomitiamo per prendere aria da una terrazza.
    Se penso a chi invece è solo e deve stare forzatamente solo , collegato col mondo solo da un telefono o un computer, be'mi sento già fortunata, di contro però la stretta convivenza forzata mette anche a dura prova le relazioni famigliari, cioè facile scoppino animati battibecchi, perchè si ha comunque bisogno di propri spazi. C'è di buono che si può restare in contatto con altri famigliari attraverso la tecnologia, insomma non si è completamente tagliati fuori dal mondo ringraziamo la benedetta adsl e la telefonia.

    Non mi annoio perchè tra tv, sky, si può vedere trasmissioni e film. Sul versante letture e libri ho una discreta collezione di libri in formato ebook, dal kindle amazon per samsung scaricati quando regalava un titolo al mese e non tutti letti.
    Di cartaceo stavo leggendo " Non fate i bravi" di Nadia Toffa e ho pure comprato "Fiorire d'inverno" ma in questo momento non me la sento di leggerli.
    Oltre a dedicarmi a cucina e dolci sto lavando( o meglio la lavatrice lava) tutte le cose pesanti invernali che ormai non si indosseranno più.
    Che altro dire?
    Speriamo che noi tutti ce la caviamo.
    La vita è veramente molto semplice, ma noi insistiamo nel renderla complicata.
    Confucio

  7. #7
    Opinionista L'avatar di follemente
    Data Registrazione
    22/12/09
    Località
    Al mare
    Messaggi
    6,285
    Una testimonianza molto interessante, Lady!

    Io per fortuna mi posso muovere nel mio piccolo, ho appena fatto una lunga passeggiata in solitaria tra i boschi, sperando di rilassarmi, ma non ci riesco ancora, troppe sono le incognite.

  8. #8
    Opinionista L'avatar di LadyHawke
    Data Registrazione
    29/04/19
    Messaggi
    2,783
    È un periodo stressante per tutti, io mi accontenterei in questo momento di non finire in ospedale, ne io ne gli altri membri della mia famiglia, ne basta già uno, però se puoi una passeggiata in solitaria non può che far bene anche se rilassarsi è difficile.
    La vita è veramente molto semplice, ma noi insistiamo nel renderla complicata.
    Confucio

  9. #9
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    52,760
    Siamo con te Lady: Coraggio!
    amate i vostri nemici

  10. #10
    Opinionista L'avatar di LadyHawke
    Data Registrazione
    29/04/19
    Messaggi
    2,783
    Citazione Originariamente Scritto da Jerda Visualizza Messaggio

    "Il Maestro e Margherita" di M. Bulgakov. E' sempre il momento buono per leggerlo, o rileggerlo.
    Ce l'ho! Ebook, mai letto finora, vediamo se mi riesce.

    Citazione Originariamente Scritto da conogelato Visualizza Messaggio
    Siamo con te Lady: Coraggio!
    Grazie Cono.
    La vita è veramente molto semplice, ma noi insistiamo nel renderla complicata.
    Confucio

  11. #11
    Opinionista L'avatar di LadyHawke
    Data Registrazione
    29/04/19
    Messaggi
    2,783
    Allora ieri sera ho visto su sky " The nest( il nido)", genere horror, per chi si sente un po' masochista in questi giorni, in tema.

    Non voglio spoilerare comunque le riprese sono state girate nella villa o castello dei Laghi edificato tra il 1863 e il 1868, nel parco regionale La Mandria a Druento in Piemonte.
    La vita è veramente molto semplice, ma noi insistiamo nel renderla complicata.
    Confucio

  12. #12
    Opinionista L'avatar di follemente
    Data Registrazione
    22/12/09
    Località
    Al mare
    Messaggi
    6,285
    Era l’11 marzo del 2020, le strade erano vuote, i negozi chiusi, la gente non usciva più.
    Ma la primavera non sapeva nulla.
    Ed i fiori continuavano a sbocciare
    Ed il sole a splendere
    E tornavano le rondini
    E il cielo si colorava di rosa e di blu
    La mattina si impastava il pane e si infornavano i ciambelloni
    Diventava buio sempre più tardi e la mattina le luci entravano presto dalle finestre socchiuse
    Era l’11 marzo 2020 i ragazzi studiavano connessi a Gsuite
    E nel pomeriggio immancabile l’appuntamento a tressette
    Fu l’anno in cui si poteva uscire solo per fare la spesa
    Dopo poco chiusero tutto
    Anche gli uffici
    L’esercito iniziava a presidiare le uscite e i confini
    Perché non c’era più spazio per tutti negli ospedali
    E la gente si ammalava
    Ma la primavera non lo sapeva e le gemme continuavano ad uscire
    Era l’11 marzo del 2020 tutti furono messi in quarantena obbligatoria
    I nonni le famiglie e anche i giovani
    Allora la paura diventò reale
    E le giornate sembravano tutte uguali
    Ma la primavera non lo sapeva e le rose tornarono a fiorire
    Si riscoprì il piacere di mangiare tutti insieme
    Di scrivere lasciando libera l’immaginazione
    Di leggere volando con la fantasia
    Ci fu chi imparò una nuova lingua
    Chi si mise a studiare e chi riprese l’ultimo esame che mancava alla tesi
    Chi capì di amare davvero separato dalla
    vita
    Chi smise di scendere a patti con l’ignoranza
    Chi chiuse l’ufficio e aprì un’osteria con solo otto coperti
    Chi lasciò la fidanzata per urlare al mondo l’amore per il suo migliore amico
    Ci fu chi diventò dottore per aiutare chiunque un domani ne avesse avuto bisogno
    Fu l’anno in cui si capì l’importanza della salute e degli affetti veri
    L’anno in cui il mondo sembrò fermarsi
    E l’economia andare a picco
    Ma la primavera non lo sapeva e i fiori lasciarono il posto ai frutti
    E poi arrivò il giorno della liberazione
    Eravamo alla tv e il primo ministro disse a reti unificate che l’emergenza era finita
    E che il virus aveva perso
    Che gli italiani tutti insieme avevano vinto
    E allora uscimmo per strada
    Con le lacrime agli occhi
    Senza mascherine e guanti
    Abbracciando il nostro vicino
    Come fosse nostro fratello
    E fu allora che arrivò l’estate
    Perché la primavera non lo sapeva
    Ed aveva continuato ad esserci
    Nonostante tutto
    Nonostante il virus
    Nonostante la paura
    Nonostante la morte
    Perché la primavera non lo sapeva
    Ed insegnò a tutti
    La forza della vita.

    Pablo Brando

  13. #13
    Citazione Originariamente Scritto da follemente Visualizza Messaggio
    Era l’11 marzo del 2020, le strade erano vuote, i negozi chiusi, la gente non usciva più.
    Ma la primavera non sapeva nulla.
    Ed i fiori continuavano a sbocciare
    Ed il sole a splendere
    E tornavano le rondini
    E il cielo si colorava di rosa e di blu
    La mattina si impastava il pane e si infornavano i ciambelloni
    Diventava buio sempre più tardi e la mattina le luci entravano presto dalle finestre socchiuse
    Era l’11 marzo 2020 i ragazzi studiavano connessi a Gsuite
    E nel pomeriggio immancabile l’appuntamento a tressette
    Fu l’anno in cui si poteva uscire solo per fare la spesa
    Dopo poco chiusero tutto
    Anche gli uffici
    L’esercito iniziava a presidiare le uscite e i confini
    Perché non c’era più spazio per tutti negli ospedali
    E la gente si ammalava
    Ma la primavera non lo sapeva e le gemme continuavano ad uscire
    Era l’11 marzo del 2020 tutti furono messi in quarantena obbligatoria
    I nonni le famiglie e anche i giovani
    Allora la paura diventò reale
    E le giornate sembravano tutte uguali
    Ma la primavera non lo sapeva e le rose tornarono a fiorire
    Si riscoprì il piacere di mangiare tutti insieme
    Di scrivere lasciando libera l’immaginazione
    Di leggere volando con la fantasia
    Ci fu chi imparò una nuova lingua
    Chi si mise a studiare e chi riprese l’ultimo esame che mancava alla tesi
    Chi capì di amare davvero separato dalla
    vita
    Chi smise di scendere a patti con l’ignoranza
    Chi chiuse l’ufficio e aprì un’osteria con solo otto coperti
    Chi lasciò la fidanzata per urlare al mondo l’amore per il suo migliore amico
    Ci fu chi diventò dottore per aiutare chiunque un domani ne avesse avuto bisogno
    Fu l’anno in cui si capì l’importanza della salute e degli affetti veri
    L’anno in cui il mondo sembrò fermarsi
    E l’economia andare a picco
    Ma la primavera non lo sapeva e i fiori lasciarono il posto ai frutti
    E poi arrivò il giorno della liberazione
    Eravamo alla tv e il primo ministro disse a reti unificate che l’emergenza era finita
    E che il virus aveva perso
    Che gli italiani tutti insieme avevano vinto
    E allora uscimmo per strada
    Con le lacrime agli occhi
    Senza mascherine e guanti
    Abbracciando il nostro vicino
    Come fosse nostro fratello
    E fu allora che arrivò l’estate
    Perché la primavera non lo sapeva
    Ed aveva continuato ad esserci
    Nonostante tutto
    Nonostante il virus
    Nonostante la paura
    Nonostante la morte
    Perché la primavera non lo sapeva
    Ed insegnò a tutti
    La forza della vita.

    Pablo Brando
    Direi che questo inno alla vita è splendido. Grazie.

  14. #14
    Inizia tutto così: mi alzo la mattina, mi preparo il caffè (tieni conto che è sempre stata mia abitudine prenderlo al bar che è vicino casa, un bar\pasticceria), mio figlio si alza un po' più tardi (è a casa da scuola), altrimenti la colazione la faccio con lui. Vado al lavoro, zona industriale di Verona, mi hanno fermato per dei controlli di rito solo una volta nei pressi della ditta. Mascherina e mi metto al tavolino e normali incombenze di sempre.
    Mangio un panino, della frutta, bevo qualcosa, riprendo il lavoro e arriva sera. Torno a casa. Doccia e cena con mio figlio (quasi sempre), serie TV, film, qualche libro, un po' di forum (non tutti insieme). Vado a dormire intorno mezzanotte.
    Quando ho tempo, me ne sto in giardino, lo curo, è un microgiardino con due piccole aiuole e una zona a piante officinali, poi un fico e un piccolo melo. In questo periodo mi metto in taverna e faccio un po' di pulizia alle mie canne da pesca, le pistole, e i due archi. Presto ricomincerò a pescare, sto ingrassando mulinelli e sto cambiando il nailon e imbobinando monofili.
    Mi mancano, il pub, la palestra ed i poligoni. Mi mancano le serate con gli amici. Mi manca un sacco di roba, però è una vita accettabilissima e ho modo di godermi la casa e mio figlio.
    Alla fine non tutto il male viene per nuocere. Speriamo però che tutto si fermi qui.

  15. #15
    la viaggiatrice L'avatar di dark lady
    Data Registrazione
    09/03/05
    Località
    On the road
    Messaggi
    54,900
    Belle testimonianze ragazzi, grazie!
    Lady, mi spiace molto per tuo padre, spero si riprenda... La spossatezza in effetti può essere un sintomo. Ma Finché non hai febbre e tosse secca sei tranquilla, tutto sommato. Spero che la passiate senza problemi tutti voi.

    La mia giornata? Mi alzo verso le 7 (grazie al fatto che lavoro da casa ho potuto posticipare di mezz'ora il mio solito risveglio), mi bevo una tazza di tè verde, nutro il gatto che rompe come se non ci fosse un domani, quindi mi collego al pc e faccio la rassegna stampa dei giornali italiani ed esteri. Poi lavoro. Se faccio giornata in pausa pranzo stacco e sistemo un po' la casa, se invece faccio il mattino stacco verso le 16 (come oggi), ma resto al pc perché ho le altre collaborazioni da curare. Appena ho del tempo libero mi alleno un po' con il sacco da fit boxe e a corpo libero (ho anche preso l'abitudine di fare un po' di corsa su e giù dalle scale), curo il blog di ricette e viaggi (che in questo momento è diventato più che altro di ricette e basta) che tengo in comune con la mia migliore amica, leggo, guardo qualche serie tv.
    Ah, e poi ci sono le chat con amici e amiche e coi colleghi. Non vedendoci, ci si scrive un sacco. Con il mio gruppo di amiche stiamo anche pensando di fare un aperitivo in videoconferenza su skype, una sera della prossima settimana. Un modo un po' diverso di vedersi e stare insieme, ai tempi del coronavirus.
    La sera è il momento più drammatico, perché è quando mi arrivano i dati dei contagi e dei decessi. E visto che li mandano a me anche se non sono in turno devo fare io tabelle e articoli relativi. Solitamente riesco a staccare dal pc tra le 21 e le 23, in base al giorno. Ma prima delle 2 difficilmente vado a letto. Ho anche preso l'abitudine, la sera, di bermi un calice di rosso, tanto per tirarmi su il morale.
    Mi manca la palestra, mi manca teatro, gli aperitivi, il softair, il tiro a segno, gli amici e le amiche. Ma tengo duro, come tutti.
    “Io e il mio gatto... siamo due randagi senza nome che non appartengono a nessuno e a cui nessuno appartiene” [cit. Colazione da Tiffany]

    Noi vogliamo cantare l'amor del pericolo, l'abitudine all'energia e alla temerità [cit: Manifesto futurista] .

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •