Pagina 1 di 11 1 2 3 4 5 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 15 di 158

Discussione: L'ultimo spettacolo a cui avete assistito

  1. #1
    Opinionista L'avatar di follemente
    Data Registrazione
    22/12/09
    Località
    Al mare
    Messaggi
    4,720

    L'ultimo spettacolo a cui avete assistito

    Apro questo post per tutti gli spettacoli che avete visto, ma per i quali non aprireste un thread apposito: opere teatrali, musical, danza, concerti, opere liriche. Chi vuole, pu segnalare solo il titolo e lautore.

    Comincio io.

    The pride di Alexi Kaye Campbell, con Luca Zingaretti

    Non volevo andare a vedere lennesimo spettacolo sullomosessualit, mi sembrava una tematica trita e ritrita, anche se adoro Zingaretti. Poi i miei amici mi hanno convinta e alla fine ne sono stata sorpresa, perch la pice fa riflettere anche su noi stessi, ci fa chiedere chi siamo, se siamo davvero diventati ci che avremmo desiderato, fa riflettere sui rapporti interpersonali che abbiamo costruito, sulle voragini di solitudine che ci attanagliano.
    Tra le vicende rappresentate mi ha colpito soprattutto una moglie che si sente terribilmente sola accanto al marito di cui intuisce la tendenza omosessuale, ma anche la sorte di lui che sceglie il matrimonio invece del rapporto autentico con un altro uomo.

  2. #2
    la viaggiatrice L'avatar di dark lady
    Data Registrazione
    09/03/05
    Località
    On the road
    Messaggi
    50,147
    Sembra interessante.

    Il mio ultimo spettacolo stato il primo della stagione lirica, Cos fan tutte, in una versione moderna stile talk show che mi ha nauseato, tanto che ho evitato tutto il resto della stagione lirica (dopo aver saputo che erano tutte modernizzazioni).
    Qui si tratta di vivere, non di arrivare primo, e al diavolo il destino

  3. #3
    L'avatar di dietrologo
    Data Registrazione
    27/08/08
    Messaggi
    7,980
    ne seguo molti , in veste di addetto ai lavori ma anche come spettatore ma vado pi per concerti rock
    Ultima modifica di dietrologo; 16-12-2016 alle 15:39

  4. #4
    Opinionista L'avatar di follemente
    Data Registrazione
    22/12/09
    Località
    Al mare
    Messaggi
    4,720
    Anche a me piace la musica rock, ma vado poco ai concerti dal vivo perch ho la fobia delle folle incontrollate.

    Mi fa piacere che anche Dark ami lopera lirica. Al contrario di quello che accade nel teatro frequentato da lei ho notato che alla Scala, per la prima di Madama Butterfly (seguita in tv una settimana fa) la regia, scenografia e coreografia sono state fin troppo ligie alla tradizione suscitando delle polemiche proprio per questo.

    Intanto al teatro lirico della mia citt ho assistito al balletto Schiaccianoci di Cajkovskij; non che ami particolarmente questo genere, anzi, ma adoro la musica del Cajk ed ho apprezzato molto le scene di Emanuele Luzzati, un grande! Cerano anche parecchi bambini piccoli, sia delle elementari che dellasilo. Come siano riusciti a rimanere cos bravi e buoni sino alla fine per me resta un mistero.

  5. #5
    Opinionista L'avatar di follemente
    Data Registrazione
    22/12/09
    Località
    Al mare
    Messaggi
    4,720
    Al teatro lirico Die Zauberflte, Il flauto magico di Mozart

    Ottima prestazione del direttore e dellorchestra, del coro e di talune voci. Orribile la scenografia e la regia che privilegiano solo laspetto fiabesco dellopera: invece di ambientarla nellantico Egitto, immaginano che la vicenda sia il frutto del gioco di due bambini, Iside e Osiride, che si divertono con la loro enorme casa di bambole popolata dai personaggi dellopera ridotti a marionette e perci vincolati ai capricci e agli umori dei giovanissimi burattinai. Vi risparmio certe trovate buffonesche, tra cui l'improbabile comparsa di Superman tra il mormorio di disapprovazione del pubblico, citazioni a sproposito (Parole, parole, parole di Mina), luoghi comuni come i costumi paramilitari che definiscono i cattivi.

    Non capisco perch si avverte il bisogno di modernizzare la messa in scena ad ogni costo, specie nell'opera, ed in questo do ragione a Dark. Tuttavia non nego che in altri ambiti, nel teatro di prosa, ad esempio, molte nuove interpretazioni hanno dato luogo anche a numerose opere d'arte: basti pensare a Romeo e Giulietta di Shakespeare, agli innumerevoli film che ne sono stati tratti, al musical West Side Story, al balletto, alle opere, ai libri per ragazzi, ai fumetti... Voglio dire che esistono generi che si prestano ad una rielaborazione o rivisitazione ed altri no e credo che l'opera lirica sia fra questi ultimi, proprio per le sue peculiarit.

  6. #6
    la viaggiatrice L'avatar di dark lady
    Data Registrazione
    09/03/05
    Località
    On the road
    Messaggi
    50,147
    Sono pienamente d'accordo con te Follemente. E' una cosa che odio. Anche io mi riferisco all'opera. La prosa gi diversa, direi. Come dici tu si presta alla rielaborazione. E anche la musica, mi permetto di aggiungere. MA l'opera proprio no, soprattutto se ne viene completamente snaturata!


    Venerd comunque ho visto un bellissimo concerto dell'orchestra da Camera di Mantova, con il violoncello solista Steven Isserlis, un virtuoso, davvero incredibile. Roba da ascoltarlo a bocca aperta. Un programma incentrato su ?ajkovskij e Haydn, decisamente azzeccato. Bellissimo concerto.
    Il prossimo invece tutt'altro genere: concerto metal mercoled sera
    Qui si tratta di vivere, non di arrivare primo, e al diavolo il destino

  7. #7
    Opinionista L'avatar di follemente
    Data Registrazione
    22/12/09
    Località
    Al mare
    Messaggi
    4,720
    Lho cercato su Youtube, davvero bravo!

    A me piace la musica rock, soul, jazz, blues addirittura quella da discoteca per gli esercizi ginnici, ma la metal proprio no!

  8. #8
    Opinionista L'avatar di follemente
    Data Registrazione
    22/12/09
    Località
    Al mare
    Messaggi
    4,720
    Al teatro lirico, Il barbiere di Siviglia di G. Rossini

    Semplicemente fantastico, spumeggiante, arioso.

  9. #9
    Opinionista L'avatar di follemente
    Data Registrazione
    22/12/09
    Località
    Al mare
    Messaggi
    4,720
    Al teatro di prosa, Morte di un commesso viaggiatore di Arthur Miller

    Il dramma, considerato uno dei pi importanti del teatro statunitense, rappresenta il fallimento professionale ed esistenziale di un americano: a 63 anni, dopo una vita dedicata al lavoro ed al guadagno, alla fine della pice si vede licenziato senza avere la pensione; capisce inoltre di essere allorigine dei fallimenti dei figli, con cui tra laltro non riesce a comunicare se non attraverso litigi, incomprensioni e reciproche mendaci illusioni. Alla fine si suicida nella speranza che i famigliari possano incassare la sua assicurazione sulla vita, proprio il giorno in cui stata pagata lultima rata del mutuo per la casa.

    I temi del conflitto familiare, della critica al sogno americano e delle bugie dell'individuo vengono affrontati attraverso un dialogo serrato, molti flashback e delle scelte discutibili, come quella di far recitare alcuni attori completamente nudi.
    Ultima modifica di follemente; 21-02-2017 alle 14:54

  10. #10
    la viaggiatrice L'avatar di dark lady
    Data Registrazione
    09/03/05
    Località
    On the road
    Messaggi
    50,147
    Io sto aspettando con trepidazione che inizino le Celebrazioni Monteverdiane per il 450 del celebre Maestro. C' un programma da paura!!!
    Qui si tratta di vivere, non di arrivare primo, e al diavolo il destino

  11. #11
    Opinionista L'avatar di follemente
    Data Registrazione
    22/12/09
    Località
    Al mare
    Messaggi
    4,720
    L'internazionale Parsons Dance: una danza elegante, ariosa e virtuosistica, assolutamente da non perdere. Ancora a Parma, Torino, Bologna e Roma.

  12. #12
    Opinionista L'avatar di follemente
    Data Registrazione
    22/12/09
    Località
    Al mare
    Messaggi
    4,720
    Al teatro lirico Les Pêcheurs de Perles, I pescatori di perle di Georges Bizet

    Tutto sommato una buona prestazione dell'orchestra, del direttore, del coro, ma non di tutte le voci: fantastici il soprano, il baritono ed il basso, meno il tenore che nelle note più alte ha faticato un po'.
    La scenografia era tradizionale se non addirittura didascalica, mentre la regia e la coreografia avrebbero avuto bisogno di più dinamismo.

  13. #13
    la viaggiatrice L'avatar di dark lady
    Data Registrazione
    09/03/05
    Località
    On the road
    Messaggi
    50,147
    Citazione Originariamente Scritto da follemente Visualizza Messaggio
    Al teatro di prosa, Morte di un commesso viaggiatore di Arthur Miller

    Il dramma, considerato uno dei pi� importanti del teatro statunitense, rappresenta il fallimento professionale ed esistenziale di un americano: a 63 anni, dopo una vita dedicata al lavoro ed al guadagno, alla fine della pi�ce si vede licenziato senza avere la pensione; capisce inoltre di essere all�origine dei fallimenti dei figli, con cui tra l�altro non riesce a comunicare se non attraverso litigi, incomprensioni e reciproche mendaci illusioni. Alla fine si suicida nella speranza che i famigliari possano incassare la sua assicurazione sulla vita, proprio il giorno in cui � stata pagata l�ultima rata del mutuo per la casa.

    I temi del conflitto familiare, della critica al sogno americano e delle bugie dell'individuo vengono affrontati attraverso un dialogo serrato, molti flashback e delle scelte discutibili, come quella di far recitare alcuni attori completamente nudi.
    Questo l'ho recitato anch'io, quando facevo teatro, millemila anni fa. E' un dramma molto bello, struggente... Conosco a memoria quasi tutte le battute (visto che in quella messa in scena ero anche aiuto regista).
    Qui si tratta di vivere, non di arrivare primo, e al diavolo il destino

  14. #14
    Opinionista L'avatar di follemente
    Data Registrazione
    22/12/09
    Località
    Al mare
    Messaggi
    4,720
    Sì, è molto bello, sono d'accordo con te: va visto almeno una volta nella vita. Le tematiche sono ancora attuali: la perdita del lavoro, l'insicurezza economica, la disoccupazione giovanile, le bugie che possiamo raccontare a noi stessi ed ai nostri familiari...

  15. #15
    Opinionista L'avatar di follemente
    Data Registrazione
    22/12/09
    Località
    Al mare
    Messaggi
    4,720
    Adoro Rossini e ieri sera non mi sono lasciata sfuggire su Rai5 (ed al cinema) La gazza ladra di G. Rossini in diretta dalla Scala, dove verrà rappresentata fino a maggio inoltrato.

    La produzione offre, nella lettura di Chailly e Salvatores, spunti di riflessione sul teatro rossiniano, enigmatico oggetto di interpretazioni che non potranno mai definirsi univoche e definitive. Nel cast spiccano le prove di Esposito, Pertusi, Rocha e del soprano Rosa Feola nei panni di Ninetta, di cui sentiremo ancora parlare.

    http://milano.repubblica.it/cronaca/...res-163125518/

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •