Pagina 6 di 11 PrimaPrima ... 2 3 4 5 6 7 8 9 10 ... UltimaUltima
Risultati da 76 a 90 di 162

Discussione: A dieta? Sì!

  1. #76
    Cosmo-Agonica L'avatar di Bauxite
    Data Registrazione
    25/12/09
    Messaggi
    20,367
    Citazione Originariamente Scritto da Monia Visualizza Messaggio
    Beh, non è gravissimo: in fondo, due after eight fanno 70 calorie.
    E poi è venerdì...



    E' un suggerimento per me o la tua trasgressione di oggi?

    La seconda
    un po' di possibile, sennò soffoco.
    G. Deleuze

  2. #77
    Opinionista L'avatar di follemente
    Data Registrazione
    22/12/09
    Località
    Al mare
    Messaggi
    4,548
    Ieri sera gravi infrazioni con l'alcol...

    Oggi devo controllarmi assolutamente.

  3. #78
    la viaggiatrice L'avatar di dark lady
    Data Registrazione
    09/03/05
    Località
    On the road
    Messaggi
    49,817
    Citazione Originariamente Scritto da follemente Visualizza Messaggio
    Ieri sera gravi infrazioni con l'alcol...

    Oggi devo controllarmi assolutamente.
    A chi lo dici...
    Il problema è che stasera si fa il bis...
    Qui si tratta di vivere, non di arrivare primo, e al diavolo il destino

  4. #79
    Opinionista L'avatar di Monia
    Data Registrazione
    05/12/17
    Località
    In pianura
    Messaggi
    755
    Citazione Originariamente Scritto da dark lady Visualizza Messaggio
    Il problema è che stasera si fa il bis...
    Importante che ci mangi sopra il necessario per reggere l'alcool che bevi...

    Follemente, ti credevo molto più forte e determinata di me!


    Stamattina, invece, non ho resistito alla tentazione di pesarmi e... wow!... la bilancia mi ha dato una buona notizia, a dispetto dei due After eight spazzati ieri. E poiché mi sono alzata tardi, ho avuto una bella pensata: fare il brunch anziché la solita colazione a base di caffè e yogurt al limone. A queste due cose ho infatti aggiunto 50 g. di prosciutto cotto magro, una generosa porzione di biete saltate, con olio e limone, 50 g. di pane integrale, una banana e un caffè.
    Ultima modifica di Monia; 03-02-2018 alle 13:41

  5. #80
    Opinionista L'avatar di follemente
    Data Registrazione
    22/12/09
    Località
    Al mare
    Messaggi
    4,548
    Citazione Originariamente Scritto da Monia Visualizza Messaggio

    Follemente, ti credevo molto più forte e determinata di me!


    Stamattina, invece, non ho resistito alla tentazione di pesarmi e... wow!... la bilancia mi ha dato una buona notizia, a dispetto dei due After eight spazzati ieri. E poiché mi sono alzata tardi, ho avuto una bella pensata: fare il brunch anziché la solita colazione a base di caffè e yogurt al limone. A queste due cose ho infatti aggiunto 50 g. di prosciutto cotto magro, una generosa porzione di biete saltate, con olio e limone, 50 g. di pane integrale, una banana e un caffè.
    In una bella compagnia io tendo ad emulare gli altri, specie se non disdegno l’esperienza : ma ti pare che posso ordinare un tè, quando tutti bevono prosecchini, spritz, birre, cocktail?

    Certo, ci si potrebbe limitare ad un bicchierino…

    Vorrei chiedere un altro consiglio: che fate in famiglia se gli altri non vogliono stare a dieta? Cucinate pasti diversi per due? Sarebbe un enorme dispendio di tempo…

    Mi fa piacere che posti quello che mangi, così mi fai venire delle idee.

  6. #81
    Opinionista L'avatar di Monia
    Data Registrazione
    05/12/17
    Località
    In pianura
    Messaggi
    755
    Citazione Originariamente Scritto da follemente Visualizza Messaggio
    In una bella compagnia io tendo ad emulare gli altri, specie se non disdegno l’esperienza : ma ti pare che posso ordinare un tè, quando tutti bevono prosecchini, spritz, birre, cocktail?
    Ma neanche per sogno... però ci sono dei trucchi che possiamo mettere in atto.
    Per esempio, io ho un gruppo di amiche con le quali ogni tanto trascorro un pomeriggio di chiacchiere, aperitivi e mangiarini vari... e questa serata, la prima da quando ho iniziato la dieta, ci sarà all'inizio della prossima settimana. Mi sono quindi imposta, quel giorno, di mangiare meno e di fare lo stesso il giorno dopo... facendo finta di niente mentre sono con le amiche e senza neppure accennare loro al fatto che sono a dieta. Non perché sia un segreto, ma per non inibire le altre (una è un po' robusta) e per non intaccare lo spirito ludico dell'evento. Lo stesso farò il giorno dopo, mantenendomi leggera per ammortizzare gli eccessi... spero di farcela senza contorcermi dalla fame. Ho comunque sperimentato che, quando mi acchiappa la voglia famelica di mettere qualcosa sotto i denti, sgranocchiare una mela mi aiuta tanto e mi sazia in breve tempo.

    Citazione Originariamente Scritto da follemente Visualizza Messaggio
    Vorrei chiedere un altro consiglio: che fate in famiglia se gli altri non vogliono stare a dieta? Cucinate pasti diversi per due? Sarebbe un enorme dispendio di tempo…

    Mi fa piacere che posti quello che mangi, così mi fai venire delle idee.
    Neanche per sogno bis...
    Mangio le stesse cose, con la differenza che le peso: fondamentale, è munirsi di una bilancia per pesare il cibo e non fare le cose a occhio, che spesso inganna. Poi è ovvio che, mentre cucino, sto attenta a non eccedere nei condimenti (olio, burro, etc.).

    Anche a me potrebbe essere utile leggere ogni tanto quello che mangiate voi... giusto per farmi venire delle idee, quando sono a corto.

  7. #82
    abstract L'avatar di Yele
    Data Registrazione
    16/08/16
    Località
    terre piatte
    Messaggi
    6,082
    in questi giorni sono più monacale che mai...
    miracolo !

  8. #83
    Opinionista L'avatar di axeUgene
    Data Registrazione
    17/04/10
    Località
    sotto una quercia nana in zona Porta Genova
    Messaggi
    16,080
    mah... io non sono dietologo, quindi quello che dico va preso con le molle e verificato;

    mi risulta che sia molto importante l'indice glicemico complessivo dei pasti, per un motivo spiegato:
    l'organismo assimila e accumula riserve nella circostanza del calo di glicemia, poiché questo segnala una carenza; a sua volta, il calo glicemico è determinato dall'azione dell'insulina che interviene a compensare un eccesso di zuccheri nel sangue;
    pertanto, alimenti altamente glicemici stressano il pancreas, anche perché geneticamente non siamo tarati per alti valori;

    se si mangia in modo da tenere la glicemia costante, l'organismo non riceve segnali di stress e non accumula; per questo motivo, una moderata quantità di alimenti ad alto indice glicemico è consentita, purché ampiamente controbilanciata da altri a basso indice glicemico; di solito, siccome questi ultimi sono verdure, con molte fibre, anche il transito intestinale è più breve e si assimila meno nel complesso, rendendo anche il calcolo delle calorie una questione accessoria.
    c' del lardo in Garfagnana

  9. #84
    Opinionista L'avatar di Monia
    Data Registrazione
    05/12/17
    Località
    In pianura
    Messaggi
    755
    Citazione Originariamente Scritto da axeUgene Visualizza Messaggio
    mah... io non sono dietologo, quindi quello che dico va preso con le molle e verificato;

    mi risulta che sia molto importante l'indice glicemico complessivo dei pasti, per un motivo spiegato:
    l'organismo assimila e accumula riserve nella circostanza del calo di glicemia, poiché questo segnala una carenza; a sua volta, il calo glicemico è determinato dall'azione dell'insulina che interviene a compensare un eccesso di zuccheri nel sangue;
    pertanto, alimenti altamente glicemici stressano il pancreas, anche perché geneticamente non siamo tarati per alti valori;

    se si mangia in modo da tenere la glicemia costante, l'organismo non riceve segnali di stress e non accumula; per questo motivo, una moderata quantità di alimenti ad alto indice glicemico è consentita, purché ampiamente controbilanciata da altri a basso indice glicemico; di solito, siccome questi ultimi sono verdure, con molte fibre, anche il transito intestinale è più breve e si assimila meno nel complesso, rendendo anche il calcolo delle calorie una questione accessoria.
    Come sappiamo, è impossibile verificare il tasso glicemico presente in ciascun alimento, a meno che ciascuno di noi non abbia in casa l'occorrente per esercitarsi al piccolo chimico... lo zucchero è presente praticamente ovunque e persino nel pane, tanto per dirne una.

    L'unica è fare prevalere il buonsenso e cercare di mangiare in modo sano ed equilibrato, ispirandosi alla piramide alimentare.

  10. #85
    Opinionista L'avatar di Monia
    Data Registrazione
    05/12/17
    Località
    In pianura
    Messaggi
    755
    Citazione Originariamente Scritto da Yele Visualizza Messaggio
    in questi giorni sono più monacale che mai...
    miracolo !
    Ancora problemi ai denti, oppure hai deciso di fare la brava di default?

  11. #86
    Opinionista L'avatar di follemente
    Data Registrazione
    22/12/09
    Località
    Al mare
    Messaggi
    4,548
    Citazione Originariamente Scritto da Monia Visualizza Messaggio
    Ma neanche per sogno... però ci sono dei trucchi che possiamo mettere in atto.
    Per esempio, io ho un gruppo di amiche con le quali ogni tanto trascorro un pomeriggio di chiacchiere, aperitivi e mangiarini vari... e questa serata, la prima da quando ho iniziato la dieta, ci sarà all'inizio della prossima settimana. Mi sono quindi imposta, quel giorno, di mangiare meno e di fare lo stesso il giorno dopo... facendo finta di niente mentre sono con le amiche e senza neppure accennare loro al fatto che sono a dieta. Non perché sia un segreto, ma per non inibire le altre (una è un po' robusta) e per non intaccare lo spirito ludico dell'evento. Lo stesso farò il giorno dopo, mantenendomi leggera per ammortizzare gli eccessi... spero di farcela senza contorcermi dalla fame. Ho comunque sperimentato che, quando mi acchiappa la voglia famelica di mettere qualcosa sotto i denti, sgranocchiare una mela mi aiuta tanto e mi sazia in breve tempo.


    Neanche per sogno bis...
    Mangio le stesse cose, con la differenza che le peso: fondamentale, è munirsi di una bilancia per pesare il cibo e non fare le cose a occhio, che spesso inganna. Poi è ovvio che, mentre cucino, sto attenta a non eccedere nei condimenti (olio, burro, etc.).

    Anche a me potrebbe essere utile leggere ogni tanto quello che mangiate voi... giusto per farmi venire delle idee, quando sono a corto.
    Bene, grazie per i consigli.

    Infatti nessuno è complice quando dici che sei a dieta, semmai il contrario, specie se ti vedono più magra di loro. Meno male che c'è questo thread di supporto!

    Oggi ho fatto il pollo al curry e le zucchine cotte in padella.

  12. #87
    abstract L'avatar di Yele
    Data Registrazione
    16/08/16
    Località
    terre piatte
    Messaggi
    6,082
    Citazione Originariamente Scritto da Monia Visualizza Messaggio
    Ancora problemi ai denti, oppure hai deciso di fare la brava di default?
    una botta di moderazione

  13. #88
    abstract L'avatar di Yele
    Data Registrazione
    16/08/16
    Località
    terre piatte
    Messaggi
    6,082
    Citazione Originariamente Scritto da axeUgene Visualizza Messaggio
    mah... io non sono dietologo, quindi quello che dico va preso con le molle e verificato;

    mi risulta che sia molto importante l'indice glicemico complessivo dei pasti, per un motivo spiegato:
    l'organismo assimila e accumula riserve nella circostanza del calo di glicemia, poiché questo segnala una carenza; a sua volta, il calo glicemico è determinato dall'azione dell'insulina che interviene a compensare un eccesso di zuccheri nel sangue;
    pertanto, alimenti altamente glicemici stressano il pancreas, anche perché geneticamente non siamo tarati per alti valori;

    se si mangia in modo da tenere la glicemia costante, l'organismo non riceve segnali di stress e non accumula; per questo motivo, una moderata quantità di alimenti ad alto indice glicemico è consentita, purché ampiamente controbilanciata da altri a basso indice glicemico; di solito, siccome questi ultimi sono verdure, con molte fibre, anche il transito intestinale è più breve e si assimila meno nel complesso, rendendo anche il calcolo delle calorie una questione accessoria.
    va be', la glicemia non è l'unico aspetto...
    però è vero che se si abbinano cibi ad alto indice glicemico, con altri che lo abbassano, fa una grande differenza.

    L’indice glicemico (IG) rappresenta la capacità dei carboidrati contenuti nei cibi di alzare la glicemia (valore che indica la quantità di glucosio presente nel sangue). Tanto più un carboidrato è digeribile e tanto maggiore sarà il suo indice glicemico. La scelta migliore è optare sempre per prodotti integrali, realizzati con farine non raffinate: soltanto in questo modo è possibile evitare i picchi glicemici che fanno male al pancreas, rallentano il metabolismo e provocano sovrappeso.

    Definizione di indice glicemico
    L’indice glicemico misura la capacità di un determinato glucide di alzare la glicemia dopo il pasto rispetto a uno standard di riferimento che è il glucosio puro.
    --

    Cibi ad alto, medio e basso indice glicemico
    – Alto indice glicemico: pane bianco, cornflakes, miele, patate al forno e fritte, cracker, riso arborio, zucchero saccarosio.
    – Medio indice glicemico: ananas, spaghetti, banana, kiwi, mango, pane di segale, maccheroni, carote, uva, arancia.
    – Basso indice glicemico: prugna, pera, yogurt, latte magro, latte di soia, fagioli bolliti, mela, lenticchie, fruttosio, cereali integrali.

    La dieta che contrasta glicemia e adipe
    La prima regola: evitare gli alimenti ad alto IG e preferire quelli a basso IG (pane, pasta, riso integrali ecc.). Ci sono poi alcuni cibi che, abbinati a quelli a basso IG, contribuiscono a mantenere la glicemia a livelli regolari e a ripulire il sangue da zuccheri e/o grassi in eccesso.
    Ad esempio le fibre idrosolubili rallentano l’assorbimento di glucosio a livello intestinale. Esse sono pertanto in grado di mantenere la glicemia costante per lunghi periodi.
    Inoltre la digestione di un alimento contenente grassi è rallentata; di conseguenza i carboidrati che contiene vengono assorbiti più lentamente.
    Infine l’indice glicemico diminuisce se si aggiungono proteine ad un alimento. Le proteine hanno infatti effetti molto simili a quelli di grassi e fibre. Pur avendo un basso indice glicemico, gli alimenti ricchi di proteine presentano un medio indice insulinico.

    I dieci super cibi che controllano l’indice glicemico
    Salmone
    – Fornisce Omega 3 che contribuiscono alla prevenzione di diabete e malattie cardiocircolatorie.
    Yogurt
    – I fermenti che contiene producono acido acetico e propionico che arrivano al fegato, dove regolano la produzione di glucosio e colesterolo.
    Legumi
    – Prevengono i picchi glicemici, il diabete, la fame nervosa, i trigliceridi e il colesterolo.
    Carni bianche
    – Apportano proteine che contribuiscono a controllare i livelli di glicemia e sono povere di grassi.
    Olio d’oliva
    – È ricco di composti fenolici che riducono l’attività infiammatoria di geni, coinvolti nello sviluppo del diabete mellito di tipo 2 e di diverse patologie cardiovascolari o metaboliche.
    Curcuma
    – Numerosi studi hanno dimostrato che il suo principio attivo, la curcumina, può contribuire a mantenere sotto controllo il diabete mellito di tipo 2.

    – Sia verde che nero, il tè contribuisce alla riduzione dei livelli di zucchero, colesterolo e trigliceridi nel sangue. Favorisce inoltre la riduzione del peso corporeo.
    Cannella
    – Contribuisce a prevenire il diabete di tipo 2 nelle persone a rischio (anziani, persone in sovrappeso). Rende l’insulina più efficiente.
    Zucca
    – Alcuni studi hanno dimostrato che è in grado di riparare le cellule del pancreas danneggiate dal diabete.
    Arancia
    – La fibra contenuta nella parte bianca sotto la buccia, regola l’assorbimento di zuccheri, grassi e proteine prevenendo diabete, arteriosclerosi e stipsi.

    http://obiettivobenessere.tgcom24.it...nare-in-forma/

  14. #89
    Opinionista L'avatar di axeUgene
    Data Registrazione
    17/04/10
    Località
    sotto una quercia nana in zona Porta Genova
    Messaggi
    16,080
    Citazione Originariamente Scritto da Monia Visualizza Messaggio
    Come sappiamo, è impossibile verificare il tasso glicemico presente in ciascun alimento, a meno che ciascuno di noi non abbia in casa l'occorrente per esercitarsi al piccolo chimico... lo zucchero è presente praticamente ovunque e persino nel pane, tanto per dirne una.
    in che senso, impossibile ?
    una misura relativamente esatta è possibilissima; ci sono tabelle per ciascun alimento, crudo o cotto (la cottura può variare l'indice);

    il pane è ovvio che contenga glucidi, come le patate, l'alcol, ecc... se è integrale, a parità di peso la fibra riduce l'indice.
    c' del lardo in Garfagnana

  15. #90
    abstract L'avatar di Yele
    Data Registrazione
    16/08/16
    Località
    terre piatte
    Messaggi
    6,082
    Citazione Originariamente Scritto da axeUgene Visualizza Messaggio
    in che senso, impossibile ?
    una misura relativamente esatta è possibilissima; ci sono tabelle per ciascun alimento, crudo o cotto (la cottura può variare l'indice);

    il pane è ovvio che contenga glucidi, come le patate, l'alcol, ecc... se è integrale, a parità di peso la fibra riduce l'indice.
    è possibile...ci sono perfino dei "manuali"...

    I CONSIGLI AI FORNELLI

    Pasta sempre al dente. «È stato dimostrato come l’indice glicemico tenda a crescere di pari passo con il tempo di cottura della pasta», spiega Rondanelli. Meglio quindi scolare bucatini e rigatoni al dente, non solo per il gusto.

    Meglio gli spaghetti delle penne. I formati corti, come fusilli e penne, hanno un indice glicemico maggiore degli spaghetti. Il motivo? «Non è ancora del tutto chiaro», risponde Poli. «Probabilmente la particolare lavorazione della pasta lunga favorisce la cristallizzazione dell’amido, che si traduce in tempi di digestione e di conseguenza di assimilazione più lunghi».

    Olio extravergine a crudo. Per condire è preferibile l’olio extravergine d’oliva a crudo. È il più sano tra i condimenti e riesce ad abbassare l’indice glicemico complessivo del pasto, come tutti i grassi. «Nonostante abbia un apporto calorico notevole l’olio di oliva extravergine non è mai da eliminare da nessun regime dietetico», spiega Consoli.

    Le virtù dell’aceto. Un’équipe di studiosi dell’Università di Atene è riuscita a misurare la capacità dell’aceto di ridurre i livelli di zucchero nel sangue, soprattutto se consumato in associazione ai cibi a più alto indice glicemico, come patate, zucca oppure pane.

    Dolci solo a fine pasto. Una porzione di dolce ogni tanto è concessa, ma sempre a fine pasto. «In questo modo l’assorbimento è rallentato dalla presenza degli altri nutrienti nel pasto», spiega Rondanelli.

    Tè e caffè amari. Lo zucchero e il miele, ovviamente, hanno un indice glicemico molto alto. Meglio non esagerare. Per lo stesso motivo sono da ridurre i soft drink zuccherini e i succhi di frutta, ricchi di carboidrati rapidamente assorbibili.

    Pane abbrustolito. Il pane è da limitare, ma non da eliminare del tutto, specie quello integrale. Un trucco per contenere l’indice glicemico è abbrustolire le fette o mangiare le pagnotte rafferme.

    I vantaggi dei piatti freddi. Meglio un’insalata di riso che un risotto fumante. Pasta, riso o patate, se mangiati freddi, hanno un indice glicemico ridotto grazie alla cosiddetta retrogradazione degli amidi cotti. «Quando si raffreddano, le catene molecolari che formano gli amidi tendono a riavvolgersi su se stesse ritornando, in parte, allo stadio che precede la cottura», spiega Poli. «Per questo gli enzimi digestivi faticano maggiormente ad attaccarli e digerirli».

    Occhio agli abbinamenti. «Qualunque ricetta che aggiunga alimenti ricchi di fibre ai carboidrati riduce l’indice glicemico complessivo del pasto», sottolinea Galvano. «E aggiungere proteine o grassi ai carboidrati lo tiene sotto controllo, anche se può aumentare la risposta insulinica complessiva e/o le calorie del pasto». Sono da privilegiare quindi le ricette che associano le verdure, i legumi o il pesce a pasta, patate e riso. Qualche idea? L’insalata dopo la pizza, la pasta con i legumi o con il ragù.

    https://www.ok-salute.it/alimentazio...a-e-in-cucina/

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •