Pagina 49 di 57 PrimaPrima ... 39 45 46 47 48 49 50 51 52 53 ... UltimaUltima
Risultati da 721 a 735 di 850

Discussione: Cosa sta succedendo oggi...?

  1. #721
    Opinionista L'avatar di Turbociclo
    Data Registrazione
    28/04/19
    Località
    Roma
    Messaggi
    2,243
    Beh, veramente non ti capisco. Questo governo esiste da pochi mesi e sta già cadendo, nonostante il vinavil alle poltrone. E' un governo di minoranza sostanziale, se non formale; e tu non lo consideri debole e "poco rappresentativo?" Ovviamente non si scende in piazza perché a scendere in piazza sono sempre stati i sindacati organizzati, ma adesso sono al potere. Le piazze, a torto o a ragione, si riempiono invece per i discorsi di Salvini e Meloni. E pure questo significherà qualcosa. Quando governeranno bisognerà vedere se reggerà l'accordo fra una destra accentratrice (Meloni) e un'altra che forse dovrà mantenere una tendenza federalista perché i suoi leader sono tutti del nord. Tendenza che potrebbe non essere stata del tutto superata dalla nuova politica su base nazionale. Però tieni conto che se il centrosud andasse a perdere qualcosa, la Lega perderebbe pure molti consensi.
    Ultima modifica di Turbociclo; 22-01-2020 alle 23:17
    È il tempo che hai perduto per la tua rosa che ha reso la tua rosa così importante

  2. #722
    Opinionista L'avatar di axeUgene
    Data Registrazione
    17/04/10
    Località
    sotto una quercia nana in zona Porta Genova
    Messaggi
    16,640
    Citazione Originariamente Scritto da Turbociclo Visualizza Messaggio
    Beh, veramente non ti capisco. Questo governo esiste da pochi mesi e sta già cadendo, nonostante il vinavil alle poltrone.
    tu pensi che stia cadendo perché leggi quei giornali che te lo fanno credere;

    E' un governo di minoranza sostanziale, se non formale; e tu non lo consideri debole e "poco rappresentativo?"
    in termini tradizionali, sì, lo considero debole e poco rappresentativo;
    nella realtà che si è creata molto meno, per i motivi che ti ho descritto prima; sono in teoria una minoranza, ma in pratica no, perché quella che teoricamente sarebbe maggioranza - la destra - in realtà è qualcosa di molto eterogeneo che non esprime nella sostanza un'alternativa; finché sono all'opposizione Meloni e Salvini ti sembrano compatibili; nella sostanza degli interessi dei rispettivi elettorati, no;
    Ovviamente non si scende in piazza perché a scendere in piazza sono sempre stati i sindacati organizzati, ma adesso sono al potere. Le piazze, a torto o a ragione, si riempiono invece per i discorsi di Salvini e Meloni. E pure questo significherà qualcosa.
    piazze che poi non si traducono in azione politica; se tu avessi tutto 'sto popolo inferocito contro il governo, in una settimana lo farebbero cadere; se portano in piazza quella gente, sarebbero buoni ad organizzare uno sciopero generale, no ?

    Quando governeranno bisognerà vedere se reggerà l'accordo fra una destra accentratrice (Meloni) e un'altra che forse dovrà mantenere una tendenza federalista perché i suoi leader sono tutti del nord. Tendenza che potrebbe non essere stata del tutto superata dalla nuova politica su base nazionale. Però tieni conto che se il centrosud andasse a perdere qualcosa, la Lega perderebbe pure molti consensi.
    ma che gli frega ai leghisti del nord di perdere consensi al sud ? quelli vogliono tenersi tra i 3500 e i 5100 euro pro-capite l'anno di residuo fiscale; hai presente l'enormità ? sono 30 anni che battono su sto chiodo...

    ora, magari l'economia non è il tuo forte, ma due conti li saprai fare, no ? se riesce quel progetto significa che una famiglia lombarda di 4 persone riceve ogni anno servizi per 20mila euro in più, mentre ad una siciliana vengono meno 14mila euro, sotto forma di tasse in più e servizi in meno; ma questa è la via complicata;
    perché quella semplice, per la Lega, è la flat tax, o anche solo una riduzione delle aliquote:

    non so se hai presente il meccanismo: siccome il gettito fiscale privato è tutto concentrato al nord - da Bologna in su si produce quasi l'80% del PIL, con Roma che distorce perché ci sono tante sedi amministrative, altrimenti sarebbe di più - se tagli le tasse, quegli importi vengono meno al fisco centrale, che redistribuisce quelle tasse, determinando il residuo fiscale, cioè il netto tra ciò che una regione versa e incassa; ora, seguimi;

    se il gettito è praticamente tutto al nord, perché la media del sud è sotto o di pochissimo sopra la no-tax-area, il risparmio fiscale da abbassamento delle aliquote si concentra tutto al nord, mentre il sud continua a non pagare; ma non riceve più quella quota di residuo che serve a pagare i servizi; mentre le regioni del nord possono compensare con la fiscalità locale, cosa che al sud non sarebbe possibile;
    ora, tu mi vieni a fantasticare del governo maggioritario delle destre, che dovrebbe essere il risultato di un travaso di voti pentastellati alla Meloni;
    può pure essere, ma all'indomani il problema si ripropone tutto, identico, perché quelle sono le questioni e le persone, gli interessi;

    guarda Bumble, che è siciliano e non certo simpatizzante della sinistra; ma dalle parti sue mancano le strade e gli acquedotti; in tutto il sud viaggiare, lavorare, è un'odissea; lui ha capito perfettamente dove va a parare la Lega; e come lui tanti altri, pure dirigenti pentastellati; è lì che è caduto il Conte 1, in effetti;
    tu stai a Roma; la produttività dei trasporti è la metà di quella milanese, hai le tasse locali più alte d'Italia per avere buche e lavori fermi;

    ma da Siena in su si spende la quasi totalità dei soldi pubblici per le infrastrutture: la Tirrenica; il ponte di Genova; la variante gronda, sempre a Genova; la terza tratta GE-MI; le due pedemontane venete; la linea metro Milano-Monza; le olimpiadi lombardo-venete; l'aeroporto di Firenze, e altro che non ricordo; e quelli vogliono ancora di più; autonomie e flat tax; più secessione sostanziale di così, che vuoi ?
    che ti resta dell'"Italia" nel momento in cui hai abolito la solidarietà fiscale ?

    tu dove la vedi questa nuova politica nazionale della Lega ? io la vedo a chiacchiere sovraniste, Matteo Salvini, tanti discorzi, pochi cattrini, direbbero in Toscana; nella realtà lo sviluppo, gli investimenti, da decenni sono sempre più unidirezionali; a Brescia ci sono le acciaierie, ma mica si muore di cancro come a Taranto; chiediti il perché... oh, guarda che questi sono i problemi, mica le bandierine di partito di Emilio Fede;

    dici che il governo tiene col vinavil alle poltrone; sono d'accordo che siano tecnicamente una maggioranza finta, ballerina; ma, in sostanza, quelli tengono e nessuno li butta giù perché c'è una paura diffusissima di arrivare a quel redde rationem dei soldi; cioè, pure il grande elettore di destra del sud, il ras locale che cerca di addomesticare i leghisti, riceve domande e segnali di grande preoccupazione e quindi si mobilita poco, ci va parecchio cauto.
    c' del lardo in Garfagnana

  3. #723
    Opinionista L'avatar di LadyHawke
    Data Registrazione
    29/04/19
    Messaggi
    1,730
    Citazione Originariamente Scritto da axeUgene Visualizza Messaggio


    Salvini è un pugile suonato; un anno fa le sue spacconate almeno avevano una risonanza continentale, per quanto fossero maldestre e idiote; oggi è ridotto a patetiche pagliacciate, come citofonare al presunto spacciatore tunisino su segnalazione della signora del quartiere; il prossimo step sarà la televendita della poltrona sovranista, con lo sconto dell'80%, ma solo per italianissimi anziani e casalinghe;

    ma non lo dico io; te lo dice lei, che non è ostile o distante; lombarda - me par - di mezza età con famiglia, l'elettrice tipo che condivide alcune idee:
    Originariamente Scritto da LadyHawke
    Scherzi a parte comunque io Salvini, anche se qualche volta ne condivido qualche idea, non ce lo vedo capace alla guida di un paese.A prescindere dalle idee non ha la preparazione e non ci vedo adatto neanche di Maio.Insomma non è che siamo messi tanto bene.
    Axe continua il discorso sopra scrivendo:
    lei rappresenta bene l'Italia profonda che piace a te, e che potrebbe votare lega e alleati; ma se ti scrive una cosa del genere - con tutto il molto peggio che invece si pensa tra i referenti ed interessati che lo devono sponsorizzare - vuol dire che è finito; non perché ciò sarebbe una regola assoluta, ma proprio perché il personaggio è incapace di correggersi, di imparare, gli mancano le basi; uno come Maroni, al confronto, sembra del livello di Andreotti, quanto a capacità politiche;
    Che Salvini sia finito nonostante certi scivoloni è presto per dirlo, lo vedremo dal risultato delle elezioni in Calabria e in Emilia.
    Quello che penso io non conta nulla, nella mia piccola realtà sono circondata da conoscenti, non sono affatto tutti pensionati e casalinghe, che"tifano",se così si può dire 😁, per la lega e Salvini e lo votano a prescindere dalle sue cazzate.
    Ieri vedendo il filmato in tv ad un tg sull’episodio del suono del campanello, la mia reazione di pancia è stata quella di pensare:”che cazzata!”
    Poi leggendo qua e là e ascoltando alla trasmissione di Porta a Porta la risposta di Salvini, ho pensato che il gesto è stato sì un errore, una pessima provocazione ma il messaggio in sottofondo è che si sa esistono luoghi di spaccio e si conosce pure quali sono le zone degradate, però non si fa nulla o quasi, perché anche se i criminali vengono sbattuti in galera dopo poco escono di nuovo.C'è qualcosa che non funziona.

    Quindi se da un lato il gesto è una pagliacciata e vista come incitamento all’odio razziale, propaganda elettorale, dall’altro può essere vista come una pagliacciata per portare l’attenzione su criminalità e degrado di certe zone e propaganda elettorale.

    Il problema è che la gente non ha più fiducia nella giustizia, nelle istituzioni e nella politica, Salvini coglie il malcontento e lo usa per riempire le piazze, perché è evidente che il Pd non piace, non piace neanche questa continua instabilità politica che quasi ogni anno, crisi di governo, scissioni interne ad un partito o altro porterebbero a nuove elezioni se non che prima sputi veleno sull’opposizione e poi ti allei col nemico per abbatterne una parte pur di non andare a nuove elezioni.
    Se il Pd non cambia non è più credibile, come non è credibile manco il M5S, soprattutto quando, come è accaduto per il PD, è uscito dalla porta per volere della maggioranza degli italiani ed è rientrato dalla finestra.
    Fa sembrare che l’espressione della volontà del popolo non conti nulla e che tutti vogliono restare aggrappati alle proprie poltrone.
    Se Salvini ha ottenuto tanti consensi finora e voti una ragione ci sarà, la maggior parte della gente non crede più nei PD e non si sente più rappresentata negli interessi dai partiti dell’attuale sinistra.
    Ultima modifica di LadyHawke; 23-01-2020 alle 13:05

  4. #724
    Opinionista L'avatar di Turbociclo
    Data Registrazione
    28/04/19
    Località
    Roma
    Messaggi
    2,243
    Analisi ineccepibile cara Lady.
    È il tempo che hai perduto per la tua rosa che ha reso la tua rosa così importante

  5. #725
    Opinionista L'avatar di LadyHawke
    Data Registrazione
    29/04/19
    Messaggi
    1,730
    Ho corretto perchè non si distinguevano bene le citazioni.

    Comunque questo è il mio pensiero.

  6. #726
    Opinionista L'avatar di axeUgene
    Data Registrazione
    17/04/10
    Località
    sotto una quercia nana in zona Porta Genova
    Messaggi
    16,640
    Citazione Originariamente Scritto da LadyHawke Visualizza Messaggio
    Che Salvini sia finito nonostante certi scivoloni è presto per dirlo, lo vedremo dal risultato delle elezioni in Calabria e in Emilia.
    Quello che penso io non conta nulla, nella mia piccola realtà sono circondata da conoscenti, non sono affatto tutti pensionati e casalinghe, che"tifano",se così si può dire , per la lega e Salvini e lo votano a prescindere dalle sue cazzate.
    Ieri vedendo il filmato in tv ad un tg sull’episodio del suono del campanello, la mia reazione di pancia è stata quella di pensare:”che cazzata!”
    Poi leggendo qua e là e ascoltando alla trasmissione di Porta a Porta la risposta di Salvini, ho pensato che il gesto è stato sì un errore, una pessima provocazione ma il messaggio in sottofondo è che si sa esistono luoghi di spaccio e si conosce pure quali sono le zone degradate, però non si fa nulla o quasi, perché anche se i criminali vengono sbattuti in galera dopo poco escono di nuovo.C'è qualcosa che non funziona.
    certo, questa, comprensibilmente, è una tra le percezioni possibili, che a te colpisce; poi, però, la realtà è molto più complessa e stratificata; per un mero dato statistico, una buona metà di quegli entusiasti delle salvinate è cliente o fratello, mamma o figlia dei clienti dello spacciatore, vista la diffusione del consumo di coca, che è da sempre una sostanza prevalentemente "di destra", consumata da chi ha o ambisce ad un reddito e uno stile di vita di un certo tipo e tenore ideologico; il consumatore "di sinistra" di solito si rintrona di canne;

    molti sono altrimenti fruitori del lavoro dei "clandestini", dalla badante, all'aiutante alla bancarella, fino agli imprenditori che commissionano lavoro a terzi; e guarda che non criminalizzo questi fruitori, perché a volte non c'è altra soluzione;

    però, è curioso che proprio questi ambienti salvinati o melonizzati poi insorgano quando si vuol limitare il contante, che è il veicolo indispensabile e ovvio degli affari della microcriminalità; e nemmeno criminalizzo questa incoerenza; siamo un popolo con troppe abitudini illecite diffuse, che non ama la legalità, l'ingerenza dell'autorità, i controlli; quindi si predispone ad avere anche un'illegalità sotto casa;

    sottolineo questo per spiegare il perché poi questa schizofrenia politica produca roboanti proclami ma sostanziale immobilismo, sotto il quale si negoziano fini molto diversi;

    Quindi se da un lato il gesto è una pagliacciata e vista come incitamento all’odio razziale, propaganda elettorale, dall’altro può essere vista come una pagliacciata per portare l’attenzione su criminalità e degrado di certe zone e propaganda elettorale.

    Il problema è che la gente non ha più fiducia nella giustizia, nelle istituzioni e nella politica, Salvini coglie il malcontento e lo usa per riempire le piazze, perché è evidente che il Pd non piace, non piace neanche questa continua instabilità politica che quasi ogni anno, crisi di governo, scissioni interne ad un partito o altro porterebbero a nuove elezioni se non che prima sputi veleno sull’opposizione e poi ti allei col nemico per abbatterne una parte pur di non andare a nuove elezioni.
    Se il Pd non cambia non è più credibile, come non è credibile manco il M5S, soprattutto quando, come è accaduto per il PD, è uscito dalla porta per volere della maggioranza degli italiani ed è rientrato dalla finestra.
    Fa sembrare che l’espressione della volontà del popolo non conti nulla e che tutti vogliono restare aggrappati alle proprie poltrone.
    Se Salvini ha ottenuto tanti consensi finora e voti una ragione ci sarà, la maggior parte della gente non crede più nei PD e non si sente più rappresentata negli interessi dai partiti dell’attuale sinistra.
    tutto teoricamente e apparentemente vero, come ho commentato a Turbo;
    ma vittorie e sconfitte si possono analizzare da un altro punto di vista, sostanziale e più di ampio respiro; partiamo dalle elezioni del 18:

    bene, le hanno vinte due partiti che si proponevano esplicitamente una critica radicalissima all'UE, le sue regole e assetti, e la prospettiva di uscita dall'euro; nel caso del M5S si è trattato degli ultimi fuochi del pensiero assistenzialista; il messaggio era: se potessimo tornare alla sovranità monetaria, stamperemmo soldi e lo stato tornerebbe ad essere quella Provvidenza che è stata per decenni;
    nel caso leghista, la cosa era ancora più surreale; primo per l'assurdità politica dei progetti di alleanza sovranista con paesi i cui interessi sono opposti ai nostri: i Visegrad prendono soldi, rifiutano le loro quote di immigrati e fanno dumping fiscale, offrendo terminali a chi disloca le aziende dal nord-est;

    ma, soprattutto, conoscendo bene la gente del nord profondo, è da escludere che quelli abbiano la minima propensione a mettere a rischio risparmi e attività; possono essere, diciamo, culturalmente rustici, ma anche l'ultimo, non dico mobiliere, ma tappezziere di Trezzano o Bernareggio, o grossista di scarpe del Brenta immaginano e percepiscono già con l'epidermide la montagna di casini burocratici e costi che comporterebbe l'eurexit; siamo molto lontani dall'antropologia dei pensionati o operai sig.ri Jones delle Midlands...

    ora, se parti da quel punto e vedi come è il quadro politico di oggi, con tutte le opzioni, chi ha davvero vinto ?
    a) i 5S hanno votato la von der Leyen e si sono convertiti all'europeismo, con qualche critica pro-forma; peraltro, il pirla prima del voto era felicissimo di questa candidatura, che rimpiazzava quella socialista dell'olandese-romano Timmermans, grande amico dell'Italia, avendo vissuto a Roma da ragazzo;

    b) nessuno più persegue alleanze coi Visegrad, Polonia, Ungheria, Slovacchia e Cèchia, i cui leader peraltro hanno ridicolizzato il pirla, perché al momento della verità, tutti allineati e coperti nel PPE, accanto alla Merkel; il popolino salvinizzato percepisce poco; ma i grandi elettori d'area, quelli con un ruolo decisionale, hanno realizzato presto l'idiozia di quella posizione; se stai a Schio e produci i freni e i differenziali per la BMW, ogni sera partono tre TIR per la Baviera, che non devono fermarsi per controlli e scartoffie a frontiere che non esistono più; e non vuoi che BMW trovi più conveniente affidare la produzione ad una ditta di Katowice; per questo, alla fine dei conti, il PD è odiato, ma la sua prudenza, oramai democristiana, molto meno, vista come rassicurante da molti, nonostante l'avversione antropologica;

    piuttosto, il titolare di una gastronomia di Treviso che ha la figlia laureata in storia dell'arte e disoccupata sarà più allettato dal progetto autonomista di graduatorie scolastiche regionali, dove [I]prima i veneti..!/I]; oggi, però, al contrario del marzo 18, questa cosa la percepisce anche la laureata in storia dell'arte di Catania che fa i concorsi; lei e tutta la famiglia di elettori pentastellati; per questo tengono il PD al governo, anche loro nonostante tutto il pregresso di ostilità e rancore;

    quindi,m è vero che la sinistra è minoritaria, il PD ha deluso, ecc... ma è anche vero che tutta questa tempesta, dal marzo 18 ad oggi, alla fine ha prodotto un massiccio rientro nei ranghi della normalità politica: non si parla più di Italexit, e tutte le questioni sono rientrate nei ranghi dell'ordinario dibattito di un paese atlantico, europeista, che per la stragrande maggioranza dell'opinione pubblica deve farsi sentire a Bruxelles, ma saldamente dentro;
    chi ha vinto davvero, in termini di imposizione di agenda e soluzioni ?
    come sempre, nella sostanza vince chi è capace di stare vicino al centro, perché se vuoi governare non puoi essere troppo divisivo, spaventare in troppi;

    pure l'emergenza immigrati, è passata da anni, dai tempi di Minniti; è rimasta una cosa di propaganda che fa leva sulla diffidenza e paura della vecchina ottuagenaria per il nègher che chiede l'elemosina davanti al verdumaio all'angolo della strada.
    c' del lardo in Garfagnana

  7. #727
    Opinionista L'avatar di Breakthru
    Data Registrazione
    30/04/19
    Messaggi
    646
    Citazione Originariamente Scritto da LadyHawke Visualizza Messaggio
    Axe continua il discorso sopra scrivendo:

    Che Salvini sia finito nonostante certi scivoloni è presto per dirlo, lo vedremo dal risultato delle elezioni in Calabria e in Emilia.
    Quello che penso io non conta nulla, nella mia piccola realtà sono circondata da conoscenti, non sono affatto tutti pensionati e casalinghe, che"tifano",se così si può dire , per la lega e Salvini e lo votano a prescindere dalle sue cazzate.
    Ieri vedendo il filmato in tv ad un tg sull’episodio del suono del campanello, la mia reazione di pancia è stata quella di pensare:”che cazzata!”
    Poi leggendo qua e là e ascoltando alla trasmissione di Porta a Porta la risposta di Salvini, ho pensato che il gesto è stato sì un errore, una pessima provocazione ma il messaggio in sottofondo è che si sa esistono luoghi di spaccio e si conosce pure quali sono le zone degradate, però non si fa nulla o quasi, perché anche se i criminali vengono sbattuti in galera dopo poco escono di nuovo.C'è qualcosa che non funziona.

    Quindi se da un lato il gesto è una pagliacciata e vista come incitamento all’odio razziale, propaganda elettorale, dall’altro può essere vista come una pagliacciata per portare l’attenzione su criminalità e degrado di certe zone e propaganda elettorale.

    Il problema è che la gente non ha più fiducia nella giustizia, nelle istituzioni e nella politica, Salvini coglie il malcontento e lo usa per riempire le piazze, perché è evidente che il Pd non piace, non piace neanche questa continua instabilità politica che quasi ogni anno, crisi di governo, scissioni interne ad un partito o altro porterebbero a nuove elezioni se non che prima sputi veleno sull’opposizione e poi ti allei col nemico per abbatterne una parte pur di non andare a nuove elezioni.
    Se il Pd non cambia non è più credibile, come non è credibile manco il M5S, soprattutto quando, come è accaduto per il PD, è uscito dalla porta per volere della maggioranza degli italiani ed è rientrato dalla finestra.
    Fa sembrare che l’espressione della volontà del popolo non conti nulla e che tutti vogliono restare aggrappati alle proprie poltrone.
    Se Salvini ha ottenuto tanti consensi finora e voti una ragione ci sarà, la maggior parte della gente non crede più nei PD e non si sente più rappresentata negli interessi dai partiti dell’attuale sinistra.
    E cosa cambia?

    Basta suonare i campanelli agli spacciatori per risolvere il problema?

    Non si può fermare l'offerta finché ci sarà una domanda e la domanda ci sarà sempre e le piazzette di spaccio ci saranno sempre con diversi attori

    Penso ai numerosi piccoli spacciatori che da oggi smetteranno di spacciare perché hanno paura che gli suonino al campanello.

    E' una propaganda stupida, fastidiosa e sposta l'attenzione su un problema che probabilmente, anzi sicuramente, è già ben noto e stranoto alle forze dell'ordine, che, perseguendo il microspaccio (che fondamentalmente, a parte un po' di via vai non rompe le palle a nessuno visto che meno rumore si fa meglio è), toglierebbero risorse per dedicarsi alle grandi linee di approvvigionamento.

    Senza parlare del folto gruppetto che ha seguito Salvini sotto casa del ragazzo, un bel gruppetto dall'aria tanto squadrista.

    Ma poi, degrado, occorrerebbe verificare quale sia in effetti statisticamente il reale degrado e quanto invece sia gonfiata la percezione che i cittadini ne hanno.

    Chiaro che personaggi come Salvini & co amplificano e sfruttano questa distorta percezione di pericolo e degrado, mentre dall'altra parte da anni poco hanno fatto per promuovere o fare qualcosa che tale percezione smentisse, o almeno, ridimensionasse

  8. #728
    Opinionista L'avatar di LadyHawke
    Data Registrazione
    29/04/19
    Messaggi
    1,730
    Citazione Originariamente Scritto da Breakthru Visualizza Messaggio
    E cosa cambia?

    Basta suonare i campanelli agli spacciatori per risolvere il problema?

    Non si può fermare l'offerta finché ci sarà una domanda e la domanda ci sarà sempre e le piazzette di spaccio ci saranno sempre con diversi attori

    Penso ai numerosi piccoli spacciatori che da oggi smetteranno di spacciare perché hanno paura che gli suonino al campanello.

    E' una propaganda stupida, fastidiosa e sposta l'attenzione su un problema che probabilmente, anzi sicuramente, è già ben noto e stranoto alle forze dell'ordine, che, perseguendo il microspaccio (che fondamentalmente, a parte un po' di via vai non rompe le palle a nessuno visto che meno rumore si fa meglio è), toglierebbero risorse per dedicarsi alle grandi linee di approvvigionamento.

    Senza parlare del folto gruppetto che ha seguito Salvini sotto casa del ragazzo, un bel gruppetto dall'aria tanto squadrista.

    Ma poi, degrado, occorrerebbe verificare quale sia in effetti statisticamente il reale degrado e quanto invece sia gonfiata la percezione che i cittadini ne hanno.

    Chiaro che personaggi come Salvini & co amplificano e sfruttano questa distorta percezione di pericolo e degrado, mentre dall'altra parte da anni poco hanno fatto per promuovere o fare qualcosa che tale percezione smentisse, o almeno, ridimensionasse
    Certo che non si risolve andando a suonare tutti i campanelli dei probabili, presunti colpevoli!
    Mi pare di aver detto che è UNA CAZZATA.
    Mi pare comunque giusto analizzarla da più punti di vista, mi pare.

    Diverso è il discorso sulla microcriminalità.
    Quindi dal momento che il microspaccio "che fondamentalmente, a parte un po' di via vai non rompe le palle a nessuno visto che meno rumore si fa meglio è", per non distogliere risorse dedicate alle grandi linee di approvvigionamento, continuiamo a lasciar liberi piccoli spacciatori, liberi di agire come pare e piace.
    Quindi inutile arrestare piccoli criminali in barba alla leggi, a che servono le leggi, a che serve che i poliziotti arrestino piccoli criminali se poi verranno subito rimessi in libertà, ma hanno pure ragione, a volte corrono rischi per cosa? Perchè poi un giudice ritiene che vadano scarcerati o perchè non sanno più dove metterli?
    Mi spiace ma non condivido.
    È chiaro che lo spaccio, la criminalità non potrà mai essere eliminata ma almeno cercare di limitarla.
    Ultima modifica di LadyHawke; 23-01-2020 alle 15:36

  9. #729
    Opinionista L'avatar di LadyHawke
    Data Registrazione
    29/04/19
    Messaggi
    1,730
    Citazione Originariamente Scritto da axeUgene Visualizza Messaggio
    certo, questa, comprensibilmente, è una tra le percezioni possibili, che a te colpisce; poi, però, la realtà è molto più complessa e stratificata; per un mero dato statistico, una buona metà di quegli entusiasti delle salvinate è cliente o fratello, mamma o figlia dei clienti dello spacciatore, vista la diffusione del consumo di coca, che è da sempre una sostanza prevalentemente "di destra", consumata da chi ha o ambisce ad un reddito e uno stile di vita di un certo tipo e tenore ideologico; il consumatore "di sinistra" di solito si rintrona di canne;

    .
    Le persone che conosco io e che "tifano" Salvini non si fanno di canne e neanche di coca, lavorano! Comunque mi sembra che oggi la politica si sia ribaltata e la sinistra è diventata destra e la destra sinistra e le canne se fanno anche i destri

  10. #730
    Opinionista L'avatar di Breakthru
    Data Registrazione
    30/04/19
    Messaggi
    646
    Citazione Originariamente Scritto da LadyHawke Visualizza Messaggio
    Certo che non si risolve andando a suonare tutti i campanelli dei probabili, presunti colpevoli!
    Mi pare di aver detto che è UNA CAZZATA.
    Mi pare comunque giusto analizzarla da più punti di vista, mi pare.

    Diverso è il discorso sulla microcriminalità.
    Quindi dal momento che il microspaccio "che fondamentalmente, a parte un po' di via vai non rompe le palle a nessuno visto che meno rumore si fa meglio è", per non distogliere risorse dedicate alle grandi linee di approvvigionamento, continuiamo a lasciar liberi piccoli spacciatori, liberi di agire come pare e piace.
    Quindi inutile arrestare piccoli criminali in barba alla leggi, a che servono le leggi, a che serve che i poliziotti arrestino piccoli criminali se poi verranno subito rimessi in libertà, ma hanno pure ragione, a volte corrono rischi per cosa? Perchè poi un giudice ritiene che vadano scarcerati o perchè non sanno più dove metterli?
    Mi spiace ma non condivido.
    È chiaro che lo spaccio, la criminalità non potrà mai essere eliminata ma almeno cercare di limitarla.
    Penso che tu ti sia risposta da sola."Quindi inutile arrestare piccoli criminali in barba alla leggi, a che servono le leggi, a che serve che i poliziotti arrestino piccoli criminali se poi verranno subito rimessi in libertà, ma hanno pure ragione, a volte corrono rischi per cosa? Perchè poi un giudice ritiene che vadano scarcerati o perchè non sanno più dove metterli?"
    Oltretutto pensa che la bassa manovalanza in questi tempi di crisi è veramente tanta. Arrestato uno c'è subito un altro a sostituirlo.

  11. #731
    Opinionista L'avatar di LadyHawke
    Data Registrazione
    29/04/19
    Messaggi
    1,730
    Sì ma la mia risposta era retorica, ma non sono d'accordo su questo sistema e che sia lecito lasciar liberi anche piccoli spacciatori.
    Cioè chi sbaglia tanto o poco deve pagare il suo debito con la giustizia ed è il sistema giudiziario che metto in discussione.

  12. #732
    Opinionista L'avatar di Turbociclo
    Data Registrazione
    28/04/19
    Località
    Roma
    Messaggi
    2,243
    Io so che una volta quasi tutti i tossici erano anche piccoli spacciatori, per potersi permettere l'uso della droga, in genere al servizio di qualcuno che dirigeva il traffico. Oggi non so cosa sia cambiato nel panorama generale. Purtroppo la droga è diffusa anche nelle carceri comunque...
    È il tempo che hai perduto per la tua rosa che ha reso la tua rosa così importante

  13. #733
    Opinionista L'avatar di axeUgene
    Data Registrazione
    17/04/10
    Località
    sotto una quercia nana in zona Porta Genova
    Messaggi
    16,640
    Citazione Originariamente Scritto da LadyHawke Visualizza Messaggio
    Quindi inutile arrestare piccoli criminali in barba alla leggi, a che servono le leggi, a che serve che i poliziotti arrestino piccoli criminali se poi verranno subito rimessi in libertà, ma hanno pure ragione, a volte corrono rischi per cosa? Perchè poi un giudice ritiene che vadano scarcerati o perchè non sanno più dove metterli?
    Mi spiace ma non condivido.
    È chiaro che lo spaccio, la criminalità non potrà mai essere eliminata ma almeno cercare di limitarla.
    questo dovrebbe suggerire la scarsa sensatezza di un uso "intuitivo delle risorse repressive: è inutile, finché ci sono i clienti; è come esercitare una forza sul punto di maggior resistenza del sistema che vuoi rompere; se vuoi eliminare lo spaccio davvero, colpisci amministrativamente - patrimonialmente, visto che non è un reato; non mandi in carcere nessuno - il consumo; la prima volta 10mila e conseguenze sullo status lavorativo, emendabili con riabilitazione; poi 50mila, ecc... vedrai che ti passa la voglia della dose; almeno al 90% dei consumatori "normali";

    in Svezia hanno debellato così la prostituzione; ma se proponi una cosa così in Italia, sai la levata di scudi dei soliti noti, come per la questione del contante ?

    se però si vuole essere liberali, allora è sbagliato alla radice il proibizionismo stesso; che, alla fine, è l'esito vettoriale di cui ti lamenti: la proba società vuol consumare coca e mignotte, si lamenta del degrado, ma pretende l'ipocrisia moralista del condannare e perseguire, non vuole far passare la legalizzazione, che in effetti sarebbe la traduzione in norma di quella che è la prassi; si fa ma non si dice/ammette; il tipico spirito nazional-pretesco a cui siamo educati dai tempi di Bellarmino

    Citazione Originariamente Scritto da LadyHawke Visualizza Messaggio
    Le persone che conosco io e che "tifano" Salvini non si fanno di canne e neanche di coca, lavorano!
    guarda che la coca è funzionale al lavoro, non antagonista; diffusissima tra i tassisti di Roma, pare;

    anche se conosci quelle persone, non credo vengano a dirti se sniffano o fanno altro; ma è un fatto statistico: se, in grandi numeri, in una certa area hai una grande percentuale di elettori in una fascia di età tra i 20 e i 65, a meno di circostanze particolari di connotazione ideologica, il consumo si presuppone distribuito in quella percentuale;

    nel caso della coca, tradizionalmente, le ideologie la rendono più simpatica a destra, perché è la droga associata alla cultura di epoca reaganiana anni '80, della performance, dei ricchi, del successo, tacitamente tollerata per decenni, per questa sua caratteristica, con personaggi noti e ammirati notoriamente consumatori;

    poi, visto che gli elettori PD e di Forza Italia sono in grande misura anziani e pensionati, più che per altre liste, le percentuali degli elettorati restanti sui consumatori di droghe andrebbero aumentate di conseguenza.
    c' del lardo in Garfagnana

  14. #734
    Opinionista L'avatar di axeUgene
    Data Registrazione
    17/04/10
    Località
    sotto una quercia nana in zona Porta Genova
    Messaggi
    16,640
    Citazione Originariamente Scritto da LadyHawke Visualizza Messaggio
    Sì ma la mia risposta era retorica, ma non sono d'accordo su questo sistema e che sia lecito lasciar liberi anche piccoli spacciatori.
    Cioè chi sbaglia tanto o poco deve pagare il suo debito con la giustizia ed è il sistema giudiziario che metto in discussione.
    è una scienza economica pure quello:
    tu devi conseguire il risultato ottimale di "economia sociale", non morale, e a partire dalle risorse di cui disponi; difficile da intuire per chi non sia del mestiere;

    fatte 100 le tue risorse di sistema repressivo, le devi distribuire in modo ponderato a combattere i fenomeni e i soggetti che creano più danno nel modo più efficace possibile; una mancata repressione - altrimenti onerosissima - su uno spaccio di strada che non determina fatti di sangue ed avviene con la complicità di un'enorme clientela, implica un costo-opportunità enorme; nessun dirigente di prefettura sano di mente perseguirebbe questa strategia;
    come non sarebbe un buon sistema giudiziario quello che riempia le carceri di spacciatori, facendoli mantenere dallo stato quando in via generale non sono loro a rappresentare un vero pericolo sociale, e sono comunque facilmente sostituibili;
    è lo tesso principio per cui nelle disinfestazioni si tende a sterilizzare le specie troppo prolifiche, più che a sterminarle;

    e lo stesso per cui nelle carceri hai una legislazione premiale, che ai non addetti sembra assurda; senza di quella, avresti una rivolta alla settimana e ti servirebbe dieci volte tanto personale penitenziario; oltretutto, venendo meno anche al dettato costituzionale della rieducazione;

    ora, è comprensibile che tu voglia vedere lo spacciatore in galera; ma se studi un po' il senso del sistema giudiziario/repressivo in relazione alla realtà della diffusione dei comportamenti illeciti e criminali, vedrai che non è tanto stupido, anche se c'è un eccesso di penale che ingolfa tanti meccanismi.
    c' del lardo in Garfagnana

  15. #735
    Opinionista L'avatar di LadyHawke
    Data Registrazione
    29/04/19
    Messaggi
    1,730
    Citazione Originariamente Scritto da axeUgene Visualizza Messaggio
    questo dovrebbe suggerire la scarsa sensatezza di un uso "intuitivo delle risorse repressive: è inutile, finché ci sono i clienti; è come esercitare una forza sul punto di maggior resistenza del sistema che vuoi rompere; se vuoi eliminare lo spaccio davvero, colpisci amministrativamente - patrimonialmente, visto che non è un reato; non mandi in carcere nessuno - il consumo; la prima volta 10mila e conseguenze sullo status lavorativo, emendabili con riabilitazione; poi 50mila, ecc... vedrai che ti passa la voglia della dose; almeno al 90% dei consumatori "normali";

    in Svezia hanno debellato così la prostituzione; ma se proponi una cosa così in Italia, sai la levata di scudi dei soliti noti, come per la questione del contante ?

    se però si vuole essere liberali, allora è sbagliato alla radice il proibizionismo stesso; che, alla fine, è l'esito vettoriale di cui ti lamenti: la proba società vuol consumare coca e mignotte, si lamenta del degrado, ma pretende l'ipocrisia moralista del condannare e perseguire, non vuole far passare la legalizzazione, che in effetti sarebbe la traduzione in norma di quella che è la prassi; si fa ma non si dice/ammette; il tipico spirito nazional-pretesco a cui siamo educati dai tempi di Bellarmino


    guarda che la coca è funzionale al lavoro, non antagonista; diffusissima tra i tassisti di Roma, pare;

    anche se conosci quelle persone, non credo vengano a dirti se sniffano o fanno altro; ma è un fatto statistico: se, in grandi numeri, in una certa area hai una grande percentuale di elettori in una fascia di età tra i 20 e i 65, a meno di circostanze particolari di connotazione ideologica, il consumo si presuppone distribuito in quella percentuale;

    nel caso della coca, tradizionalmente, le ideologie la rendono più simpatica a destra, perché è la droga associata alla cultura di epoca reaganiana anni '80, della performance, dei ricchi, del successo, tacitamente tollerata per decenni, per questa sua caratteristica, con personaggi noti e ammirati notoriamente consumatori;

    poi, visto che gli elettori PD e di Forza Italia sono in grande misura anziani e pensionati, più che per altre liste, le percentuali degli elettorati restanti sui consumatori di droghe andrebbero aumentate di conseguenza.
    Mi dispiace ma non la vedo come te.
    L'ho già detto da un'altra parte che sono contraria alla liberalizzazione delle droghe, tutte, se non per solo uso terapeutico e sotto controllo medico.
    Se uno vuol consumare quantità ammesse dalla legge per uso personale libero di farlo, come può essere di ubriacarsi, o di suicidarsi lanciandosi da un palazzo o come crede, ma non sono d'accordo sulla punibilità solo con sanzione amministrativa o patrimoniale per lo spaccio.

    Gli spacciatori vanno puniti con la reclusione, le droghe danneggiano, poi tu puoi essere libero di pensarla come vuoi ma non mi convincerai a cambiare i miei principi, valori e ideali.

    Dal momento che le droghe come la coca sono sempre state appannaggio di ricchi, mi piacerebbe che facessero il test a TUTTI i politici che siedono in parlamento per vedere realmente quanti sono a destra e a sinistra, ma si sa che non si può obbligare nessuno.
    Ultima modifica di LadyHawke; 23-01-2020 alle 17:51

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •