Pagina 2 di 4 PrimaPrima 1 2 3 4 UltimaUltima
Risultati da 16 a 30 di 48

Discussione: Il problema della privacy e le nuove tecnologie

  1. #16
    Opinionista
    Data Registrazione
    06/02/16
    Messaggi
    4,743
    Salendo di livello si ha una profilazione specifica che va molto al di la della povera privacy del pinco palla.
    Per un tizio il mossad si inseri' nello scarico del cesso per avere la situazione medica e valutare se valeva la pena considerare il dignitario interlocutore affidabile, ovvero che non si moriva a breve.

    Poi c'e' una privacy relativa che si desume da dati ufficiali conservati in banche' dati separate, privacy che decade se tali banche colloquiano.

    Segue una privacy spicciola di massa che da materiale per rendere piu' efficace una campagna promozionale di massa.

    In ogni caso se un pinco palla diventa socialmente rilevante, quindi di interesse per poteri vari, i mezzi per ricostruire la sua anima non mancano e le informazioni spicciole sono il minimo.

  2. #17
    whatever.. L'avatar di Misterikx
    Data Registrazione
    24/03/05
    Località
    estero
    Messaggi
    14,613
    Citazione Originariamente Scritto da meogatto Visualizza Messaggio

    In ogni caso se un pinco palla diventa socialmente rilevante, quindi di interesse per poteri vari, i mezzi per ricostruire la sua anima non mancano e le informazioni spicciole sono il minimo.
    azz é vero chi pensava mai che Tori Amos era figlia di un Reverendo

    " Non siamo in un salotto borbonico col mignolo sollevato e l'inchino obbligatorio. Qui siamo tutti uguali. Non ti aspettare in un forum cose difficili da trovare pure tra amici e parenti." Nahui

  3. #18
    quella che dice gatto è la vulgata...
    a me piace ripetere che la carità nuoce a chi la riceve: ma a parti invertite. che è come dire che se fingi di essere nel bisogno, sei "machiavellicamente" e "napoletanamente", se i napoletani me lo consentono, in una situazione di vantaggio. lo dico per esperienza diretta avendo frequentato persone assai avanti negli anni...(anche qui sul forum).

  4. #19
    Opinionista
    Data Registrazione
    06/02/16
    Messaggi
    4,743
    Se un soggetto e' di interesse rilevante avere vita, morte e miracoli e' solo questione di prezzo.
    Un buon esempio credo che sia l'analisi delle giurie popolari nei processi rilevanti americani.

    Per le campagne mediatiche di massa le informazioni non motivano piu' di qualche centesimo di spesa per raccoglierle, tanto valgono i dati salienti di un pinco palla che conta meno di un due di picche.

  5. #20
    si. c'è gente che rinuncia all'onore pur di finire sui giornali. anche se ciò dovesse comportare la commissione di qualche delitto...(vero o presunto).

  6. #21
    Opinionista
    Data Registrazione
    06/02/16
    Messaggi
    4,743
    Ma quello e' esibizionismo, non privacy come potrebbe essere una tua telefonata virtualmente ascoltabile con il sistema ocelon che intercetta la telefonia mondiale.
    In genere non sono le informazioni a mancare, ma la capacita' di analizzare selettivamente tali enormi volumi.
    Da cui il valore di algoritmi che nel tutto globale riescono ad estrarre quel poco di reale interesse da approfondire.

  7. #22
    quello che volevo dire è che molte persone, assetate di notorietà, sarebbero disposte a rinunciare alla propria privacy pur di soddisfare le proprie fantasie di popolarità e di guadagno. così diventano personaggi pubblici con un'ospitata in qualche ancorshow per legalizzare il proprio status. e vivono inseguendo sempre nuove marchette e sempre nuovi e più consistenti compensi. (beati loro che son "sola" e se ne fregano).

  8. #23
    Opinionista
    Data Registrazione
    06/02/16
    Messaggi
    4,743
    Se e' il soggetto a rendere pubblici i fatti suoi, specialmente su vettori di massa, non credo si possa piu' parlare di privacy.

  9. #24
    appunto. il problema sorge quando la privacy viene meno non per volontà del soggetto, ma per decisione di qualcuno che può permettersi di decidere dell'onore di altri. è questo che non mi sta bene. ci sono delle leggi e vanno rispettate. ma ripeto: fatta la legge trovato l'inganno.

  10. #25
    Opinionista
    Data Registrazione
    06/02/16
    Messaggi
    4,743
    L'onore abusato si lega piu' con la diffamazione che con la privacy.
    Per altro sull'onore del pinco palla nessuno investe, diverso per personaggi pubblici che pero', per la loro posizione, ha un diritto di privacy limitato essendo il loro operare influente sul privato di tutti.

  11. #26
    si. però a certi livelli se sei visibile hai anche un potere "contrattuale" e quindi legale e quindi relativo alla possibilità di far valere il tuo "peso" anche nei confronti di chi ti diffama. più gente ti conosce più gente ti apprezza per quello che dici o fai, e conseguentemente più gente coalizzata nel rivendicare certe istanze riesce a consolidare il potere di chi per primo rivendica quelle istanze. insomma la notorietà vota, il denaro vota, il popolo vota ecc., ecc.

  12. #27
    Opinionista
    Data Registrazione
    06/02/16
    Messaggi
    4,743
    Siamo comunque fuori dal problema posto dove, sostanzialmente, le nuove tecnologie di comunicazione e memorizzazione dei dati di massa permettono a chi puo' accedervi un condizionamento efficace delle scelte di massa.

  13. #28
    qualcuno ha detto: quando sei al supermercato e stai comprando qualcosa, in quello stesso momento voti...

  14. #29
    Opinionista
    Data Registrazione
    06/02/16
    Messaggi
    4,743
    Certo, ma un voto consapevole richiede una buona informazione, cosa piuttosto problematica da costruire per ogni singolo e suo carello della spesa.
    Le ore di studio sulla filiera di ogni singolo prodotto.
    Diverso per chi, stipendiato, analizza masse di dati aggregati e il cui responso si traduce in campagne mirate che gli danno ritorni in premi di produzione.

  15. #30
    Opinionista
    Data Registrazione
    14/07/08
    Messaggi
    8,254
    Vorrei riprendere il discorso, in quanto credo che il problema della privacy e degli strumenti per salvaguardarla sia centrale e lo sarà sempre di più. Ho raccolto diversi link, che incollo di seguito. Oggi sia tramite i nostri cellulari e la navigazione sul web vengono massicciamente raccolte informazioni anche importanti, anche i like su facebook se studiati tramite algoritmi danno un profilo dell'utente medio, per non parlare della posta elettronica, i sistemi di localizzazione (una app che uso per girare nei boschi, utilissima, dà di fatto la mia posizione in ogni momento a chi ne è interessato e i vari governi sono molto interessati ai dati personali degli utenti, credo che non sia dietrologia pensare che per esempio siano in stretto contatto con google e facebook)

    L'argomento è talmente vasto che richiede un'analisi approfondita, che potrebbe per esempio estendersi all'uso dei droni, partendo dai sistemi per salvaguardare la privacy in rete, come tor, i proxy, i vpn.

    Sono sicuro che ci siano diversi utenti che ne sanno più di me, intanto posto dei link che potrebbero servire da spunto. Non garantisco della qualità dell'informazione, è quello che ho trovato.

    Data la centralità del problema propongo alla moderazione di mettere questo 3d in evidenza.

    Buona domenica a tutti.

    https://prism-break.org/en/
    https://it.wikipedia.org/wiki/Tor_(software)
    https://it.wikipedia.org/wiki/Tails
    https://www.privacytools.io/
    https://www.google.it/?gws_rd=ssl#q=...+chiavetta+usb
    https://anonofficial.com/
    https://it.wikipedia.org/wiki/Anonymous
    https://nordvpn.com/special/deal/?ut...ource=aff10928
    https://www.ilfattoquotidiano.it/201...tempo/3616985/
    https://wiki.installgentoo.com/index...izing_yourself

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •