Pagina 3 di 4 PrimaPrima 1 2 3 4 UltimaUltima
Risultati da 31 a 45 di 50

Discussione: Il problema della privacy e le nuove tecnologie

  1. #31
    Chiamatemi Margherita L'avatar di Magiostrina
    Data Registrazione
    18/10/17
    Messaggi
    3,522
    Pubblicano le nostre password?
    Io non ho mai fatto caso alla protezione della privacy perchè, come la maggior parte della gente, penso di non aver nulla da nascondere. Invece forse è la prospettiva sbagliata, visto che tutti siamo abbastanza gelosi della privacy dentro casa, ma quando ci connettiamo non ci pensiamo per niente.
    Non è sufficiente un buon antivirus e un firewall (io ho peerblock mi pare)?
    Ma poi comuqnue se vogliono riescono ad individuare chi è connesso, credo. Anche usando la navigazione anonima, si può 'vedere' da che tipo di dispositivo ci si connette e da quale località. Magari ad alcune aziende basta questo per farsi i propri studi di marketing e quant'altro.
    Non si ha fiducia negli altri perché essi se la meritano, ma perché merita di averla colui che la prova.

  2. #32
    Eufonista L'avatar di BiO-dEiStA
    Data Registrazione
    22/02/10
    Località
    La terra delle tre stirpi
    Messaggi
    5,007
    La navigazione anonima ti tutela quanto la legge sulla privacy, ma almeno richiede meno adempimenti.
    Citazione Originariamente Scritto da Ned Flanders Visualizza Messaggio
    Sono stato tanto...ma tanto Laurina, lontano dal Signore: Ne ho combinate di cotte e di crude. Ti basti sapere soltanto questo....

  3. #33
    Chiamatemi Margherita L'avatar di Magiostrina
    Data Registrazione
    18/10/17
    Messaggi
    3,522
    Citazione Originariamente Scritto da BiO-dEiStA Visualizza Messaggio
    La navigazione anonima ti tutela quanto la legge sulla privacy, ma almeno richiede meno adempimenti.
    Ma per navigazione anonima intendevo con quei browser che proteggono la privacy schermando l'ip per esempio. Tanto se ti connetti dal cellulare, chi spia può vedere che cellulare usi. Cioè alla fine per proteggere veramente la privacy bisogna fare un sacco di fatica, mentre in realtà se google o amazon vedono cosa compro o la mia ultima ricerca, che so io, su come curare la parodontite o la candida o sulla lingerie di pizzo, a me in fondo che me ne frega?
    Non si ha fiducia negli altri perché essi se la meritano, ma perché merita di averla colui che la prova.

  4. #34
    Opinionista
    Data Registrazione
    14/07/08
    Messaggi
    8,254
    Citazione Originariamente Scritto da Magiostrina Visualizza Messaggio
    Ma per navigazione anonima intendevo con quei browser che proteggono la privacy schermando l'ip per esempio. Tanto se ti connetti dal cellulare, chi spia può vedere che cellulare usi. Cioè alla fine per proteggere veramente la privacy bisogna fare un sacco di fatica, mentre in realtà se google o amazon vedono cosa compro o la mia ultima ricerca, che so io, su come curare la parodontite o la candida o sulla lingerie di pizzo, a me in fondo che me ne frega?
    E la tua posta elettronica? Se usi gmail ma non solo ci deve essere per forza ben altro che un like su facebook. Da cui comunque possono emergere le tue preferenze politiche ma anche altro, tipo sei iscritta ad esempio ad un gruppo facebook sulla fibrosi cistica e torni frequentemente sull'argomento anche altrove per esempio. Dico tu per dire chiunque chiaro. In una società in veloce cambiamento questo controllo deve dare da pensare.
    Ultima modifica di Acquerapide; 12-03-2019 alle 08:15

  5. #35
    Opinionista
    Data Registrazione
    14/07/08
    Messaggi
    8,254
    www.startpage.com

    www.duckduckgo.com

    Due motori di ricerca che non ti tracciano. Penso. Più di google comunque è impossibile.

  6. #36
    la viaggiatrice L'avatar di dark lady
    Data Registrazione
    09/03/05
    Località
    On the road
    Messaggi
    47,414
    Citazione Originariamente Scritto da Magiostrina Visualizza Messaggio
    Ma per navigazione anonima intendevo con quei browser che proteggono la privacy schermando l'ip per esempio. Tanto se ti connetti dal cellulare, chi spia può vedere che cellulare usi. Cioè alla fine per proteggere veramente la privacy bisogna fare un sacco di fatica, mentre in realtà se google o amazon vedono cosa compro o la mia ultima ricerca, che so io, su come curare la parodontite o la candida o sulla lingerie di pizzo, a me in fondo che me ne frega?
    In realtà basterebbe sapere usare Tor e il Deep web
    Membro del consiglio degli admin
    Corresponsabile dei rapporti con l'utenza
    Moderatore Salute, alimentazione, omeopatia
    Moderatore Chalet delle Rose


    Tempus fugit

    Salmone inside


    Ci sono novit�, ci sono notti che per niente al mondo perderei... e la curiosit�, e quello che ci porter�...

  7. #37
    Chiamatemi Margherita L'avatar di Magiostrina
    Data Registrazione
    18/10/17
    Messaggi
    3,522
    Citazione Originariamente Scritto da Acquerapide Visualizza Messaggio
    E la tua posta elettronica? Se usi gmail ma non solo ci deve essere per forza ben altro che un like su facebook. Da cui comunque possono emergere le tue preferenze politiche ma anche altro, tipo sei iscritta ad esempio ad un gruppo facebook sulla fibrosi cistica e torni frequentemente sull'argomento anche altrove per esempio. Dico tu per dire chiunque chiaro. In una società in veloce cambiamento questo controllo deve dare da pensare.
    Ma quindi uno non dovrebbe usare gmail? Un paio di volte ho notato strani movimenti in effetti, troppo per essere pura casualità. Fb lo uso veramente poco, cioè vado a periodi ma cerco di usarlo per questioni pratiche e utili.

    Citazione Originariamente Scritto da dark lady Visualizza Messaggio
    In realtà basterebbe sapere usare Tor e il Deep web
    Il deep web non lo conosco per niente e non credo mi serva, questo famoso Tor l'ho usato ogni tanto, ma rallenta la connessione. Ma poi è che non vedo tutto questo pericolo, o forse sono ignorante in materia?
    Ci stanno schedando a nostra insaputa?
    Non si ha fiducia negli altri perché essi se la meritano, ma perché merita di averla colui che la prova.

  8. #38
    Opinionista
    Data Registrazione
    14/07/08
    Messaggi
    8,254
    Certo. Rientra nella logica di pensiero di chi detiene il potere da sempre. Posso capire che nella frenesia del benessere degli anni 80 ci si fosse scordati, ma oggi, dopo avere visto decine di paesi diventare da democratici o aspiranti tali a dittature, il controllo è nell'interesse pieno di chi esercita il potere a tutti i livelli. Speravo di tenere la discussione sul tecnico e non sull'ideologico, per chi ha la conoscenza tecnica di portare contributi su come salvaguardare la propria privacy in rete, altrimenti finiremmo con lunghissimi post a discutere di politica.

    Se comunque leggi del caso Snowden, di PRISM e di altri sistemi simili al primo, ne hai una idea ben precisa. Le guerre, quelle vere, oggi si svolgono in rete e non si può mai sapere, per quanti sistemi di eludere i controlli ci siano, di quanti passi alcuni governi siano avanti a noi adesso. Con i computer quantistici, sistemi di decrittazione un tempo inimmaginabili diventano possibili. Mentre parliamo di Tor forse l'hacker medio ha ancora difficoltà, ma le grandi organizzazioni?
    Ultima modifica di Acquerapide; 13-03-2019 alle 07:56

  9. #39
    Opinionista L'avatar di King Kong
    Data Registrazione
    05/07/17
    Messaggi
    539
    Mi sono chiesto a lungo, in passato, di quali e quanti strumenti dispongano le grandi società specializzate, gli apparati militari e di polizia, gli specialisti dei servizi di mezzo mondo (ad esempio il cellulare di Angela Merkel spiato dalla NSA). In famiglia ho due specialisti di elettronica ad alto livello e sono arrivato alla conclusione che una difesa a 360 gradi della nostra privacy non esiste. Per questo sono stato per anni lontano da FB e simili, ho cercato di evitare con cura l’uso di App in qualche modo „curiosone“, ho sempre rifiutato le richieste di invio dati a Microsoft „per il miglioramento del programma“. Mi sono poi chiesto se tutto questo fosse sufficiente e la risposta che mi sono dato è un netto NO. I dati corrono in direzioni per noi incontrollabili anche quando usiamo la carta di credito, la mia TV è connessa a Internet, il mio forno in cucina è dotato di Wi-Fi (anche se non lo uso), quando vado dal concessionario per la revisione o il cambio gomme, i miei dati vengono registrati sul sistema della casa madre che invariabilmente mi manda una newsletter che poi con fatica devo disdire. La domanda successiva che mi sono posto è stata se, al di fuori dall’abuso commerciale dei miei dati controllato da algoritmi diabolici, ci fossero immediati pericoli personali di altro tipo.
    Mi sono risposto che il mio profilo e la mia biografia non sono tali da decidere le sorti del mondo, ma nemmeno quelle del quartiere o della via dove abito e che quindi le mie opinioni su Dio, l’universo, il parmigiano sugli spaghetti alle vongole non suscitano certo l’interesse della CIA o delle organizzazioni occulte di Casaleggio o di Soros.
    In poche parole, la migliore arma di difesa, in questo caso, è essere uno fra milioni, forse miliardi di user insignificanti e, tutto sommato, anonimi.
    Per dire, non temo di avere Fabrizio Corona sotto casa con l’obiettivo puntato per sorprendermi con la vicina del terzo piano, sono un soggetto poco Interessante.
    Questa è la mia unica difesa possibile.

  10. #40
    Opinionista
    Data Registrazione
    06/02/16
    Messaggi
    4,835
    Anche la piu' efficace, oltre al fatto che il difficile delle informazioni non e' acquisire, ma analizzare visto che anche gli algoritmi danno milioni di segnalazioni da verificare.
    Fermo restando che ad un soggetto sensibile si mette la spia, meglio femmina, alle calcagna.
    E, es, per verificare lo stato di salute di un leader avverso gli israeliani intercettarono lo scarico del cessò.
    Sapere cio' che vuoi per fartelo riducendo gli scarti non lo ritengo malefico, mentre per sapere il clima di una situazione basta passeggiare dentro e poco importa il pensiero mediatico dei singoli.

  11. #41
    Opinionista
    Data Registrazione
    07/10/10
    Località
    roma
    Messaggi
    1,589
    io penso che per almeno altri trent'anni - cioè fino a quando le tv non saranno cadute in disuso - possiamo stare tranquilli. ci sono altri mezzi oltre alle intercettazioni e alle segnalazioni per ricavare la presunta pericolosità sociale di un soggetto. insomma abbiamo ancora forze dell'ordine eccellenti e capaci di fare due più due quando è il caso. abbiamo meccanismi di controllo sociale ormai collaudati. abbiamo anche strumenti che teoricamente possono essere utili a disinnescare minacce terroristiche o più semplicemente di criminalità comune. insomma il sistema regge. il fatto centrale per mantenere lo status quo è essenzialmente quello di rendere le persone, almeno nella maggioranza, ricattabili. e come si fa? si fa inducendo i più sprovveduti a commettere un reato di lieve entità e poi "rieducandoli" nei reo/comi e rendendoli parte del sistema. insomma il sistema segue la logica di chi mangia ciliegie: una dopo l'altra le difficoltà vengono risolte. però permettetemi: in modo "umano" e "solidale".

  12. #42
    Eufonista L'avatar di BiO-dEiStA
    Data Registrazione
    22/02/10
    Località
    La terra delle tre stirpi
    Messaggi
    5,007
    Citazione Originariamente Scritto da Magiostrina Visualizza Messaggio
    Ma per navigazione anonima intendevo con quei browser che proteggono la privacy schermando l'ip per esempio.
    Ok, adesso ci siamo capiti. A prezzo di un notevole rallentamento, con questi sistemi puoi mettere fuori uso i controlli fatti sugli IP degli utenti che si connettono a un servizio, ad esempio Discutere. Ma chi ha idea di chi gestisce Tor e similari, o chi ci assicura che anch'essi non debbano la loro esistenza al fatto di trasmettere i dati in loro possesso a chi di dovere?

    Citazione Originariamente Scritto da Acquerapide Visualizza Messaggio
    www.startpage.com

    www.duckduckgo.com

    Due motori di ricerca che non ti tracciano. Penso. Più di google comunque è impossibile.
    Non ti tracciano? Te lo dicono loro?
    Citazione Originariamente Scritto da Ned Flanders Visualizza Messaggio
    Sono stato tanto...ma tanto Laurina, lontano dal Signore: Ne ho combinate di cotte e di crude. Ti basti sapere soltanto questo....

  13. #43
    Opinionista
    Data Registrazione
    07/10/10
    Località
    roma
    Messaggi
    1,589
    @BIO: ti posso assicurare che il problema non si pone: quelli che in italia hanno un computer "si contano" o cmq rappresentano una parte infinitesima della popolazione. per ora...tra qualche anno non è dato sapere. (mi permetto di parlarti con franchezza).

  14. #44
    Eufonista L'avatar di BiO-dEiStA
    Data Registrazione
    22/02/10
    Località
    La terra delle tre stirpi
    Messaggi
    5,007
    Citazione Originariamente Scritto da sandor Visualizza Messaggio
    @BIO: ti posso assicurare che il problema non si pone: quelli che in italia hanno un computer "si contano" o cmq rappresentano una parte infinitesima della popolazione. per ora...tra qualche anno non è dato sapere. (mi permetto di parlarti con franchezza).
    Ti ringrazio per la tua sincerità, ma l'ISTAT non è del tuo stesso parere. In ogni caso esistono anche tablet e cellulari, e il problema si pone non appena ci si connette alla rete con qualsiasi mezzo atto allo scopo.
    Citazione Originariamente Scritto da Ned Flanders Visualizza Messaggio
    Sono stato tanto...ma tanto Laurina, lontano dal Signore: Ne ho combinate di cotte e di crude. Ti basti sapere soltanto questo....

  15. #45
    Opinionista
    Data Registrazione
    07/10/10
    Località
    roma
    Messaggi
    1,589
    ma a quanto ne so l'ISTAT non considera nel paniere i beni di lusso, come potrebbe essere il computer. il fatto di un consumo di massa ti ripeto, mi sembra di là da venire...

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •