Risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: normativa sulla Privacy

  1. #1

    normativa sulla Privacy




    Da oggi e' obbligatorio adeguarsi al regolamento UE 2016/679 , ora bisogna far comparire un banner dove il visitatore viene informato che sul sito c'e' una informativa completa sulla Privacy , alcuni siti non usano Cookies , perche' non servono , ma paradossalmente per far comparire il banner ed evitare che ogni volta che transita dalla Home Page , il visitatore si trovi sto banner bisogna mandargli un Cookies dove memorizzi l'ultima volta che lui ha visitato il sito, quindi se prima non non li usava adesso li usa !


    Siamo in una spirale di delirio, la gente pubblica bellamente ogni minimo dettaglio della propria vita online e poi ci si fanno mille menate se un sito profila i suoi utenti

  2. #2
    Opinionista L'avatar di Tiberio
    Data Registrazione
    16/08/16
    Messaggi
    2,272
    Ma appunto
    Il viaggio che ci è dato è interamente immaginario. Ecco la sua forza. Va dalla vita alla morte. Uomini, bestie, città e cose, è tutto inventato. È un romanzo, nient’altro che una storia fittizia. (Louis-Ferdinand Céline)

  3. #3
    Eufonista L'avatar di BiO-dEiStA
    Data Registrazione
    22/02/10
    Località
    La terra delle tre stirpi
    Messaggi
    5,186
    Come al solito è una questione di fame di soldi, sull'onda lunga dei giganti del web che fanno comunque ciò che vogliono, anche perché non mi pare che nel frattempo sia diminuita la quantità di spam o di offerte telefoniche non richieste.
    Il GDPR si applica solo ai dati personali delle persone fisiche e nulla più, per cui un semplice sito vetrina senza form di contatto non dovrebbe avere particolari problemi. In caso contrario, se non è previsto che i dati siano forniti a terzi, potrebbero bastare un firewall con registro dei log e le solite possibilità di cancellazione, modifica eccetera. La vera novità rispetto al vecchio decreto del 2003 è la valutazione d'impatto privacy, in quanto non esistono più misure minime di sicurezza.
    Personalmente una volta fatta quella e riscritte informativa e designazione del personale mi sento in una botte di ferro. I cosiddetti esperti della privacy per me possono anche cambiare mestiere, soprattutto se insistono su registro dei trattamenti, nomina di DPO, adeguamenti SW/HW fantasmagorici o altre misure roboanti quando è molto facile che nel caso in esame non siano affatto necessarie.
    Citazione Originariamente Scritto da Careful with that Visualizza Messaggio
    i miei post in media sono di una dozzina di righe, al più;
    Citazione Originariamente Scritto da Ned Flanders Visualizza Messaggio
    Sono stato tanto...ma tanto Laurina, lontano dal Signore: Ne ho combinate di cotte e di crude. Ti basti sapere soltanto questo....

  4. #4
    Party Crasher L'avatar di okno
    Data Registrazione
    30/03/06
    Località
    Paper St.
    Messaggi
    15,194
    Un cookie "tecnico" è diverso da un cookie "di profilazione", non c'è nessuna spirale di delirio.
    "Tipo piacevole. Mai scontato. Non banale." - Utente da Empoli


    -=1313=-

  5. #5
    Opinionista L'avatar di Solaika
    Data Registrazione
    25/01/06
    Località
    Roma
    Messaggi
    2,011
    Citazione Originariamente Scritto da dietrologo Visualizza Messaggio
    Siamo in una spirale di delirio, la gente pubblica bellamente ogni minimo dettaglio della propria vita online e poi ci si fanno mille menate se un sito profila i suoi utenti
    La profilazione degli utenti sarebbe una menata?
    Profilare gli utenti per le grandi aziende significa poter produrre ciò che noi vogliamo spesso prima che arrivi al nostro livello di coscienza.
    Sapere cosa facciamo, conoscere i nostri comportamenti e quindi i nostri gusti significa prevedere i comportamenti, significa avere così tante informazioni su di noi da essere in grado di condizionarci a fare delle scelte. Le pubblicità mirate, le bolle di filtraggio, sono solo alcune delle prove "tangibili".
    Questi sono esempi per condizionarci a, ad esempio, farci stare più tempo sul loro sito, farci acquistare qualcosa, ma domani?
    E intendo davvero "domani" e non "un domani". Saranno magari in grado di sapere se potremmo essere in grado di compiere qualche reato o magari potrebbero sapere chi potremmo eleggere togliendoci quindi la democrazia facendoci credere che sia una comodità per noi?
    Sì, sono volutamente esagerata ma per favore non sottovalutiamo questi argomenti.
    Se non fossero leggi a proteggere i nostri dati, con tutto il potere che hanno (e che avranno) le aziende che li possiedono, staremmo già vivendo scenari degni di Orwell (che comunque si prospettano).
    Intanto il GPDR ha messo dei paletti "giganti del web" che per colpa di una lacuna della vecchia Direttiva, hanno potuto fare ciò che volevano con i dati di cittadini europei.
    Oltre alla nomina del DPO e altra roba che hai citato, ce ne sono di interessanti come il diritto all'oblio ad esempio.
    Queste nascono da necessità e problematiche estremamente attuali.
    Mi dirai che sono fin troppo attuali, e la tecnologia va talmente tanto veloce che, una legge che ci ha messo 5 anni a venir fuori, più 2 per entrare in vigore, fra due anni rischi di essere già a tratti obsoleta.
    ...E' che mi disegnano così...

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •