Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Un altro genio italiano emigrato

  1. #1
    Eufonista L'avatar di BiO-dEiStA
    Data Registrazione
    22/02/10
    Località
    La terra delle tre stirpi
    Messaggi
    4,781

    Un altro genio italiano emigrato

    Non avrei voluto essere io ad aprire questa discussione, ma visto che nessuno l'ha fatto finora mi sembra giusto e doveroso riportare la fresca notizia.
    Il romano Alessio Figalli, 34 anni e attualmente docente presso il politecnico di Zurigo, ha appena vinto la medaglia Fields, prestigioso premio internazionale in ambito matematico. Figalli proviene dal liceo classico, dove notoriamente la matematica non la fa da padrona, ma almeno in passato ha rappresentato una fucina di geni anche in quel settore. Tutto questo è oggi sulla bocca di tutti.
    Si sente dire che la medaglia Fields sarebbe il premio Nobel della matematica, ma il paragone è decisamente improprio. Intanto viene assegnata ogni quattro anni a quattro matematici di età inferiore ai 40 anni (tant'è vero che Andrew Wiles dovete accontentarsi di una menzione speciale, perché aveva sì formulato una prima dimostrazione dell'ultimo teorema di Fermat a 39 anni, ma non era ancora quella rigorosa di qualche tempo dopo), e poi ha un premio in denaro ridicolo rispetto a quello del Nobel. Un candidato migliore è il premio Abel, che ha un premio paragonabile e si svolge ogni anno.
    Altra nota di colore, Figalli ha vinto la medaglia Fields per aver scoperto un metodo risolutivo per alcuni tipi di equazioni differenziali, a quanto sembra mentre in realtà stava cercando altro, e sono cose che capitano. Inoltre l'unico altro italiano ad aver vinto la Fields è stato Enrico Bombieri nel 1974 e sempre per motivi legati alla teoria delle equazioni differenziali. Ma poiché a tutt'oggi conosciamo molte più classi di equazioni differenziali che metodi risolutivi per esse, nasce il sospetto che agli audaci e meritevoli questo sia un campo fecondo di ricchi premi e cotillons.
    Citazione Originariamente Scritto da Ned Flanders Visualizza Messaggio
    Sono stato tanto...ma tanto Laurina, lontano dal Signore: Ne ho combinate di cotte e di crude. Ti basti sapere soltanto questo....

  2. #2
    Opinionista L'avatar di crepuscolo
    Data Registrazione
    08/10/07
    Messaggi
    18,032
    Diciamo che riflette la buona istruzione scientifica italiana, oltreché l'intelligenza del soggetto, peccato che ci sia ancora una certa scollatura tra i buoni studi e la realizzazione degli stessi in quanto gli studi e le tecnologie più avanzate stanno all'estero. Quello che non mi piace è che l'Italia investa tanti soldi per la preparazione scolastica senza che le menti illustri abbiano sbocchi nel nostro paese.

  3. #3
    Opinionista
    Data Registrazione
    06/02/16
    Messaggi
    4,486
    Mediamente serve un collegamento fra ricerca e filiera industriale che la mette a reddito pagandola.
    Nucleare vietato, bioricerca vietata., etc se non fai pari con le spese non si cerca per la gloria, servono verifiche sperimentali e sono sempre piu' costose.

  4. #4
    Opinionista L'avatar di crepuscolo
    Data Registrazione
    08/10/07
    Messaggi
    18,032
    Forse dovrebbero sorgere associazioni o società italiane di scienziati che si offrono alla tecnologia aziendale mondiale. Poi servono borse di studio per i più volenterosi.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •