Pagina 1 di 3 1 2 3 UltimaUltima
Risultati da 1 a 15 di 45

Discussione: Denunciare un sito internet

  1. #1
    Opinionista L'avatar di Tiberio
    Data Registrazione
    16/08/16
    Messaggi
    2,263

    Denunciare un sito internet

    Si può denunciare un sito internet-forum?

    Visto anche quello che successe al sito neonazista Stormfront, se i forumisti che vi partecipano compiono azioni illegali quali diffamazione verso altri utenti, incitamento a uccidere usando bombe, e razzismo/intolleranza ai sensi della legge Mancino (specialmente contro gli ebrei e i neri ma anche gli omosessuali), oltre che violazione della privacy leggendo i messaggi privati dei forumisti (cosa vietata se non alla polizia postale, e considerato come violazione della corrispondenza, punibile come reato informatico ai sensi del codice penale).

    Alcuni famosi siti tollerano ogni sorta di reato e crimine d'odio (punendo però chi risponde male, posta immagini di nudo e usa semplice turpiloquio), l'odio in rete deve finire.

    Penso che il proprietario del forum sia come il direttore responsabile di un giornale, il forumista principale colpevole anche se il messaggio è stato cancellato, e i moderatori corresponsabili, oltre che responsabili di violazione della privacy se leggono i messaggi privati.

    https://www.wired.it/attualita/tech/...ssaggi-utenti/


    Inoltre per evitare i flame, anche lo stalking e il doxxing dovrebbero essere sanzionati, in maniera uguale per tutti, compreso il diritto a non interagire con persone virtuali con cui non si desidera un dialogo.

    Per stalking e doxxing intendo seguire un forumista o utente dappertutto, aggredendolo di continuo e interagendo con lui appositamente per disturbarlo, capita che alcuni forumisti vengano tollerati e altri sanzionati, anzi spesso che chi si difende venga sanzionato più che chi comincia.
    Ultima modifica di Tiberio; 19-12-2018 alle 15:10

  2. #2
    Chiamatemi Margherita L'avatar di Magiostrina
    Data Registrazione
    18/10/17
    Messaggi
    3,522
    Per forumista principale intendi chi ha scritto un determinato post?
    Beh sì in teoria dovrebbero essere colpevoli, ma finchè nessuno denuncia, nessuno va a controllare.
    Però insomma credo che per ottenere attenzione debba trattarsi di un sito molto grande e i reati contestati debbano essere di una certa gravità. La diffamazione non credo sia così grave e neanche la violazione della privacy visto che non si tratta di una email personale, gli altri reati che hai nominato forse sì, sono gravi.
    Non si ha fiducia negli altri perché essi se la meritano, ma perché merita di averla colui che la prova.

  3. #3
    Opinionista L'avatar di Tiberio
    Data Registrazione
    16/08/16
    Messaggi
    2,263
    Citazione Originariamente Scritto da Magiostrina Visualizza Messaggio
    Per forumista principale intendi chi ha scritto un determinato post?
    Beh sì in teoria dovrebbero essere colpevoli, ma finchè nessuno denuncia, nessuno va a controllare.
    Però insomma credo che per ottenere attenzione debba trattarsi di un sito molto grande e i reati contestati debbano essere di una certa gravità. La diffamazione non credo sia così grave e neanche la violazione della privacy visto che non si tratta di una email personale, gli altri reati che hai nominato forse sì, sono gravi.
    tipo scrivere di desiderare un nuovo olocausto, anche se il messaggio è cancellato, rimane comunque nei server, secondo me potrebbe far chiudere anche il sito e incriminare l'autore del messaggio, a cui la polizia postale può risalire tramite l'indirizzo ip

  4. #4
    chiudiamoli tutti e poi chiediamo a tiberio quali possono riaprire

    edit - fare lo stesso coi neri o chiunque altro va bene invece giusto t?

  5. #5
    Opinionista L'avatar di Tiberio
    Data Registrazione
    16/08/16
    Messaggi
    2,263
    O se uno scrive che una determinata categoria sociale o politica (ad es. "i comunisti" o "i liberali") va sterminata, sarebbe apologia di reato e istigazione, tipo come accade in America quando vengono presi di mira i medici che praticano aborti da terroristi dell'estrema destra, e commettono omicidi incitati dai discorsi di qualche politico conservatore o hater della rete, che dicono che i nemici politici vanno uccisi o incarcerati, questa cosa dovrebbe essere considerata illegale come è illegale la propaganda delle idee naziste in Germania ad esempio.
    Ultima modifica di Tiberio; 19-12-2018 alle 15:11

  6. #6
    Citazione Originariamente Scritto da Tiberio Visualizza Messaggio
    O se uno scrive che una determinata categoria sociale o politica (ad es. "i comunisti" o "i liberali") va sterminata, sarebbe apologia di reato e istigazione, tipo come accade in America quando vengono presi di mira i medici che praticano aborti da terroristi dell'estrema destra, e commettono omicidi incitati dai discorsi di qualche politico conservatore o hater della rete.

    va bene sono d'accordo, però anche difendere le rappresaglie israeliane contro i palestinesi allora

    l'aborto comunque è omicidio, dirlo non può essere considerato reato essendo un fatto puro e semplice

  7. #7
    Opinionista L'avatar di Tiberio
    Data Registrazione
    16/08/16
    Messaggi
    2,263
    Citazione Originariamente Scritto da ruotolo stons Visualizza Messaggio
    va bene sono d'accordo, però anche difendere le rappresaglie israeliane contro i palestinesi allora

    l'aborto comunque è omicidio, dirlo non può essere considerato reato essendo un fatto puro e semplice
    non esistono fatti ma solo opinioni sui fatti. per la chiesa cattolica anche una cellula è una persona ma non lo è per nessuna legge. per lo stato italiano l'aborto è legale.

    Nel caso dei palestinesi, lo stato italiano non considera illegale l'operato degli israeliani (anzi ufficialmente lo Stato italiano ha sempre appoggiato diplomaticamente gli israeliani), quindi finché non verrà cambiata la legge sarà così.

    nel caso dell'olocausto, è invece riconosciuto come un genocidio, quindi negarlo per motivi di odio politico, razziale o religiose, o esaltarlo (auspicando l'uccisione di tutti gli ebrei o degli israeliani) è punito ai sensi della legge fatta dal governo Renzi.

  8. #8
    Citazione Originariamente Scritto da Tiberio Visualizza Messaggio
    non esistono fatti ma solo opinioni sui fatti. per la chiesa cattolica anche una cellula è una persona ma non lo è per nessuna legge. per lo stato italiano l'aborto è legale.

    Nel caso dei palestinesi, lo stato italiano non considera illegale l'operato degli israeliani (anzi ufficialmente lo Stato italiano ha sempre appoggiato diplomaticamente gli israeliani), quindi finché non verrà cambiata la legge sarà così.

    nel caso dell'olocausto, è invece riconosciuto come un genocidio, quindi negarlo per motivi di odio politico, razziale o religiose, o esaltarlo (auspicando l'uccisione di tutti gli ebrei o degli israeliani) è punito ai sensi della legge fatta dal governo Renzi.

    le leggi cambiano, la mancino può essere abrogata o modificata per renderla equa, sull'aborto so che siamo in disaccordo e non ho voglia di iniziare una diatriba, però forse sarai d'accordo anche tu che renderlo non più "necessario" migliorando le condizioni sociali e sanitarie di un paese sarebbe un bel risultato, non è mai bello stroncare una vita che poi avrebbe potuto manifestarsi in maniera piena, non vedo perché un feto x dovrebbe avere meno diritto di me a stare al mondo sinceramente

    tornando a quel post di cui parlavi, sai quante ne ho lette io sui neri o su altre categorie? non mi pare che ci sia mai stato tutto questo scandalo, io stesso manco ho mai segnalato tanto era frequente leggere cose del genere (questo tempo fa, ora meno), poi scusa stalin come lo gestiamo? negare i crimini bolscevichi in italia non solo è permesso ma anche di moda in certi ambienti, io pure lì leggo e da mezzo russo mi stranisco, però non pretendo di censurare nessuno, cerco quando posso di rispondere con calma e senza aggredire sapendo che se il clima si surriscalda la prima vittima è la ricostruzione storica fatta su solide basi, per questo penso che si dovrebbe poter parlare di tutto tranquillamente e solo le istigazioni alla violenza esplicite dovrebbero essere proibite (ma se possibile dal regolamento interno di un sito, senza ricorso a ministeri della verità che tanto poi finiscono col punire solo i signori nessuno e proteggere i membri delle elite, che magari si sono macchiati di crimini peggiori dell'istigazione)

  9. #9
    Opinionista L'avatar di Tiberio
    Data Registrazione
    16/08/16
    Messaggi
    2,263
    Io sono per discutere su tutto ma non su chi impone una visione e in cambio non mi da nulla, cioè se io do a te lo spazio di libertà di esprimere magari idee antisemiti, tu mi dai a me qualcosa che io voglio e ci mettiamo d'accordo, rinunciando ognuno a qualcosa che vogliamo e lasciando fare, entro certi limiti, all'altro qualcosa che magari io giudico sbagliato o immorale, però glielo lascio fare come concessione per avere un accordo in cambio.

    Ad esempio si potrebbe permettere di esprimere un blando razzismo a parole o di fare ricerche negazioniste, per far felice una parte politica, e però abolire alcune leggi proibizioniste per fare felice la parte opposta, dando a ciascuno un contentino.

  10. #10
    Opinionista L'avatar di Tiberio
    Data Registrazione
    16/08/16
    Messaggi
    2,263
    Cioè: se si vuole libertà da ogni censura e poter dire di tutto, ci vuole libertà per qualsiasi espressione, compresi film violenti, osceni, ecc.

    La libertà di espressione non può essere limitata solo per alcuni, come di fatto avviene poi oggi.

    Basta censura per TUTTI.

  11. #11
    Opinionista
    Data Registrazione
    06/02/16
    Messaggi
    4,963
    Bisogna vedere dove si mette la discriminante fra espressione del pensiero e il reato tipo istigazione alla violenza.
    Un confine molto labile.

  12. #12
    Citazione Originariamente Scritto da meogatto Visualizza Messaggio
    Bisogna vedere dove si mette la discriminante fra espressione del pensiero e il reato tipo istigazione alla violenza.
    Un confine molto labile.

    parlare di eventi storici non può considerarsi istigazione alla violenza, hai presente la distinzione tra passato e futuro?

  13. #13
    Opinionista
    Data Registrazione
    06/02/16
    Messaggi
    4,963
    Ovviamente.
    Ma Tiberio configura a altri discorsi, un po' diversi da una analisi storica vista da una certa angolazione diversa da quella predominante.

  14. #14
    Citazione Originariamente Scritto da meogatto Visualizza Messaggio
    Ovviamente.
    Ma Tiberio configura a altri discorsi, un po' diversi da una analisi storica vista da una certa angolazione diversa da quella predominante.

    chi lo capisce tiberio, cioè in parte sì in parte no, penso voglia anche lui la pace ma a volte sembra amare la violenza

  15. #15
    Opinionista
    Data Registrazione
    06/02/16
    Messaggi
    4,963
    Siamo tanti e ciascuno vuole qualcosa di diverso.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •