Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Il giorno Santo.

  1. #1

    Il giorno Santo.

    Il riposo settimanale è una conquista sociale e un diritto per tutti e questo non presenta differenze tra credenti e non credenti.
    La santificazione del giorno di riposo è unicamente per il credente ed ha dei significati.

    Oltre al simbolismo inerente la Creazione e il "riposo"di Dio che potrebbe avere un'importanza relativa,il rispetto del giorno festivo settimanale è un atto di amore verso il Signore.
    Santificare la domenica (ma anche il sabato o il venerdì o altro) vuol dire ricordarsi che, pur vivendo nel mondo e dovendosi occupare del mondo,facciamo parte anche del Regno di Dio a cui diamo totale spazio interrompendo ogni tanto la nostra vita quotidiana nella "carne".

    In questo giorno Santo tutto è in Lui e per Lui.
    Indifferentemente al tipo di culto (pubblico o privato ) che uno sceglie,nel giorno di Dio può essere più intensa la comunicazione con Lui cioè la preghiera (ringraziamento,colloquio personale con Dio); si può sollevare lo sguardo per contemplare la Natura; si possono stabilire rapporti umani più intensi(nella famiglia e fuori);si può fare il punto sulla situazione di vita quotidiana ed eventualmente programmare gli "aggiustamenti necessari";si può offrire a Dio tutto ciò che è stato fatto e sar* fatto.

    Vendere e comprare,produrre ,guadagnare,fare dei lavori che possono essere rimandati è una mancanza di rispetto a Dio che in questo giorno ci vuole tutti per sé.
    E' necessario tuttavia stare attenti alle esagerazioni (Gesù stesso diceva che il sabato è stato fatto per l'uomo e non viceversa)
    I lavori urgenti per il benessere nostro e degli altri devono essere fatti.
    Salvare vite ma anche offrire conforto ai deboli, agli anziani,ai bambini,a chi è solo cioè il benessere di chi è in difficolt* deve essere fatto perchè è un modo per onorare Dio.

    Sta nella sensibilit* della persona capire se l'attivit* che svolge nel giorno Santo è proprio per Dio o per i propri traffici.I divertimenti,i passatempi non sono affatto un male
    perché contribuiscono allo stacco dai pesi quotidiani e ciò fa bene alla mente e al cuore.

    Chi è costretto a lavorare nel giorno di Dio per contratto o altro trover* sicuramente un altro giorno durante la sua settimana per trasformarlo nel suo giorno Santo.

    Il giorno del Signore è l'amplificazione di ciò che si fa ogni giorno in piccoloffrire a Dio con qualche attimo di attenzione la primizia di ogni pensiero,azione,lavoro,discorso.

    L'offerta a Dio di ciò che mangiamo ,vediamo, sentiamo ci rende sereni e tranquilli consapevoli che ciò che abbiamo e facciamo è di Dio e per Dio e non potr* mancarci mai!

  2. #2
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    49,838
    Io...ehm...ecco, anche se non ti conosco e non so chi sei....sento che ti voglio bene dolce Rachele
    Grazie. Grazie per queste boccate d'aria fresca che ci regali.
    amate i vostri nemici

  3. #3
    Pur ringraziandoti mi sento di dirti che è necessario voler bene a tutti,. non solo a chi la pensa come noi.Le lodi possono portare ad una soddisfazione effimera che poi scoppia come una bolla di sapone...Penso agli altri lettori che possono sentirsi come aria velenosa e mi dispiace. Come cristiano penso che mi capisci sicuramente.Ciao!

  4. #4
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    49,838
    Ahahahahahahaha si...si...certo che ti capisco: Il tuo scrivere è acqua cristallina!
    Diciamo che nessun'aria è velenosa, se non quella dei provocatori di professione. Poi c'è l'aria normale e poi quella che te e pochi altri amici e amiche ci regalano.
    amate i vostri nemici

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •