Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Ghostwriter

  1. #1
    Opinionista
    Data Registrazione
    30/04/19
    Messaggi
    231

    Ghostwriter

    Il “ghostwriter” è lo scrittore fantasma.


    René Magritte. “L’uomo invisibile”

    Ci sono numerosi scrittori che elaborano testi per conto di autori più famosi o per politici.

    Il loro oscuro lavoro viene retribuito, poco, e pubblicato col nome di altri.

    Nell’ambito dell’editoria anziché l’anonimato c’è chi usa lo pseudonimo, se il libro ha successo agisce da moltiplicatore della curiosità. Un esempio ? il caso di Elsa Ferrante. Uno pseudonimo così ben protetto e gestito che, dall’uscita del primo romanzo, “L’amore molesto” nel 1992, ha costruito nel tempo un alone di mistero che cresceva titolo dopo titolo, fino alla fortunata serie iniziata con “L’amica geniale”.
    Non potendo attribuire un volto alla scrittrice ? / scrittore ? ha ampliato la dimensione del successo dei suoi romanzi.

    Tornando all’anonimato, nel periodo dell’Illuminismo era diffusa la decisione di far stampare i propri elaborati con lo pseudonimo o senza il nome dell’autore e spesso dello stampatore. Erano diverse le motivazioni: la prudenza per timore della censura, la preoccupazione di pubblicare un elaborato indegno del proprio status, la paura delle critiche, ecc..

    Parecchi si trinceravano dietro il testo anonimo pur di diffondere idee controcorrente. Molti erano i religiosi, sia per attaccare i poteri costituiti sia per denunciare le nefandezze interne alla Chiesa e agli Ordini religiosi

    Nel ‘700 alla censura ecclesiastica si aggiunse anche quella laica per la difesa della monarchia e della nobiltà.

    Gli scrittori non avevano l’esigenza del diritto d’autore, salvo rari casi, come Carlo Goldoni, che per difendere la proprietà letteraria delle sue commedie intentò una causa al suo editore – stampatore.

    “L’autore assente” poteva permettersi di diffondere idee proibite ma non riusciva a controllare le contraffazioni e le stampe pirata. Accadde anche all’abate e poeta Giuseppe Parini, autore del poemetto “Il giorno” in cui non risparmia la satira verso la nobiltà che ha avuto modo di frequentare.

    Quando sono a Milano spesso passo in piazza Cordusio, dove c’è il monumento all’abate Parini: il piedistallo in marmo sorregge la statua in bronzo. Il poeta è raffigurato nell’atto di camminare, con il volto assorto, sul braccio sinistro sorregge il lembo dell’ampio mantello.

    Ultima modifica di doxa; 04-08-2019 alle 22:20

  2. #2
    Sovrana di Bellezza L'avatar di ReginaD'Autunno
    Data Registrazione
    01/05/19
    Località
    In un incantevole paese della regione dei trulli
    Messaggi
    1,532
    Ciao Doxa! Ho letto tutto ciò che hai scritto e lo condivido, però io ti posso assicurare che se un giorno il mio romanzo verrà pubblicato, altro che anonimato o pseudonimi...
    Lo pubblicherò con il mio nome e cognome!
    Corteggiata da l'aure e dagli amori, siede sul trono de la siepe ombrosa, bella regina dè fioriti odori, in colorita maestà la rosa CLAUDIO ACHILLINI

  3. #3
    A quiei tempi era difficile fare lo scrittore esprimendo apertamente il prorpio pensiero...mentre oggi penso che la gente lo faccia più per preservare la propria privacy
    (oltre che per aumentare le vendite ovviamente)

  4. #4
    Eufonista L'avatar di BiO-dEiStA
    Data Registrazione
    22/02/10
    Località
    La terra delle tre stirpi
    Messaggi
    5,341
    Ci sono anche casi in cui lo pseudonimo è un segreto di Pulcinella e tuttavia viene utilizzato ugualmente, magari per dare spazio a contenuti diversi da quelli firmati in chiaro. Oltre a molti articolisti ne fanno ricorso anche alcuni registi (oggi forse meno che in passato). Un caso notevole è quello di Søren Kierkegaard, il quale firmava i suoi lavori con vari pseudonimi che però non hanno mai ingannato nessuno.
    Citazione Originariamente Scritto da Careful with that Visualizza Messaggio
    i miei post in media sono di una dozzina di righe, al più;
    Citazione Originariamente Scritto da Ned Flanders Visualizza Messaggio
    Sono stato tanto...ma tanto Laurina, lontano dal Signore: Ne ho combinate di cotte e di crude. Ti basti sapere soltanto questo....

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •