Pagina 8 di 33 PrimaPrima ... 4 5 6 7 8 9 10 11 12 18 ... UltimaUltima
Risultati da 106 a 120 di 493

Discussione: Piccoli paragrafi di libri amati...

  1. #106
    Opinionista
    Data Registrazione
    29/03/06
    Messaggi
    5,314
    Citazione Originariamente Scritto da Mr. D. Visualizza Messaggio
    Jorge Louis Borges, Storia Universale dell'Infamia.
    A me risulta in L'artefice.

  2. #107
    الإمام محمد بن الحسن المهدى L'avatar di Mr. D.
    Data Registrazione
    06/08/06
    Messaggi
    4,221
    Uhm... In effetti sì fottiti io l'ho copiata da un terzo libro in cui l'attribuivano alla Storia crepa non avendo in quel momento la raccolta maledetto delle opere complete.
    بناهاى آباد گردد خراب
    ز باران و از تابش آفتاب

    پى افكندم از نظم كاخي بلند
    كه از باد و باران نيابد گزند

    از آن پس نميرم كه من زنده*ام
    كه تخم سخن را پراكنده*ام

    هر آنكس كه دارد هش و راى و دين
    پس از مرگ بر من كند آفرين

  3. #108
    Opinionista
    Data Registrazione
    29/03/06
    Messaggi
    5,314
    Lo immaginavo asd.

  4. #109

  5. #110
    Citazione Originariamente Scritto da Jack Kerouac
    Per me l'unica gente possibile sono i pazzi, quelli che sono pazzi di vita, pazzi per parlare, pazzi per essere salvati, vogliosi d'ogni cosa allo stesso tempo, quelli che mai sbadigliano o dicono un luogo comune, ma bruciano, bruciano, bruciano come favolosi fuochi artificiali che esplodono tra le stelle e nel mezzo si vede la luce azzurra dello scoppio centrale e tutti fanno oh!
    Jack Kerouac - Sulla strada

  6. #111
    Opinionista
    Data Registrazione
    29/03/06
    Messaggi
    5,314
    [I]Il maresciallo Goffredo cavalc

  7. #112
    Opinionista
    Data Registrazione
    29/03/06
    Messaggi
    5,314
    Ecce dum scribo quod dictavit impatientia doloris, cadunt lacrimae, madent fletu litterae, et quod notat manus, diluit oculos.

  8. #113
    Amarilli
    Guest
    Qui enim operatus est postea per eummulta Deus, catholicae illum electioni reservavit. Rex autem quasi despectum se doluit, et regalis imperii tanquam magnum detrimentum deploravit.

  9. #114
    Opinionista L'avatar di cinica82
    Data Registrazione
    25/02/08
    Messaggi
    52
    Ci sono storie d'ogni genere. Alcune nascono quando vengono raccontate, la loro sostanza

  10. #115
    Opinionista L'avatar di Krapp
    Data Registrazione
    28/03/08
    Messaggi
    213
    ...ti affaticherai invano sulla tua favola. Fino a che alla fin fine tu non senta come stiano cominciando a finire le parole. Con ciascuna inane parola un po' più prossima alla fine. E la stessa favola pure. La favola di qualcuno con te nel buio. La favola di qualcuno che affabula di qualcuno con te nel buio. E quanto meglio a conti fatti la fatica persa e il silenzio. E tu come sei sempre stato.
    Solo


    Samuel Beckett - "In nessun modo ancora"
    "Forse i miei anni migliori sono finiti. Quando la felicita' era forse ancora possibile. Ma non li rivorrei indietro. Non col fuoco che sento in me ora. No, non li rivorrei indietro."

  11. #116
    Opinionista L'avatar di crepuscolo
    Data Registrazione
    08/10/07
    Messaggi
    20,217
    1) Sono Darell Standing

    Molte volte, nella mia vita, ho provato la straordinaria sensazione che il mio "io" si sdoppiasse, che altri esseri vivessero o fossero vissuti in lui, in altre epoche o in altri luoghi . Non stupirti, mio futuro lettore; ma indaga nella tua stessa coscienza. Ritorna indietro con il tuo pensiero, ai giorni in cui il tuo corpo e il tuo spirito non erano ancora cristallizzati; in cui, materia plasmabile, anima fluttuante come le onde in movimento, avvertivi appena, nel ribollire del tuo essere, il formarsi della tua identit

  12. #117
    Opinionista L'avatar di crepuscolo
    Data Registrazione
    08/10/07
    Messaggi
    20,217
    [QUOTE=crepuscolo;851227]1) Sono Darell Standing

    Molte volte, nella mia vita, ho provato la straordinaria sensazione che il mio "io" si sdoppiasse, che altri esseri vivessero o fossero vissuti in lui, in altre epoche o in altri luoghi . Non stupirti, mio futuro lettore; ma indaga nella tua stessa coscienza. Ritorna indietro con il tuo pensiero, ai giorni in cui il tuo corpo e il tuo spirito non erano ancora cristallizzati; in cui, materia plasmabile, anima fluttuante come le onde in movimento, avvertivi appena, nel ribollire del tuo essere, il formarsi della tua identit

  13. #118
    Opinionista
    Data Registrazione
    29/03/06
    Messaggi
    5,314
    [I][...] E cos

  14. #119
    Gallina vecchia L'avatar di cinziatitti
    Data Registrazione
    16/11/07
    Località
    Bologna
    Messaggi
    1,974
    ..."Non ti muovere"disse", "ti prego".
    La sua voce era premurosa come le sue mani. Rimasi a guardarla mentre approntava la tavola. Andava e veniva dalla cucina, con una vitalità sorprendente a quell'ora di notte. Mi sembrava di vederla per la prima volta, come se quel corpo non fosse mai stato mio. Sapeva apparecchiare, disponeva le posate con accuratezza. Mise una candela al centro del tavolo. Si fermò davanti a me, aggrottò un sopracciglio, arricciò il naso, e sporse i denti superiori come un piccolo roditore.
    "Al dente?" squittì.
    "Al dente".
    Arricciai anch'io il naso per rifarle il verso e mi accorsi di quanto fosse meno mobile del suo. Rise, ridemmo. Non era solo allegra, era qualcosa di più, era felice.
    "Eccoci" e uscì con una zuppiera tra le mani.La posò. Sulla pasta, al centro, c'era un ciuffo di basilico sistemato come un fiore. Mi servì, poi si sedette davanti a me, posò le braccia sul tavolo.
    "E tu non mangi?"
    "Dopo."
    Affondai la forchetta nel piatto, avevo fame, da molto tempo non ricordavo di aver avuto una fame così.
    "Ti piace?"
    "Sì"
    Gli spaghetti erano davvero buoni, Angela. Gli spaghetti più buoni della mia vita. Mangiavo sotto lo sguardo vigile di Italia che non si perdeva un solo moto del mio appetito,lo assecondava con gli occhi, con piccoli assestamenti delle spalle e delle braccia.
    Sembrava che mangiasse a sua volta e che assaporasse con me ogni boccone.
    "Ne vuoi ancora?"
    "Sì"
    La sazietà è un benessere che avevo scordato. Forchettata dopo forchettata sentivo che quel cibo mi faceva bene.

    Magaret Mazzantini "Non ti muovere"

    (amore fa rima con dolore)
    [COLOR=#800080][FONT=lucida console][SIZE=2][I]Se

  15. #120
    Opinionista L'avatar di crepuscolo
    Data Registrazione
    08/10/07
    Messaggi
    20,217
    Dal conto suo, il lavoratore

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •