Risultati da 1 a 10 di 10

Discussione: I TURNO - III GIRO - PROPOSTE : fantasy/ fantascienza

  1. #1
    Opinionista
    Data Registrazione
    30/04/19
    Messaggi
    406

    I TURNO - III GIRO - PROPOSTE : fantasy/ fantascienza

    02/09/2019

    Ben rientrati se siete rientrati dalle ferie e buon inizio o continuazione a tutti gli altri. ripartiamo con il gruppo.

    A partire da oggi fino a domenica si propone un libro a testa che appartiene ai generi indicati nel titolo.

    Allegate una breve descrizione, anche copiata dal Web

  2. #2
    ????? ???????????? L'avatar di Pazza_di_Acerra
    Data Registrazione
    09/12/09
    Località
    Sul pianeta Terra
    Messaggi
    14,678
    Questo giro passo: sono due generi che non amo per niente.
    semel in anno licet insanire, cotidie melius

  3. #3
    Opinionista L'avatar di Kanyu
    Data Registrazione
    10/05/19
    Messaggi
    613
    Salve a tutti! Non mi sono mai iscritto al gruppo ma spero di poter lo stesso partecipare.
    Propongo questo libro, di cui pi√Ļ sotto metto la recensione: "Il viaggio di Tuf" di R.R. Martin.

    Haviland Tuf √® il viaggiatore delle stelle, ma non aspettatevi un baldanzoso astronauta dal fisico aitante. Altissimo, flemmatico, pallido e decisamente sovrappeso, Tuf √® un vegetariamo convinto amante dei gatti che, per uno scherzo del destino, si trova a comandare l‚ÄôArca, ultima nave inseminante dell‚Äôex Corpo Genieri Ecologici. O forse non proprio a comandarla, visto che ne √® l‚Äôunico occupante non felino‚Ķ A bordo dell‚Äôastronave, lunga trenta chilometri, il nostro esploratore vaga per la galassia alla ricerca di mondi in pericolo cui offrire i propri servigi. E si trova ad affrontare alcuni dei pi√Ļ terribili ‚Äúcattivi‚ÄĚ che l‚Äôuniverso abbia mai conosciuto‚Ķ
    (Un profetico libro che affronta temi importanti come i pericoli del potere assoluto e la minaccia ambientale, con un sorriso strappato qua e là dall'umorismo nero e irresistibile del grande R.R. Martin.)

  4. #4
    Opinionista L'avatar di Escolzia
    Data Registrazione
    10/08/16
    Messaggi
    4,481
    Edwin A. Abbot
    Flatlandia
    Raccondo fantastico a pi√Ļ dimensioni.


    Il potenziale romanzesco della geometria, come di ogni altra disciplina rigorosa, √® enorme. Il reverendo e pedagogo Edwin Abbott Abbott (1838-1926), che per molti tratti √® avvicinabile al suo contemporaneo Lewis Carroll, ne ha dato una dimostrazione memorabile nel racconto che qui presentiamo. Mondo bidimensionale abitato da segmenti, triangoli, quadrati, poligoni vari e sublimi circoli, la Flatlandia (o Paese del Piano) ci viene descritta con perizia etnologica e candido humour da un suo abitante, un eccellente Quadrato. In quel mondo, le gerarchie sono immediatamente evidenti: si passa dai volgari e spigolosi Triangoli (gli operai), ai pi√Ļ rispettabili Quadrati e Pentagoni (i professionisti) e ai nobili Poligoni, che si approssimano indefinitamente ai Circoli (i sacerdoti), nei quali la bruta natura angolare √® del tutto annullata. Le donne sono Segmenti, e implicita nella forma √® la loro natura bassa e infida, ma supremamente potente e temibile, che viene illustrata in alcune pagine di esilarante misoginia. Siamo introdotti alla complessa legislazione e agli insoluti problemi della Flatlandia; veniamo a conoscere la storia spesso drammatica del paese. E infine assistiamo agli emozionanti incontri del Quadrato narratore con il mondo unidimensionale della Linelandia (o Paese della Linea) e con la sconvolgente realt√† dello spazio tridimensionale, scoperta attraverso il dialogo con una Sfera.
    Si rivela a questo punto la sottigliezza speculativa del libro. Il lettore tridimensionale è partito da una posizione di onnisciente superiorità: ciò che per gli abitanti della Flatlandia è oscuro e inestricabile, appare a lui con assoluta evidenza, così come il nostro mondo, oscuro e inestricabile, potrebbe apparire a una maligna divinità che lo avesse creato come un giocattolo imperfetto. Ma questo meccanismo di mondi concentrici, incompatibili e incomunicanti, in realtà mette in dubbio i nostri stessi punti di riferimento, e il libro si chiuderà con la inquietante ipotesi di una Quarta Dimensione. In un gioco di specchi, questa ultima supposizione ci fa intendere che il nostro mondo tridimensionale è probabilmente osservato da un mondo ulteriore con la stessa superiorità e indifferenza che noi mostriamo verso gli abitanti della Flatlandia, e la prospettiva si apre così su una molteplicità di mondi diversamente ciechi e ignari, incapsulati l’uno nell’altro.
    Non è mancato chi ha voluto vedere nel racconto di Abbott una sorprendente anticipazione della teoria einsteiniana, e infatti il libro è diventato ghiotta lettura di matematici e scienziati. Ma Flatlandia è un universo fantastico, minuscolo e perfetto e, come tale, resta innanzitutto un esercizio inesauribile dell’immaginazione. Ce lo dimostra, con il calore e la penetrazione di chi scopre un’insperata consanguineità, il saggio di Giorgio Manganelli qui pubblicato in appendice.
    Flatlandia è apparso per la prima volta nel 1882.

  5. #5
    Opinionista L'avatar di LadyHawke
    Data Registrazione
    29/04/19
    Messaggi
    704
    Follia per sette clan-Philip K. Dick

    Il romanzo segue due intrecci separati che convergono progressivamente in un crescendo ricco di elementi satirici. Chuck Rittersdorf è un uomo decisamente ordinario, che sta passando un periodo negativo e deve affrontare un doloroso divorzio. Ma i veri protagonisti sono gli abitanti di Alfa, un sistema planetario popolato da malati di mente, divisi in sette diversi clan a seconda della specifica patologia che li affligge. Gli Alfani dovranno ben presto fare i conti con il governo centrale della Terra, che ha dei piani precisi sul loro mondo e le loro vite; la vicenda di Chuck e della sua ex moglie Mary si intreccia così con quella della lotta per l'indipendenza degli Alfani, dipinta con sferzante ironia dalla penna di Philip K. Dick: la difesa dall'attacco terrestre sarà affidata a una commistione dei diversi "talenti" delle sette colonie. "In Follia per sette clan" Philip K. Dick investiga il potere della coscienza collettiva che combatte per il bene comune, rappresentato in questo caso dalla difesa personale e dalla sopravvivenza stessa.

  6. #6
    Opinionista
    Data Registrazione
    30/04/19
    Messaggi
    406
    La svastica sul sole : romanzo / Philip K. Dick


    Abstract: Le forze dell'Asse hanno vinto la seconda guerra mondiale e l'America è divisa in due parti, l'una asservita al Reich, l'altra ai Giapponesi. Ma c'è uno strano libro, vietato, secondo il quale l'Asse sarebbe stato sconfitto dagli Alleati... chi è il suo autore e quali storie vivono realmente i protagonisti?

    ( da cui è stato tratta la serie The Man in the High Castle)

  7. #7
    la viaggiatrice L'avatar di dark lady
    Data Registrazione
    09/03/05
    Località
    On the road
    Messaggi
    49,268
    Visto che è un genere che mi piace assai contribuisco anch'io proponendo
    Jonathan Strange & il signor Norrell - Susanna Clarke

    All'inizio dell'Ottocento, della magia inglese rimangono quasi solo leggende come quella di Re Corvo, il grande mago capace di fondere la sapienza delle fate con la ragione umana. Ma dalle regioni del Nord un tempo visitate da elfi e folletti appare il signor Norrell, capace di far parlare le statue della cattedrale di York: la notizia sembra segnare il ritorno della magia in Inghilterra, e Norrell si trasferisce a Londra per offrire i suoi servizi magici al governo, impegnato nella guerra contro Napoleone. Ma una profezia parla di due maghi che faranno rinascere la magia inglese. Uno dei due maghi è Norrell. E l'altro chi è?
    Qui si tratta di vivere, non di arrivare primo, e al diavolo il destino

  8. #8
    Opinionista L'avatar di Vega
    Data Registrazione
    04/05/05
    Messaggi
    10,869
    Vorrei partecipare al giro questa volta ma sono quasi a tempo 0 e la sera stanchezza. Vediamo se mi riesce...

    Avevo iniziato tempo fa il primo libro dei Canti di Hyperion di D. Simmons, una space opera molto articolata, con diversi intrecci spaziotemporali, svariati personaggi e forme di vita che popolano i 4 romanzi, rimandi filosofici e religiosi.
    Il primo è appunto Hyperion dove si racconta di un gruppo di pellegrini che devono recarsi sul pianeta del titolo del libro per scoprire quale mistero è legato alle sorti dell'umanità, dei viaggi spaziotemporali e cosa cela una strana creatura in parte organica ed in parte meccanica, legata a dei manufatti che viaggiano indietro nel tempo.
    I personaggi si alternano nella descrizione del loro viaggio, dei loro mondi e delle loro storie personali.

    http://www.fantascienza.com/15781/i-canti-di-hyperion

    Il libro è un po' corposo e trattandosi di una quadrilogia, se ci sono riserve, cambio proposta.
    Pienamente funzionante e programmata in tecniche multiple

  9. #9
    Opinionista
    Data Registrazione
    30/04/19
    Messaggi
    406
    Citazione Originariamente Scritto da Vega Visualizza Messaggio
    Vorrei partecipare al giro questa volta ma sono quasi a tempo 0 e la sera stanchezza. Vediamo se mi riesce...

    Avevo iniziato tempo fa il primo libro dei Canti di Hyperion di D. Simmons, una space opera molto articolata, con diversi intrecci spaziotemporali, svariati personaggi e forme di vita che popolano i 4 romanzi, rimandi filosofici e religiosi.
    Il primo è appunto Hyperion dove si racconta di un gruppo di pellegrini che devono recarsi sul pianeta del titolo del libro per scoprire quale mistero è legato alle sorti dell'umanità, dei viaggi spaziotemporali e cosa cela una strana creatura in parte organica ed in parte meccanica, legata a dei manufatti che viaggiano indietro nel tempo.
    I personaggi si alternano nella descrizione del loro viaggio, dei loro mondi e delle loro storie personali.

    http://www.fantascienza.com/15781/i-canti-di-hyperion

    Il libro è un po' corposo e trattandosi di una quadrilogia, se ci sono riserve, cambio proposta.
    Propongo di inserire nel gruppo solo il primo dei libri, Hyperion.

  10. #10
    Opinionista L'avatar di Vega
    Data Registrazione
    04/05/05
    Messaggi
    10,869
    Naturalmente la proposta vale solo per il primo libro, non per tutti e quattro. Trattandosi di una storia che non si esaurisce in un volume, mettevo le mani avanti.
    Ultima modifica di Vega; 04-09-2019 alle 15:01
    Pienamente funzionante e programmata in tecniche multiple

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •