Pagina 1 di 3 1 2 3 UltimaUltima
Risultati da 1 a 15 di 33

Discussione: Tutti possono scrivere libri?

  1. #1
    la viaggiatrice L'avatar di dark lady
    Data Registrazione
    09/03/05
    Località
    On the road
    Messaggi
    55,653

    Tutti possono scrivere libri?

    La mia riflessione parte dal fatto che ho recentemente conosciuto un paio di persone che hanno pubblicato dei libri sul formato elettronico: Amazon consente infatti di pubblicarsi i propri libri, gratuitamente, tenendosi una percentuale dei guadagni sulle vendite.
    Questo da un lato semplifica la vita a chi vuole scrivere e non essendo famoso non riesce ad assurgere all'attenzione delle case editrici. Dall'altro, tuttavia, viene meno quel lavoro di "controllo qualità" che le case editrici operano sui testi, apportando correzioni e modifiche e soprattutto facendo verifiche stilistiche, sintattiche e grammaticali.
    Ho provato a leggere qualcosa delle persone che ho conosciuto, ma non sono riuscita ad andare oltre le prime pagine: prive di regole stilistiche, spesso con la consecutio temporum a casaccio, sovente priva di descrizioni che possano farti comprendere meglio la situazione, e pure con trame che non stanno in piedi.
    Fatte le dovute premesse, il mio dubbio è: possibile che non vi sia più una separazione tra chi scrive per mestiere e chi si alza un giorno e butta giù tre frasi sconclusionate chiamandole romanzo, e finisce pure con il pubblicarle? Il mestiere di scrivere è talmente svalutato che ora chiunque può farlo?
    “Io e il mio gatto... siamo due randagi senza nome che non appartengono a nessuno e a cui nessuno appartiene” [cit. Colazione da Tiffany]

    Noi vogliamo cantare l'amor del pericolo, l'abitudine all'energia e alla temerità [cit: Manifesto futurista] .

  2. #2
    No Excuses L'avatar di Jerda
    Data Registrazione
    12/04/19
    Località
    Amsterdam
    Messaggi
    3,167
    Si e no.
    Imparando a scrivere correttamente chiunque può scrivere un libro leggibile, ma scrivere un libro di successo o un libro innovativo e geniale sono cose diverse. Ci vogliono contenuti, forma, scorrevolezza e mille regole su come vendere il proprio scritto, il che vuol dire essere gli impresari di sé stessi e quindi prostitutirsi a prescindere. Perlomeno, se il libro oltre che a scriverlo vogliamo che lo comprino.
    Se volessi scrivere, butterei giù dei pezzi da rileggere almeno a 24 ore di distanza. Non si può giudicare bene quello che si è appena scritto. Il contrario di come scrivo qui: uno stream of consciousness un po' voluto, un po' dettato dal mio odio per la troppa punteggiatura, molto dettato dall'istinto di scrivere e premere invio senza rileggere.
    Poi ci sono libri scritti bene che acchiappano il pubblico senza avere veri contenuti e libri naif ma geniali, che magari non vendono. Insomma, è complicato e ci sono regole sovrapposte e intersecantesi per cui scrivere libri è come un lavoro che pretende molto di più che originalità o genio.
    Quanti geni sono morti in povertà e poi rivalutati dopo? Hanno scritto libri? Hanno avuto più soddisfazione dei vari fabio volo dell'epoca?
    Si fa presto a dire scrivo un libro.
    Citazione Originariamente Scritto da BiO-dEiStA Visualizza Messaggio
    Questa sì che è vita, altro che la marea di boiate pseudoscientifiche con cui una mandria di dilettanti pagati a peso d'oro continua a riempirci la testa e a mandare a puttane il paese.
    Ben ritrovati.

  3. #3
    Opinionista L'avatar di follemente
    Data Registrazione
    22/12/09
    Località
    Al mare
    Messaggi
    6,322
    Bisognerebbe vedere chi ed in quanti leggono tutti questi libri che si pubblicano, magari solo elettronicamente. Per dire, io non leggo nemmeno tutti i libri che i miei amici che scrivono mi regalano, sono molto gelosa della mia attenzione, non la rivolgo a chiunque. Cioè, il mercato, incluse le case editrici, svolgono il loro ruolo di cernita, anche dei libri. I libri scritti male non vengono letti da nessuno. Per questo io apprezzo molto anche i premi, i Nobel, ma anche in Italia lo Strega ed Il Campiello, perché vuol dire che il testo a cui dedicherò il mio tempo, la mia concentrazione, il mio impegno, è stato già letto ed apprezzato da altri e quindi, se proprio non è una garanzia (e non lo è, lo confermo), almeno non è proprio da cestinare. In altre parole, nella miriade di tomi che si pubblicano (che male c’è?), è possibile orientarsi col passaparola, con le recensioni, con gli estratti e, appunto, con i premi.

    Non potrei mai fare il lavoro di certi che devono scegliere il libro da far pubblicare da una casa editrice.

    Naturalmente sto parlando da lettrice di libri contemporanei, per il passato è molto più facile.

    E dire che parecchi mi hanno consigliato di mettermi a scrivere un libro, una mi ha appena detto che mi scriverebbe la prefazione...

  4. #4
    la viaggiatrice L'avatar di dark lady
    Data Registrazione
    09/03/05
    Località
    On the road
    Messaggi
    55,653
    Beh ti do ragione Folle, sicuramente c'è possibilità di fare una cernita. Il vero problema è che ci sono eccome, le persone che leggono questi libri improponibili. Come ci sono persone che guardano programmi come Il Grande Fratello, del resto. L'italiano medio ha un basso livello culturale e si fa andare bene qualsivoglia spazzatura gli si propini. D'altro canto roba come la saga delle 50 sfumature è andata a ruba,
    Io sono molto selettiva e difatti dei libri che mi hanno propinato amici che si dilettano nello scrivere ben pochi sono riuscita a leggerli. E pure parlando di gente che comunque è stata pubblicata da case editrici. A me fa paura sto fenomeno che chiunque possa prendere e pubblicare la propria roba così, senza nessuno che ne controlli i contenuti. Perché di fronte a dieci come me e te, che leggono selettivamente, ve ne sono almeno altrettanti che non lo fanno.
    “Io e il mio gatto... siamo due randagi senza nome che non appartengono a nessuno e a cui nessuno appartiene” [cit. Colazione da Tiffany]

    Noi vogliamo cantare l'amor del pericolo, l'abitudine all'energia e alla temerità [cit: Manifesto futurista] .

  5. #5
    Opinionista L'avatar di follemente
    Data Registrazione
    22/12/09
    Località
    Al mare
    Messaggi
    6,322
    Io credo che almeno senza una trama decente è impossibile che questi libri scritti male vengano letti. Come ci sono vari livelli di trasmissioni televisive, così ci sono testi spazzatura e libri di pregio. E ti dirò che alle volte anch’io leggo i primi, ad esempio ho letto la trilogia delle 50 sfumature , dipende dai momenti. Ma questo vale anche per le persone: non sempre siamo in compagnia proprio di chi vorremmo essere, alle volte ci si adatta al livello, non sempre gradito.

    A differenza di te io non temo la pubblicazione in massa di tomi senza valore artistico; nessuno ci perde in quest’operazione; chi scrive ha l’illusione di essere letto e chi legge, se legge, perde solo del tempo prezioso. Paragonerei quest’iniziativa ai talent show, che non ho mai seguito, un istante di popolarità per essere poi relegati nel dimenticatoio.

  6. #6
    Opinionista L'avatar di Host eria
    Data Registrazione
    05/02/15
    Messaggi
    404
    Citazione Originariamente Scritto da follemente Visualizza Messaggio
    Ma questo vale anche per le persone: non sempre siamo in compagnia proprio di chi vorremmo essere, alle volte ci si adatta al livello, non sempre gradito.

  7. #7
    "Il buon recensore-quello lievemente losco-ha licenza di chiacchierare di quel che ha letto con una certa irresponsabilità.La letteratura, in tutte le sue forme, é forse l'unica attività umana che esige una quota di irresponsabilità".
    Fine della citazione di Giorgio Manganelli.
    Se uno vuole esternare i suoi pensieri e trova quacuno che gli da spazio per farlo, senza imporne la lettura a nessuno, perché no? Sempre (ovviamente) nel rispetto delle leggi dello stato competente.
    Penso valga la pena leggerlo? Lo leggo. Considero tempo perso? Lascio là.
    Dov'é il problema? Se uno é ignorante, sgrammaticato, totalmente beota nel suo pensare....se il manifestare queste sue virtu' non infrange la legge e non mi é imposto di prenderne atto, che lo faccia.
    .....anche a me é permesso di scrivere su questo forum....
    per ora


  8. #8
    Opinionista L'avatar di follemente
    Data Registrazione
    22/12/09
    Località
    Al mare
    Messaggi
    6,322
    Concordo.

  9. #9
    la viaggiatrice L'avatar di dark lady
    Data Registrazione
    09/03/05
    Località
    On the road
    Messaggi
    55,653
    Mah, forse sono troppo severa io. Del resto non approvo neppure buona parte dei programmi che ci somministrano quotidianamente.
    Sarà che scrivendo per mestiere mi sono abituata a essere molto critica.
    “Io e il mio gatto... siamo due randagi senza nome che non appartengono a nessuno e a cui nessuno appartiene” [cit. Colazione da Tiffany]

    Noi vogliamo cantare l'amor del pericolo, l'abitudine all'energia e alla temerità [cit: Manifesto futurista] .

  10. #10
    Opinionista L'avatar di follemente
    Data Registrazione
    22/12/09
    Località
    Al mare
    Messaggi
    6,322
    Noi possiamo anche essere critici, ma non possiamo impedire che qualcuno cerchi la propria espressione attraverso un libro.

  11. #11
    Opinionista L'avatar di LadyHawke
    Data Registrazione
    29/04/19
    Messaggi
    3,091
    Citazione Originariamente Scritto da follemente Visualizza Messaggio
    Noi possiamo anche essere critici, ma non possiamo impedire che qualcuno cerchi la propria espressione attraverso un libro.
    Quoto.

  12. #12
    Opinionista L'avatar di Breakthru
    Data Registrazione
    30/04/19
    Messaggi
    782
    Scrivere, bene o male, lo possono fare tutti.
    Forse bisognerebbe capire i motivi che spingono a pubblicare.
    Puoi anche scrivere benissimo, avere cose importanti da dire e tenertelo per te, per far dispetto all'umanità.
    Ma puoi anche scrivere malissimo, non aver nulla da dire e pubblicare per fare dispetto all'umanità.

    Chi fa più danno?

  13. #13
    la viaggiatrice L'avatar di dark lady
    Data Registrazione
    09/03/05
    Località
    On the road
    Messaggi
    55,653
    Citazione Originariamente Scritto da Breakthru Visualizza Messaggio
    Scrivere, bene o male, lo possono fare tutti.
    Forse bisognerebbe capire i motivi che spingono a pubblicare.
    Puoi anche scrivere benissimo, avere cose importanti da dire e tenertelo per te, per far dispetto all'umanità.
    Ma puoi anche scrivere malissimo, non aver nulla da dire e pubblicare per fare dispetto all'umanità.

    Chi fa più danno?
    Bella domanda, in effetti.
    Io resto dell'idea che la troppa libertà d'espressione sia solo dannosa. Lo si vede anche sui social. Ed è dannoso che tutti possano scrivere così senza che vi sia alcun tipo di controllo su quanto pubblicato. Passano messaggi spesso sbagliati, passa l'ignoranza, passano frasi sgrammaticate che poi magari la gente inizia a utilizzare... non lo so, sono fenomeni che mi lasciano con un certo timore.
    “Io e il mio gatto... siamo due randagi senza nome che non appartengono a nessuno e a cui nessuno appartiene” [cit. Colazione da Tiffany]

    Noi vogliamo cantare l'amor del pericolo, l'abitudine all'energia e alla temerità [cit: Manifesto futurista] .

  14. #14
    Opinionista L'avatar di Breakthru
    Data Registrazione
    30/04/19
    Messaggi
    782
    Citazione Originariamente Scritto da dark lady Visualizza Messaggio
    Bella domanda, in effetti.
    Io resto dell'idea che la troppa libertà d'espressione sia solo dannosa. Lo si vede anche sui social. Ed è dannoso che tutti possano scrivere così senza che vi sia alcun tipo di controllo su quanto pubblicato. Passano messaggi spesso sbagliati, passa l'ignoranza, passano frasi sgrammaticate che poi magari la gente inizia a utilizzare... non lo so, sono fenomeni che mi lasciano con un certo timore.
    Anche secondo me fa più danno la seconda categoria.
    Il libero pensiero e la libera espressione non sarebbero un problema se il livello culturale medio fosse, appunto, almeno medio.
    Le sciocchezze , le castronerie verrebbero lette con leggerezza, con uno poco di spirito critico e poi ignorate.
    La maggioranza di noi gioca al ribasso da tempo

  15. #15
    No Excuses L'avatar di Jerda
    Data Registrazione
    12/04/19
    Località
    Amsterdam
    Messaggi
    3,167
    Comunque la strada per autopubblicarsi è piena di iene. Se oggigiorno non conosci il settore, le fregature sono dietro l'angolo. Intanto non puoi controllare quante copie vendano, inoltre moltissime compagnie ti obbligano per i primi 3000 libri stampati, di comprarne due o 300 tu. E' anche vero che per quanti nuovi libri stampino, l'80% dei libri pubblicati va in rimessa.
    Citazione Originariamente Scritto da BiO-dEiStA Visualizza Messaggio
    Questa sì che è vita, altro che la marea di boiate pseudoscientifiche con cui una mandria di dilettanti pagati a peso d'oro continua a riempirci la testa e a mandare a puttane il paese.
    Ben ritrovati.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •