Pagina 5 di 5 PrimaPrima 1 2 3 4 5
Risultati da 61 a 63 di 63

Discussione: Gentilezza e rapporto di coppia

  1. #61
    Opinionista
    Data Registrazione
    30/04/19
    Messaggi
    147
    Nel rapporto di coppia oltre la gentilezza è importante il reciproco rispetto: questo sostantivo deriva dal latino “respectus”, participio del verbo “respicere”, composto dal prefisso “re-“ + “spicere” (= guardare di nuovo), traducibile con l’espressione “avere ri-guardo per qualcuno”.

    Gli antichi Romani usavano il verbo respicere per ammonire, dissuadere un individuo dall’esprimere giudizi non meditati, di astenersi da parole offensive o atti lesivi.

    Nel verbo respicere è implicito il riconoscimento di un diritto altrui.

    Lo psicoanalista e sociologo tedesco Erich Fromm nel suo libro “L’arte di amare” scrisse: “Il carattere attivo dell’amore diviene evidente nel fatto che si fonda sempre su certi elementi comuni a tutte le forme d’amore. Questi sono: la premura, il rispetto, la responsabilità e la conoscenza”.

    Il rispetto è una questione di amore. Ma è vero anche il contrario: l’amore è una questione gentilezza e di rispetto, è un prendersi cura del/la partner.

    Fu il cristianesimo ad aprire la strada alla concezione moderna del rispetto (sviluppata dal filosofo Immanuel Kant) unendo all’”aidòs”, la riverenza, degli antichi Greci verso un’autorità superiore, la dimensione orizzontale del rispetto, che si fonda sull’uguale dignità delle persone, al di là della funzione e del ruolo.

    La dinamica (sentimento ed azione) implicita nell’etimo della parola induce al bisogno di rispettare l’altro/a non solo come persona fisica, ma anche per i suoi diritti e i suoi sentimenti, che valgono quanto i miei.

    Il filosofo e rivoluzionario russo Michail Aleksandrovič Bakunin affermava che il rispetto per se stessi va di pari passo col rispetto degli altri: “Io sono un uomo libero solo in quanto riconosco l’umanità e la libertà di tutti gli uomini che mi circondano. Rispettando la loro umanità, rispetto la mia”.

    Rispettarli non significa accettare tutto e comunque. Infatti il rispetto non è la tolleranza: si tollera ciò che di per sé è negativo.

    Il rispetto non va confuso nemmeno con la stima: abbiamo il dovere di rispettare tutti, ma non quello di stimare tutti.

    Né il rispetto può essere ridotto a una questione di bon ton.

  2. #62
    Opinionista L'avatar di Turbociclo
    Data Registrazione
    28/04/19
    Località
    Roma
    Messaggi
    826
    Si può avere rispetto per tutti? Compresi nazisti, comunisti, pedofili, schiavisti, killers, terroristi, mafiosi, laziali ecc.ecc.ecc.? Perché in tutti gli altri casi il rispetto dovrebbe essere cosa scontata...
    È il tempo che hai perduto per la tua rosa che ha reso la tua rosa così importante

  3. #63
    Sovrana di Bellezza L'avatar di ReginaD'Autunno
    Data Registrazione
    01/05/19
    Messaggi
    1,148
    Citazione Originariamente Scritto da Turbociclo Visualizza Messaggio
    Si può avere rispetto per tutti? Compresi nazisti, comunisti, pedofili, schiavisti, killers, terroristi, mafiosi, laziali ecc.ecc.ecc.? Perché in tutti gli altri casi il rispetto dovrebbe essere cosa scontata...
    Ti dò pienamente ragione su questo punto e come hai detto tu dovrebbe essere una cosa scontata avere rispetto per la gente che non ha niente a che fare con la lista che hai proposto, ma purtroppo nella società attuale certe volte, ma non sempre, è proprio l'inverso...
    Corteggiata da l'aure e dagli amori, siede sul trono de la siepe ombrosa, bella regina dè fioriti odori, in colorita maestà la rosa
    CLAUDIO ACHILLINI

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •