Pagina 4 di 12 PrimaPrima 1 2 3 4 5 6 7 8 ... UltimaUltima
Risultati da 46 a 60 di 166

Discussione: Il monologo di Rula Jebreal

  1. #46
    Opinionista
    Data Registrazione
    07/10/10
    Località
    roma
    Messaggi
    2,371
    Citazione Originariamente Scritto da xmanx Visualizza Messaggio
    Puoi stare certo che se una donna minacciasse la mia incolumità o quella dei miei figli in modo grave non esiterei a spaccarle la testa.
    E lo stesso farei nei confronti di un uomo.

    "Le donne non si picchiano neanche con un fiore" fa parte di quegli stereotipi di cui è imbevuyto ogni tuo insignificante intervento.
    Ogni tuo intervento è insignificante perchè si limita a scimmiottare i concetti ripetuti dalla gran cassa della propaganda. Non porti mai un contributo serio di riflessione. Ma parli per stereotipi e per sentito dire. Cioè, quello che dici, è del tutto insignificante e non aggiunge nulla alla discussione. Fai solo tifo da stadio. La cosa più imbecille che si possa fare in argomenti come questi.
    si. ma non è che tu faccia molto "meglio". il ragazzo te lo ha detto, come la vede. ed è anche un ragionamento "abbastanza" giusto. è che gli manca "qualche anno" di esperienza. imho.

  2. #47
    Citazione Originariamente Scritto da Breakthru Visualizza Messaggio
    Non sono ancora convinta, "tratta il genere femminile come meglio crede" è una supposizione.
    Non sto giustificando, sto cercando di capire per bene dove finisce un omicidio/assassinio e dove inizi un femminicidio.
    In questo caso questo criminale ha agito spinto dalla paura, non da un radicato senso di superiorità/potere nei confronti del sesso opposto, se avesse avuto un amante uomo che minacciava la sua tranquillità coniugale avrebbe ucciso l'amante uomo
    Citazione Originariamente Scritto da LadyHawke Visualizza Messaggio
    Potrebbe essere come pensi tu, un omicidio spinto dalla paura di perdere l'equilibrio famigliare ma forse potrebbe anche essere un voler imporre, da parte dell'omicida , il ruolo di amante previsto da vecchi retaggi culturali per cui la donna amante nel suo ruolo avrebbe dovuto stare al suo posto, continuare così, adattarsi alla situazione o chiudere senza creare problemi.
    Citazione Originariamente Scritto da Breakthru Visualizza Messaggio
    Così sì, questa sarebbe una giusta motivazione per classificarlo femminicidio.
    E' quello che intendevo dire anch'ìo. Il femminicidio è solo l'atto estremo di una violenza esercitata sulle donne in diverse forme.
    Ultima modifica di bumble-bee; 05-02-2020 alle 19:44
    Bambol utente of the decade

  3. #48
    Opinionista L'avatar di LadyHawke
    Data Registrazione
    29/04/19
    Messaggi
    1,628
    Citazione Originariamente Scritto da Tommaso Visualizza Messaggio
    Assolutamente no, scherzi, pensavo fosse scontato...
    Ok, sempre meglio chiarirsi piuttosto che restare con i dubbi

  4. #49
    Opinionista L'avatar di Breakthru
    Data Registrazione
    30/04/19
    Messaggi
    639
    Citazione Originariamente Scritto da bumble-bee Visualizza Messaggio
    E' quello che intendevo dire anch'ìo. Il femminicidio è solo l'atto estremo di una violenza esercitata sulle donne in diverse forme.
    Grazie, non avevo capito, LadyHawke mi ha spiegato bene

  5. #50
    Opinionista L'avatar di Breakthru
    Data Registrazione
    30/04/19
    Messaggi
    639
    Citazione Originariamente Scritto da sandor Visualizza Messaggio
    e no, cara. femminicidio, come locuzione, se non erro è un "neologismo". la prima da cui lo sentii utilizzare fu la littizzetto da fazio, qualche anno fa. pedofilia non c'entra ovviamente. e ovviamente definisce un reato, a differenza di "femminicidio", termine abbastanza "triviale" che mi pare alluda alla presunta "precarietà e debolezza" della condizione "femminile", e che evidenzierebbe un qualche tipo di "omicidio" motivato dallo "spregio" per la predetta condizione. ovviamente a causa di "uomini".




    chiedilo a luciana.




    no. viene uccisa quando agisce in modo che non è "tollerato" e mi verrebbe da dire "non può essere tollerato" sulla base della "morale" comunemente accettata. io non posso calpestare le aiuole come una donna non può affermare o peggio "millantare" di essere stata "violentata" dal primo sconosciuto che la guarda in modo che a lei dà fastidio. marito "compreso".




    lascia stare i musulmani e evita di "confondere". esiste nel nostro "paese" e "tra italiani" una morale "condivisa", perché se non fosse condivisa allora vi potrebbe essere una "compromissione" dell'ordine pubblico. se vai contro quella morale, che "ben conosci" perché "patrimonio comune", allora vuol dire che vuoi fare casino. e se ci scappa il morto te la sei cercata.



    queste sono "puttanate". mi pare che le nostre "coste" siano ancora "troppo frequentate". e non solo da viados o immigrati. anche e soprattutto da giovani donne "italiane", che le frequentano perché hanno "il ciclo breve". santa madre!

    Ti rispondo domani dal pc

  6. #51
    Opinionista L'avatar di Tommaso
    Data Registrazione
    24/01/20
    Messaggi
    107
    Citazione Originariamente Scritto da xmanx Visualizza Messaggio


    Ogni tuo intervento è insignificante perchè si limita a scimmiottare i concetti ripetuti dalla gran cassa della propaganda. Non porti mai un contributo serio di riflessione. Ma parli per stereotipi e per sentito dire. Cioè, quello che dici, è del tutto insignificante e non aggiunge nulla alla discussione. Fai solo tifo da stadio. La cosa più imbecille che si possa fare in argomenti come questi.
    E chi decide, di grazia, se un mio intervento sia significativo o meno?... Tu?
    Tu puoi, legititmamente non essere daccordo con ciò che scrivo, puoi anche pensare, sempre legittimamente, che scrivo stupidaggini ( sapessi quello che penso io di ciò che scrivi tu... ), ma ribattere a delle affermazioni che non si condividono dicendo che "sono insignificanti" è, come dire... un po' infantile, non credi?
    Poi, fai quello che ti pare e pensala come vuoi, neppure dalla cima dell'Everest si riuscirebbe a contemplare la vastità del gran c. che me ne frega.

  7. #52
    Opinionista L'avatar di Tommaso
    Data Registrazione
    24/01/20
    Messaggi
    107
    Citazione Originariamente Scritto da sandor Visualizza Messaggio
    si. ma non è che tu faccia molto "meglio". il ragazzo te lo ha detto, come la vede. ed è anche un ragionamento "abbastanza" giusto. è che gli manca "qualche anno" di esperienza. imho.
    Grazie per il "ragazzo", ma, purtroppo, non lo sono più da un pezzo.

  8. #53
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    51,567
    Citazione Originariamente Scritto da Tommaso Visualizza Messaggio
    Da far vedere in tutte le scuole.
    Sono assolutamente d'accordo! Poi il fenomeno va scandagliato e analizzato, ma la denuncia di Rula, in tutta la sua crudezza, scuote le Coscienze.
    amate i vostri nemici

  9. #54
    Alive and Kickin' L'avatar di Jerda
    Data Registrazione
    12/04/19
    Località
    Amsterdam
    Messaggi
    2,426
    Citazione Originariamente Scritto da Pazza_di_Acerra Visualizza Messaggio
    Per svelare la balla in questione non serve andare lontano, ci basta un dizionario. Femminicidio, “uccisione o violenza compiuta nei confronti di una donna , spec. quando il fatto di essere donna costituisce l’elemento scatenante dell’azione criminosa” (Zingarelli, 2016). Non è la rissa dopo il calcetto, non è nemmeno la coltellata del parente a cui non è andata una fetta di eredità e neanche la battuta di caccia tra amici finita male. Si tratta di donne uccise per motivi passionali, per gelosia, per non aver adempiuto ai cosiddetti “doveri coniugali”, per non aver taciuto all’ennesimo schiaffo.
    Libero calcola furbescamente come "maschicidi" le morte avvenute per risse, in tentate rapine, a caccia e pesca. Del resto, pretendere che Libero sappia cos'è un dizionario è un po' eccessivo, ma da gente con la "mente cosmica" ci si aspetterebbe qualcosa di meglio.
    Saluti e baci.
    I dati di xmanx sono corretti proprio facendo il contrario: contano solo gli omicidi in famiglia e guardando i motivi. Gli omicidi sono pari, i motivi che spingono al suicidio vedono una preponderanza assoluta degli uomini, soprattutto per la legislazione su divorzio e alimenti, insostenibile
    Sono gli altri dati che di solito prendono a convenienza tutti gli omicidi di donne come femminicidi, almeno è così che sono chiamati nella stampa e restano in mente alla gente. Vedendo i dati ISTAT del viminale troviamo tra i dati più bassi del mondo.
    Fatto è meglio che perfetto

  10. #55
    Alive and Kickin' L'avatar di Jerda
    Data Registrazione
    12/04/19
    Località
    Amsterdam
    Messaggi
    2,426
    edit
    Ultima modifica di Jerda; 06-02-2020 alle 03:14
    Fatto è meglio che perfetto

  11. #56
    Alive and Kickin' L'avatar di Jerda
    Data Registrazione
    12/04/19
    Località
    Amsterdam
    Messaggi
    2,426
    Citazione Originariamente Scritto da Turbociclo Visualizza Messaggio
    Ah, un'altra cosa: personalmente detesto gli uomini che fanno i "femministi". Sono di un'ipocrisia rivoltante.
    Sono la maggiore causa dello zero senso di coscienza di classe tra uomini, per esempio contro una società governata da una legge sul divorzio che per come è concepita e attuata, rende dal momento della convivenza pacifica tra coniugi molto chiaro contro chi non conviene rivoltarsi contro, in famiglia. Maschi l'intellettuali ma bisognosi di conferme femminili, che hanno una quella capacità di sublimare il sesso. Ipocrisia perché un altro maschio ti annusa; parlano unicamente per il pubblico femminile sapendo che quello maschile ascolta e dice "certo..."
    Ultima modifica di Jerda; 06-02-2020 alle 03:18
    Fatto è meglio che perfetto

  12. #57
    Opinionista L'avatar di Breakthru
    Data Registrazione
    30/04/19
    Messaggi
    639
    Citazione Originariamente Scritto da sandor Visualizza Messaggio
    e no, cara. femminicidio, come locuzione, se non erro è un "neologismo". la prima da cui lo sentii utilizzare fu la littizzetto da fazio, qualche anno fa. pedofilia non c'entra ovviamente. e ovviamente definisce un reato, a differenza di "femminicidio", termine abbastanza "triviale" che mi pare alluda alla presunta "precarietà e debolezza" della condizione "femminile", e che evidenzierebbe un qualche tipo di "omicidio" motivato dallo "spregio" per la predetta condizione. ovviamente a causa di "uomini".
    Ho fatto una breve ricerca, la prima comparsa del termine è nel 1848, ma non con il significato che gli viene attribuito oggi.
    La prima citazione moderna è del 1990, ma non da parte della Littizzetto.

    Paragono l’uso confuso e poco cristallino che si fa del termine femminicidio con l’uso poco cristallino che talvolta alcuni fanno del termine pedofilia (un novantenne che si accompagna con una ventenne potrà dare fastidio, suscitare rancorosa invidia, ma non è pedofilia, parimenti una donna uccisa durante una rapina non è femminicidio)

    Il termine femminicidio: "Qualsiasi forma di violenza esercitata in maniera sistematica sulle donne in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale, allo scopo di perpetuare la subordinazione di genere e di annientare l'identità attraverso l'assoggettamento fisico o psicologico della donna in quanto tale, fino alla schiavitù o alla morte"[ da wiki

    Non necessariamente da soli uomini, una madre che abbia introiettato una cultura soverchiante nei confronti del proprio genere potrebbe attuare comportamenti tesi ad annientare l’identità di una figlia, attraverso l’assoggettamento fisico, psicologico fino alla schiavitù e alla morte.


    Citazione Originariamente Scritto da sandor Visualizza Messaggio
    no. viene uccisa quando agisce in modo che non è "tollerato" e mi verrebbe da dire "non può essere tollerato" sulla base della "morale" comunemente accettata.
    Fortunatamente la "morale comunemente accettata" è mutevole nel tempo, come cambia la presa di coscienza di ingiustizie che prima apparivano del tutto normali e/o economicamente giustificabili. (ad esempio è recente l'interessamento per il bene e la tutela dei minori, mi verrebbe da dire post industriale ma non sono ferrata in questo argomento, mi fermo per non dire sciocchezze)


    Citazione Originariamente Scritto da sandor Visualizza Messaggio
    io non posso calpestare le aiuole come una donna non può affermare o peggio "millantare" di essere stata "violentata" dal primo sconosciuto che la guarda in modo che a lei dà fastidio. marito "compreso".
    La stronzaggine è largamente e abbondantemente diffusa nel genere umano di qualunque genere

    Citazione Originariamente Scritto da sandor Visualizza Messaggio
    lascia stare i musulmani e evita di "confondere". esiste nel nostro "paese" e "tra italiani" una morale "condivisa", perché se non fosse condivisa allora vi potrebbe essere una "compromissione" dell'ordine pubblico. se vai contro quella morale, che "ben conosci" perché "patrimonio comune", allora vuol dire che vuoi fare casino. e se ci scappa il morto te la sei cercata.
    La "morale condivisa" (Ma cosa è la morale condivisa? Ma condivisa da chi? La maggioranza? E come la misuri o verifichi? ) non è la legge, la legge punisce le violenze e l’omicidio

    Mai e poi mai una vittima “se l’è andata a cercare”, perché allora se “se l’è andata a cercare” per una aleatoria, incerta e non ben definita “morale diffusa” chi ha ucciso ha un’attenuante, la vittima un' aggravante

    Citazione Originariamente Scritto da sandor Visualizza Messaggio
    queste sono "puttanate". mi pare che le nostre "coste" siano ancora "troppo frequentate". e non solo da viados o immigrati. anche e soprattutto da giovani donne "italiane", che le frequentano perché hanno "il ciclo breve". santa madre!
    Qui non mi è chiaro cosa vuoi dire, se vuoi spiegarmi meglio, ti rispondo
    Ultima modifica di Breakthru; 06-02-2020 alle 09:52

  13. #58
    Opinionista L'avatar di Tommaso
    Data Registrazione
    24/01/20
    Messaggi
    107
    Ho scoperto un sacco di cose in questo thread...
    Ho scoperto che basta denunciare le violenze perpetrate sulle donne ( anzi, semplicemente segnalare, condividendo, chi le denuncia, io, di mio, non ho denunciato nulla ) per essere tacciato di "femminismo", concetto evidentemente considerato, soprattutto se declinato al maschile, la summa di ogni possibile nefandezza, alla pari, o forse pure peggio di altri famosi -ismi della storia.
    Ho scoperto l'esistenza di una "coscienza di classe" del genere maschile, che verrebbe gravemente minacciata dai comportamenti perturbatori dell'ordine costituito da parte di soggetti che si azzardino non dico a mostrare simpatia verso il "nemico" ( il genere femminile ) ma che semplicemente non si accodino alla guerra, evidentemente dichiarata a mia insaputa, tra i due sessi. Siamo passati dal "Lavoratori di tutto il mondo unitevi!" al "Maschi di tutto il mondo unitevi!".
    Ho scoperto che l'esistenza di una Giurisprudenza forse non equanime nei confronti degli uomini ( forse... ci sono numerosi esempi che dicono il contrario ), basta di per sé a giustificare la necessità di far fronte comune contro le donne in tutti i campi, a partire da quello di cui stiamo discutendo, la violenza sulle donne.
    Ho scoperto che la violenza sulle donne di fatto non esiste e che per negare millenni di storia che dicono il contrario, basta citare parzialissime statistiche ( Disraeli diceva che ci sono tre generi di bugie: le bugie, le dannate bugie e le statistiche ).
    Soprattutto ho scoperto che ci sono, in questo forum, diversi uomini ( spero non la totalità e nemmeno la maggioranza ) che sono divorati da un viscerale rancore verso il genere femminile: tutta la mia solidarietà alle donne che, a qualunque titolo ( compagne, sorelle, figlie, colleghe ), hanno la non invidiabile sorte di vivere al loro fianco.

  14. #59
    Opinionista
    Data Registrazione
    07/10/10
    Località
    roma
    Messaggi
    2,371
    Citazione Originariamente Scritto da Breakthru Visualizza Messaggio
    Ho fatto una breve ricerca, la prima comparsa del termine è nel 1848, ma non con il significato che gli viene attribuito oggi.
    La prima citazione moderna è del 1990, ma non da parte della Littizzetto.

    1848 mi pare francamente "troppo". ho fatto anche io le dovute "verifiche" e non mi risulta. quanto alla seconda data ci possiamo "trovare". sta di fatto che il termine ha avuto una diffusione di massa a partire da qualche anno fa. littizzetto o no.

    Citazione Originariamente Scritto da Breakthru Visualizza Messaggio
    Paragono l’uso confuso e poco cristallino che si fa del termine femminicidio con l’uso poco cristallino che talvolta alcuni fanno del termine pedofilia (un novantenne che si accompagna con una ventenne potrà dare fastidio, suscitare rancorosa invidia, ma non è pedofilia, parimenti una donna uccisa durante una rapina non è femminicidio)

    sempre lasciando stare la "pedofilia", che può voler dire tutto e il contrario di tutto, al pari di "violenza sessuale", e al pari di tutti gli altri vocaboli inerenti alla sessualità, che hanno valenza diversa a seconda di chi li utilizza, ti direi che una volta c'era il reato di "uxoricidio", cioè l'assassinio del marito o della moglie da parte dell'altro coniuge e mi pare che le "pene" previste per tale reato beneficiassero di "attenuanti", dovute alla ponderazione da parte del legislatore delle circostanze del fatto. poi ti direi che esisteva nel passato il c.d. "delitto d'onore" il quale potrebbe essere fatto rientrare nella nozione di femminicidio, e che era parimenti considerato una fattispecie oggetto di attenuanti rispetto all'ordinaria fattispecie di "omicidio".

    Citazione Originariamente Scritto da Breakthru Visualizza Messaggio
    Il termine femminicidio: "Qualsiasi forma di violenza esercitata in maniera sistematica sulle donne in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale, allo scopo di perpetuare la subordinazione di genere e di annientare l'identità attraverso l'assoggettamento fisico o psicologico della donna in quanto tale, fino alla schiavitù o alla morte"[ da wiki

    la definizione ovviamente non è corretta. il suffisso "cidio" implica la causazione della morte.


    Citazione Originariamente Scritto da Breakthru Visualizza Messaggio
    Non necessariamente da soli uomini, una madre che abbia introiettato una cultura soverchiante nei confronti del proprio genere potrebbe attuare comportamenti tesi ad annientare l’identità di una figlia, attraverso l’assoggettamento fisico, psicologico fino alla schiavitù e alla morte.

    allora. ci sono sempre delle regole che "devono" essere rispettate onde prevenire la commissione di "reati". quando una donna non le rispetta allora si "presta" a favorire la commissione di reati da parte di coloro che ravvisano, consapevolmente o meno, nel comportamento della donna in questione, una qualche forma di "oltraggio" o "provocazione".



    Citazione Originariamente Scritto da Breakthru Visualizza Messaggio
    Fortunatamente la "morale comunemente accettata" è mutevole nel tempo, come cambia la presa di coscienza di ingiustizie che prima apparivano del tutto normali e/o economicamente giustificabili. (ad esempio è recente l'interessamento per il bene e la tutela dei minori, mi verrebbe da dire post industriale ma non sono ferrata in questo argomento, mi fermo per non dire sciocchezze)

    no. che è mutevole nel tempo lo dicono "i comunisti", i quali sanno soltanto parlare, ovviamente "per confondere le acque". la realtà è che il codice penale risale al 1930 ed è sempre quello. idem la morale cattolica. e idem le convenzioni sociali.



    Citazione Originariamente Scritto da Breakthru Visualizza Messaggio
    La stronzaggine è largamente e abbondantemente diffusa nel genere umano di qualunque genere

    si, questo si.




    Citazione Originariamente Scritto da Breakthru Visualizza Messaggio
    La "morale condivisa" (Ma cosa è la morale condivisa? Ma condivisa da chi? La maggioranza? E come la misuri o verifichi? ) non è la legge, la legge punisce le violenze e l’omicidio

    senza che ci sia necessità di definire l'omicidio "femminicidio"...


    Citazione Originariamente Scritto da Breakthru Visualizza Messaggio
    Mai e poi mai una vittima “se l’è andata a cercare”, perché allora se “se l’è andata a cercare” per una aleatoria, incerta e non ben definita “morale diffusa” chi ha ucciso ha un’attenuante, la vittima un' aggravante

    si. allora se vai a napoli, in rione "sanità" e porti la minigonna, e qualcuno ti mette le mani addosso, perché lì funziona così, ed è fatto "notorio", allora te la sei andata "a cercare". non so se è chiaro.


    Citazione Originariamente Scritto da Breakthru Visualizza Messaggio
    Qui non mi è chiaro cosa vuoi dire, se vuoi spiegarmi meglio, ti rispondo
    lasciamo stare...

  15. #60
    Opinionista L'avatar di LadyHawke
    Data Registrazione
    29/04/19
    Messaggi
    1,628
    Tommaso,non lasciarti smontare, qui dentro chi interviene tende a proiettare il proprio vissuto o il punti di vista in base al vissuto o le conoscenze che ha, per cui è diciamo "normale" assistere a certi interventi.

    Non è che la violenza sulle donne non esiste è che sono probabilmente ancora tante che non denunciano e non rientrano nelle statistiche, io le statistiche sinceramente le prendo con le pinze, fra l'altro se non ho compreso male fanno riferimento a morti o violenze denunciate e non il sommerso, cioè quello che accade e non viene a galla.
    Personalmente potrei anch'io portare la mia di esperienza , ho odiato mio padre per anni, se fossi una bambina degli anni 2020 e avessi chiamato il telefono azzurro o raccontato alle maestre la mia situazione famigliare probabilmente sarei stata attenzionata dai servizi sociali.
    lo solo ora che mio padre è anziano sono riuscita a comprenderlo, non giustificarlo ma cercare di capire.
    Parlo di un'epoca dove era considerato normale durante un litigio prendere a calci nel culo la moglie o a sberloni da parte del marito, era normale usare punizioni corporali ai figli dure anche da lasciare lividi.
    Non si tratta di secoli fa, ma diciamo quaranta, cinquant'anni fa, e non solo nelle culture più arretrate del sud ma anche al nord.
    Poi una cosa di cui forse non s'è parlato è anche la violenza psicologica, questa c'è da entrambi i sessi, ci sono uomini e donne capaci di "uccidere" dentro, sminuendo a tal punto che l'altro o i figli si sentono, perdonatemi il termine, "una merda", un'incapace in tutto.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •