Pagina 1 di 2 1 2 UltimaUltima
Risultati da 1 a 15 di 21

Discussione: Una nuova religione.

  1. #1
    Opinionista L'avatar di xmanx
    Data Registrazione
    10/10/11
    Messaggi
    1,496

    Una nuova religione.

    Gli ingenui pensano che le cose semplicemente accadono.
    E ignorano che dietro ci sono menti finissime che lavorano a progetti ben precisi.
    Quando si vogliono creare dei "vuoti" è perchè c'è già pronto qualcosa di nuovo per riempirli.
    Per creare il nuovo occorre prima distruggere il vecchio.

    Questo è il manifesto della nuova religione che sta nascendo.
    E' del tutto evidente cosa sia necessario distruggere affinchè questo nuovo possa instaurarsi.





    Un piccola precisazione: mai essere così sciocchi da pensare che nel "noi" contenuto nella frase "Siamo noi gli dèi, adesso", sei compreso anche tu.
    Lo stagista.
    Apprendista stregone.

  2. #2
    Opinionista
    Data Registrazione
    06/02/16
    Messaggi
    5,015
    Ogni forza ne stimola una pressoche' uguale e contraria per l'ottenimento di quella supremazia a cui tutti i potenti tendono, se non altro per salvaguardare se stessi e la propria autonomia di agire e influire.
    Un po come il custer che incontro' toro seduto e il pronostico fu ribaltato.
    Ne deriva un equilibrio incerto e variabile che solo molto raramente assume dimensioni significative, producendo risultati percebibili diffusamente di portata rilevante.

  3. #3
    Opinionista L'avatar di crepuscolo
    Data Registrazione
    08/10/07
    Messaggi
    20,786
    Viste le conseguenze nefaste della conoscenza umana concordo con la genesi della Bibbia dove si rappresenta la disobbedienza verso Dio da parte dell'uomo, che vorrebbe decidere da solo che cosa sia bene e che cosa sia male.

  4. #4
    Opinionista
    Data Registrazione
    06/02/16
    Messaggi
    5,015
    Forse la cosa e' piu' relativa e pragmatica volendosi decidere cio' che e' opportuno al momento nel proprio contesto, visto che la proiezione degli eventi derivati da quella decisione nel tempo e nello spazio con infinite interazioni e' cosa ignota, generalmente.

  5. #5
    Opinionista L'avatar di crepuscolo
    Data Registrazione
    08/10/07
    Messaggi
    20,786
    Ciao meogatto, sono contento di risentirti; nell'infinito futuro le interazioni tenderanno a zero, infatti per l'entropia, sembra che dall'ordine passeremo, o meglio passeranno, al più completo disordine, ogni progetto lontano nel tempo diventerà caotico, quindi, visto che siamo nel presente ordine io agirei adesso.

  6. #6
    Opinionista
    Data Registrazione
    06/02/16
    Messaggi
    5,015
    Ma anche nel breve i cosiddetti bene e male quali sono?
    La bomba atomica sul giappone valeva centinaia di migliglia di morti, o milioni nei combattimenti casa casa.

  7. #7
    Opinionista L'avatar di King Kong
    Data Registrazione
    05/07/17
    Messaggi
    796
    La nuova religione nasce vecchia.
    „Solo gli ingenui pensano che... „
    „Ci sono menti finissime...“
    „Per creare il nuovo bisogna distruggere il vecchio...“
    „Necessario distruggere...“
    „Mai essere così sciocchi...“

    Il nuovo/vecchio manifesto di psicopatici sanguinari con la sindrome dell‘onnipotenza e della razza superiore.

    Come diceva il farmacista a chi accusava il mal di ventre...
    “Ma andate...”
    Aut hic aut nullubi

  8. #8
    Opinionista L'avatar di crepuscolo
    Data Registrazione
    08/10/07
    Messaggi
    20,786
    Citazione Originariamente Scritto da meogatto Visualizza Messaggio
    Ma anche nel breve i cosiddetti bene e male quali sono?
    La bomba atomica sul giappone valeva centinaia di migliglia di morti, o milioni nei combattimenti casa casa.
    La giustificazione è sicuramente che la bomba è meno male del male che altrimenti ci sarebbe stato.
    Secondo me il male ed il bene non hanno sfumature giustificanti: o è o non è, altrimenti giustificheremmo qualsiasi male in vista di un male peggiore.
    Fortunatamente noi siamo fuori da queste responsabilità, ma il punto fondamentale è che tali responsabilità non si vogliono, quindi è uno stato dell'essere: io voglio essere questo e non quell'altro: questa è una volontà dell'essere.

  9. #9
    Opinionista L'avatar di crepuscolo
    Data Registrazione
    08/10/07
    Messaggi
    20,786
    Citazione Originariamente Scritto da King Kong Visualizza Messaggio
    La nuova religione nasce vecchia.
    „Solo gli ingenui pensano che... „
    „Ci sono menti finissime...“
    „Per creare il nuovo bisogna distruggere il vecchio...“
    „Necessario distruggere...“
    „Mai essere così sciocchi...“

    Il nuovo/vecchio manifesto di psicopatici sanguinari con la sindrome dell‘onnipotenza e della razza superiore.

    Come diceva il farmacista a chi accusava il mal di ventre...
    “Ma andate...”
    Forse è la smania di onnipotenza, il male peggiore per gli esseri disumani.
    Sono convinto che il futuro, con vecchiaia e morte compresa, è la tormalina per misurare gli acidi e i basici.

  10. #10
    Opinionista L'avatar di xmanx
    Data Registrazione
    10/10/11
    Messaggi
    1,496
    Citazione Originariamente Scritto da crepuscolo Visualizza Messaggio
    Forse è la smania di onnipotenza, il male peggiore per gli esseri disumani.
    Sono convinto che il futuro, con vecchiaia e morte compresa, è la tormalina per misurare gli acidi e i basici.
    Penso che ti devi aggiornare.
    Credi forse che non stiano già usando i tuoi soldi per arrivare all'immortalità?
    Si chiama "Mind uploading"...un progetto a cui sta lavorando anche la UE.
    E chi...e quanti saranno coloro che potranno avvalersi di una simile tecnologia e diventare immortali?

    Lo stagista.
    Apprendista stregone.

  11. #11
    Opinionista L'avatar di crepuscolo
    Data Registrazione
    08/10/07
    Messaggi
    20,786
    Non mi interessa, posso benissimo fare beneficenza; pensare di vivere in eterno a queste condizioni sarebbe peggio di un suicidio.

  12. #12
    Opinionista L'avatar di xmanx
    Data Registrazione
    10/10/11
    Messaggi
    1,496
    Dalla visione teologica del culto luciferino alla visione politica del tiranno: Lectio magistralis, il "Tiranno Illuminato" e i suoi adepti

    Al contrario di tutte le belle parole scritte nel sito "Dignity Order", l'umanesimo dei massoni neoaristocratici e neoliberisti si basa su un convincimento espresso chiaramente da Giuliano Di Bernardo:

    "gli uomini non sono uguali. Quando si incontrano due uomini è solo questione di tempo, prima o poi uno dominerà l’altro. Uno è fatto per dominare, l’altro è fatto per essere dominato."

    Giuliano Di Bernardo è un filosofo e massone italiano. Gran maestro del Grande Oriente d'Italia dal 1990 al 1993, ha poi fondato la Gran Loggia Regolare d'Italia.

    E' un esponente della massoneria neoaristocratica e neoliberista.
    Dignity è un Ordine esoterico internazionale che si può rappresentare come una piramide al cui vertice è il Gran Maestro. Fondatore e Gran Maestro di Dignity è Giuliano Di Bernardo.

    Dice Giuliano Di Bernardo:

    “Le concordanze ci sono sempre al vertice. A un certo livello ci sono sempre state, segretamente. Quando si parla di questo filo segreto si parla di un dialogo sottile, profondo, che esiste tra persone di potere. Sono queste convergenze a evitare – in caso di crisi o conflitti – i danni maggiori e le situazioni irreparabili.

    E’ chiaro che, alla base della piramide, troviamo il prete e il massone che si comportano come Don Camillo e Peppone. Ma i vertici, poiché sono vertici illuminati, si toccano sempre. Questo vale per tutto. E io ritengo che siano non solo fortunati, ma beati, coloro che – sia pure per un singolo istante della loro vita - possono vedere queste connessioni ideali tra i vertici”.


    Vediamo, dunque, alcuni passaggi del pensiero di Di Bernardo tratti dal suo libro La conoscenza umana.

    p. 24: “resta, in definitiva, un’unica possibilità: l’etica mondiale deve essere imposta. Se la democrazia è incapace di imporla, allora è necessario pensare a un’altra forma di esercizio del potere. Aristotele direbbe che, dopo lo scivolamento della democrazia nell’anarchia, solo il tiranno può riportare ordine nella società e garantire a tutti non solo la sopravvivenza ma anche il benessere e la felicità. Oltre Aristotele, io direi che il tiranno deve essere “illuminato”, espressione più pura della saggezza. Il Tiranno illuminato, però, non nasce dal nulla: il suo avvento deve essere preparato da uomini di qualità, indipendentemente dal sesso, dalla lingua, dal colore della pelle, dalla religione, dalla cultura”.

    p. 234: “Io credo nell’etica e nella sua capacità di unire gli uomini intorno a un progetto futuro. Ma tale progetto, per esprimere il bene comune, se necessario, deve essere imposto. Se non può essere imposto da uno stato democratico, allora bisogna guardare a una diversa fonte di potere statale che, a mio modo di vedere, è rappresentata dal Tiranno illuminato.

    Il tiranno di cui qui si parla non è il tiranno che abbiamo conosciuto nella storia dell’umanità, nelle sue diverse apparizioni, dal tiranno di Siracusa a Hitler. Il Tiranno illuminato è un uomo dotato di grande carisma, di eccezionali doti intellettive e di profonda saggezza. Egli deve saper coniugare la ragione con le emozioni, che sono i pilastri che sorreggono l’uomo integrale. Egli dev’essere in grado di comprendere i bisogni materiali dell’umanità ma deve anche saperli plasmare con i più alti valori spirituali (il vero, il bene, il bello, il giusto).

    Un uomo con queste qualità governerà non con il terrore ma con il consenso, perché tutti riconosceranno e accetteranno la sua guida illuminata.

    Un uomo così potente, autorevole e saggio saprebbe in quale direzione orientare i cambiamenti genetici per la creazione dell’uomo nuovo. Sottomettendosi alla sua guida illuminata, l’umanità eviterebbe il rischio dell’autodistruzione. […].

    'Gli uomini di qualità' creeranno le condizioni storiche e sociali da cui emergerà, al momento giusto, colui che dovrà assurgere a Guida suprema dell’umanità”.


    p. 235: “come potrebbe…un uomo che vive in uno stato democratico, ove esiste la tendenza a livellare verso il basso l’umanità, acquisire il potere e l’autorità per governare il mondo come Tiranno illuminato? In condizioni normali sarebbe impossibile.

    Ma le condizioni in cui versa oggi l’umanità stanno degenerando gradatamente, per cui è facile prevedere che si arriverà a un punto in cui le regole sociali saranno rotte e si scivolerà inevitabilmente nell’anarchia. A quel punto, come Aristotele ha sostenuto, il superamento dell’anarchia sarà possibile solo con la creazione del tiranno cui si delegheranno tutti i poteri, a condizione che egli riporti l’ordine nella società.

    È solo in questo stadio dell’umanità che potrebbe fare la sua comparsa il Tiranno illuminato. A differenza di tutti gli altri tiranni, egli, dotato delle qualità già descritte, potrà orientare l’evoluzione della specie umana. Sarà lui, e solo lui, assistito da scienziati, a decidere come creare l’uomo nuovo”.


    Qual è, in sostanza, il modo per imporre il Tiranno?
    E' la creazione del caos sociale. Solo creando il caos sociale è possibile, poi, imporre il Tiranno presentandolo come il "portatore di un nuovo ordine".

    Lo stagista.
    Apprendista stregone.

  13. #13
    Opinionista L'avatar di King Kong
    Data Registrazione
    05/07/17
    Messaggi
    796
    Citazione Originariamente Scritto da xmanx Visualizza Messaggio

    Qual è, in sostanza, il modo per imporre il Tiranno?
    E' la creazione del caos sociale. Solo creando il caos sociale è possibile, poi, imporre il Tiranno presentandolo come il "portatore di un nuovo ordine".
    Dovremo di nuovo incendiare Roma?
    Aut hic aut nullubi

  14. #14
    Opinionista L'avatar di xmanx
    Data Registrazione
    10/10/11
    Messaggi
    1,496
    Citazione Originariamente Scritto da King Kong Visualizza Messaggio
    Dovremo di nuovo incendiare Roma?
    Incendiare Roma non lo so.
    Di certo cominciare a vedere le cose per quelle che effettivamente sono, senza ingenuità, questo sì.
    Lo stagista.
    Apprendista stregone.

  15. #15
    Opinionista L'avatar di xmanx
    Data Registrazione
    10/10/11
    Messaggi
    1,496
    Quali sono i concetti base di questa religione?
    Questa religione si basa sul concetto che la vita è frutto del caso. E che l'evoluzione è un processo guidato dal caso...e quindi l'homo è il risultato casuale del cieco processo evolutivo (neo-darwinismo).

    Perchè il "caso" è diventato un "dogma" così diffuso, pur non essendo una verità scientifica?
    Lo scopo è chiaro: diffondere la religione del "culto luciferino" per eliminare ogni possibilità di reazione etica.
    Se, infatti, l'homo è figlio del cieco caso, si afferma implicitamente che l'unica morale possibile è la morale della "legge della giungla"...e quindi si afferma come eticamente legittima ed eticamente motivata e giustificata la supremazia della legge del più forte. E si elimina ogni motivazione etica per ribellarsi al dominio dei più forti.

    Dice, infatti, Giuliano Di Bernardo, filosofo e massone italiano, Gran maestro del Grande Oriente d'Italia dal 1990 al 1993, ha poi fondato la Gran Loggia Regolare d'Italia:
    "gli uomini non sono uguali. Quando si incontrano due uomini è solo questione di tempo, prima o poi uno dominerà l’altro. Uno è fatto per dominare, l’altro è fatto per essere dominato."

    Questa visione filosofica che è alla base della religione elaborata dalla "èlite dei nuovi dèi" si fonda proprio sul dogma stabilito dal neo-darwinismo: l'homo è frutto del cieco caso, quindi l'unica morale possibile è quella della "legge della giungla"....e nella giungla c'è chi domina (il più forte) e c'è chi è dominato (il più debole").

    Sono state elaborate false teorie scientifiche basate sul "caso". Queste false teorie vengono insegnate nelle scuole. E così si sono allevate intere generazioni convinte che tutto è frutto del "cieco caso".
    Una volta diffuso questo "dogma religioso" è, infatti, più facile far passare la concezione di homo della religione del "culto luciferino".
    Il motto, infatti, è sempre lo stesso: E' più facile dominare chi non crede in niente. Ed è più facile perchè, chi non crede in niente, non ha gli strumenti etici e morali per controbattere alla imposizione della legge del più forte. Chi non crede in niente è implicitamente predisposto ad accettare come inevitabile la legge del più forte ed è quindi implicitamente predisposto a diventare uno schiavo del più forte.

    Per i sostenitori del "culto luciferino" l'homo è diviso in tre categorie:

    - gli uomni ilici (dal greco hyle, materia), legati esclusivamente alle pulsioni e alle emozioni, e incapaci di governare se stessi;
    - gli uomini psichici (da psiche, anima) legati prevalentemente alla razionalità e all'intelletto, ma con scarsa conoscenza della realtà spirituale;
    - gli uomini pneumatici (da pneuma, spirito), ovvero quelli che realizzano in sè il mix perfetto fra corpo, anima, spirito.

    In questa classificazione dell'homo, il concetto di "spirito" e "spiritualità" non ha nulla a che vedere con realtà trascendenti. Per "spiritualità", in questo caso, si intende la "conoscenza della verità esoterica" ad uso esclusivo della èlite dominante. E questa "verità esoterica" afferma che non esiste alcun Dio e che alcuni uomini, l'èlite, sono i nuovi dèi.

    Questa "èlite di uomini pneumatici", i nuovi dèi, condivide l'obiettivo di farsi leader pneumatica dell'umanità, considerata non come comunità da perfezionare progressivamente nel suo insieme nel rispetto di regole democratiche e pluraliste, bensì come una massa informe di nuovi schiavi plasmata e governata da un gruppo di elitari maestri "illuminati" ("illuminati" nel senso che appartengono a questa èlite di nuovi dèi).

    Questa "èlite di nuovi dèi" intende perseguire il suo obiettivo: affermare il proprio potere elitario sull'umanità, riducendo gli uomini in schiavi:
    "Io desidero la realizzazione di un Nuovo ordine mondiale postmoderno dalla governance feudale e oligarchica, certo. Ma voglio che tutto si realizzi senza spargimenti di sangue, senza guerre, stragi, omicidi politici, tragedie collettive troppo cruente. Anche perchè sono convinto che nuove forme di governo globale gerarchiche e demo-aristocratiche saranno un bene persino per le bestie umane, per gli esseri "ilici". Questi, in un simile scenario, perderanno un po' di prerogative sovrane e di benessere materiale, ma potranno acquistare una più pacifica e armoniosa accettazione di un'esistenza modesta, sobria e senza velleità, più adeguata al loro status ontologico."
    Ultima modifica di xmanx; 26-02-2020 alle 10:23
    Lo stagista.
    Apprendista stregone.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •