Risultati da 1 a 9 di 9

Discussione: Riduzione Inquinamento Globale causa COVID19

  1. #1
    Opinionista L'avatar di ~Spawn
    Data Registrazione
    29/03/10
    Località
    Torino
    Messaggi
    100

    Riduzione Inquinamento Globale causa COVID19

    La NASA ci conferma con le sue immagini satellitari che la coltre di smog e gas nocivi che attanagliano da anni la pianura padana stanno dissolvendosi, causa la cessazione di molte attività... personalmente, vivendo a Torino, capitale dello smog, questo non può che rallegrarmi... ma quello che io mi domando è, sarà possibile mantenere l'aria pulita in futuro? O in poco tempo tutto ritornerà come prima se non peggio? Voi cosa ne pensate ?

  2. #2
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    52,437
    Che 2+2 fa 4
    Che veramente saremmo ancora in tempo per salvare il Pianeta. Se solo lo volessimo davvero. Se lo mettessimo come priorità, come urgenza....
    amate i vostri nemici

  3. #3
    Opinionista L'avatar di Vega
    Data Registrazione
    04/05/05
    Messaggi
    11,559
    E che volete fare, mettere in quarantena a vita la specie umana per risolvere il problema?
    Pienamente funzionante e programmata in tecniche multiple

  4. #4
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    52,437
    Ridurre le emissioni di CO2, cara. In modo significativo, non con misure che fanno solo il solletico....
    amate i vostri nemici

  5. #5
    Opinionista L'avatar di ~Spawn
    Data Registrazione
    29/03/10
    Località
    Torino
    Messaggi
    100
    E' risaputo che, ad esempio, le auto benzina emettono più CO2 rispetto ai motori diesel... eppure durante i blocchi periodici soltanto il diesel viene lasciato in garage...
    Come diminuire le emissioni di CO2 se la legge ti lascia a casa con un motore nuovo Euro6 Diesel e ti lascia scorrazzare liberamente con un rottame Euro3 Benzina ?
    Questo volendo considerare l'uso privato, sappiamo bene che a inquinare DAVVERO sono altri, quali industrie, grandi trasporti su strada, trasporti navali ecc

  6. #6
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    52,437
    Le strade sono vuote e silenziose, l’uomo sembra essere momentaneamente scomparso e la natura si riprende il suo posto. Le lepri hanno invaso i parchi di Milano, i delfini nuotano nelle acque - finalmente più tranquille - dei porti di Cagliari e Trieste, daini e cervi fanno capolino sui campi da golf in Sardegna. E a Venezia, dove le acque sono tornate limpide, gli uccelli fanno il nido in uno dei posti un tempo più caotici: il pontile di attracco dei vaporetti, nel cuore di Piazzale Roma.

    A Cagliari non è una novità scorgere il profilo dei delfini che danzano a pelo d’acqua: in questi giorni, però, complice il silenzio e una inedita pace, i mammiferi si sono spinti fin sotto la prua delle barche ormeggiate. Lo stesso è accaduto nel porto di Trieste e davanti al castello di Miramare, dove un tursiope è stato fotografato in tutta la sua bellezza.

    https://www.huffingtonpost.it/entry/...b62f90bc50df09
    amate i vostri nemici

  7. #7
    Opinionista L'avatar di ~Spawn
    Data Registrazione
    29/03/10
    Località
    Torino
    Messaggi
    100
    Citazione Originariamente Scritto da conogelato Visualizza Messaggio
    Le strade sono vuote e silenziose, l’uomo sembra essere momentaneamente scomparso e la natura si riprende il suo posto. Le lepri hanno invaso i parchi di Milano, i delfini nuotano nelle acque - finalmente più tranquille - dei porti di Cagliari e Trieste, daini e cervi fanno capolino sui campi da golf in Sardegna. E a Venezia, dove le acque sono tornate limpide, gli uccelli fanno il nido in uno dei posti un tempo più caotici: il pontile di attracco dei vaporetti, nel cuore di Piazzale Roma.

    A Cagliari non è una novità scorgere il profilo dei delfini che danzano a pelo d’acqua: in questi giorni, però, complice il silenzio e una inedita pace, i mammiferi si sono spinti fin sotto la prua delle barche ormeggiate. Lo stesso è accaduto nel porto di Trieste e davanti al castello di Miramare, dove un tursiope è stato fotografato in tutta la sua bellezza.

    https://www.huffingtonpost.it/entry/...b62f90bc50df09
    Si puo' imparare a lasciare alla natura il proprio spazio riconquistato, pur riprendendo le attività umane?

  8. #8
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    52,437
    Certo! Si. Continuare come prima...come se niente fosse accaduto...sarebbe demenziale amico Spawn.
    amate i vostri nemici

  9. #9
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    52,437
    22 Aprile Giornata mondiale per la Terra. Da 50 anni a questa parte, essa rappresenta un puntuale appuntamento di riflessione sullo stato di salute del nostro pianeta e, per il 2020, il tema individuato è l’azione per il clima. Nonostante la minaccia del virus che sta condizionando la nostra salute e la nostra libertà, l’azione sui cambiamenti climatici rimane la più urgente sfida per la sopravvivenza dell’intera umanità. La sua improrogabilità emerge dai dati sul surriscaldamento globale divulgati dall’Organizzazione meteorologica mondiale (OMM) delle Nazioni Unite, secondo cui le temperature raggiunte dall’aria superficiale nel 2019 sono le più elevate mai registrate.

    Secondo lo studio del World Glacier Monitoring Service, inoltre, il 2019 è stato il 32° anno consecutivo in cui si è sciolto più ghiaccio di quanto se ne sia riformato ed i livelli del mare hanno raggiunto il loro massimo innalzamento da quando sono iniziate le registrazioni. Anche nella situazione in cui ci troviamo, in cui un virus minaccia la sopravvivenza di una consistente parte della popolazione e le nostre libertà, non bisogna distogliere l’attenzione dall’urgenza di frenare i cambiamenti climatici e azzerare le emissioni di gas serra il più presto possibile.

    La vulnerabilità climatica costituisce la più grande sfida per il futuro e il benessere dell’umanità poiché rappresenta una minaccia all’abitabilità del pianeta, sia da un punto di vista biologico che sociale. Essa rischia di compromettere il nostro ecosistema vitale e le libertà umane, favorendo le discriminazioni tra i popoli e le disuguaglianze di genere.

    Senza un radicale cambio di rotta, i cambiamenti climatici determineranno la perdita dei mezzi di sussistenza per le popolazioni più povere del mondo e le donne saranno le prime a farne le spese perché più povere, più esposte a malattie e dedite all’agricoltura.

    Occorrono quindi delle azioni di tutela sia naturalistiche che sociali, riconducibili a quella che l’Enciclica Laudato sì di Papa Francesco chiama “ecologia integrale” in cui la preoccupazione per la natura, l’equità verso i poveri e l’impegno nella società risultino inseparabili.

    https://www.orizzontescuola.it/onepe...e-della-terra/
    amate i vostri nemici

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •