Pagina 2 di 2 PrimaPrima 1 2
Risultati da 16 a 26 di 26

Discussione: Quinto: Non uccidere!

  1. #16
    Opinionista L'avatar di esterno
    Data Registrazione
    23/07/14
    Messaggi
    751
    Citazione Originariamente Scritto da Doppio Visualizza Messaggio
    - Il libro di Giobbe è l'esempio più classico di quanto sopra: il bene e il male per noi non sono la stessa cosa del bene e del male per Dio, non 'è contraddizione... -


    Eppure la dottrina tradizionale (o delle 2 vie), quella annunciata da Mosè (illuminato-ispirato !) prospettava proprio:

    - il giusto osservante e praticante della volonta' dell' iddioAbba' "avrebbe" avuto la matematica certezza della sua incommensurabile benevolenza (prole, abbondanti raccolti, pioggia assicurata, salute di ferro, longevita'..ecc..eccc..)

    - per l' empio ovviamente _ tutte le disgrazie di questo mondo.


    E Giobbe _ si comportava in modo irreprensibile, sempre a lodare l' iddio, a compiere sacrifici, essere giusto con tutti i suoi servi.. insomma a non commettere nulla che dispiacesse alla divinita'... E sappiamo come è andata a finire.

    E proprio questo Libro sapienziale ( + quello di Qoelet) ha S-bugiardato lla dottrina delle 2 vie _ perchè Non veritiera.. e la realta' dimostrava tutto il contrario:

    L' empio riceva quanto sarebbe stato dovuto AL giusto - e viceversa.

    Inoltre Gia' al tempo della compilazione di questo Libro _ la dottrina della responsabilita' "collettiva" (quella evocata nei passi:
    - Es. cap. 20 + Es. cap. 34 + Gioele cap. 4 + Giosuè cap. 7...

    era stata soppiantata/sostituita (sempre dagli autori Ispirati..) con quella Individuale/personale, come:
    - Deut. capitoli 7 + 24 + 2 Re cap. 14 + Salm0 62 + Ger. capitoli 31+ 50 + Ezec. capitoli 14 + 18... / E dallo stesso autore Giobbe 34.11 !

    Invece quei 3 compari gli rinfacciavano che la causa delle sue sofferenze sarebbero dovute alle marachelle dei suoi figlioli...

    Curioso altresi' che proprio questo redattore riporti quel passo _ ove fa intendere che il Male "sarebbe" dovuto per causa divina
    _ Con quella domanda: Chi dunque ??

    Per "capire" il senso di questo Libro (come del resto anche per gli altri autori ispirati) leggo diversi "commenti" (preferibilmente ebrei _ quelli cristiani sono troppo mirati al loro dioincarnato..) - ebbene alcuni evidenziano quelle stesse contraddizioni che io stesso percepisco.. / un dio assente (e/o peggio: IN-esistente ??).

    Infatti il sofferente "chiede" insistentemente.. al cielo _ QUALE fosse la causa del suo penoso stato proprio lui che, come da dottrina tradizionale, sarebbe stato un ricompensato.. mentre la Realta' gli si manifesto' in modo tragico..eccc...ecc..

    MA assordante è quel silenzio:
    - Quell' iddio Fugge, si Nasconde, è Introvabile (perchè NON esiste ?) - Per i commentatori biblici.. ribadiscono ovviamente che egli è Trascendente e Non è che egli si debba mostrare come un essere umano _ Ma almeno che manifesti almeno "un segno" (come abitualmente faceva "con altri" suoi servi..).

    - Gb. capitoli 9 + 19 + 23..(ovvero: SE cerco l' Abba' nel giudice _ nell' accusato _ nel testimone...ecc.. è SEMPRE Assente !!

    E soprattutto a quella sua specifica domanda delle domande / il succo di questo Libro ! rivolta espressamente ALL' Abba':
    - perchè nel mondo c' è il Male e NON il bene ? Risposta "celeste" ? Nulla !

    Che poi al termine venga RI-pagato per la sua incrollabile fede / e invece i suoi amici obbligati ad un sacrificio riparatorio.. è un finale poetico.. come le belle favole strappalacrime _ e vissero tutti felici e contenti..

    Tuttavia Non è esauriente. Alla fatidica domanda - perchè c' è il Male e soprattutto PERCHE' un innocente debba Soffrire ??
    - il silenzio è assoluto.

    Come commentava A. Luzzato / nel suo Giobbe - questo Libro piu' che altro:
    -1) è un libro PER i credenti, ai quali induce la speranza _ anche nelle situazioni piu' cupe, l' Abba' interverrebbe...

    - 2) è un libro delle "domande" / Giobbe domanda all' Abba' + l' Abba' interroga Giobbe - i 3 amici interrogano il giusto _ e questi si rivolge a 3 moschettieri..ecc.
    E dunque? Tutti hanno ragione - tutti hanno torto !

    Piuttosto problematico invece per lo scettico, per il dubbioso, l' agnostico...

    - Questo iddioCompassionevole è del tutto Incomprensibile ed Insensibile - oltre a manifestare la sua assenza (peggio Inesistenza ?)
    perchè semmai veramente esistesse:

    - smentirebbe clamorosamente i suoi stessi autori (da lui stesso ispirati), la fasulla, traballante e S-creditata dottrina delle 2 vie..

    - inoltre NON è Onniveggente-Onnisciente (il fatto di scommettere con Er Satan - ovvero SE Lui non avesse saputo COME sarebbe finita..

    - cosi' come domanda per ben 2 volte a Er Satan DA dove provenisse...

    Insomma un Libro "insoddisfacente" / Inconclusivo !

    Se invece leggiamo il commento (per esempio) J. Gerald Janzen (della Claudiana) - ovviamente è un libro sublime, tutto un osannare questo Abba'..
    - Il Male E' necessario proprio per rimarcare l' abissale distanza tra l' umanoide e l' Abba' / e che il Giusto Non avrebbe mai dovuto permettersi di interrogare il suo stesso divinVasaio.. perchè comunque insondabile è il suo disegno.. / quasi che questo commentatore fosse il suo avvocato.. (ma essendo un biblista _ lo si puo' comprendere..) -

    Ovvio ognuno riflettera' e valutera'..
    / personalmente (anche se la mia opinione conta un fico ultra-secco) sposo la tesi dell' autore (ebreo) Luzzato:

    - è un libro NON soddisfacente -

    -

  2. #17
    Superstite L'avatar di Doppio
    Data Registrazione
    04/08/10
    Località
    Dietro di te
    Messaggi
    2,968
    Boh, non so se lo definerei un libro non soddisfacente, dal punto di vista antropologico è intrigante, e sottolinieo antropologico perchè alla fin fine non parla di nessun dio, in quelle pagine ci sono solo storie di uomini, magari qualcuno aveva un ufficio stampa migliore e si è fatto passare per più figo di quanto non fosse in realtà, però insomma sono passati sicuramente non meno di tremila anni e probabilmente molto di più e ancora si racconta la storia di un pugno di patriarchi di un popolo che non ha praticamente mai avuto una sua terra, e nonostante ciò si sente un popolo e ancora cerca la sua nazione - se zittisco un attimo la vocina del me stesso anarchico che mi grida nella testa "Nazione, macchè nazione? Popolo, confini? Buuuuuu Buu!" - posso solo dire, rispetto, non posso credere che qualcuno abbia incontrato personalmente Dio , ma rispetto!

    Nondimeno i miti greci sono molto più avvincenti, tra l'altro riportano ad eventi che sono accaduti in epoche veramente antiche, pensa a Prometeo: è quello che rimane di una tertimonianza orale vecchia di più di centomila anni di un ominide, nemmeno un sapiens, che scopri il fuoco, non sarà stato un dio, ma almeno un sopannome figo se lo sarà guadagnato; non conosco abbastanza quelli nordici e quelli orientali per fare un confronto obbiettivo.
    Non avete ancora visto niente

    Moderatore droghe

  3. #18
    Opinionista L'avatar di crepuscolo
    Data Registrazione
    08/10/07
    Messaggi
    21,076
    Citazione Originariamente Scritto da conogelato Visualizza Messaggio
    Legge e Coscienza si intersecano continuamente in questo Comandamento:
    Bisognerebbe capire chi ha la precedenza.....e che è comune a tutti.....altrimenti non gira.
    Prima però bisognerebbe capire che cosa s'intenda per coscienza, non la tua, quella la conosciamo.
    Ultima modifica di crepuscolo; 27-05-2020 alle 22:15

  4. #19
    Opinionista L'avatar di crepuscolo
    Data Registrazione
    08/10/07
    Messaggi
    21,076
    Citazione Originariamente Scritto da Doppio Visualizza Messaggio
    Boh, non so se lo definerei un libro non soddisfacente, dal punto di vista antropologico è intrigante, e sottolinieo antropologico perchè alla fin fine non parla di nessun dio, in quelle pagine ci sono solo storie di uomini, magari qualcuno aveva un ufficio stampa migliore e si è fatto passare per più figo di quanto non fosse in realtà, però insomma sono passati sicuramente non meno di tremila anni e probabilmente molto di più e ancora si racconta la storia di un pugno di patriarchi di un popolo che non ha praticamente mai avuto una sua terra, e nonostante ciò si sente un popolo e ancora cerca la sua nazione - se zittisco un attimo la vocina del me stesso anarchico che mi grida nella testa "Nazione, macchè nazione? Popolo, confini? Buuuuuu Buu!" - posso solo dire, rispetto, non posso credere che qualcuno abbia incontrato personalmente Dio , ma rispetto!

    Nondimeno i miti greci sono molto più avvincenti, tra l'altro riportano ad eventi che sono accaduti in epoche veramente antiche, pensa a Prometeo: è quello che rimane di una tertimonianza orale vecchia di più di centomila anni di un ominide, nemmeno un sapiens, che scopri il fuoco, non sarà stato un dio, ma almeno un sopannome figo se lo sarà guadagnato; non conosco abbastanza quelli nordici e quelli orientali per fare un confronto obbiettivo.
    Il mito porta sempre ad un intreccio tra Cielo e Terra finché esce un Figlio né di qua e né di là, duplicemente straniero, sia in Cielo che in Terra.
    I miti degli uomini celebrano la tristezza dell'al di là divino.

  5. #20
    Opinionista L'avatar di esterno
    Data Registrazione
    23/07/14
    Messaggi
    751
    Citazione Originariamente Scritto da Doppio Visualizza Messaggio
    - si racconta la storia di un pugno di patriarchi di un popolo che non ha praticamente mai avuto una sua terra... -



    Insomma... una Terra l' avevano _ del resto sai bene quello stesso regno davidico si scisse in due..
    Cosi' come anche dopo le varie deportazioni.. RI-tornava pur sempre a casa.

    E' pur vero che avvenne la "totale" cancellazione dell 10 tribu' (regno di Israele) ad opera degli assiri _ purtuttavia rimase il regno del sud / quello di Giuda.

    Successivamente anche questo regno venne occupato.. con conseguente (ultima) deportazione a Babilonia.
    Ma la diversa politica (piu' "compassionevole") di Nabucodonosor.. rispetto ai feroci assiri, permise a detto popolo di non essere stato inghiottito dalle nebbie della storia _ e con Ciro pote' far RI-torno' in patria..(tanto da essere considerato l' unico Unto/Consacrato non ebreo).
    Anche se molti emigrarono in altri Paesi (Alessandria..).

    Quindi per quasi 5 secoli rimasero nella loro terra.
    Lo stesso avvento di Antioco IV, seppur funesto, tuttavia non li sradico' e deporto' come fecero in passato i potenti del tempo.

    L' evento tragico invece avvenne semmai con i Romani..eccc...ecccc...
    In quel tempo il costituito Impero non tollerava una perdurante ribellione _ da qui Tito (anno 70) e poi Adriano (anno 135) fu fatale _ tanto che la Diaspora duro' quasi 2000 anni.
    Piuttosto da ammirare è la loro unita' mantenuta, malgrado la vita dura (pensa alla persecuzioni) in Paesi stranieri.. quell' attaccamento alla Torah permise loro di rimanere "uniti"..eccc...eccccc...ecccc.....

    scusa se sono andato un po' oltre..

    si è fatto tardi... a domani /


    -

  6. #21
    Superstite L'avatar di Doppio
    Data Registrazione
    04/08/10
    Località
    Dietro di te
    Messaggi
    2,968
    Citazione Originariamente Scritto da crepuscolo Visualizza Messaggio
    Il mito porta sempre ad un intreccio tra Cielo e Terra finché esce un Figlio né di qua e né di là, duplicemente straniero, sia in Cielo che in Terra.
    I miti degli uomini celebrano la tristezza dell'al di là divino.
    Infatti, per quanto poi mi piaccia ironizzare, contesto sempre chi sminuisce il valore nelle varie scritture religiose, mitiche ed epiche definendole semplici favolette. ci sono dentro molte cose che ci raccontano di chi siamo, da dove veniamo e dove vorremmo andare.
    Non avete ancora visto niente

    Moderatore droghe

  7. #22
    Superstite L'avatar di Doppio
    Data Registrazione
    04/08/10
    Località
    Dietro di te
    Messaggi
    2,968
    Citazione Originariamente Scritto da esterno Visualizza Messaggio
    Insomma... una Terra l' avevano _ del resto sai bene quello stesso regno davidico si scisse in due..
    Cosi' come anche dopo le varie deportazioni.. RI-tornava pur sempre a casa.

    E' pur vero che avvenne la "totale" cancellazione dell 10 tribu' (regno di Israele) ad opera degli assiri _ purtuttavia rimase il regno del sud / quello di Giuda.

    Successivamente anche questo regno venne occupato.. con conseguente (ultima) deportazione a Babilonia.
    Ma la diversa politica (piu' "compassionevole") di Nabucodonosor.. rispetto ai feroci assiri, permise a detto popolo di non essere stato inghiottito dalle nebbie della storia _ e con Ciro pote' far RI-torno' in patria..(tanto da essere considerato l' unico Unto/Consacrato non ebreo).
    Anche se molti emigrarono in altri Paesi (Alessandria..).

    Quindi per quasi 5 secoli rimasero nella loro terra.
    Lo stesso avvento di Antioco IV, seppur funesto, tuttavia non li sradico' e deporto' come fecero in passato i potenti del tempo.

    L' evento tragico invece avvenne semmai con i Romani..eccc...ecccc...
    In quel tempo il costituito Impero non tollerava una perdurante ribellione _ da qui Tito (anno 70) e poi Adriano (anno 135) fu fatale _ tanto che la Diaspora duro' quasi 2000 anni.
    Piuttosto da ammirare è la loro unita' mantenuta, malgrado la vita dura (pensa alla persecuzioni) in Paesi stranieri.. quell' attaccamento alla Torah permise loro di rimanere "uniti"..eccc...eccccc...ecccc.....

    scusa se sono andato un po' oltre..

    si è fatto tardi... a domani /


    -
    È vero per un po' ce l'hanno avuta la loro terra, ma per quasi tutta la loro storia sono stati a spasso, mi viene da chiedermi, se non fossero stati maggiormente colpiti dall'olocausto, oggi sarebbero al pari degli zingari? Giusto per tornare almeno un pochino in topic, perché il comandamento sarà anche giustissimo, ma pare che essere uccisi sia una sorta di raccolta punti, anche il Salvatore lo è diventato essendo ucciso, e per ognuno che viene ucciso c'è almeno uno che uccide.
    Non avete ancora visto niente

    Moderatore droghe

  8. #23
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    52,437
    Bravissimo Doppio, mi complimento! Passaggio per passaggio, rispondendo alle varie obiezioni, sei arrivato alla Verità: Un popolo che non era neanche un popolo, ma solo un ammasso cencioso di schiavi, ha rivelato e portato al mondo il Dio Unico. E questo nonostante persecuzioni, oltraggi, cacciate, diaspore e olocausti. Qualche dubbio che davvero Dio faccia la Storia così, dovrebbe venire a tutti. Dio dalla schiavitù trae fuori la Libertà. Dalla malattia la guarigione. Dalla cecità la vista. Dalla Morte....la Vita!

    "Tutto il mondo davanti a te, come polvere sulla bilancia,
    come una stilla di rugiada mattutina caduta sulla terra.
    Hai compassione di tutti, perché tutto tu puoi,
    non guardi ai peccati degli uomini,
    in vista del pentimento.
    Poiché tu ami tutte le cose esistenti
    e nulla disprezzi di quanto hai creato;
    se avessi odiato qualcosa, non l'avresti neppure creata.
    Come potrebbe sussistere una cosa, se tu non vuoi?
    O conservarsi se tu non l'avessi chiamata all'esistenza?
    Tu risparmi tutte le cose,
    perché tutte son tue, Signore, amante della vita!"

    SAPIENZA 11
    amate i vostri nemici

  9. #24
    Superstite L'avatar di Doppio
    Data Registrazione
    04/08/10
    Località
    Dietro di te
    Messaggi
    2,968
    Vuoi dire che è veramente una raccolta punti, allora uccidere è altruismo, fa guadagnare prestigio alla categoria colpita.
    Non avete ancora visto niente

    Moderatore droghe

  10. #25
    Opinionista L'avatar di esterno
    Data Registrazione
    23/07/14
    Messaggi
    751
    Citazione Originariamente Scritto da Doppio Visualizza Messaggio
    - anche il Salvatore lo è diventato essendo ucciso, e per ognuno che viene ucciso c'è almeno uno che uccide. -





    Infatti... è una storia senza fine / semmai finira'.

    Gli stessi ebrei "avrebbero" segato in due lo scomodissimo Isaia / cosi' come Geremia _ che subi' la lapidazione..

    Cosi' verra' Ripetuto, Ma moltiplicato all' ennisima potenza, soprattutto da coloro che si fregiavano come appartenenti alla religione piu' eccelsa / quella della compassione, della fratellanza, dell' amore universale _ e guarda invece quanto sangue ha fatto scorrere nel corso dei secoli..

    Lo stesso defunto capo supremo dell' ekklesia / il polacco G.P. II/ con la sua mitica bolla (gia' varie volte postata) Incarnationis Mysterium per giubileo 2000 _ chiedeva perdono al mondo per le indicibili sofferenze ed incalcolabili Lutti (massacri e stermini vari..) inflitti Ai popoli DA coloro che portavano la "gioiosa e gagliarda novella"..

    Ecco perchè sublime ed eccelso è quel "comando" _ ma è SOLO rimasto scritto sulla Tavola..

    e il mondo continuava (e continua) ad alimentare il fiume di sangue...

    -

  11. #26
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    52,437
    ...Dio stesso ne è rimasto vittima. Ma l'Immagine quì accanto cosa ci dice? Che in Cristo Suo Figlio, si fa solidale con noi. Che quando soffriamo e piangiamo, Egli è accanto a noi. Che nessuna delle nostre lacrime è a Lui sconosciuta! Che tutte saranno asciugate: E' scritto.

    "Vidi poi un nuovo cielo e una nuova terra, perché il cielo e la terra di prima erano scomparsi e il mare non c'era più. Vidi anche la città santa, la nuova Gerusalemme, scendere dal cielo, da Dio, pronta come una sposa adorna per il suo sposo. Udii allora una voce potente che usciva dal trono:
    «Ecco la dimora di Dio con gli uomini!
    Egli dimorerà tra di loro
    ed essi saranno suo popolo
    ed egli sarà il "Dio-con-loro".
    E tergerà ogni lacrima dai loro occhi;
    non ci sarà più la morte,
    né lutto, né lamento, né affanno,
    perché le cose di prima sono passate».

    APOCALISSE 21
    amate i vostri nemici

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •