Pagina 4 di 5 PrimaPrima 1 2 3 4 5 UltimaUltima
Risultati da 46 a 60 di 64

Discussione: Salvare il mondo

  1. #46
    Opinionista L'avatar di Vega
    Data Registrazione
    04/05/05
    Messaggi
    11,756
    Cono scusa, son giorni che posti gridi d'allarme. Abbiamo capito. Vuoi riempire tante altre pagine di gente che ripete le solite pippe, con l'aggiunta del virus ormai peggio del prezzemolo che dovrebbe suscitare ancora più compassione in chi legge?
    A questo punto servirebbe che qualcuno si prenda la responsabilità di dire chiaro e tondo azioni da fare.
    Fra le righe dobbiamo intendere possibilità di lunghi lockdown? O che altro?
    Pienamente funzionante e programmata in tecniche multiple

  2. #47
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    53,189
    Il guaio è questo: Considerare "solite pippe" una vera e propria emergenza. Finchè lo fai te, passi. La tragedia è quando lo fanno i potenti del mondo....
    Se perfino il presidente dell'ONU ha capito che continuare a tergiversare può essere letale, cos'altro e chi altro deve parlare? Finora nè gli Scienziati, nè gli ambientalisti, nè gli ecologisti, nè i verdi, nè Greta, nè il Papa sembrano aver smosso più di tanto i politici. Se continua così, a parlare, poi, sarà la Natura stessa. Anzi, già ha cominciato.
    amate i vostri nemici

  3. #48
    Opinionista L'avatar di Turbociclo
    Data Registrazione
    28/04/19
    Località
    Roma
    Messaggi
    5,082
    India e Cina, non sapevo del Giappone. Sono le nazioni tuttora dipendenti dal carbone...

    Di fronte a Giappone, India e Cina che perseverano nella loro dipendenza dal carbone, il capo delle Nazioni Unite ha affermato di sperare che l’UE mantenga i suoi impegni climatici.


    https://www.rinnovabili.it/ambiente/...rres-economie/
    " L' uomo ha una tale passione per il sistema
    e la deduzione logica che è disposto ad alterare la verità,
    per non vedere il visibile, a non udire l' udibile,
    pur di legittimare la propria logica."

    Dostoevskij.

  4. #49
    Opinionista L'avatar di Vega
    Data Registrazione
    04/05/05
    Messaggi
    11,756
    Citazione Originariamente Scritto da conogelato Visualizza Messaggio
    Il guaio è questo: Considerare "solite pippe" una vera e propria emergenza. Finchè lo fai te, passi. La tragedia è quando lo fanno i potenti del mondo....
    Se perfino il presidente dell'ONU ha capito che continuare a tergiversare può essere letale, cos'altro e chi altro deve parlare? Finora nè gli Scienziati, nè gli ambientalisti, nè gli ecologisti, nè i verdi, nè Greta, nè il Papa sembrano aver smosso più di tanto i politici. Se continua così, a parlare, poi, sarà la Natura stessa. Anzi, già ha cominciato.
    Come sempre fraintendi, volutamente o meno che sia e fai finta di non capire che mi rivolgo anche a te.
    L'emergenza, se reale, non è una pippa ma sono pippe certa retorica, certi articoli, discorsi, strumentalizzazioni. Non fare poi finta che gli altri non siano per te sempre quelli insensibili e ciechi per cui devi far vedere tu, illuminato, i mali del mondo, ribattendo sempre sui soliti tasti. Stai tranquillo che lo sappiamo.
    E non fare finta che l'intento tuo non sia quello di discutere ma di parlare sempre dell'umanità peccatrice anche qui in scienze.
    Poi sarebbe l'ora che oltre al grido d'allarme generico e le tiritere di cui posti dall'inizio della discussione, ci fosse altro e soluzioni concrete.
    Pienamente funzionante e programmata in tecniche multiple

  5. #50
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    53,189
    Citazione Originariamente Scritto da Turbociclo Visualizza Messaggio
    India e Cina, non sapevo del Giappone. Sono le nazioni tuttora dipendenti dal carbone...

    Di fronte a Giappone, India e Cina che perseverano nella loro dipendenza dal carbone, il capo delle Nazioni Unite ha affermato di sperare che l’UE mantenga i suoi impegni climatici.


    https://www.rinnovabili.it/ambiente/...rres-economie/
    Ripeto che il punto è proprio questo: Passare ai fatti. Non basta firmare e ratificare pro-forma.....

    Accordo di Parigi, la mappa: chi l’ha firmato, chi ratificato, chi ha detto no
    https://www.termometropolitico.it/12...atificato.html
    amate i vostri nemici

  6. #51
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    53,189
    Citazione Originariamente Scritto da Vega Visualizza Messaggio
    Come sempre fraintendi, volutamente o meno che sia e fai finta di non capire che mi rivolgo anche a te.
    L'emergenza, se reale, non è una pippa ma sono pippe certa retorica, certi articoli, discorsi, strumentalizzazioni. Non fare poi finta che gli altri non siano per te sempre quelli insensibili e ciechi per cui devi far vedere tu, illuminato, i mali del mondo, ribattendo sempre sui soliti tasti. Stai tranquillo che lo sappiamo.
    E non fare finta che l'intento tuo non sia quello di discutere ma di parlare sempre dell'umanità peccatrice anche qui in scienze.
    In Scienze riporto studi, articoli e considerazioni scientifiche.....

    Groenlandia: lo scioglimento dei ghiacci è 7 volte più veloce di 30 anni fa
    Dal 1992 al 2018 sono finite in mare 4 mila miliardi di tonnellate di ghiaccio: i ritmi di scioglimento dei ghiacci sono in linea con le più cupe previsioni dell'IPCC.

    Lo scioglimento dei ghiacci in Groenlandia è peggiorato a tal punto dagli anni '90, che avviene oggi a sette volte la velocità di 30 anni fa. Le perdite nella copertura ghiacciata dell'isola, che più di ogni altro territorio contribuisce oggi all'innalzamento del livello dei mari, sono quasi raddoppiate ad ogni decennio: siamo passati dalle 33 miliardi di tonnellate di ghiaccio finito in mare negli anni '90 a una media di 254 miliardi di tonnellate all'anno nel 2018.

    Sono i dati sconcertanti di 26 distinte analisi satellitari dell'area, acquisite dal 1992 al 2018 e riportate in sintesi in un articolo su Nature. Lo studio è stato condotto dall'Ice Sheet Mass Balance Inter-comparison Exercise (IMBIE), un consorzio che riunisce 89 scienziati esperti in territori polari di 50 organizzazioni internazionali.



    UNA VITTIMA ECCELSA DEL GLOBAL WARMING. Quella che emerge dalla ricerca è la fotografia più precisa di come la Groenlandia sta reagendo al rapido riscaldamento dell'Artico: nell'ultimo decennio, la regione attorno al Polo Nord ha assistito a un incremento delle temperature medie di 0,75 °C. Da quando è iniziato lo studio, la Groenlandia ha ceduto al mare 3,8 trilioni (migliaia di miliardi) di tonnellate di ghiaccio sciolto, contribuendo, da sola, a 1,06 cm di innalzamento del livello dei mari. Come se non bastasse, se nei primi anni '90 la perdita di ghiacci - all'epoca compensata dalle nevicate - era equivalente a 1 mm a decennio, oggi è di 7 mm a decennio.

    TRA DUE FUOCHI. Secondo gli autori dello studio, l'isola sta perdendo ghiaccio attraverso due processi, che nel lungo periodo contribuiscono al danno in modo quasi equivalente: il primo è lo scioglimento superficiale dato dall'aumento delle temperature atmosferiche, e il secondo è il calving (distacco) dei ghiacciai e la loro fusione una volta che in ghiaccio entra in contatto con le sempre più calde acque oceaniche.

    LO SCENARIO PEGGIORE. Con queste premesse, il contributo della Groenlandia all'innalzamento del livello dei mari appare in linea con le più pessimistiche previsioni dell'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC): entro fine secolo potremmo aspettarci un aumento di 7 cm dovuto alla Groenlandia soltanto, un "ammanco" che andrà incorporato nei modelli climatici. Se nella maggior parte dei casi un innalzamento in questo ordine di misure non è sufficiente a sommergere intere regioni, ogni centimetro pone milioni di persone che vivono in regioni costiere a bassa elevazione a rischio inondazioni, per esempio durante le tempeste (ne abbiamo avuto un assaggio con l'Uragano Sandy).



    «Per ogni centimetro di innalzamento del livello dei mari, sei milioni di persone sulla Terra finiscono a rischio di inondazione. Quindi, quando si sente parlare di un incremento di un centimetro, ebbene questo ha un impatto», spiega il coautore Andy Shepherd, dell'Università di Leeds (Regno Unito). Nel mondo 630 milioni di persone vivono in zone costiere che entro il 2100 subiranno inondazioni ogni anno.



    ANALISI COMBINATA. Ciascuna delle 26 misurazioni si è concentrata su un aspetto particolare della perdita dei ghiacci ed è stata pubblicata anche come studio singolo. In alcuni casi è stata osservata la rapidità di scorrimento dei ghiacci verso il mare; in altri ci si è soffermati su come la fusione dei ghiacci ha inciso sulla perdita totale di massa della copertura ghiacciata, basandosi sulla spinta gravitazionale registrata dai satelliti nello Spazio. Con lo stesso approccio, l'IMBIE ha certificato lo scorso anno anche un rapido incremento di fusione dei ghiacci in Antartide.

    https://www.focus.it/ambiente/ecolog...30%20anni%20fa.
    amate i vostri nemici

  7. #52
    Opinionista L'avatar di Vega
    Data Registrazione
    04/05/05
    Messaggi
    11,756
    In Scienze riporto studi, articoli e considerazioni scientifiche.....


    Conditi più spesso con rimandi religiosi. Via Conino, non ti prendere così sul serio, sia sulla scienza sia sul voler illuminarci sui problemi del pianeta!

    Potrebbe essere che la Corrente del Golfo, che sta rallentando, ci riscaldi meno a livello di Europa e Polo Nord. Vedremo.
    Pienamente funzionante e programmata in tecniche multiple

  8. #53
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    53,189
    Il tuo condizionale mi conforta

    Purtroppo Laurina mia, tutti i dati e tutte le evidenze scientifiche, al momento, ci dicono il contrario: Magari, potrebbe essere come supponi te. Magari!
    amate i vostri nemici

  9. #54
    Opinionista L'avatar di Vega
    Data Registrazione
    04/05/05
    Messaggi
    11,756
    Vedi poverino, dai contro a me quando si tratta di un fatto anche questo, con le incertezze del fenomeno certo, ma non mie supposizioni.
    Pienamente funzionante e programmata in tecniche multiple

  10. #55
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    53,189
    Do contro a chi fa del negazionismo spicciolo, Laura. Da due soldi. In modo assolutamente aprioristico....

    Smentiti i negazionisti: cambiamenti climatici senza paragoni in almeno 2.000 anni

    Ci sono stati altri periodi con grandi fluttuazioni di temperatura nel corso degli ultimi due millenni, ma in nessun caso il fenomeno aveva interessato tutto il Pianeta come sta accadendo ora

    NON c’è mai stato un periodo della storia, da 2.000 anni a questa parte, in cui il clima è cambiato così velocemente e in maniera così comprensiva su scala globale. Cade così uno dei pilastri sui quali si fondano alcune delle teorie di chi nega la responsabilità dell’uomo nel global warming e nella crisi climatica.

    Uno degli argomenti più citati dagli scettici spiegare i cambiamenti che il Pianeta sta attraversando negli ultimi decenni, era infatti questo: già in passato, anche nella storia recente, si sono avuti periodi con fluttuazioni delle temperature molto consistenti. I più celebri sono il riscaldamento durante il periodo dell’Impero romano (III-V secolo dopo Cristo), il Periodo caldo medievale (X-XIII secolo) e la Piccola era glaciale, spalmata dal XIV al XVI secolo. Quindi non sarebbe l’uomo a far bollire il Pianeta, ma sarebbe una fluttuazione 'naturale' perché si pensava (erroneamente) che questa altalena climatica abbracciasse tutto il globo. Quello che mancava era proprio un confronto tra le varie zone della Terra. Queste fluttuazioni sono registrate anche dagli storiografi, gli annali contengono dunque informazioni soprattutto di quelle regioni all’epoca più 'civilizzate', come l’Europa.

    Tre studi, pubblicati su Nature e Nature Geoscience da un team internazionale di ricercatori, hanno ricostruito l’andamento del clima degli ultimi due millenni analizzando anche gli 'archivi' che la Natura stessa ci ha lasciato in giro per il mondo. In particolare gli anelli degli alberi nelle foreste dell’emisfero settentrionale, in Nordamerica, Europa e Asia, che registrano con molta precisione le caratteristiche del clima ogni anno; i coralli delle barriere sparse tra l’oceano Indiano, il Pacifico e i Caraibi, il ghiaccio antico in Antartide, al Polo Nord e sui ghiacciai andini e in Himalaya; e i depositi di laghi e mari. Scoprendo che in tutti i casi citati, l’aumento o il crollo delle temperature non si erano verificate dappertutto. Anzi. Secondo i ricercatori, ad esempio, la Piccola era glaciale aveva interessato il Pacifico nel XV secolo per chiudere nella tenaglia del gelo l’Europa solo nel XVII. Gli artisti ne furono affascinati, soprattutto nel Europa, ne troviamo testimonianza nei dipinti che raffigurarono fiumi e canali in Olanda e Inghilterra (celebre il Tamigi ghiacciato) usati come piste da pattinaggio. Uno dei paper individua nelle eruzioni vulcaniche nella fascia tropicale, la causa del crollo delle temperature nella prima parte del XIX secolo. Il periodo caldo medievale, invece, interessò appena il 40% del globo. Al contrario, il riscaldamento progressivo iniziato dopo la Rivoluzione industriale, attorno al 1850, sta interessando il 98% della Terra. Nessun fenomeno in epoca preindustriale è arrivato ad comprendere una porzione così grande del Pianeta.
    Il ''bastone da hockey''
    Uno dei grafici riportato dagli scienziati sintetizza molto bene il reale cambiamento. Viene definito hockey stick diagram, il diagramma a bastone da hockey, perché al termine di un periodo con fluttuazioni contenute, mostra un picco nell’innalzamento dei valori. Quello che stiamo sperimentando in questa epoca. La differenza è così evidente che è davvero difficile sostenere che sia qualcosa di naturale, soprattutto se associato a un fatto non sindacabile: da oltre un secolo e mezzo stiamo pompando in atmosfera gas serra in quantità che non si erano mai registrate da centinaia di migliaia di anni.

    Di recente si è toccato il record di 415 parti per milione di CO2, e secondo i climatologi tagliare le emissioni potrebbe non bastare per evitare che la temperatura salga ancora, superando quei 1,5 gradi in più rispetto all’epoca preindustriale che è l’obiettivo dell’accordo di Parigi.

    https://www.repubblica.it/ambiente/2...nni-232020751/
    amate i vostri nemici

  11. #56
    Opinionista L'avatar di Turbociclo
    Data Registrazione
    28/04/19
    Località
    Roma
    Messaggi
    5,082
    Caro Cono, non si tratta di essere negazionisti, semplicemente il riscaldamento globale NON E' opera dell'uomo, fa parte di normali cicli storici nei quali si susseguono piccole glaciazioni a rialzi del clima anche notevoli. Sai perché la Groenlandia fu chiamata così dai primi scopritori, mille anni fa? Semplicemente perché le sue coste erano verdi, a causa di un clima allora assai caldo. Inoltre, ti sei mai chiesto come fece Annibale a oltrepassare le Alpi con gli elefanti? Anche lì evidentemente il clima era assai più caldo, tale da sciogliere le nevi. Cio' non toglie che bisogni affrontare decisamente il problema dell'inquinamento dell'aria, del suolo e delle acque. Ma sul discorso del global warming l'uomo non c'entra.
    " L' uomo ha una tale passione per il sistema
    e la deduzione logica che è disposto ad alterare la verità,
    per non vedere il visibile, a non udire l' udibile,
    pur di legittimare la propria logica."

    Dostoevskij.

  12. #57
    Opinionista L'avatar di Vega
    Data Registrazione
    04/05/05
    Messaggi
    11,756
    Citazione Originariamente Scritto da conogelato Visualizza Messaggio
    Do contro a chi fa del negazionismo spicciolo, Laura. Da due soldi. In modo assolutamente aprioristico....

    Smentiti i negazionisti: cambiamenti climatici senza paragoni in almeno 2.000 anni

    Ci sono stati altri periodi con grandi fluttuazioni di temperatura nel corso degli ultimi due millenni, ma in nessun caso il fenomeno aveva interessato tutto il Pianeta come sta accadendo ora

    NON c’è mai stato un periodo della storia, da 2.000 anni a questa parte, in cui il clima è cambiato così velocemente e in maniera così comprensiva su scala globale. Cade così uno dei pilastri sui quali si fondano alcune delle teorie di chi nega la responsabilità dell’uomo nel global warming e nella crisi climatica.

    Uno degli argomenti più citati dagli scettici spiegare i cambiamenti che il Pianeta sta attraversando negli ultimi decenni, era infatti questo: già in passato, anche nella storia recente, si sono avuti periodi con fluttuazioni delle temperature molto consistenti. I più celebri sono il riscaldamento durante il periodo dell’Impero romano (III-V secolo dopo Cristo), il Periodo caldo medievale (X-XIII secolo) e la Piccola era glaciale, spalmata dal XIV al XVI secolo. Quindi non sarebbe l’uomo a far bollire il Pianeta, ma sarebbe una fluttuazione 'naturale' perché si pensava (erroneamente) che questa altalena climatica abbracciasse tutto il globo. Quello che mancava era proprio un confronto tra le varie zone della Terra. Queste fluttuazioni sono registrate anche dagli storiografi, gli annali contengono dunque informazioni soprattutto di quelle regioni all’epoca più 'civilizzate', come l’Europa.

    Tre studi, pubblicati su Nature e Nature Geoscience da un team internazionale di ricercatori, hanno ricostruito l’andamento del clima degli ultimi due millenni analizzando anche gli 'archivi' che la Natura stessa ci ha lasciato in giro per il mondo. In particolare gli anelli degli alberi nelle foreste dell’emisfero settentrionale, in Nordamerica, Europa e Asia, che registrano con molta precisione le caratteristiche del clima ogni anno; i coralli delle barriere sparse tra l’oceano Indiano, il Pacifico e i Caraibi, il ghiaccio antico in Antartide, al Polo Nord e sui ghiacciai andini e in Himalaya; e i depositi di laghi e mari. Scoprendo che in tutti i casi citati, l’aumento o il crollo delle temperature non si erano verificate dappertutto. Anzi. Secondo i ricercatori, ad esempio, la Piccola era glaciale aveva interessato il Pacifico nel XV secolo per chiudere nella tenaglia del gelo l’Europa solo nel XVII. Gli artisti ne furono affascinati, soprattutto nel Europa, ne troviamo testimonianza nei dipinti che raffigurarono fiumi e canali in Olanda e Inghilterra (celebre il Tamigi ghiacciato) usati come piste da pattinaggio. Uno dei paper individua nelle eruzioni vulcaniche nella fascia tropicale, la causa del crollo delle temperature nella prima parte del XIX secolo. Il periodo caldo medievale, invece, interessò appena il 40% del globo. Al contrario, il riscaldamento progressivo iniziato dopo la Rivoluzione industriale, attorno al 1850, sta interessando il 98% della Terra. Nessun fenomeno in epoca preindustriale è arrivato ad comprendere una porzione così grande del Pianeta.
    Il ''bastone da hockey''
    Uno dei grafici riportato dagli scienziati sintetizza molto bene il reale cambiamento. Viene definito hockey stick diagram, il diagramma a bastone da hockey, perché al termine di un periodo con fluttuazioni contenute, mostra un picco nell’innalzamento dei valori. Quello che stiamo sperimentando in questa epoca. La differenza è così evidente che è davvero difficile sostenere che sia qualcosa di naturale, soprattutto se associato a un fatto non sindacabile: da oltre un secolo e mezzo stiamo pompando in atmosfera gas serra in quantità che non si erano mai registrate da centinaia di migliaia di anni.

    Di recente si è toccato il record di 415 parti per milione di CO2, e secondo i climatologi tagliare le emissioni potrebbe non bastare per evitare che la temperatura salga ancora, superando quei 1,5 gradi in più rispetto all’epoca preindustriale che è l’obiettivo dell’accordo di Parigi.

    https://www.repubblica.it/ambiente/2...nni-232020751/
    Fare copia-incolla nel tentativo di farsi belli riesce a tutti.

    Non so a chi ti riferisci con negazionista, ma sta di fatto che da anni te ne vai a giro per il forum con questo atteggiamento, non tenendo conto delle risposte che ti vengono date, dei messaggi, delle nozioni che ti vengono comunicati.
    Parti in tromba, al momento in cui la risposta contiene dei se, dei ma, qualcosa che approfondisce, sconfessa i copia-incolla e le paternali, col ritenere sempre l'interlocutore come il "nemico"o colui o colei che non ha capito. E giù di nuovo di copia-incolla e pi pi pi gnè gnè gnè.
    Come per l'altra discussione, spero tu sia un esperimento psicologico.
    Pienamente funzionante e programmata in tecniche multiple

  13. #58
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    53,189
    Citazione Originariamente Scritto da Turbociclo Visualizza Messaggio
    Caro Cono, non si tratta di essere negazionisti, semplicemente il riscaldamento globale NON E' opera dell'uomo, fa parte di normali cicli storici nei quali si susseguono piccole glaciazioni a rialzi del clima anche notevoli. Sai perché la Groenlandia fu chiamata così dai primi scopritori, mille anni fa? Semplicemente perché le sue coste erano verdi, a causa di un clima allora assai caldo. Inoltre, ti sei mai chiesto come fece Annibale a oltrepassare le Alpi con gli elefanti? Anche lì evidentemente il clima era assai più caldo, tale da sciogliere le nevi. Cio' non toglie che bisogni affrontare decisamente il problema dell'inquinamento dell'aria, del suolo e delle acque. Ma sul discorso del global warming l'uomo non c'entra.
    E' davvero incredibile! Se l'uomo non c'entrasse niente, come mai si fanno le conferenze sul clima a Kyoto, a Il Cairo, a Pechino e ultimamente a Parigi? Per giocare alla morra? A mosca cieca?
    Ma roba da matti, ragazzi!!!
    amate i vostri nemici

  14. #59
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    53,189
    Citazione Originariamente Scritto da Vega Visualizza Messaggio
    Fare copia-incolla nel tentativo di farsi belli riesce a tutti.

    Non so a chi ti riferisci con negazionista, ma sta di fatto che da anni te ne vai a giro per il forum con questo atteggiamento, non tenendo conto delle risposte che ti vengono date, dei messaggi, delle nozioni che ti vengono comunicati.
    Parti in tromba, al momento in cui la risposta contiene dei se, dei ma, qualcosa che approfondisce, sconfessa i copia-incolla e le paternali, col ritenere sempre l'interlocutore come il "nemico"o colui o colei che non ha capito. E giù di nuovo di copia-incolla e pi pi pi gnè gnè gnè.
    Come per l'altra discussione, spero tu sia un esperimento psicologico.
    Se lo dicesse solo Conogelato, sarebbe la mia parola contro la tua e stop alla discussione. Quelli postati sono studi e analisi scientifiche di chi ne sa e ne capisce molto più di noi.
    amate i vostri nemici

  15. #60
    Opinionista
    Data Registrazione
    06/02/16
    Messaggi
    5,032
    Visto il flusso degli eventi passati e presenti con i personaggi, che capiscono, ad incidere significativamente su di essi, non si direbbe che.mettersi nelle loro mani, delegandogli teoremi, ragionamenti e conclusioni, da assorbire e seguire pedissequamente, sia una ideona.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •