Pagina 10 di 11 PrimaPrima ... 6 7 8 9 10 11 UltimaUltima
Risultati da 136 a 150 di 154

Discussione: Salvare il mondo

  1. #136
    Opinionista
    Data Registrazione
    06/02/16
    Messaggi
    5,075
    Direi che non sia strettamente una questione figli, ma di un numero crescente di bocche aperte che richiedono reddito, servizi, consumi, producendo scarti in una progressione geometrica che ha superato le risorse del pianeta che, limitate, non sostentano piu' di un certo numero di abitanti.

  2. #137
    Superstite L'avatar di Doppio
    Data Registrazione
    04/08/10
    Località
    Dietro di te
    Messaggi
    3,371
    Credo l'avesse capito benissimo anche Cono, però gli fa gioco spostare l'attenzione su una fantomatica guerra tra i forti adulti e i deboli bambini.
    Non avete ancora visto niente

    Moderatore droghe

  3. #138
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    53,544
    Sono francamente costernato: Pur di non sentirci chiamati in causa dai disastri che stiamo producendo, diamo la colpa a chi si apre naturalmente alla Vita!!! E' il massimo dell'ipocrisia.


    "La scienza ci dice, ogni giorno con più precisione, che è necessario agire con urgenza – e non esagero, questo lo dice la scienza – se vogliamo avere una speranza di evitare cambiamenti climatici radicali e catastrofici. E per questo, agire con urgenza. Questo è un dato scientifico.

    La coscienza ci dice che non possiamo essere indifferenti di fronte alle sofferenze dei più poveri, alle crescenti disuguaglianze economiche e alle ingiustizie sociali. E l’economia stessa non può limitarsi alla produzione e alla distribuzione. Deve considerare necessariamente il suo impatto sull’ambiente e la dignità della persona. Potremmo dire che l’economia dev’essere creativa in sé stessa, nei suoi metodi, nel modo di agire. Creatività.

    Vorrei invitarvi a intraprendere, insieme, un viaggio. Un viaggio di trasformazione e di azione. Fatto non tanto di parole, ma soprattutto di azioni concrete e improcrastinabili.

    Lo chiamo “viaggio”, perché richiede uno “spostamento”, un cambiamento! Da questa crisi nessuno di noi deve uscire uguale – non potrà uscire uguale: da una crisi, mai si esce uguali –; e ci vorrà tempo e fatica, per uscirne. Bisognerà andare passo dopo passo, aiutare i deboli, persuadere i dubbiosi, immaginare nuove soluzioni e impegnarsi a portarle avanti.

    Ma l’obiettivo è chiaro: costruire, nel prossimo decennio, un mondo dove si possa rispondere alle necessità delle generazioni presenti, includendo tutti, senza compromettere le possibilità delle generazioni future.

    Vorrei invitare tutte le persone di fede, cristiane o non, e tutte le persone di buona volontà, a intraprendere questo viaggio, [a partire] dalla sua fede o, se non ha fede, dalla sua volontà, dalla propria buona volontà. Ciascuna e ciascuno di noi, in quanto individui e membri di gruppi – famiglie, comunità di fede, imprese, associazioni, istituzioni – può offrire un contributo significativo.

    Cinque anni fa ho scritto la Lettera enciclica Laudato si’, dedicata alla cura della nostra casa comune. Propone il concetto di “ecologia integrale”, per rispondere insieme al grido della terra ma anche al grido dei poveri. L’ecologia integrale è un invito a una visione integrale della vita, a partire dalla convinzione che tutto nel mondo è connesso e che, come ci ha ricordato la pandemia, siamo interdipendenti gli uni dagli altri, e anche dipendenti dalla nostra madre terra. Da tale visione deriva l’esigenza di cercare altri modi di intendere il progresso e di misurarlo, senza limitarci alle sole dimensioni economica, tecnologica, finanziaria e al prodotto lordo, ma dando un rilievo centrale alle dimensioni etico-sociali ed educative."

    https://www.greenreport.it/news/comu...0madre%20terra.
    amate i vostri nemici

  4. #139
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    53,544
    Citazione Originariamente Scritto da meogatto Visualizza Messaggio
    Direi che non sia strettamente una questione figli, ma di un numero crescente di bocche aperte che richiedono reddito, servizi, consumi, producendo scarti in una progressione geometrica che ha superato le risorse del pianeta che, limitate, non sostentano piu' di un certo numero di abitanti.
    Una più equa distribuzione delle ricchezze, Gatto! Non ti indigna che l'1% della popolazione mondiale possieda il 99% della ricchezza globale? Che abbiamo sfruttato l'Africa e il terzo mondo per secoli? Che abbiamo depauperato le loro risorse naturali per il nostro esclusivo profitto? Ahhh...ma il disastro ambientale è colpa loro che fanno tanti figli.
    amate i vostri nemici

  5. #140
    Opinionista
    Data Registrazione
    06/02/16
    Messaggi
    5,075
    La ricchezza prima di distribuirla tocca costruirla e li sorgono problemi perche' chi la costruisce la reclama, altrimenti te la costruisci e distribuisci poverta'.
    Sono stati tutti sfruttati e sfruttatori, quindi chi e' rimasto seduto forse ha avuto un qualche problema intrinseco.

  6. #141
    Opinionista
    Data Registrazione
    06/02/16
    Messaggi
    5,075
    Da considerare pure che e' prassi ripetitiva quella di distribuire ricchezze, ma non esiste il gran distributore, al massimo regole, opinabili e di forza impositiva relativa, valide sul solo territorio di giurisdizione.
    Mediamente la ricchezza disponibile segue la capacita' di creare valore richiesto da un insieme disposto a pagarlo.

  7. #142
    Opinionista L'avatar di Vega
    Data Registrazione
    04/05/05
    Messaggi
    11,852
    Pur di non sentirci chiamati in causa dai disastri che stiamo producendo, diamo la colpa a chi si apre naturalmente alla Vita!!!
    Cos'è, ti senti chiamato in causa? Coda di paglia?

    Salti di palo in frasca e giri la frittata ogni volta. La distribuzione della ricchezza, potrebbe essere ingiusta anche con un numero inferiore di persone al mondo. La storia, quella che tu metti sempre con la maiuscola, si ripete sempre. Ma questo della distribuzione della ricchezza è un fattore differente dall'essere troppo numerosi, poveri e ricchi.
    Un numero ancora superiore di esseri umani richiede spazio, risorse. Non è un concetto difficile da capire come non lo è capire che sono limitate.
    Pienamente funzionante e programmata in tecniche multiple

  8. #143
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    53,544
    Citazione Originariamente Scritto da meogatto Visualizza Messaggio
    Da considerare pure che e' prassi ripetitiva quella di distribuire ricchezze, ma non esiste il gran distributore, al massimo regole, opinabili e di forza impositiva relativa, valide sul solo territorio di giurisdizione.
    Mediamente la ricchezza disponibile segue la capacita' di creare valore richiesto da un insieme disposto a pagarlo.
    Gatto, amico mio, rispondi con franchezza: Si può fare questo?

    Appello al G20: cancellate il debito ai Paesi più poveri per investire in sanità!

    Alla vigilia del G20 straordinario dei Ministri delle Finanze di domani, oltre 1.000, tra medici, infettivologi, immunologi, infermieri, virologi, rianimatori, impegnati in 66 diversi paesi, hanno firmato una lettera, per chiedere la cancellazione del debito dei paesi in via di sviluppo.

    L’iniziativa, promossa da Oxfam, ribadisce che, solo liberandosi dal peso del debito, i paesi più poveri potranno destinare risorse alla lotta contro il Covid-19, investendo in sistemi sanitari che possano essere in grado di far fronte alla pandemia e non solo. Attualmente molti governi spendono più per la restituzione del debito che per la sanità, mentre l’Iniziativa di sospensione del debito del G20 rinvia solo una frazione dei pagamenti, inclusi gli interessi, a metà del 2021.

    https://www.avvenire.it/attualita/pa...ri-a-g20-oxfam

    Come fai a "creare valore" se sei strangolato dal debito? Se ti hanno rubato e defraudato le TUE materie prime?

    Il problema è etico, prima che economico. Il mondo occidentale è disposto a conseguire meno profitti per aiutare i popoli che soffrono?
    amate i vostri nemici

  9. #144
    Opinionista
    Data Registrazione
    06/02/16
    Messaggi
    5,075
    Un debito figurativo che non sara' mai ripagato, ma che se formalmente cancellato poi nessuno ti dà piu' niente.
    Similmente alla ristrutturazione del debito argentino, o quello ipotizzato italiano.

  10. #145
    Opinionista
    Data Registrazione
    06/02/16
    Messaggi
    5,075
    E poi a noi lo vieni a dire che di debiti siamo pieni?

  11. #146
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    53,544
    Facciamo o no, parte del G20?

    La Commissione europea guidata da Ursula von der Leyen ha fatto della lotta al cambiamento climatico una delle sue priorità politiche e ha deciso di rendere l’Europa un continente climaticamente neutro entro il 2050, imprimendo una svolta verde all’economia del Vecchio Continente. La pandemia ha mostrato che è possibile cambiare. «Queste terribili settimane ci hanno mostrato che si può vivere in modo diverso soprattutto in città, ci si può spostare e si può lavorare in modo diverso e che questa transizione è più che mai attuale». Per aiutare la ripresa economica la Commissione Ue ha proposto il Recovery fund, un pacchetto da 750 miliardi che prevede finanziamenti sotto forma di trasferimenti e prestiti agli Stati membri in cambio di riforme e investimenti. Un’opportunità che va gestita con lungimiranza. I Piani di ripresa nazionali dovranno essere coerenti con alcune priorità: «Le due principali sono la digitalizzazione e la transizione verde». Sul fronte delle energie rinnovabili l’Italia per una volta è alla testa dei grandi Paesi. «Ma deve tenere alta la guardia perché la Commissione ha messo obiettivi ambiziosi al 2030». Deve migliorare, ad esempio, sulla mobilità elettrica. Resta però il fatto che «la transizione ambientale è una grandissima opportunità economica per l’Europa e l’Italia».

    https://www.corriere.it/pianeta2020/...7e2dd362.shtml
    amate i vostri nemici

  12. #147
    Opinionista L'avatar di Vega
    Data Registrazione
    04/05/05
    Messaggi
    11,852
    Ursula von der Leyen ha fatto della lotta al cambiamento climatico una delle sue priorità politiche e ha deciso di rendere l’Europa un continente climaticamente neutro entro il 2050
    In bocca al lupo!

    e si può lavorare in modo diverso
    E le aziende si sfregano le mani, che così via spese immobili o parti di questi oppure affitti uffici, via consumi di acqua, luce, gas, pulizie e altro.
    Conino, te ripeti tutto a pappagallo e credi sian tutti santi, ecologisti e fulminati sulla via di Damasco ma dietro c'è chi ci marcia sopra. Ci starebbero bene un pò di clisteri di virus!
    Pienamente funzionante e programmata in tecniche multiple

  13. #148
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    53,544
    Siccome è un'urgenza e una priorità e non più (come credevamo) un problema come un altro, ben venga tutto ciò che concorre a far respirare un po' la nostra casa comune, Laurina. Qualcuno ci marcerà sopra? Probabile. Come del resto avverrà per i vaccini anticovid: E' l'Uomo. L'Uomo è questo. Un peccatore. Ma il Male non si vince non facendo il Bene. Ma al contrario: Adoperandosi, ognuno nel suo piccolo, ognuno per quel che può, per promuovere il Bene Comune. In questo caso, la salvezza del Pianeta.
    amate i vostri nemici

  14. #149
    Opinionista L'avatar di Vega
    Data Registrazione
    04/05/05
    Messaggi
    11,852
    Sì per carità, più faremo e meglio sarà. Ma l'impatto zero mhhhhh...

    Poi ti ricordo che siamo in sezione scienza. Ce la farai almeno una volta a non cadere sempre nelle tiritere di peccati ed inferni?
    Pienamente funzionante e programmata in tecniche multiple

  15. #150
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    53,544
    L'hai detto te che qualcuno ci marcerà sopra....
    Impatto zero, difficile. Concordo. Ma se tutte le Nazioni (confido molto nel cambio di presidenza USA) si trovano concordi almeno sulla green-economy, qualche bel risultato riusciamo ad ottenerlo. In questo senso la ripartenza post-covid può rappresentare una magnifica opportunità!
    amate i vostri nemici

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •