Pagina 3 di 4 PrimaPrima 1 2 3 4 UltimaUltima
Risultati da 31 a 45 di 54

Discussione: Referendum

  1. #31
    Opinionista
    Data Registrazione
    06/02/16
    Messaggi
    5,035
    E poi le teste di peones non e' che contino molto, sono portavoce delle linee dei mammasantissima di partito che li usano come teste di legno con vari fini....loro.

  2. #32
    Opinionista L'avatar di Turbociclo
    Data Registrazione
    28/04/19
    Località
    Roma
    Messaggi
    5,427
    Volevo votare si ma ora ci ho ripensato. Stavolta condivido l' analisi di Axè. E' l' ultima battaglia di bandiera dei 5 stelle, ma oggi come oggi chissà come avrebbero deciso. Non potevano sputtanarsi perfino in questa occasione.
    " L' uomo ha una tale passione per il sistema
    e la deduzione logica che è disposto ad alterare la verità,
    per non vedere il visibile, a non udire l' udibile,
    pur di legittimare la propria logica."

    Dostoevskij.

  3. #33
    Io voto no.
    Per 1000 motivi. E più non mi dilungo.

  4. #34
    Superstite L'avatar di Doppio
    Data Registrazione
    04/08/10
    Località
    Dietro di te
    Messaggi
    3,249
    Dirò una banalità, ma se si volessero diminuire i costi della politica sarebbe più profiquo evitare che anche solo un assessore medio di una città importante abbia uno stipendio totalmente fuori scala.
    Non avete ancora visto niente

    Moderatore droghe

  5. #35
    Opinionista L'avatar di axeUgene
    Data Registrazione
    17/04/10
    Località
    sotto una quercia nana in zona Porta Genova
    Messaggi
    18,139
    Citazione Originariamente Scritto da Doppio Visualizza Messaggio
    Dirò una banalità, ma se si volessero diminuire i costi della politica sarebbe più profiquo evitare che anche solo un assessore medio di una città importante abbia uno stipendio totalmente fuori scala.
    il vero costo della politica non sono mica gli stipendi dei rappresentanti, eh... e nemmeno i costi accessori, portaborse, ristoranti, viaggi, a parte certe cose come le ambasciate delle regioni

    il costo vero è indiretto, nella misura in cui il sistema consente una gestione irresponsabile - in senso tecnico, proprio: la frammentazione delle responsabilità - per cui è possibile commissionare lo studio di fattibilità - che so, di un aeroporto - un milione ad una società, magari di amici, o amici di amici, o avversari da tener buoni - quando mancano palesemente i presupposti ambientali o urbanistici, già per sentenze pregresse; ma non c'è un sistema che vincoli quella spesa;

    oppure l'aeroporto si fa, ma non c'è l'autostrada e quindi non conviene usarlo; intanto le aziende edili hanno pappato la commessa; in teoria, e pure in pratica, non puoi incriminare nessuno, perché chi ha deciso l'aeroporto non è responsabile dell'autostrada, o c'è sempre un impiccio dovuto a terzi;

    di solito sono poteri locali, competenti su molte questioni, ambientali, ecc... basta un'associazione, i commercianti, i cacciatori, il consorzio de sto caxxo - a torto o a ragione - tutti con rappresentanza politica;

    chiaramente, quando qualcuno evoca un potere centrale, che sia la regione sul comune, lo stato sulla regione, l'UE sullo stato, c'è la rivolta del "noi" contro lo "straniero che ci impone la sua volontà", cioè il timore che un regolatore esterno riduca i margini di manovra;

    intanto, come dice un amico leccese, lu surice camina, il criceto gira nella ruota, come in un contatore
    poi dice perché uno ama il sud e i terroni; io rido per questa metafora da 30 anni;

    insomma, il vero costo della politica è nel non produrre scelte, decisioni; ma anzi, nel consentire la non-decisione; per questo non ha senso un taglio, ma serve una riforma pensata per dare potere, ma anche responsabilità, senza scappatoie.
    c' del lardo in Garfagnana

  6. #36
    Opinionista L'avatar di axeUgene
    Data Registrazione
    17/04/10
    Località
    sotto una quercia nana in zona Porta Genova
    Messaggi
    18,139
    altro esempio, riportato da Radio24, il Sole:

    in Puglia, per 12 anni un'importante gruppo - alberghiero, mi pare - voleva investire; investire vuol dire portare soldi, lavori edili ed impieghi; non c'è stato verso in 12 anni di terminare l'iter dei permessi, tra tutte le diverse amministrazioni, di colori politici diversi; una autorizzava, l'altra si metteva di traverso... aspettavano mazzette, oppure difendevano una concorrenza locale, altri interessi ?
    alla fine, il gruppo ha rinunciato e investito altrove, perdendoci comunque molti soldi; questo è un costo, non contabilizzato come tale, ma è un costo prodotto dalla politica, alla quale - a prescindere dalla risposta - si chiedeva di pronunciarsi in tempi rapidi;

    è un costo anche non riformare la Giustizia; se non si fanno processi rapidi non si investe, per paura; nemmeno si affittano gli immobili, nel timore di contenziosi; perdono tutti; ma tutto questo non ha nulla a che vedere col numero dei politici.
    c' del lardo in Garfagnana

  7. #37
    Opinionista
    Data Registrazione
    30/04/19
    Messaggi
    393
    Axe non sono spiccioli di risparmio. Per pagare quelli che verranno eliminati attualmente occorrono 300 mila euro al mese, 3 milioni 600 mila euro l’anno.

    A me non va che i parlamentari prendano 15 mila euro al mese, più benefit, come ferrovie e aerei gratuiti.

    A me non va di vedere tutta quella gente inutile.

    Dark Lady ha scritto
    Cambia che ad esempio se vivi in Molise o Val d'Aosta rischi che non ci sia più quasi nessuno a rappresentarti in parlamento. Se abiti in una piccola cittadina dimenticata da tutti, tipo la mia, non avrai probabilmente più alcun rappresentante che possa portare avanti le istanze del tuo territorio. Al di là dell'appartenenza politica, per un territorio è importante avere qualcuno in alto che lo rappresenti e che porti avanti le sue battaglie.
    Scusa Lady, mi devi spiegare perché un senatore eletto in una circoscrizione più grande è meno rappresentativo per la tua zona.

    Il mio parere è che in un parlamento con più parlamentari aumentano quelli che gestiscono sistemi clientelari. Più piccola è la circoscrizione, maggiore è la probabilità che il "politico" locale che ha fatto tanti favori, e che magari si è accordato con il boss locale, riesca a conquistare un seggio.

  8. #38
    whatever.. L'avatar di Misterikx
    Data Registrazione
    24/03/05
    Località
    estero
    Messaggi
    15,246
    Citazione Originariamente Scritto da doxa Visualizza Messaggio
    Axe non sono spiccioli di risparmio. Per pagare quelli che verranno eliminati attualmente occorrono 300 mila euro al mese, 3 milioni 600 mila euro l’anno.

    A me non va che i parlamentari prendano 15 mila euro al mese, più benefit, come ferrovie e aerei gratuiti.

    A me non va di vedere tutta quella gente inutile.

    .
    semplice concreto condivido perché é la concretezza quella che conta..
    il votare no per " ideologia" é come dire ;
    "non serve a nulla toglier qualche spacciatore davanti le scuole il problema é la Colombia che produce la droga.."
    cioé lasciare le cose anomale perché non é la soluzione finale

    ma vi rendete conto o no che siete il paese con piu parlamentari d´Europa e il piu disastrato?!
    https://www.blitzquotidiano.it/foto-...talia-2354511/

    sono tanti,troppi, lavorano male e li volete mantenere ancora!
    " Non siamo in un salotto borbonico col mignolo sollevato e l'inchino obbligatorio. Qui siamo tutti uguali. Non ti aspettare in un forum cose difficili da trovare pure tra amici e parenti." Nahui

  9. #39
    whatever.. L'avatar di Misterikx
    Data Registrazione
    24/03/05
    Località
    estero
    Messaggi
    15,246
    Citazione Originariamente Scritto da meogatto Visualizza Messaggio
    E poi le teste di peones non e' che contino molto, sono portavoce delle linee dei mammasantissima di partito che li usano come teste di legno con vari fini....loro.
    infatti Lampedusa é la riprova che le rappresentanze locali non contano un emerita mazza ,specialmente al sud ..continui appelli di emergenza e continui sbarchi
    continui appelli di emergenza e continui sbarchi ,continui appelli di emergenza e continui sbarchi ,continui appelli di emergenza e continui sbarchi
    manco le fiaccolate di protesta possono fare perché lo spazio é quello che é..
    Ultima modifica di Misterikx; 04-09-2020 alle 17:23
    " Non siamo in un salotto borbonico col mignolo sollevato e l'inchino obbligatorio. Qui siamo tutti uguali. Non ti aspettare in un forum cose difficili da trovare pure tra amici e parenti." Nahui

  10. #40
    whatever.. L'avatar di Misterikx
    Data Registrazione
    24/03/05
    Località
    estero
    Messaggi
    15,246
    Citazione Originariamente Scritto da LadyHawke Visualizza Messaggio
    [......................)
    Il cambiamento spesso spaventa più del restare come siamo ...
    ecco l´opinione (liberissima percaritá ) dell´Italiano medio
    ..direi dal dopoguerra
    " Non siamo in un salotto borbonico col mignolo sollevato e l'inchino obbligatorio. Qui siamo tutti uguali. Non ti aspettare in un forum cose difficili da trovare pure tra amici e parenti." Nahui

  11. #41
    whatever.. L'avatar di Misterikx
    Data Registrazione
    24/03/05
    Località
    estero
    Messaggi
    15,246
    Citazione Originariamente Scritto da axeUgene Visualizza Messaggio
    altro esempio, riportato da Radio24, il Sole:

    in Puglia, per 12 anni un'importante gruppo - alberghiero, mi pare - voleva investire; investire vuol dire portare soldi, lavori edili ed impieghi; non c'è stato verso in 12 anni di terminare l'iter dei permessi, tra tutte le diverse amministrazioni, di colori politici diversi; una autorizzava, l'altra si metteva di traverso... aspettavano mazzette, oppure difendevano una concorrenza locale, altri interessi ?
    alla fine, il gruppo ha rinunciato e investito altrove, perdendoci comunque molti soldi; questo è un costo, non contabilizzato come tale, ma è un costo prodotto dalla politica, alla quale - a prescindere dalla risposta - si chiedeva di pronunciarsi in tempi rapidi;

    è un costo anche non riformare la Giustizia; se non si fanno processi rapidi non si investe, per paura; nemmeno si affittano gli immobili, nel timore di contenziosi; perdono tutti; ma tutto questo non ha nulla a che vedere col numero dei politici.
    certo ci saranno ancora infiltrati, corrotti corruttori ,clientalismo, mammasantissima , amici degli amici LOCALI pure con 400 deputati,ovvio
    MA LA SODDISFAZIONE DI MANDARNE A CASA 200 NO EH?!
    li lasciate li poerelli
    " Non siamo in un salotto borbonico col mignolo sollevato e l'inchino obbligatorio. Qui siamo tutti uguali. Non ti aspettare in un forum cose difficili da trovare pure tra amici e parenti." Nahui

  12. #42
    Superstite L'avatar di Doppio
    Data Registrazione
    04/08/10
    Località
    Dietro di te
    Messaggi
    3,249
    Citazione Originariamente Scritto da axeUgene Visualizza Messaggio
    il vero costo della politica non sono mica gli stipendi dei rappresentanti, eh... e nemmeno i costi accessori, portaborse, ristoranti, viaggi, a parte certe cose come le ambasciate delle regioni

    il costo vero è indiretto, nella misura in cui il sistema consente una gestione irresponsabile - in senso tecnico, proprio: la frammentazione delle responsabilità - per cui è possibile commissionare lo studio di fattibilità - che so, di un aeroporto - un milione ad una società, magari di amici, o amici di amici, o avversari da tener buoni - quando mancano palesemente i presupposti ambientali o urbanistici, già per sentenze pregresse; ma non c'è un sistema che vincoli quella spesa;

    oppure l'aeroporto si fa, ma non c'è l'autostrada e quindi non conviene usarlo; intanto le aziende edili hanno pappato la commessa; in teoria, e pure in pratica, non puoi incriminare nessuno, perché chi ha deciso l'aeroporto non è responsabile dell'autostrada, o c'è sempre un impiccio dovuto a terzi;

    di solito sono poteri locali, competenti su molte questioni, ambientali, ecc... basta un'associazione, i commercianti, i cacciatori, il consorzio de sto caxxo - a torto o a ragione - tutti con rappresentanza politica;

    chiaramente, quando qualcuno evoca un potere centrale, che sia la regione sul comune, lo stato sulla regione, l'UE sullo stato, c'è la rivolta del "noi" contro lo "straniero che ci impone la sua volontà", cioè il timore che un regolatore esterno riduca i margini di manovra;

    intanto, come dice un amico leccese, lu surice camina, il criceto gira nella ruota, come in un contatore
    poi dice perché uno ama il sud e i terroni; io rido per questa metafora da 30 anni;

    insomma, il vero costo della politica è nel non produrre scelte, decisioni; ma anzi, nel consentire la non-decisione; per questo non ha senso un taglio, ma serve una riforma pensata per dare potere, ma anche responsabilità, senza scappatoie.
    Un po' benaltrista... la classe politica italiana vanta o non vanta i redditi più alti d'Europa, chiedo, perchè a me risulta sia così, ma posso sbagliarmi.
    Poi c'è anche tutta la malagestione, i clientelarismi, i servizi con catene infinite di subappalti e persino la corruzione che vuoi, ma queste sono cose che ci sono ovunque; in Italia siamo messi male, te lo concedo, ma di fatto non ho dati per affermare che ci sia la situazione più tragicomica d'Europa.

    Una normalizzazione della retribuzione sarebbe comunque già un buon inizio e considerando il numero di persone coinvolte, non sarebbero proprio quattro soldi.
    Non avete ancora visto niente

    Moderatore droghe

  13. #43
    Opinionista L'avatar di xmanx
    Data Registrazione
    10/10/11
    Messaggi
    2,717
    Luigi Di Maio incalzato dal giornalista non risponde e poi scappa: referendum e costi del suo staff, silenzio imbarazzato

    Faccia imbarazzata e voce bassa, Luigi Di Maio incappa nell'ennesima figuraccia. Il ministro degli Esteri, impegnato a rispondere ai giornalisti, viene incalzato da Luigi Abbate. Il risultato? Il grillino scappa a gambe levate. Il giornalista, arrivato il suo turno, chiede a Di Maio: "Il M5s propone il referendum sul taglio di 345 parlamentari anche per abbattere i costi. Eppure il suo staff costa 711.000 euro all’anno con 8 dipendenti. Il suo capo segreteria, il suo portavoce, prendono 130.000-140.000 euro l’anno. Non le sembra un’ipocrisia? Un controsenso?". Colpito e affondato, il titolare della Farnesina non sa cosa rispondere e infatti non lo fa.

    Luigi Di Maio, quello che fa campagna a spron battuto per il “Sì” al referendum sul taglio dei parlamentari, è il ministro degli Esteri più spendaccione nella storia recente. Settecentoundicimila euro: è questo il costo annuale della squadra di otto persone costruita dall’ex capo politico del Movimento 5 Stelle. Ovviamente si tratta di fedelissimi che lo accompagneranno per tutta la durata del suo mandato: Di Maio non poteva certo lasciarli a terra dopo essere passato da tre incarichi (vice premier, ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico) ad uno solo, allora li ha portati tutti con sé alla Farnesina.

    Ecco spiegato perché il loro costo è talmente alto da non avere rivali nella storia recente: nessuno dei predecessori di Di Maio si è mai avvicinato a 700mila euro annuali per gli emolumenti degli uffici di diretta collaborazione. Un fatto che stona decisamente con la lotta agli sprechi della politica, da sempre bandiera del Movimento: “Il super staff di Di Maio agli Esteri - ha commentato Antonio Maria Rinaldi - costa il doppio di quello dei suoi predecessori. Però per ‘risparmiare’ propongono il taglio dei parlamentari tanto Conte va avanti a colpi di dpcm e se ne frega del Parlamento”.

    Bravi. Votate SI, mi raccomando. Così vi fanno "fessi e contenti".
    Lo stagista.
    Apprendista stregone.

  14. #44
    Opinionista L'avatar di xmanx
    Data Registrazione
    10/10/11
    Messaggi
    2,717
    Andiamo a votare per tagliare i Parlamentari, ma spendiamo 50 mila euro al giorno per noleggiare navi da crociera da usare per la quarantena dei clandestini.
    Lo stagista.
    Apprendista stregone.

  15. #45
    Opinionista
    Data Registrazione
    30/04/19
    Messaggi
    393
    Ciao x, quest'anno le navi da crociera hanno poco o nulla effettuato il servizio turistico causa Covid, perciò le lobby sono riuscite a far rientrare dalle spese gli armatori.

    Tagliare il numero dei parlamentari: sono sufficienti 600. Di solito molti di loro vanno alla Camera o a Senato solo per votare una legge secondo le direttive del partito. Sono alle direttive dei cosiddetti "capi-bastone" politici.

    Ogni parlamentare costa in media 15 mila euro al mese, Calcola 15 mila euro per 345 parlamentari che non verranno rieletti ed otterrai quanto si risparmia ogni mese. La cifra ottenuta la devi ricalcolare per 12 mesi e puoi constatare quanti milioni di euro risparmiamo l'anno.

    Da aggiungere i benefit di cui godono in modo immeritato, come treni e aerei gratis.

    Votare no per far dispetto ai Cinque stelle significa fare come quel marito che per far dispetto alla moglie si evirò.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •