Pagina 3 di 3 PrimaPrima 1 2 3
Risultati da 31 a 37 di 37

Discussione: Dicono sul sesso...

  1. #31
    Opinionista L'avatar di Astrid
    Data Registrazione
    13/03/18
    Messaggi
    303
    Citazione Originariamente Scritto da axeUgene Visualizza Messaggio
    questa resta una costruzione ideologica, molto arbitraria;

    a spanne, se si osservano le relazioni, la vera differenza tra un legame forte di necessità ed uno di strumentalizzazione, per quanto gentile e affettuosa, la fa il ruolo di trasformazione dell'identità che l'altro consente, di cui si fa, consapevolmente o meno, catalizzatore;

    si ama chi assume un ruolo di liberazione sovversiva di energie prima imprigionate da un ruolo, da un complesso, da una soggezione che sta stretta; si può amare anche qualcuno che puntelli un'identità già formata, ma in quel caso la personalità di quel soggetto è, come dire, in esilio; se dovesse manifestare altro, diverrebbe nemica e verrebbe ripudiata a posteriori;

    mentre la relazione con chi ha innescato un cambiamento, una trasformazione della propria personalità, identità, comunque vadano le cose, riscuote gratitudine permanente;
    il più delle volte le limitazioni e i vincoli psicologici, se non direttamente legati al sesso, hanno comunque una radice nell'inibizione di pulsioni; per questo motivo, il sesso diventa un termometro di quel cambiamento, perché rivela la misura della liberazione della personalità e rafforza quel sentimento di gratitudine.
    Di certo non volevo generalizzare. Ma, ahimé, se giro leggermente lo sguardo, ce ne sono di situazioni soggetive.
    Non credo che sia una questione di legame forte ma sentimento forte.
    Ci possono essere legami "malati". casi di dipendenza, di mollezza, di comodo, di abitudine...
    Anche il cambiare o l'essere cambiati dalla personalità dell'altro non mi sembra sintomo di una relazione forte (intesa come legame convinto e vivo).

    Di certo in una relazione equilibrata, convinta e vitale il sesso ha la sua importanza, eccome.
    Di certo il suo ruolo nella coppia dice molto, sia nel bene che nel male.

  2. #32
    la viaggiatrice L'avatar di dark lady
    Data Registrazione
    09/03/05
    Località
    On the road
    Messaggi
    55,688
    Citazione Originariamente Scritto da Turbociclo Visualizza Messaggio
    Di solito per un uomo è diverso. Basta l'attrazione fisica per azionare un certo meccanismo, assai più se si nota che l'altra parte è consenziente. Ecchissenefrega se magari ti è pure antipatica. Ti pare che se mi si presenta la BELEN nuda le dico "mi dispiace, ripassi, ora ho da fare..."
    Bah, io posso pure avere davanti il più figo del mondo e non avere nei suoi confronti alcun tipo di istinto. E averne magari invece per qualcuno di meno avvenente ma che mi prende la testa. Insomma, perché uno mi accenda il desiderio devo parlarci insieme. Mi capitò una sera con uno conosciuto proprio in quella occasione. Parlammo a lungo e quella sera finimmo a fare sesso. Neppure gli chiesi come si chiamava, ma fu bello così.
    “Io e il mio gatto... siamo due randagi senza nome che non appartengono a nessuno e a cui nessuno appartiene” [cit. Colazione da Tiffany]

    Noi vogliamo cantare l'amor del pericolo, l'abitudine all'energia e alla temerità [cit: Manifesto futurista] .

  3. #33
    Opinionista L'avatar di axeUgene
    Data Registrazione
    17/04/10
    Località
    sotto una quercia nana in zona Porta Genova
    Messaggi
    17,942
    Citazione Originariamente Scritto da Astrid Visualizza Messaggio
    Di certo non volevo generalizzare. Ma, ahimé, se giro leggermente lo sguardo, ce ne sono di situazioni soggetive.
    Non credo che sia una questione di legame forte ma sentimento forte.
    Ci possono essere legami "malati". casi di dipendenza, di mollezza, di comodo, di abitudine...
    Anche il cambiare o l'essere cambiati dalla personalità dell'altro non mi sembra sintomo di una relazione forte (intesa come legame convinto e vivo).
    l'altro si strumentalizza, sempre; il punto è solo se si tratta di una condizione reciprocamente vantaggiosa, oppure squilibrata;

    il cambiamento - positivo, ovviamente - genera un sentimento di gratitudine nei confronti del partner, cui vengono riconosciute qualità infungibili che hanno consentito quel percorso positivo; gli esempi potrebbero essere molti: un partner che innesca una coscienza del desiderio sessuale e legittima quest'ultimo, a fronte di un'educazione repressiva; oppure che sostiene e persuade in modo convincente a perseguire una passione, una carriera, o genera fiducia sulla capacità di essere genitore; insomma, innesca la sovversione di un equilibro gravato da blocchi e zavorre, e così libera energie creative;

    ovviamente, si può anche amare genuinamente qualcuno che soccorra nel senso opposto, cioè aiuti ad evitare un cambiamento che si teme: un partner tiepido che controlla e limita una sessualità che si teme, o la competizione nel lavoro e nelle responsabilità di famiglia;

    ma, siccome in genere quella conservazione gioca a favore di equilibri etero-diretti, educativi, in conflitto con desideri e pulsioni, si fonda su paure, il bilancio retrospettivo di questi amori conservativi è più spesso decisamente amaro, perché il partner viene visto - anche senza che ne abbia direttamente colpa o coscienza - come uno degli elementi di una prigionia, o al più un'ancora o una zavorra;

    l'asimmetria di questo schema sta nel fatto che, mentre un partner di conservazione può a sua volta strumentalizzare in modo impersonale, per esigenze analoghe - come nel caso del matrimonio tradizionale, evento sociale e patrimoniale, combinato, di classe, di opportunità, o semplicemente per affrancarsi dalla famiglia d'origine - nel caso del cambiamento la personalità e le qualità di quel partner diventano essenziali, infungibili, perché si tratta, appunto, di sovvertire quanto nel momento è in equilibrio;
    messa così, sembra una tesi un po' fumosa e astratta;

    ma, quando si vanno ad osservare coppie di lungo corso in crisi grave, o dopo la rottura, i discorsi e le motivazioni che si possono ascoltare sono abbastanza rivelatori, almeno per la mia esperienza, per quanto limitata; nelle unioni di conservazione spesso emerge il tema di un partner castrante, che ha sostituito quel ruolo di limitazione della famiglia e dell'ambiente culturale di provenienza e il sentimento di essere stati strumentalizzati si percepisce in modo unilaterale; qualcuno, assistito dall'analisi o più colto si rende conto della circostanza bilaterale, ma resta il senso di fallimento, di quell'originaria rinuncia a liberarsi di certi vincoli e affermare la propria personalità;

    nelle relazioni sovversive, al contrario, per quanto le rotture possano essere dolorose, resta anche in retrospettiva una certa misura di gratitudine e dolcezza per quell'energia originaria che ha trasformato, scaturita dalle qualità infungibili, dalla personalità del partner;
    del resto, ci sono millenni di letteratura in cui l'amore è descritto come sovversione dei ruoli sociali; Isotta cornificava re Marke con Tristano, Romeo e Giulietta appartenevano a famiglie in guerra tra loro, per non parlare di tutti gli amori interclassisti, ecc...

    ovviamente, ho semplificato; tra il bianco e il nero c'è molto grigio; ma certi estremi sono osservabili, volendo.
    c' del lardo in Garfagnana

  4. #34
    Posh&Rebel L'avatar di efua
    Data Registrazione
    07/12/11
    Località
    In un interminabile viaggio
    Messaggi
    19,606
    Sto sprigionando tutte le mie energie creative
    Dove firmo?
    Where there’s will there’s a way

    -Work hard have fun & be nice-

  5. #35
    Superstite L'avatar di Doppio
    Data Registrazione
    04/08/10
    Località
    Dietro di te
    Messaggi
    3,229
    Citazione Originariamente Scritto da efua Visualizza Messaggio
    Dove firmo?
    Sii creativa!
    Non avete ancora visto niente

    Moderatore droghe

  6. #36
    Posh&Rebel L'avatar di efua
    Data Registrazione
    07/12/11
    Località
    In un interminabile viaggio
    Messaggi
    19,606
    Citazione Originariamente Scritto da Doppio Visualizza Messaggio
    Sii creativa!
    Indubbiamente
    Creativa e fantasiosa pure!
    Where there’s will there’s a way

    -Work hard have fun & be nice-

  7. #37
    Opinionista L'avatar di Turbociclo
    Data Registrazione
    28/04/19
    Località
    Roma
    Messaggi
    5,069
    " L' uomo ha una tale passione per il sistema
    e la deduzione logica che è disposto ad alterare la verità,
    per non vedere il visibile, a non udire l' udibile,
    pur di legittimare la propria logica."

    Dostoevskij.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •