Pagina 1 di 3 1 2 3 UltimaUltima
Risultati da 1 a 15 di 33

Discussione: W la scuola!

  1. #1
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    53,147

    W la scuola!

    Dopo 7 mesi, alunni, studenti, insegnanti e personale non docente si sono ritrovati a scuola per l'inizio del nuovo anno: Sembrava impossibile.

    Mattarella inaugura l’anno scolastico a Vo’: la riapertura della scuola rappresenta la ripresa a piena vita dell’Italia
    La ministra Azzolina commossa: rialziamo la testa

    https://www.lastampa.it/cronaca/2020...avi-1.39305894
    amate i vostri nemici

  2. #2
    Opinionista L'avatar di Turbociclo
    Data Registrazione
    28/04/19
    Località
    Roma
    Messaggi
    5,031
    Conogelato sarebbe un ottimo addetto per i cinegiornali di regime... E la "ministressa" ci risparmi le sue lacrime di coccodrillo, anche se la colpa è più che altro di chi l'ha messa nel ruolo che fu di Benedetto Croce e Giovanni Gentile...

    " L' uomo ha una tale passione per il sistema
    e la deduzione logica che è disposto ad alterare la verità,
    per non vedere il visibile, a non udire l' udibile,
    pur di legittimare la propria logica."

    Dostoevskij.

  3. #3
    Opinionista L'avatar di axeUgene
    Data Registrazione
    17/04/10
    Località
    sotto una quercia nana in zona Porta Genova
    Messaggi
    17,933
    Citazione Originariamente Scritto da Turbociclo Visualizza Messaggio
    Conogelato sarebbe un ottimo addetto per i cinegiornali di regime... E la "ministressa" ci risparmi le sue lacrime di coccodrillo, anche se la colpa è più che altro di chi l'ha messa nel ruolo che fu di Benedetto Croce e Giovanni Gentile...
    perché non ti sei candidato tu ? dovresti avere conoscenza dei meccanismi della scuola di massa, dei sindacati, dei sodi che mancano; tutta roba che Croce e Gentile nemmeno immaginavano, visto che ai tempi loro il problema non si poneva; gli agiati avevano una loro corsia-caserma, il classico vessatorio e nonnista come premessa giustificativa e iniziazione al ruolo di vessatori;

    gli altri, quinta elementare, se va bene, e in officina o a zappare; questa era la scuola di Croce e Gentile; bella storia
    col caxxo che avresti fatto l'insegnante ai tempi di Croce e Gentile...

    il guaio - non della scuola, perché gli strumenti li avresti pure acquisiti - è che hai rimosso questi semplici fatti; come li rimuove Cono, quando disprezza quella Modernità in cui i suoi figli - giustamente - diventano medici grazie alle tasse del 5% più agiato, cui contrappone i valori di "ieri", in cui quei figli avrebbero fatto gli operai in Sammontana, sempre che fossero sopravvissuti a qualche carnaio sul Carso o in Russia in cui li avrebbero portai gli educati figli di Croce e Gentile;

    fanno bene in Svizzera: un mese di naja l'anno, fino ai 50, così non ci si dimentica di apprezzare l'imperfetta libertà che c'è fuori dalla caserma e non si frigna come bimbetti se il mondo non è esattamente a immagine e somiglianza del se stesso pargol narciso
    c' del lardo in Garfagnana

  4. #4
    Opinionista
    Data Registrazione
    07/10/10
    Località
    roma
    Messaggi
    2,725
    Citazione Originariamente Scritto da axeUgene Visualizza Messaggio
    fanno bene in Svizzera: un mese di naja l'anno, fino ai 50, così non ci si dimentica di apprezzare l'imperfetta libertà che c'è fuori dalla caserma e non si frigna come bimbetti se il mondo non è esattamente a immagine e somiglianza del se stesso pargol narciso
    questa è una perla. sulle ultime due parole: c'entra la poesia?
    poi se parli di "mondo perfetto", ti devo dire che lo vorrebbero in tanti. tutti pargoli?

  5. #5
    Opinionista L'avatar di axeUgene
    Data Registrazione
    17/04/10
    Località
    sotto una quercia nana in zona Porta Genova
    Messaggi
    17,933
    Citazione Originariamente Scritto da sandor Visualizza Messaggio
    poi se parli di "mondo perfetto", ti devo dire che lo vorrebbero in tanti. tutti pargoli?
    beh, molti di ritorno, parrebbe;
    da piccoli ci dicevano che l'erba voglio non cresce nemmeno nel giardino del re;

    la prerogativa dell'adulto dovrebbe essere quella dell'esperienza; il che, significa far tesoro di ciò che si è vissuto e acquisito, per trarne giudizi oculati; quando si smette di discernere tra una gioventù misera e oppressa e un presente libero, per preferire la prima, ricordando l'energia, ma rimuovendo l'oppressione, è segno che si è rincoglioniti; perché l'energia non la recuperi, ma intanto butti nel cesso la libertà;

    il più grande trionfo delle cd élites è avere tanta gente di estrazione popolare e proletaria che si identifica in modo fantastico in quelle stesse élites e coltiva la nostalgia di un mondo passato in cui quella gente sarebbe stata schiava, mentre si disprezzano i valori di uguaglianza e libertà;
    è come se gli agnelli - nel senso di animali, non i titolari della Fiat - percependosi come commensali, manifestassero a favore delle tradizioni pasquali
    c' del lardo in Garfagnana

  6. #6
    Opinionista
    Data Registrazione
    07/10/10
    Località
    roma
    Messaggi
    2,725
    Citazione Originariamente Scritto da axeUgene Visualizza Messaggio
    beh, molti di ritorno, parrebbe;
    ma si certo. chi non ha mai voluto, almeno una volta nella vita, ritornare "bambino"? certo del senno di poi...però non capisco la correlazione tra questo tipo di "sentimento" e l'affermazione seguente:

    Citazione Originariamente Scritto da axeUgene Visualizza Messaggio
    da piccoli ci dicevano che l'erba voglio non cresce nemmeno nel giardino del re;
    sulla quale affermazione, che ben conosco, ho molto riflettuto, anche da giovanissimo, e la cui "interpretazione" da parte mia è un po' nel senso che se batti i piedi a terra, non ti dà comunque retta nessuno. e quindi è preferibile stare in silenzio e "lavorare", insomma senza "pretese", o quanto meno "pretese eccessive".

    Citazione Originariamente Scritto da axeUgene Visualizza Messaggio
    la prerogativa dell'adulto dovrebbe essere quella dell'esperienza; il che, significa far tesoro di ciò che si è vissuto e acquisito, per trarne giudizi oculati;
    per fare questo però concedimi di osservare che occorrono "esperienza" e "riflessione", qualità che mi pare non siano molto "diffuse". cioè se non le hai "per natura" non è che le puoi imparare. e siamo sempre là...grazie a dio.

    Citazione Originariamente Scritto da axeUgene Visualizza Messaggio
    quando si smette di discernere tra una gioventù misera e oppressa e un presente libero, per preferire la prima, ricordando l'energia, ma rimuovendo l'oppressione, è segno che si è rincoglioniti; perché l'energia non la recuperi, ma intanto butti nel cesso la libertà;
    la libertà (tutto esatto) mi pare, come diceva la prof. delle medie, essere un qualcosa che non può esistere a prescindere dalle regole. e questo perché ogni singolo individuo partecipa dell'essere membro di una collettività "sociale" che non può, ai fini della sua stessa "esistenza", realizzare i "capricci" di tutti coloro che ne fanno parte. e allora occorre dettare una serie di norme che, generali e astratte, quali sono le norme "giuridiche", rappresentino la realizzazione di un ordine che è lo "stesso" per tutti coloro che si dicono o sono di fatto "membri" di quella stessa collettività. mi pare che senza questo tipo di "libertà" non possa esistere alcuna società degna di questo nome.

    Citazione Originariamente Scritto da axeUgene Visualizza Messaggio
    il più grande trionfo delle cd élites è avere tanta gente di estrazione popolare e proletaria che si identifica in modo fantastico in quelle stesse élites e coltiva la nostalgia di un mondo passato in cui quella gente sarebbe stata schiava, mentre si disprezzano i valori di uguaglianza e libertà;
    si, ma guarda. anche io sono di estrazione, come dici tu, "proletaria", ma non parlo bene del nazismo perché sono un potenziale "terrorista". ne parlo in maniera che mi pare quanto meno "obiettiva" perché penso che la possibilità di arrivare alla laurea, per uno della "mia" estrazione, si debba proprio a quel "movimento", partito politico e forma di stato che fu il fascismo, anche quello italiano. ecco, spesso penso che se non c'era, dico il fascismo, allora forse non c'ero "neanche" io. tutto qua.

    Citazione Originariamente Scritto da axeUgene Visualizza Messaggio
    è come se gli agnelli - nel senso di animali, non i titolari della Fiat - percependosi come commensali, manifestassero a favore delle tradizioni pasquali
    bisognerebbe capire cosa hanno in testa quegli animali. però stando alle scritture è vero anche che l'Agnello per antonomasia accettò di buon grado di essere sacrificato. ovviamente per liberare il mondo dai peccati, e quindi anche dalla naja per gli svizzeri 50 mesi per mezzo secolo. e fa niente che il Pargolo dei pargoli era proprio Lui.
    Ultima modifica di sandor; 15-09-2020 alle 11:43

  7. #7
    Opinionista L'avatar di axeUgene
    Data Registrazione
    17/04/10
    Località
    sotto una quercia nana in zona Porta Genova
    Messaggi
    17,933
    Citazione Originariamente Scritto da sandor Visualizza Messaggio
    si, ma guarda. anche io sono di estrazione, come dici tu, "proletaria", ma non parlo bene del nazismo perché sono un potenziale "terrorista". ne parlo in maniera che mi pare quanto meno "obiettiva" perché penso che la possibilità di arrivare alla laurea, per uno della "mia" estrazione, si debba proprio a quel "movimento", partito politico e forma di stato che fu il fascismo, anche quello italiano. ecco, spesso penso che se non c'era, dico il fascismo, allora forse non c'ero "neanche" io. tutto qua.
    in termini deterministici, non si può dire;

    sotto il profilo probabilistico, delle utilità attese, no; il fascismo configurava una società fortemente classista, di cui si scandalizzavano gli stessi tedeschi, nazisti inclusi;
    il "benessere" tedesco durante il nazismo implicava un prezzo bellico, di cui si è vista l'entità a posteriori; quindi, la probabilità statistica che i tuoi genitori o nonni crepassero prima di generarti, magari sotto un bombardamento;
    in Italia meno, ma per via del "disonore", cioè esattamente dell'aver ripudiato quella linea ed essersi risparmiati in parte ulteriori grane; tu fossi nato a nord della Linea gotica, probabilmente la narrazione di famiglia di quell'epoca sarebbe stata diversa, vista la probabilità che i tuoi genitori o nonni fossero toccati o sfiorati da una delle tante rappresaglie;

    perciò, no; le tue opportunità di esistenza le devi ad una democrazia, sostanzialmente importata di peso dai paesi anglosassoni e innestata sull'impianto egualitario francese; e quelle di decente benessere al culo di far parte del mondo "ricco", occidentale;
    poi, avresti potuto anche nascere in una famiglia di emiri sauditi, e allora adesso scriveresti da uno yacht di 50 mt al largo delle Eolie; o, più probabilmente, invece che dar retta a un pirla qualsiasi come il sottoscritto, ti trastulleresti con un paio di gnocche davanti a un pranzetto di mare preparato da uno chef
    c' del lardo in Garfagnana

  8. #8
    Opinionista
    Data Registrazione
    07/10/10
    Località
    roma
    Messaggi
    2,725
    Citazione Originariamente Scritto da axeUgene Visualizza Messaggio
    in termini deterministici, non si può dire;

    sotto il profilo probabilistico, delle utilità attese, no; il fascismo configurava una società fortemente classista, di cui si scandalizzavano gli stessi tedeschi, nazisti inclusi;
    se posso rispondere ti dico che "classista" occorre intendersi. se parli di compartimenti stagni tra i ceti, cioè la non incentivazione della mobilità "sociale" allora sono con te. ma se parli di "ostacoli" al progresso sociale allora mi "pare" di no. certo, se volevi passare mettiamo dal commercio all'esercito ti occorreva una certa "formazione" e non era facile perché la vita militare non è una "passeggiata".
    col nazismo invece, vedi lebensborn, le cose andavano diversamente. sempre vita dura, ma con alcuni correttivi dovuti al fatto che le donne venivano scelte ecc. esisteva anche la fecondazione assistita, e non per quelli che non potevano procreare, il contrario, e lo sai.

    Citazione Originariamente Scritto da axeUgene Visualizza Messaggio
    il "benessere" tedesco durante il nazismo implicava un prezzo bellico, di cui si è vista l'entità a posteriori; quindi, la probabilità statistica che i tuoi genitori o nonni crepassero prima di generarti, magari sotto un bombardamento;
    la storia sarebbe "abbastanza" lunga, e so bene che rispondere "a tono" da parte mia potrebbe farti sorridere. quindi mi astengo, se permetti.

    Citazione Originariamente Scritto da axeUgene Visualizza Messaggio
    in Italia meno, ma per via del "disonore", cioè esattamente dell'aver ripudiato quella linea ed essersi risparmiati in parte ulteriori grane; tu fossi nato a nord della Linea gotica, probabilmente la narrazione di famiglia di quell'epoca sarebbe stata diversa, vista la probabilità che i tuoi genitori o nonni fossero toccati o sfiorati da una delle tante rappresaglie;
    guarda, non so se per "rassicurarmi" ma spesso penso alla guerra come a uno "scenario", cioè come un qualcosa di "localizzato" e soprattutto disciplinato con regole, derivanti da trattati ecc. quindi il concetto di guerra totale mi pare di fatto irrealizzato. se per guerra "totale" tu intendi la guerra combattuta al di fuori delle "zone" a ciò destinate.

    Citazione Originariamente Scritto da axeUgene Visualizza Messaggio
    perciò, no; le tue opportunità di esistenza le devi ad una democrazia, sostanzialmente importata di peso dai paesi anglosassoni e innestata sull'impianto egualitario francese; e quelle di decente benessere al culo di far parte del mondo "ricco", occidentale;
    sugli anglofrancesi poi te la dico. il benessere grazie a dio c'è. e vale anche per il passato, grazie a dio.

    Citazione Originariamente Scritto da axeUgene Visualizza Messaggio
    poi, avresti potuto anche nascere in una famiglia di emiri sauditi, e allora adesso scriveresti da uno yacht di 50 mt al largo delle Eolie; o, più probabilmente, invece che dar retta a un pirla qualsiasi come il sottoscritto, ti trastulleresti con un paio di gnocche davanti a un pranzetto di mare preparato da uno chef
    qualche saudita l'ho anche incontrato, in adolescenza. mi pare che le gnocche non te le puoi "mangiare" e allora fai molta "scena", ma senza "concludere", sempre per motivi noti. un po' come succede ai cattolici "convinti".

  9. #9
    Opinionista
    Data Registrazione
    07/10/10
    Località
    roma
    Messaggi
    2,725
    axe: ma che mi fai di'?

  10. #10
    Opinionista L'avatar di axeUgene
    Data Registrazione
    17/04/10
    Località
    sotto una quercia nana in zona Porta Genova
    Messaggi
    17,933
    Citazione Originariamente Scritto da sandor Visualizza Messaggio
    se posso rispondere ti dico che "classista" occorre intendersi. se parli di compartimenti stagni tra i ceti, cioè la non incentivazione della mobilità "sociale" allora sono con te. ma se parli di "ostacoli"...
    è lo stesso;
    i fascismi nascono come reazione borghese alla paura dei proletari, del Bolscevismo;
    siccome alle masse occorreva dare un contentino perché appoggiassero l'ordine borghese, le si nazionalizzava, conferendo i gradi di caporale, anziché la possibilità di competere per l'incarico di ufficiale; Hitler e Mussolini erano entrambi caporali;

    si diceva loro: non vi intromettete nell'ordine nazionale; voi siete superiori agli slavi, i russi, i greci, gli albanesi... sarete l'HerrenVolk e sfogherete su di loro la frustrazione di non contare un caxxo in patria, invece di lasciarvi tentare dalla rivoluzione bolscevica;

    più o meno quello che oggi nelle teocrazie islamiche si dice ai poveracci, che diventano padroni in casa, con moglie e figli;

    è la solita vecchissima storia dell'ur-bullismo: solleticare gli istinti più meschini dell'animo umano, indicando degli ultimi - le donne, le minoranze, eccc... - sui quali soddisfare il desiderio pusillanime di comando di quelli che, così, diventano penultimi, come i caporali;

    poi, la cosa ha un costo, quando arrivano i Lancaster e i B-19, di notte i primi, di giorno i secondi.
    c' del lardo in Garfagnana

  11. #11
    Opinionista
    Data Registrazione
    07/10/10
    Località
    roma
    Messaggi
    2,725
    al momento sono un attimo "impegnato". ma se permetti mi riservo di rispondere. abbi pazienza.

  12. #12
    Posh&Rebel L'avatar di efua
    Data Registrazione
    07/12/11
    Località
    In un interminabile viaggio
    Messaggi
    19,514
    Nella ripresa della scuola vediamoci questo, prima di tutto questo
    Che è la cosa veramente importante
    Per quanto la ministressa non mi sia particolarmente simpatica
    I disastri nella scuola ci sono assai prima del covid
    Preghiamo Dio di arrivare ogni settimana alla fine

    Where there’s will there’s a way

    -Work hard have fun & be nice-

  13. #13
    Opinionista L'avatar di Turbociclo
    Data Registrazione
    28/04/19
    Località
    Roma
    Messaggi
    5,031
    perché non ti sei candidato tu ? dovresti avere conoscenza dei meccanismi della scuola di massa, dei sindacati, dei sodi che mancano; tutta roba che Croce e Gentile nemmeno immaginavano, visto che ai tempi loro il problema non si poneva; gli agiati avevano una loro corsia-caserma, il classico vessatorio e nonnista come premessa giustificativa e iniziazione al ruolo di vessatori;

    - Se mi avessero offerto una candidatura del genere l'avrei subito rifiutata come mission impossible; ma allora perché mai non l'ha rifiutata l'attuale incapace pentastellata ministressa?
    -I soldi mancano, sono sempre mancati (fai un raffronto con gli altri stati europei) perché SI VUOLE che manchino. Indovina perché? Credo che tu lo sappia;
    - Lo sfascio è iniziato da tanti anni, forse da quando le sinistre imposero il sei politico (certo, non sempre adottato ma spesso punto di riferimento ideologico).

    Credi a me, fra scuola normale e insegnamento ho passato una sessantina di anni fra quelle "quattro mura". Sarò stupidello, ma qualcosa ho visto e appreso...
    " L' uomo ha una tale passione per il sistema
    e la deduzione logica che è disposto ad alterare la verità,
    per non vedere il visibile, a non udire l' udibile,
    pur di legittimare la propria logica."

    Dostoevskij.

  14. #14
    Opinionista L'avatar di axeUgene
    Data Registrazione
    17/04/10
    Località
    sotto una quercia nana in zona Porta Genova
    Messaggi
    17,933
    Citazione Originariamente Scritto da Turbociclo Visualizza Messaggio
    - Se mi avessero offerto una candidatura del genere l'avrei subito rifiutata come mission impossible; ma allora perché mai non l'ha rifiutata l'attuale incapace pentastellata ministressa?
    per i motivi di tutti i politici: ambizione, senso di responsabilità, sfida...

    io ti capisco, eh: mai fatto politica in vita mia; e nemmeno mai iscritto ad un partito;
    -I soldi mancano, sono sempre mancati (fai un raffronto con gli altri stati europei) perché SI VUOLE che manchino. Indovina perché? Credo che tu lo sappia;
    no, no...
    i soldi prima si stampavano, a buffo, per accontentare tutti, invece di scontrarsi sulle tasse, come negli altri paesi;
    in un normale paese modernizzato, hai una destra liberale che detassa i ricchi per creare ricchezza e una sinistra democratica che li tassa per fornire servizi a chi non ha;
    nell'Italietta del successo di cartapesta, la borghesia pusillanime temeva qualsiasi cambiamento e ha "concesso" progressi a buffo, stampando moneta, in cambio dell'anarchia fiscale e di una fittizia pace sociale; finita la Guerra fredda, scoperto il bluff; i privilegiati si sono barricati con l'aiuto delle burocrazie e i soldi sono finiti;

    il guaio è che troppe brave persone, anche in buona fede, non sono abituate a vedere i veri interessi di classe che sono alla base della politica, e ragionano sulla base di identità famigliari, sentimenti;
    non ci sarebbe nulla di male, beninteso; non fosse che poi ci si affida ad avventurieri che fanno perdere tempo; guarda ora:

    si deve decidere come spendere 209 miliardi; mica bruscolini; ordinariamente, per una finanziaria da due in parlamento ci sono risse, in senso letterale, volano gli schiaffi;
    non crederai mica che al governo non sono capaci di pensare: vabbè, facciamo due linee metro a Roma e la Napoli-Bari AV, nonché le strade e l'acquedotto in Sicilia e Puglia...
    invece, sono fermi da due mesi; perché ?
    perché come qualcuno mette fuori la testa con in mano la sacchetta dei sesterzi, ci sono branchi di lupi famelici che i sbranano tra loro per accaparrarsi quel bottino; e non sono le famigerate élites, ma consorzi di popolo; gli edili, gli editori e scrittori di libri scolastici, chi fabbrica e vende le suppellettili, che fa i binari d'acciaio e le carrozze dei treni e dei bus, le partecipate municipali e regionali, i sindacati e le cooperative di tutti i colori, gli imprenditori di tutti i settori; chi ti chiede il sussidio; chi ti chiede manodopera immigrata per i campi e le fonderie, chi non vuole i migranti e il kebab... tutti contro tutti; poi ci sono quelli che vogliono tenersi le tasse a casa loro, e quelli che vogliono dallo stato più soldi di quelle tasse...

    finché la ggente continuerà a ragionare come ultras della curva e non come classe sociale, non se ne esce; la vera dittatura sta nella circostanza che le decisioni vengono prese senza che l'opinione pubblica ne capisca davvero il senso e l'esito, ma anche per colpa della propria arretratezza culturale, e il desiderio di fare come gli struzzi; sventolare la bandierina e sperare nella Provvidenza.

    - Lo sfascio è iniziato da tanti anni, forse da quando le sinistre imposero il sei politico (certo, non sempre adottato ma spesso punto di riferimento ideologico).

    Credi a me, fra scuola normale e insegnamento ho passato una sessantina di anni fra quelle "quattro mura". Sarò stupidello, ma qualcosa ho visto e appreso...[/QUOTE]
    c' del lardo in Garfagnana

  15. #15
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    53,147
    Citazione Originariamente Scritto da efua Visualizza Messaggio
    Nella ripresa della scuola vediamoci questo, prima di tutto questo
    Che è la cosa veramente importante
    Per quanto la ministressa non mi sia particolarmente simpatica
    I disastri nella scuola ci sono assai prima del covid
    Preghiamo Dio di arrivare ogni settimana alla fine

    Ma infatti. Lo spirito col quale ho aperto il topic è quello sottolineato da te e dal Presidente: La riapertura delle scuole rimane comunque un segno. Un segno importante di ripartenza e di futuro. Inutile e noioso, su ogni argomento, riempire lenzuolate pro o contro il Governo.
    amate i vostri nemici

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •