Pagina 6 di 6 PrimaPrima ... 2 3 4 5 6
Risultati da 76 a 77 di 77

Discussione: Pensieri musica e parole....

  1. #76


    Oggi pomeriggio sono uscito dall'ufficio per una mezz'ora e come d'istinto mi sono recato presso il quartiere dove abitavo da ragazzo. Il quartiere Paradiso, ad Augusta.
    Non abito più ad Augusta, ci lavoro solamente, per una sorta di destino beffardo, il quale, dopo dodici anni fisso a Siracusa, città in cui risiedo, sono stato trasferito ad Augusta per necessità organizzative.
    Ebbene il quartiere Paradiso lo era di nome e di fatto. Ai tempi, noi ragazzi si giocava per strada e, per la sua conformazione e cioè una piccola punta d'isola residenziale, non vi era traffico ed
    eravamo liberi di gironzolare senza pericoli. Naturalmente, alle tre del pomeriggio, tutte le strade erano deserte. Sono sceso dall'auto e ho guardato il mare. Quel mare di cui conosco ogni scoglio
    sottomarino, ogni anfratto, avendoci nuotato e pescato tante e tante volte. Lo scoglio più famoso è il cosiddetto scoglio a forma di "T". Uno scoglio artificiale in calcestruzzo, costruito ai tempi per permettere
    ai bagnanti di raggiungere il mare più profondo, dalla riva. Quando lo frequentavo la spiaggia era già stata chiusa da qualche anno e noi ragazzi ci recavamo lo stesso lì, per pescare. Il tutto in barba a Capo Giuliano,
    un sottufficiale che era una sorta di guardiano del posto, essendo la zona appartenente alla Marina Militare. Capo Giuliano se ne è andato questo inverno. Un'icona del luogo, che a volte ci rimproverava, altre volte
    chiudeva un occhio. Era un gigante biondo, molto buono.

    Poi ho guardato il balcone di casa mia. La finestra della mia stanza. Delle immagini scorrevano veloci davanti ai miei occhi. L'auto di mio padre, parcheggiata al solito posto, il garage che usavamo come porta per
    giocare a pallone, l'appartamento delle sorelle Torre, splendide fanciulle, poco più grandi di noi, che ci facevano sognare la notte. E poi Angela, la Monica Bellucci dell'epoca, affascinante, capricciosa e inarrivabile.

    Il condominio "Magnolia" dove risiedevo, era uno dei condomini più prestigiosi, per la grandezza e eleganza degli appartamenti e per le persone che ci abitavano. Lì incontrai i miei fratelli, Cosimo e Gaspare... lì
    passai pochi ma entusiasmanti anni della mia vita adolescenziale. D'inverno, le onde del mare in tempesta, allagavano regolarmente parte del salone e del soggiorno che si affacciavano a pochi metri dal mare.

    mareggiata-lungomare-paradiso-augusta-28-09-2018-450x270.jpg

    Quell'appartamento credo piacesse anche a mio padre, il quale si sentiva veramente a casa sua, in una specie di nave attraccata al molo, vera casa di ogni marinaio. Nonostante lavorassero entrambi, non riuscirono
    ad acquistarla e... optarono per una casa a Siracusa... e così nel Settembre del 1986 io e mio padre dormimmo un'ultima sera da soli, in una casa vuota, prima di portar via le ultime cose e trasferisci nell'appartamento
    in cui ancora oggi io abito. In tutto restammo nel "Paradiso" dall'estate del 1980 al Settembre del 1986.

    Risalendo in auto, lasciando il quartiere, ho dato un occhiata alla scuola media Principe di Napoli, che ho frequentato... e poi.... ho sentito un fitta allo stomaco...
    credo che passeranno anni... prima che io raggiunga nuovamente... il Paradiso.
    Ultima modifica di bumble-bee; 10-06-2022 alle 21:41
    Bambol utente of the decade

  2. #77


    E se le stelle non fossero altro che noi stessi?
    Ci avete mai pensato?
    Avete provato a contarle?

    Semplicemente noi, uno a uno giorno dopo giorno...
    ecco che se ne accendono migliaia...
    in una vita ultraterrena...
    fermi e immortalati...
    a brillare per sempre.

    E chissà...
    magari anche in grado di osservare
    cosa avviene sulla terra...
    dopo che non saremo più lì,
    insieme ai nostri "conterranei" di un tempo.

    E in quanto stelle...
    brilleremo di notte e...
    a nostra volta saremo osservati.

    Osservati dagli innamorati...
    pieni di buoni propositi e...
    desiderosi di promettersi amore.

    A quel punto saremo legati a loro e...
    ci trasformeremo pure in angeli custodi e....
    veglieremo sulla coppia che ci ha scelto...
    attraverso quella promessa d'amore.

    Pronti ad intervenire quando magari...
    il loro amore è in pericolo o...
    sta per affievolirsi...
    per dargli nuova linfa...
    nuova forza.

    E così... loro, i nostri "conterranei"...
    potranno sentirsi anche loro...
    FIGLI DELLE STELLE!!
    così come recita la canzone.
    Bambol utente of the decade

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •