Pagina 25 di 34 PrimaPrima ... 15 21 22 23 24 25 26 27 28 29 ... UltimaUltima
Risultati da 361 a 375 di 496

Discussione: L'insostenibile armonia della natura

  1. #361
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    55,569
    Citazione Originariamente Scritto da Pazza_di_Acerra Visualizza Messaggio
    L'unico contributo della TUA fede è vietare il profilattico in Africa, così i bambini muoiono come mosche. Vergogna.
    Ecco, brava! Prova a mandare una petizione al prossimo COP26 di Glasgow: La soluzione al riscaldamento globale è il profilattico per l'Africa. Vai, vediamo cosa ti rispondono.
    amate i vostri nemici

  2. #362
    Superstite L'avatar di Doppio
    Data Registrazione
    04/08/10
    Località
    Dietro di te
    Messaggi
    4,140
    Citazione Originariamente Scritto da conogelato Visualizza Messaggio
    Si, la Chiesa (e in senso lato la Religione) ha il compito di risvegliare le nostre Coscienze assopite. Di mettere in moto il dialogo fra le diverse componenti della Società mondiale. Questo ruolo non se lo assegna da sè, Doppio. Le viene unanimemente riconosciuto! Leggiamo sempre il neo-premio Nobel Parisi:

    "Il peso odierno della Religione si vede dal fatto che c'è una ricerca, delle persone, verso valori e significati della vita, che la scienza non può dare. Io non sono religioso, ma non ho mai pensato di fare una battaglia contro la Religione, tanto più utilizzando la mia autorità di scienziato per esprimermi sul senso della vita. Mi sembrerebbe una follia! Io terrei completamente separato un pensiero politico sulla Religione da un pensiero scientifico sulla Religione".

    https://www.linkiesta.it/2016/03/il-...no-alla-magia/
    Ok meglio tardi che mai, ma come tu dimostri con i tuoi interventi su alcuni temi, che pure sarebbe utile quantomeno esplorare per raggiungere l'obbiettivo, un certo pensiero religioso si dimostra ostile per partito preso.

    Ammettiamo pure (per assurdo) che la questione demografica sia secondaria nel cambiamento climatico, se, come non manchi mai di farci notare, non c'è più tempo, un piano che possa procedere rapidamente alle risoluzioni che cerchiamo non può permettersi di lasciare spazio ad interlocutori che pongono dei paletti anche su questioni meno significative.

    I fronti su cui agire sono molti, prendiamone tre: le fonti energetiche, il disboscamento e la crescita demografica.
    Ecco sapendo di dover agire su questi, personalmente non vedrei bene al tavolo della discussione ne un petroliere, ne il proprietario di una cartiera ne il rappresentante di una religione che rifiuta a priori che si possa intervenire sulla crescita "naturale" (che poi è da tre pagine che ti chiedo di dirmi in base a quale arbitrio metti i paletti circa questo fantomatico "naturale", comincio a pensare che tu ritenga davvero che sia opportuno assecondare la natura in tutto e per tutto, non ricordo, ma mi pare che tu abbia qualche figlia, ebbene la bibbia consente di maritare una femmina a tre anni e un giorno, non penso che la tua devozione arrivi a tanto, ma spero bene che tu per coerenza l'abbia data in moglie ad un brav'uomo alla prima mestruazione). Tutte queste categorie hanno un palese conflitto di interesse e, anche fossero animate dalle migliori intenzioni, finiranno con il remare contro.

    Metto una aggiunta nel box OT perché ormai ti conosco e so che se faccio una puntualizzazione ne approfitti per sviare, ma vedi di stare sul pezzo e dimostrami che non sei la prova vivente che l'ideologia di cui sei portatone non è palesemente in conflitto con un punto che, anche se non fosse così rilevante, merita comunque spazio nel dibattito... cioè rileggiti e dimmi se non sei prevenuto sulla questine a tal punto da rifiutarti di ammettere che potrebbe anche esistere una relazione (e dico una, non sto dicendo che è LA RAGIONE, solo che è un elemento che va analizzato senza pregiudizi) tra cambiamento climatico e crescita demografica.

    Off-topic!
    non mi sembra che tu abbia capito gran che dell'intervista che hai linkato, o forse l'hai capita e fai cherry picking, ma guarda che non bisogna essere contro la religione per ritenere che non dovrebbe mettere bocca in questioni che non le competono, personalmente un po' contro le religioni lo sono anche, ma non mi sognerei di imporre questa cosa a nessuno, se una persona vive meglio con una fede buon per lui e se ritiene che se un uomo che giace con un altro uomo commette abominio, mi va bene, ma mi va meno bene se cerca una strada per agire contro il diritto di quell'uomo di fare qualcosa di cui casomai dovrà rendere conto a Dio
    Non avete ancora visto niente

    Moderatore droghe

  3. #363
    رباني L'avatar di King Kong
    Data Registrazione
    05/07/17
    Messaggi
    1,317
    Citazione Originariamente Scritto da Doppio Visualizza Messaggio
    Ecco sapendo di dover agire su questi, personalmente non vedrei bene al tavolo della discussione ne un petroliere, ne il proprietario di una cartiera ne il rappresentante di una religione che rifiuta a priori che si possa intervenire sulla crescita "naturale"
    Scusami un breve appunto, ma a un tavolo di una discussione , qualsiasi discussione, non puoi escludere il partito avverso o presunto tale. Qualsiasi decisione di un consesso così formato sarebbe una imposizione, che è poi l’accusa che muovi al tuo avversario.

    Citazione Originariamente Scritto da Doppio Visualizza Messaggio
    ebbene la bibbia consente di maritare una femmina a tre anni e un giorno, non penso che la tua devozione arrivi a tanto, ma spero bene che tu per coerenza l'abbia data in moglie ad un brav'uomo alla prima mestruazione).
    Potresti essere più preciso su questi due punti? Cioè la possibilità di sposare una bambina di tre anni e un giorno e l’obbligo di sposarla con il sopraggiungere delle mestruazioni citando i versetti al riguardo?
    Grazie.
    Aut hic aut nullubi

  4. #364
    Superstite L'avatar di Doppio
    Data Registrazione
    04/08/10
    Località
    Dietro di te
    Messaggi
    4,140
    Citazione Originariamente Scritto da King Kong Visualizza Messaggio
    Scusami un breve appunto, ma a un tavolo di una discussione , qualsiasi discussione, non puoi escludere il partito avverso o presunto tale. Qualsiasi decisione di un consesso così formato sarebbe una imposizione, che è poi l’accusa che muovi al tuo avversario.
    Se fosse un fatto politico, ok, ma se si parla di evidenze scientifiche non si può trattare ogni opinione come uguale, qui può anche esserci un'area grigia, ma significherebbe che servono più evidenze provenienti da studi non inficiati da conflitti d'interesse, ma se non c'è più tempo forse non è il caso di perderne dietro a pareri evidentemente viziati da pregiudizio. Persino quando si procede su studi scientifici puri bisogna stare attenti che non insorgano conflitti di interesse, altrimenti ti trovi un Andrew Wakefield che falsa i risultati di una ricerca e "trova" una correlazione tra vaccini e autismo avendo brevettato un prodotto concorrente.

    Citazione Originariamente Scritto da King Kong Visualizza Messaggio
    Potresti essere più preciso su questi due punti? Cioè la possibilità di sposare una bambina di tre anni e un giorno e l’obbligo di sposarla con il sopraggiungere delle mestruazioni citando i versetti al riguardo?
    Grazie.
    Sulla storia dei tre anni e un giorno devo cercare, stasera guardo, non escludo di avere una fonte sbagliata, quanto al matrimonio al sopraggiungere della fertilità, oltre ad essere qualcosa che a rigor di logica è perfettamente "naturale" (e sono giorni che interrogo Cono sulla sua nozione di "naturale"), non è un obbligo, ma una prassi comune alle società antiche, la stessa madre di Gesù fu data in moglie a Giuseppe a 16 anni, e in generale nella bibbia non mi pare si trovino molte donne che non siano state sposate poco più che bambine.
    Non avete ancora visto niente

    Moderatore droghe

  5. #365
    Superstite L'avatar di Doppio
    Data Registrazione
    04/08/10
    Località
    Dietro di te
    Messaggi
    4,140
    Citazione Originariamente Scritto da Doppio Visualizza Messaggio
    Sulla storia dei tre anni e un giorno devo cercare,
    Mhm, ok questo lo ritratto, in teoria in qualche versione di Numeri 31, nei versetti da 15 a 18 potrebbe esserci stato un riferimento al limite di tre anni e un giorno, ma in quella intercofessionale attuale si parla solo di vergini:

    15Egli disse loro: «Come? Avete lasciato in vita le donne? Lo sapevate che proprio le donne madianite, istigate da Balaam, hanno spinto gli Israeliti a commettere gravi colpe verso il Signore per quello che successe a Peor. Appunto, a causa di quel fatto, un flagello ha colpito la comunità del Signore. 17Ora uccidete tutti i ragazzi e anche tutte le donne che sono appartenute a un uomo, 18ma conserverete in vita per voi le ragazze ancora vergini.
    Comunque non era fondamentale per il discorso, era più una piccola provocazione, ce ne sono tante di cose nei testi antichi che agli occhi dei contemporanei sono un po' estreme, volevo pestare la mano.


    La domanda in ogni caso resta ed è perfettamente in topic, si parla del "naturale" istinto riproduttivo che nella nostra come in tutte le specie si attiva con la fertilità, come si stabilisce che va bene che due persone siano adulte per iniziare a darci dentro, ma non va bene che decidano, anche in luce delle condizioni sociali, economie o ambientali, di limitare la loro procreazione?
    Questa retorica del "naturale" quando fa comodo mi confonde.
    Non avete ancora visto niente

    Moderatore droghe

  6. #366
    Opinionista L'avatar di Vega
    Data Registrazione
    04/05/05
    Messaggi
    12,495
    Citazione Originariamente Scritto da conogelato Visualizza Messaggio
    Ragazzi, vi state ostinando a non capire: Scienziati, esperti, analisti, studiosi e religiosi. Non fanno una gara per stabilire chi è più competente o chi di loro ha più coscienza ecologica. Sono invece chiaramente ed inequivocabilmente tutti d'accordo su un punto: NON C'E' PIU' TEMPOOOOO!!!!

    Oggi Giorgio Parisi ha vinto il Nobel per la fisica. Leggete come si esprime sull'argomento:

    "La scienza ha il compito di aiutarci a prevedere il futuro" afferma Parisi. "In questo caso ci avverte che qualcosa di grave potrebbe accadere, se non agiamo al più presto per fermarlo".

    Parisi nella sua carriera ha studiato argomenti molto diversi, accomunati dal poter essere chiamati sistemi complessi: dal bosone di Higgs alle interazioni fra i neuroni del cervello, che lo hanno portato a occuparsi di reti neurali e intelligenza artificiale, fino al comportamento dei singoli uccelli all'interno degli stormi in virata. Oggi fa ricerca sulla struttura di materiali eterogenei come i vetri. Anche lo studio del clima è considerato parte dei sistemi complessi. Per questo il fisico italiano è stato premiato accanto a due colleghi climatologi.

    https://www.repubblica.it/cronaca/20...ica-320890322/
    Ma abbiamo capito. Capito che per te ogni occasione è buona per incensare ed infilare la religione dappertutto, arrivando a cazzate plateali tipo queste che hai detto nella discussione, dell'importanza primaria della Chiesa, del Papa o delle religioni in generale, quasi che gli addetti ai lavori siano dei bischeracci qualsiasi che si risvegliano dal torpore grazie alle parole di un esponente religioso.
    E' tutto molto chiaro Cono. Uguale per la fissazione che hai preso per la pandemia ed il riscaldamento globale. Domani, passati un pò questi argomenti, troverai un altro cavallo di battaglia con cui moralizzare, catechizzare, personaggi da citare, articoli da copia-incollare e che rigirerai a tuo piacimento e fraintenderai, così come fraintenderai i post di noi altri.

    Il tempo, se non c'è davvero più, non c'è anche per altre cose. Ora ti sei fissato sul riscaldamento globale, ma tamponato quello, hai micro e nanoplastiche che spandiamo ogni giorno. Blocchi il traffico auto in tutto il mondo così che gli pneumatici non si consumino più? Oppure abolisci le suole delle scarpe, fatte anche quelle sempre più di plastica, che si consumano camminando?
    Hai voglia a rompere gli zebedei come se non fossi anche tu parte del processo inquinante del pianeta e l'unico saggio della situazione.
    A che ti serve martellare in maniera pissera e sciocca con tutti questi post, questi articoli, nonostante ogni volta ti venga pure fatto notare il sistema poco utile che adotti per le discussioni e che vale lo stesso per i contenuti?
    Pienamente funzionante e programmata in tecniche multiple

  7. #367
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    55,569
    Citazione Originariamente Scritto da Doppio Visualizza Messaggio
    Ok meglio tardi che mai, ma come tu dimostri con i tuoi interventi su alcuni temi, che pure sarebbe utile quantomeno esplorare per raggiungere l'obbiettivo, un certo pensiero religioso si dimostra ostile per partito preso.

    Ammettiamo pure (per assurdo) che la questione demografica sia secondaria nel cambiamento climatico, se, come non manchi mai di farci notare, non c'è più tempo, un piano che possa procedere rapidamente alle risoluzioni che cerchiamo non può permettersi di lasciare spazio ad interlocutori che pongono dei paletti anche su questioni meno significative.

    I fronti su cui agire sono molti, prendiamone tre: le fonti energetiche, il disboscamento e la crescita demografica.
    Ecco sapendo di dover agire su questi, personalmente non vedrei bene al tavolo della discussione ne un petroliere, ne il proprietario di una cartiera ne il rappresentante di una religione che rifiuta a priori che si possa intervenire sulla crescita "naturale" (che poi è da tre pagine che ti chiedo di dirmi in base a quale arbitrio metti i paletti circa questo fantomatico "naturale", comincio a pensare che tu ritenga davvero che sia opportuno assecondare la natura in tutto e per tutto, non ricordo, ma mi pare che tu abbia qualche figlia, ebbene la bibbia consente di maritare una femmina a tre anni e un giorno, non penso che la tua devozione arrivi a tanto, ma spero bene che tu per coerenza l'abbia data in moglie ad un brav'uomo alla prima mestruazione). Tutte queste categorie hanno un palese conflitto di interesse e, anche fossero animate dalle migliori intenzioni, finiranno con il remare contro.

    Metto una aggiunta nel box OT perché ormai ti conosco e so che se faccio una puntualizzazione ne approfitti per sviare, ma vedi di stare sul pezzo e dimostrami che non sei la prova vivente che l'ideologia di cui sei portatone non è palesemente in conflitto con un punto che, anche se non fosse così rilevante, merita comunque spazio nel dibattito... cioè rileggiti e dimmi se non sei prevenuto sulla questine a tal punto da rifiutarti di ammettere che potrebbe anche esistere una relazione (e dico una, non sto dicendo che è LA RAGIONE, solo che è un elemento che va analizzato senza pregiudizi) tra cambiamento climatico e crescita demografica.

    Off-topic!
    non mi sembra che tu abbia capito gran che dell'intervista che hai linkato, o forse l'hai capita e fai cherry picking, ma guarda che non bisogna essere contro la religione per ritenere che non dovrebbe mettere bocca in questioni che non le competono, personalmente un po' contro le religioni lo sono anche, ma non mi sognerei di imporre questa cosa a nessuno, se una persona vive meglio con una fede buon per lui e se ritiene che se un uomo che giace con un altro uomo commette abominio, mi va bene, ma mi va meno bene se cerca una strada per agire contro il diritto di quell'uomo di fare qualcosa di cui casomai dovrà rendere conto a Dio
    A Dio si dovrà rendere conto quando, in presenza di una palese, ingiusta ripartizione della ricchezza e delle risorse, in presenza di milioni di tonnellate di CO2 riversate in atmosfera, di allevamenti intensivi raccapriccianti, di quantità smisurate di cibo giornaliero buttato al macero mentre milioni di Bambini muoiono di fame.....si incolpa il Sud del mondo di fare troppi figli!!! E' questo il peccato che grida vendetta davanti a Dio, amico Doppio. Poi, possiamo tranquillamente parlarne di paternità e maternità responsabili. Certo. Ma ciò andrà fatto in regime di parità. Portando i nostri Fratelli che vivono nell'indigenza da noi causata, a condizioni di Vita più degna. In mancanza, il nostro è solo un tentativo di lavarci la Coscienza.
    amate i vostri nemici

  8. #368
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    55,569
    Citazione Originariamente Scritto da Vega Visualizza Messaggio
    Ma abbiamo capito. Capito che per te ogni occasione è buona per incensare ed infilare la religione dappertutto, arrivando a cazzate plateali tipo queste che hai detto nella discussione, dell'importanza primaria della Chiesa, del Papa o delle religioni in generale, quasi che gli addetti ai lavori siano dei bischeracci qualsiasi che si risvegliano dal torpore grazie alle parole di un esponente religioso.
    E' tutto molto chiaro Cono. Uguale per la fissazione che hai preso per la pandemia ed il riscaldamento globale. Domani, passati un pò questi argomenti, troverai un altro cavallo di battaglia con cui moralizzare, catechizzare, personaggi da citare, articoli da copia-incollare e che rigirerai a tuo piacimento e fraintenderai, così come fraintenderai i post di noi altri.

    Il tempo, se non c'è davvero più, non c'è anche per altre cose. Ora ti sei fissato sul riscaldamento globale, ma tamponato quello, hai micro e nanoplastiche che spandiamo ogni giorno. Blocchi il traffico auto in tutto il mondo così che gli pneumatici non si consumino più? Oppure abolisci le suole delle scarpe, fatte anche quelle sempre più di plastica, che si consumano camminando?
    Hai voglia a rompere gli zebedei come se non fossi anche tu parte del processo inquinante del pianeta e l'unico saggio della situazione.
    A che ti serve martellare in maniera pissera e sciocca con tutti questi post, questi articoli, nonostante ogni volta ti venga pure fatto notare il sistema poco utile che adotti per le discussioni e che vale lo stesso per i contenuti?
    Ma scusa, qual è il titolo del topic? Stiamo parlando e discutendo di un problema che ci riguarda tutti. Come cittadini e abitanti del pianeta Terra. Se i più grandi esponenti politici, economici, finanziari, scientifici e religiosi del mondo, si sono finalmente resi conto dell'urgenza della questione....è possibile parlare di semplice fissazione di Cono?!?!?!
    amate i vostri nemici

  9. #369
    Opinionista L'avatar di Vega
    Data Registrazione
    04/05/05
    Messaggi
    12,495
    Il titolo della discussione ed il post iniziale non riguardavano il riscaldamento globale. Controlla meglio.

    Sono anni che c'è l'emergenza ambientale. Una volta le piogge acide, poi è arrivato il buco nell'ozono, ora c'è il riscaldamento globale. Protocollo di Kyoto, agenda 21...ora c'è quella 2030. Domani chissà, ci sarà quella 2050 perché anche gli obiettivi della 2030 non sono stati tutti raggiunti.

    La tua fissazione è che vai a fittonate nel modo di discutere e negli argomenti. Non fare il solito Cono dietro un dito e che dice che non è lui che fa presente i problemi.
    Questa scusa cancellala dalla mente.
    A te non interessa discutere ed approfondire, devi fare l'angelo dell'apocalisse e basta. Da cui il ripetere copia-incolla di articoli che ripetono sempre gli stessi concetti e perché ti pare che chi interviene nella discussione non capisca.
    Io spero sempre che tu lo faccia apposta e non che non ti renda conto di quello che dici e che fai e che scrivono gli utenti.
    Pienamente funzionante e programmata in tecniche multiple

  10. #370
    Superstite L'avatar di Doppio
    Data Registrazione
    04/08/10
    Località
    Dietro di te
    Messaggi
    4,140
    Citazione Originariamente Scritto da conogelato Visualizza Messaggio
    Poi, possiamo tranquillamente parlarne di paternità e maternità responsabili.
    Citazione Originariamente Scritto da conogelato Visualizza Messaggio
    NON C'E' PIU' TEMPOOOOO!!!!
    Non avete ancora visto niente

    Moderatore droghe

  11. #371
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    55,569
    Citazione Originariamente Scritto da Vega Visualizza Messaggio
    Il titolo della discussione ed il post iniziale non riguardavano il riscaldamento globale. Controlla meglio.

    Sono anni che c'è l'emergenza ambientale. Una volta le piogge acide, poi è arrivato il buco nell'ozono, ora c'è il riscaldamento globale. Protocollo di Kyoto, agenda 21...ora c'è quella 2030. Domani chissà, ci sarà quella 2050 perché anche gli obiettivi della 2030 non sono stati tutti raggiunti.

    La tua fissazione è che vai a fittonate nel modo di discutere e negli argomenti. Non fare il solito Cono dietro un dito e che dice che non è lui che fa presente i problemi.
    Questa scusa cancellala dalla mente.
    A te non interessa discutere ed approfondire, devi fare l'angelo dell'apocalisse e basta. Da cui il ripetere copia-incolla di articoli che ripetono sempre gli stessi concetti e perché ti pare che chi interviene nella discussione non capisca.
    Io spero sempre che tu lo faccia apposta e non che non ti renda conto di quello che dici e che fai e che scrivono gli utenti.
    Giorgio Parisi fa l'angelo dell'Apocalisse quando dice che non c'è un minuto da perdere? Ti faccio presente che ieri ha vinto il Nobel!!! Il Presidente dell'ONU fa la Cassandra quando invita tutte le nazioni a rendersi conto dell'urgenza? Gli Scienziati, il Santo Padre, gli economisti, Draghi, i milioni di giovani guidati da Greta, fanno terrorismo psicologico e basta? Oggi si è unita anche la Merkel al grido di dolore.

    CITTÀ DEL VATICANO , 07 ottobre, 2021 / 5:27 PM (ACI Stampa).-


    "Deve sorgere la coscienza che l'umanità è una", "di fronte alle sfide che l'umanità deve affrontare, come i cambiamenti climatici, l'umanità è una comunità di destino". A parlare così è la cancelliera tedesca Angela Merkel nel suo intervento alla cerimonia finale del convegno organizzato dalla Comunità di Sant'Egidio. Servono "un dialogo rispettoso, una comprensione reciproca della dignità dell'uomo, apertura e tolleranza", ha continuato la cancelliera. "Possa questo spirito di comunità di pace partire da Roma e diffondersi", ha concluso.

    Poche ore prima Angela Merkel aveva incontrato per la sesta volta papa Francesco, l'ultima da cancelliera. Clima, migranti, conseguenze della pandemia, sono stati al centro di un colloquio di 45 minuti a porte chiuse. "il Papa ha visitato da poco l'Europa orientale. Abbiamo discusso della Conferenza per il clima che avrà luogo a Glasgow."

    “Con la vita dei popoli e dei bambini non si può giocare”. Papa Francesco lo ha detto partecipando alla cerimonia finale dell’Incontro internazionale “Popoli fratelli, terra futura”, promosso dalla Comunità di Sant’Egidio a Roma. Il Papa ha presieduto la preghiera dei cristiani insieme ai rappresentanti delle altre religioni. Poi si è svolta la celebrazione finale.
    Per Papa Francesco è chiaro che “oggi, nella società globalizzata che spettacolarizza il dolore ma non lo compatisce, abbiamo bisogno di “costruire compassione”.

    Con parole chiare incoraggiamo a questo: a deporre le armi, a ridurre le spese militari per provvedere ai bisogni umanitari, a convertire gli strumenti di morte in strumenti di vita. Non siano parole vuote, ma richieste insistenti che eleviamo per il bene dei nostri fratelli, contro la guerra e la morte, in nome di Colui che è pace e vita. Meno armi e più cibo, meno ipocrisia e più trasparenza, più vaccini distribuiti equamente e meno fucili venduti sprovvedutamente".

    con la vita dei popoli e dei bambini non si può giocare. Non si può restare indifferenti. Occorre, al contrario, entrare in empatia e riconoscere la comune umanità a cui apparteniamo, con le sue fatiche, le sue lotte e le sue fragilità", ha proseguito il Pontefice. "Pensare: "Tutto questo mi tocca, sarebbe potuto accadere anche qui, anche a me". Oggi, nella società globalizzata che spettacolarizza il dolore ma non lo compatisce, abbiamo bisogno di "costruire compassione". Di sentire l'altro, di fare proprie le sue sofferenze, di riconoscerne il volto".

    "Questo è il vero coraggio, il coraggio della compassione, che fa andare oltre il quieto vivere, oltre il non mi riguarda e il non mi appartiene"

    https://www.avvenire.it/chiesa/pagin...nciamo-insieme
    amate i vostri nemici

  12. #372
    Opinionista L'avatar di Vega
    Data Registrazione
    04/05/05
    Messaggi
    12,495
    M io dico a te. E' chiaro che se vanno ad intervistare oggi Pinco, domani Pallino e fanno delle domande, chiedono parere su certi problemi, questi rispondono e più o meno risponderanno in maniera generica sul da farsi e concetti simili.
    Su Discutere però c'è Conogelato che copia-incolla di continuo articoli che ripetono le stesse cose, cieco alle risposte degli altri forumisti.
    Sto chiedendo conto del tuo modo di fare.
    Perché ok che c'è l'impatto antropico, ma visti i tempi in cui abbiamo cominciato a parlare di ambiente e pezze da metterci sopra per riparare, protocolli, congressi, appelli da ogni dove, dopo 30 anni e più siamo ancora qui a batterci il petto.
    Quello che ti dico è di non farti abbagliare troppo dagli articoli, dalla ridondanza di un argomento, dai personaggi che intervengono, dalle Gretine, perché tanto il mondo, l'economia degli stati e altro che ricade sull'organizzazione sociale e nelle possibilità dei cittadini, non la cambi con una bacchetta magica, nemmeno in pochi anni.
    Ora c'è l'allarme riscaldamento globale. Ma la questione demografia, impopolare e spinosa, la vedrai citata meno, ma è importante anche quella. E poi se riusciamo a mettere una pezza per quello che buttiamo per aria, rimangono sempre una sfilza di altri problemi da risolvere, tipo quello che citavo con l'esempio degli pneumatici.
    Pienamente funzionante e programmata in tecniche multiple

  13. #373
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    55,569
    Va cambiata, invece! E sùbito. Non è un problema come tanti, il riscaldamento globale: E' IL PROBLEMA.

    Monito del Nobel Parisi: "L'aumento del Pil é in contrasto con il clima"
    08 ottobre 2021 |


    Il fisico alla PreCop26: "Non è una buona misura dell'economia, cattura la quantità ma non la qualità della crescita. Se la temperatura sale più di 2° entriamo in una terra incognita"

    "L'umanità deve fare delle scelte essenziali, deve contrastare con forza il cambiamento climatico". "Sappiamo tutti che il medico pietoso fece la piaga purulenta" ha osservato ancora avvertendo che "se la temperatura" del nostro pianeta aumenta più di 2° entriamo in una terra incognita in cui ci possono essere anche altri fenomeni che non abbiamo previsto che possono peggiorare enormemente le situazione. Per esempio incendi di foreste colossali come l’Amazzonia che immetterebbero in maniera catastrofica quantità enormi di gas serra, ma quando accadrebbero? Gli oceani che al momento attuale stanno assorbendo molti dei gas serra che emettiamo, ma questo fenomeno continuerà in una terra due gradi più calda? L’aumento della temperatura non è controllato solo delle emissioni dirette ma è mitigato da tantissimi meccanismi di regolazione che potrebbero cessare di funzionare con l’aumento della temperatura" ha avvertito ancora Giorgio Parisi. "Mentre il limite inferiore dei 2° è qualcosa sul quale possiamo essere abbastanza sicuri, è molto più difficile capire quale sia lo scenario più pessimistico: potrebbe essere molto ma molto peggiore di quello che noi immaginiamo" é lo scenario messo sul tavolo della PreCop26 dal Nobel italiano per la Fisica.

    Dunque, in vista della conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici programmata a Glasgow dal 31 ottobre al 12 novembre prossimi, il nuovo Nobel per la Fisica italiano ha lanciato un'indicazione molto forte per l'economia globale: "Il prodotto nazionale lordo non è una buona misura dell'economia. Cattura la quantità ma non la qualità della crescita". "Sono stati proposti - ha ricordato Parisi - molti indici diversi, tra cui l'indice di sviluppo umano e l'indice di benessere economico sostenibile". Ma, ha osservato, "se il prodotto nazionale lordo rimarrà al centro dell'attenzione, il nostro futuro sarà triste. I politici, i giornalisti, gli economisti che pianificano il nostro futuro e monitorano i progressi che sono stati fatti, devono usare un indice che consideri altri aspetti oltre al prodotto nazionale lordo".

    Nel suo intenso discorso, Giorgio Parisi ha "sfiorato tantissimi temi: energia, ricerca scientifica, giustizia sociale, economia ed educazione dei giovani". " Affrontare queste problematiche e risolverle è il vostro compito con il contributo di tutti, specialmente i ragazzi" ha detto rivolgendosi alla platea di Montecitorio. Presidente della classe di Scienze Fisiche, Matematiche e Naturali dell'Accademia Nazionale dei Lincei e professore ordinario di Fisica Teorica alla Sapienza di Roma, Parisi é stato insignito con il Nobel "per la scoperta dell'interazione tra disordine e fluttuazioni nei sistemi fisici dalla scala atomica a quella planetaria". Ed é proprio per evitare tutto il 'disordine' che porteranno sulla Terra i cambiamenti climatici che lo scienziato ha parlato oggi alla Camera.

    https://www.adnkronos.com/monito-del...htv?refresh_ce

    Non è più possibile (anzi, è delittuoso) continuare a fare del riduzionismo sulla questione. Chi lo fa, è a tutti gli effetti responsabile di ciò che sta accadendo e delle sue future conseguenze.
    amate i vostri nemici

  14. #374
    Opinionista L'avatar di crepuscolo
    Data Registrazione
    08/10/07
    Messaggi
    22,765
    Caro cono quando Parisi dice che non la quantità ma la qualità del denaro va perseguita è come se dicesse, e lui lo sa benissimo, che cento euro unti e corrosi per le cento mani che lo hanno posseduto ( effetto moltiplicatore della moneta) devono essere ben stirati e puliti.
    Non è possibile sostituire il concetto di Pil a meno che si azzerino tutti i debiti/crediti del mondo. Vallo a dire a chi li avanza
    E tutto legato, a meno che si faccia i matti da slegare

  15. #375
    Opinionista L'avatar di Vega
    Data Registrazione
    04/05/05
    Messaggi
    12,495
    Citazione Originariamente Scritto da conogelato Visualizza Messaggio
    Va cambiata, invece! E sùbito. Non è un problema come tanti, il riscaldamento globale: E' IL PROBLEMA.

    Monito del Nobel Parisi: "L'aumento del Pil é in contrasto con il clima"
    08 ottobre 2021 |


    Il fisico alla PreCop26: "Non è una buona misura dell'economia, cattura la quantità ma non la qualità della crescita. Se la temperatura sale più di 2° entriamo in una terra incognita"

    "L'umanità deve fare delle scelte essenziali, deve contrastare con forza il cambiamento climatico". "Sappiamo tutti che il medico pietoso fece la piaga purulenta" ha osservato ancora avvertendo che "se la temperatura" del nostro pianeta aumenta più di 2° entriamo in una terra incognita in cui ci possono essere anche altri fenomeni che non abbiamo previsto che possono peggiorare enormemente le situazione. Per esempio incendi di foreste colossali come l’Amazzonia che immetterebbero in maniera catastrofica quantità enormi di gas serra, ma quando accadrebbero? Gli oceani che al momento attuale stanno assorbendo molti dei gas serra che emettiamo, ma questo fenomeno continuerà in una terra due gradi più calda? L’aumento della temperatura non è controllato solo delle emissioni dirette ma è mitigato da tantissimi meccanismi di regolazione che potrebbero cessare di funzionare con l’aumento della temperatura" ha avvertito ancora Giorgio Parisi. "Mentre il limite inferiore dei 2° è qualcosa sul quale possiamo essere abbastanza sicuri, è molto più difficile capire quale sia lo scenario più pessimistico: potrebbe essere molto ma molto peggiore di quello che noi immaginiamo" é lo scenario messo sul tavolo della PreCop26 dal Nobel italiano per la Fisica.

    Dunque, in vista della conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici programmata a Glasgow dal 31 ottobre al 12 novembre prossimi, il nuovo Nobel per la Fisica italiano ha lanciato un'indicazione molto forte per l'economia globale: "Il prodotto nazionale lordo non è una buona misura dell'economia. Cattura la quantità ma non la qualità della crescita". "Sono stati proposti - ha ricordato Parisi - molti indici diversi, tra cui l'indice di sviluppo umano e l'indice di benessere economico sostenibile". Ma, ha osservato, "se il prodotto nazionale lordo rimarrà al centro dell'attenzione, il nostro futuro sarà triste. I politici, i giornalisti, gli economisti che pianificano il nostro futuro e monitorano i progressi che sono stati fatti, devono usare un indice che consideri altri aspetti oltre al prodotto nazionale lordo".

    Nel suo intenso discorso, Giorgio Parisi ha "sfiorato tantissimi temi: energia, ricerca scientifica, giustizia sociale, economia ed educazione dei giovani". " Affrontare queste problematiche e risolverle è il vostro compito con il contributo di tutti, specialmente i ragazzi" ha detto rivolgendosi alla platea di Montecitorio. Presidente della classe di Scienze Fisiche, Matematiche e Naturali dell'Accademia Nazionale dei Lincei e professore ordinario di Fisica Teorica alla Sapienza di Roma, Parisi é stato insignito con il Nobel "per la scoperta dell'interazione tra disordine e fluttuazioni nei sistemi fisici dalla scala atomica a quella planetaria". Ed é proprio per evitare tutto il 'disordine' che porteranno sulla Terra i cambiamenti climatici che lo scienziato ha parlato oggi alla Camera.

    https://www.adnkronos.com/monito-del...htv?refresh_ce

    Non è più possibile (anzi, è delittuoso) continuare a fare del riduzionismo sulla questione. Chi lo fa, è a tutti gli effetti responsabile di ciò che sta accadendo e delle sue future conseguenze.
    A chi ti riferisci con fare del riduzionismo?

    Dopo Einstein, Rubbia, la Gianotti, Risé e compagnia bella è la volta del fisico Parisi, che ce lo rivogherai per altre pagine.

    Parisi potrà dire la sua quanto gli pare, anche se avesse ragione elevata al cubo, pensi che all'istante cambi tutto? Pensi che negli otto anni che ci restano per arrivare al 2030, anno dell'ultima agenda, cambi il mondo radicalmente? Pensi che gli stati che campano di estrazione petrolio, gas, risorse minerarie tappino tutto così su due piedi? Senza contare accordi fra nazioni e tutta l'industria che gira intorno a certe risorse.
    Non è per ridurre nulla, semmai essere scettici su questi cambiamenti repentini che tutti gridano ai quattro venti.
    Poi se Conogelato ci dice che col freddo si scalda col fiato del bue e dell'asinello e non ha più la caldaia a metano, bene, potrai dare lezione a tutti di ecologia e risparmio energetico.
    Se tu volessi azzerare il riscaldamento che oggi la maggioranza delle persone ha, tramite caldaie a metano, dovresti fare una legge che faccia in modo che da qui al 2030 tutti devono dismettere le caldaie e mettere pannelli fotovoltaici, pale eoliche domestiche o quanto produce un impatto 0 o ridottissimo di emissioni.
    Poi le auto elettriche. Da qui al 2030 tutti con l'auto elettrica. Certo, ci sarebbe da capire come produci un fabbisogno più che raddoppiato di energia elettrica. Ce la faremo solo con il fotovoltaico, l'idroelettrico e l'eolico? E le ricariche? Ce la faremo ad avere tante colonnine e ricaricare in pochi minuti?
    Conogelato, se non si abbassano i prezzi, ce l'ha i soldi per l'auto elettrica?

    Abbi pazienza se alla fine tutti questi congressi, riunioni, eventi mediatici mi sanno un pò di "facite ammuina", tanto per fare un pò di rumore, far vedere che qualcuno fa qualcosa. Per i risultati, come si dice, ai posteri l'ardua sentenza.
    Pienamente funzionante e programmata in tecniche multiple

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •