Pagina 1 di 8 1 2 3 4 5 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 15 di 112

Discussione: Mia figlia è una testa di cazzo

  1. #1
    Ammoscia banane L'avatar di nahui
    Data Registrazione
    05/03/09
    Località
    in una nuvola di smog
    Messaggi
    20,087

    Mia figlia è una testa di cazzo

    Perché l'ho cresciuta male, libera, con la paura di traumatizzarla, con le accortezze psicologiche, coi manuali di pedagogia, frenando mii marito quando voleva prenderla a mazziate.
    Ecco qui, domani dovrebbe consegnare la tesina per gli esami di maturità e dov'è? Boh, a mangiare un pezzo di pizza dopo aver perso il cellulare in un tombino, cellulare che io sto ancora pagando a rate. Ah, e dopo il liceo prestigioso vuole fare l'anno sabbatico, perché è confusa, perché l'università è una costrizione borghese e noi vogliamo incasellarla mentre invece lei vuole vedere ggente, conoscere, viaggiare, non si capisce con quali soldi, pensa che facendo la cameriera part time si arricchirà, a malapena riuscirà a comprarsi le sigarette.
    È una testa di cazzo, punto. Ho fallito.
    Vabbè, mi sono sfogata, ora posso fingere di essere progressista quando tornerà a casa. ×_×
    Il vero castigo per chi mente non è di non essere più creduto, ma di non potere credere a nessuno.
    (George Bernard Shaw)

  2. #2
    Opinionista L'avatar di LadyHawke
    Data Registrazione
    29/04/19
    Messaggi
    4,547
    Caduto in un tombino? Che sfiga!
    Comunque se prova a lavorare, quindi faticare per quattro soldi è molto probabile che poi a scuola ci ritorni più volentieri, almeno così è stato per mio figlio all'epoca e almeno ha preso uno straccio di maturità.

    Auguri per la maturità allora.
    La vita è veramente molto semplice, ma noi insistiamo nel renderla complicata.
    Confucio

  3. #3
    Caspita. Mia figlia Chiara parla di lavoro partime e anno sabbatico... ma io le ho detto che volente o dolente, lei andrà all'università, dovessi accompagnarla io tutti i giorni... Questa è la dote oggi, altro che ricami e lenzuolini, la laurea... quando sarà libera e indipendente dagli altri, allora potrà disporre di se. Per essere libera e indipendente, "ha da studià!!!"

    L'altra, già prende i 9 e mezzo e dieci e vuole fare l'insegnante di lettere... La sua dote è sulla buona strada.

    Mi spiace cara Nahui, non sentirti in colpa, fare i genitori è difficile, qualunque cosa fai sbagli.

    Io per lo studio non transiggo, perché è questione di volontà, mia figlia Pinocchio, quando obbligata, studia e prende pure bei voti. E dunque nessuna pietà.

    Poi mi farò perdonare... quando avrà capito l'importanza.

    Forza, coraggio e pazienza.
    Bambol utente of the decade

  4. #4
    la viaggiatrice L'avatar di dark lady
    Data Registrazione
    09/03/05
    Località
    On the road
    Messaggi
    57,859
    Sono d'accordo con Lady: forse l'impatto con il mondo del lavoro non le farà male. Nulla la può aiutare come rendersi conto in prima persona di cosa sia la vita reale.
    E poi non è male che abbia deciso di viaggiare per un po'. Io mi sono pentita di non averlo fatto, alla sua età, troppo concentrata su studi e carriera.
    Infine ricorda che questi adolescenti hanno patito più di tutti noi questo anno e mezzo di pandemia, socialmente parlando. Hanno perso un pezzo fondamentale del proprio percorso di crescita, anni che nessuno gli restituirà. Il minimo che possano fare è cercare di riprenderseli, in qualche modo.
    “Io e il mio gatto... siamo due randagi senza nome che non appartengono a nessuno e a cui nessuno appartiene” [cit. Colazione da Tiffany]

    Noi vogliamo cantare l'amor del pericolo, l'abitudine all'energia e alla temerità [cit: Manifesto futurista] .

  5. #5
    Opinionista L'avatar di axeUgene
    Data Registrazione
    17/04/10
    Località
    sotto una quercia nana in zona Porta Genova
    Messaggi
    19,074
    Citazione Originariamente Scritto da nahui Visualizza Messaggio
    Ah, e dopo il liceo prestigioso vuole fare l'anno sabbatico, perché è confusa, perché l'università è una costrizione borghese e noi vogliamo incasellarla mentre invece lei vuole vedere ggente, conoscere, viaggiare...
    È una testa di cazzo, punto. Ho fallito.
    e ti pare un fallimento ?

    facciamo uno scenario alternativo:
    devota al lucro e all'ascesa, si accasava con ragazzo abbiente e apprendeva a dissimulare i suoi desideri, assecondando aspettative di titoli di studio, per poi maledire dallo psicanalista freudiano i genitori, 12 anni di analisi, 100 euro a seduta, pagati dalla famiglia agiata del padrone e rinfacciati nella quotidianità, per una sana trasmissione di nevrosi alla progenie

    servirebbe un'ode futur-luddista, il tombino sola igiene del mondo; potrebbe citarla per la maturità, visto che il Novecento è in programma; il rischio è che non trovi docenti spiritosi che ridono, perché intenti a spippolare sui social, come mio fratello, anni 66

    evviva la testa di cazzo !

    p.s. quella di snobbare la scadenza tesina è una strategia ansiofuga che conosco bene, un modo per proteggersi e darsi un contegno spavaldo; non va fraintesa per fatalismo irresponsabile, che invece è una negligenza generale protratta, che andrebbe pure compresa ma effettivamente è più preoccupante.
    Ultima modifica di axeUgene; 24-05-2021 alle 22:24
    c' del lardo in Garfagnana

  6. #6
    Che poi qui in Sicilia, non ce ne più lavoro, altro che partime.
    Bambol utente of the decade

  7. #7
    Opinionista L'avatar di axeUgene
    Data Registrazione
    17/04/10
    Località
    sotto una quercia nana in zona Porta Genova
    Messaggi
    19,074
    Citazione Originariamente Scritto da bumble-bee Visualizza Messaggio
    Io per lo studio non transiggo, perché è questione di volontà, mia figlia Pinocchio, quando obbligata, studia e prende pure bei voti. E dunque nessuna pietà.

    Poi mi farò perdonare... quando avrà capito l'importanza.
    fai benissimo; lo studio sono le loro ali; lo capiranno e ti ringrazieranno;

    detto questo, io non farei un dramma per una pausa di riflessione, ovviamente vigilata a distanza; ho visto una quantità notevole di figli di amici che hanno comunque cambiato o rinnegato gli studi iniziati in automatico, per compiacere o assecondare i genitori;

    quel tempo rincorso di solito è beffardo, e presenta il conto con gli interessi dopo, quando i dubbi rimossi esigono il loro spazio; e se si fanno presenti in circostanze esistenziali irrigidite può essere un guaio;
    più che in uno studio funzionale al lavoro, è importante che il tempo di pausa venga impiegato per acquisire una cultura di vita e in autostima, che è la base per rendere efficiente l'eventuale titolo per lavorare.
    c' del lardo in Garfagnana

  8. #8
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    55,426
    Citazione Originariamente Scritto da nahui Visualizza Messaggio
    Perché l'ho cresciuta male, libera, con la paura di traumatizzarla, con le accortezze psicologiche, coi manuali di pedagogia, frenando mii marito quando voleva prenderla a mazziate.
    Ecco qui, domani dovrebbe consegnare la tesina per gli esami di maturità e dov'è? Boh, a mangiare un pezzo di pizza dopo aver perso il cellulare in un tombino, cellulare che io sto ancora pagando a rate. Ah, e dopo il liceo prestigioso vuole fare l'anno sabbatico, perché è confusa, perché l'università è una costrizione borghese e noi vogliamo incasellarla mentre invece lei vuole vedere ggente, conoscere, viaggiare, non si capisce con quali soldi, pensa che facendo la cameriera part time si arricchirà, a malapena riuscirà a comprarsi le sigarette.
    È una testa di cazzo, punto. Ho fallito.
    Vabbè, mi sono sfogata, ora posso fingere di essere progressista quando tornerà a casa. ×_×
    Fra crescerla "libera" e prenderla a mazziate, c'era sicuramente una via di mezzo, Barbara. Detto questo, per prima cosa non giudicarla: Cerca di cambiare titolo al topic.
    Egualmente non giudicare un fallimento il tuo essere madre e genitore. Come ha detto Bumble, quello di genitore è un "mestiere" difficile. Oggi molto più di ieri. Si cerca di fare il massimo, di fare il loro bene. Sempre. Ma i Figli rimangono Figli. Altro, da noi. Spesso diversissimi da come li vorremmo. E meno male, direi! Proiettiamo in loro, tante volte, le nostre aspettative...ciò che noi stessi non siamo riusciti a realizzare....
    Vanno, in ogni caso, amati. Così come sono.
    Se adesso avverti di non riuscirci, accettalo. Non stare a macerarti dentro. Hai fatto comunque benissimo a sfogarti. Non è da tutti.
    amate i vostri nemici

  9. #9
    Sovrana delle Rose dai Petali d'Oro L'avatar di ReginaD'Autunno
    Data Registrazione
    01/05/19
    Località
    In un incantevole paese della regione dei trulli
    Messaggi
    5,623
    Secondo me è un pò esagerato il titolo della discussione, deve maturare come persona ma è proprio a questo che servono i genitori ad educare e far prendere coscienza ai figli che ad un certo punto della loro vita devono diventare responsabili sulla loro esistenza e sul loro io interiore.
    Corteggiata da l'aure e dagli amori, siede sul trono de la siepe ombrosa, bella regina dè fioriti odori, in colorita maestà la rosa CLAUDIO ACHILLINI

  10. #10
    ho scritto na cosa ma poi mi sono pentito
    Ultima modifica di dietrologo; 25-05-2021 alle 13:38

  11. #11
    Opinionista L'avatar di Host eria
    Data Registrazione
    05/02/15
    Messaggi
    428
    Ha ragione la ragazza (telefono a parte):
    renderei l'anno sabbatico obbligatorio, per chi vuole ;
    un anno perso consapevolmente è diverso da quello perso per la fretta
    di irreggimentarsi.

  12. #12
    Opinionista L'avatar di Breakthru
    Data Registrazione
    30/04/19
    Messaggi
    1,751
    Se deve scegliere un corso universitario senza sapere bene cosa vuole meglio attendere, se deve fare l'università al pc meglio rimandare, certo non restare a casa, magari un servizio civile europeo, fa esperienza e bella figura su cv

  13. #13
    رباني L'avatar di King Kong
    Data Registrazione
    05/07/17
    Messaggi
    1,289
    Tutti bravi a dare consigli, e allora mi ci metto anch'io.
    Anno sabbatico? Sí. Sei mesi a Londra a imparare l'inglese e sei mesi a Berlino a imparare il tedesco, autofinanziamento a pulire l'insalata in cucine che non avrá il coraggio di fotografare e con colleghi, prudentemente parlando, di diversa estrazione sociale. Uno sguardo crudo sulla realtà del lavoro. Se sopravvive, l'anno prossimo all'università saranno tutti trenta e lode...
    Aut hic aut nullubi

  14. #14
    Opinionista L'avatar di follemente
    Data Registrazione
    22/12/09
    Località
    Al mare
    Messaggi
    8,699
    Potrai dire di aver fallito solo alla fine del percorso che porta all’indipendenza della figlia: ci sono itinerari più lunghi (appunto, l’anno sabbatico che poi per molte mie conoscenze si è svolto in America Latina, in Asia, in Africa, dove hanno avuto non solo l’occasione di conoscere culture e persone diverse, ma hanno anche imparato il valore dei soldi ed a gestire una vita economicamente molto più modesta facendo lavoretti o volontariato per riapprezzare poi, quella più borghese o anche gli studi; ti darei gli indirizzi se non fossimo nel periodo Covid), ma anche quelli più corti possono essere affrontati ad esempio, con l’Erasmus (esiste ancora?) se proprio vuole conoscere gente nuova o non è possibile farla studiare all’estero.
    Insomma, io non sarei così categorica: capisco lo sfogo in questo momento difficile, magari dettato dall’ansia pre-esame, dalla sensazione che tua figlia non abbia capito ed apprezzato i “sacrifici” che fate per lei o da quella che magari la avverti un po’ irresponsabile. Ma quando capirà il valore dell’indipendenza economica, credo tutto svanirà.
    Sono sicura che alla fine andrà tutto bene se continuate a seguirla così, però lasciandole i suoi spazi.

  15. #15
    Ammoscia banane L'avatar di nahui
    Data Registrazione
    05/03/09
    Località
    in una nuvola di smog
    Messaggi
    20,087
    Grazie a tutti, persino a Cono Telefono recuperato e tesina quasi finita. Io ho i miei limiti, ed ho la fissazione dello studio. Anche un po' la fissazione dei traguardi sociali ed economici. Sapeste quanti figli di amici e parenti ho guardato col sopracciglio sollevato perché avevano interrotto gli studi. Eccallà la lezione dell'Universo da apprendere.
    La strada che ha scelto mi è ignota, e ho paura.
    Il vero castigo per chi mente non è di non essere più creduto, ma di non potere credere a nessuno.
    (George Bernard Shaw)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •