Pagina 6 di 6 PrimaPrima ... 2 3 4 5 6
Risultati da 76 a 80 di 80

Discussione: Mia figlia è una testa di cazzo

  1. #76
    Opinionista L'avatar di axeUgene
    Data Registrazione
    17/04/10
    Località
    sotto una quercia nana in zona Porta Genova
    Messaggi
    18,887
    Citazione Originariamente Scritto da nahui Visualizza Messaggio
    Grazie Doppio, eh...
    Guarda, sto passando uno dei periodi più ardui della mia vita da genitore, perché vivo un conflitto interiore fortissimo. Da una parte so che avete ragione, la vita è sua, deve scegliere come viverla, se decide di sbagliare cazzi suoi. Dall'altra mi stanno montando dentro una marea di pensieri e argomentazioni delle generazioni precedenti, mi sento posseduta. Mi sembra che non continuando gli studi lei butti nel cesso tutto "QUELLO CHE HO FATTO PER LEI", tutte le opportunità che io non ho avuto e che le ho dato, tutta l'attenzione e la dedizione che io non ho avuto e che le ho dato. Razionalmente capisco la pesantezza del fardello di aspettative che le ho caricato sulle spalle, e che lei sta smontando scientificamente, pezzo per pezzo, non c'è una sola cosa in cui non mi abbia contraddetto, fumo, droghe (spero solo leggere), scelte personali, tatuaggi, piercing, si è persino imbruttita, perché "tu mi vuoi esibire, ti vuoi vantare degli altri con me" Cosa che non mi è mai passato per la mente di fare, se non altro perché temo il malocchio Ora la mia paura è che faccia come il marito che si taglia il pene per far dispetto alla moglie. Ma non abbiamo un rapporto conflittuale, tutt'altro, sono sempre baci, abbracci, ti voglio bene e lunghi discorsi a cuore aperto.
    eppure, secondo me, doppio ha colto esattamente il punto:
    i modelli si trasmettono per emulazione, che è un bene e un male allo stesso tempo;
    la mia impressione è che ti stia rimproverando esattamente le tue insicurezze e ansie, perché se ne sente parte e perciò vorrebbe superarle; lo fa contraddicendoti in quei modi, ma verosimilmente la sua struttura emotiva è radicata nella tua, che forse vorrebbe assertiva come vorrebbe la sua;

    poi, alla fine stigranca nel senso che man mano che cresce vede tutte le sfumature e capisce, quindi non sarà né la tua ansia a rovinarla, né lei stessa con le sue paturnie reattive; è più probabile che un giorno tu ti rammarichi della scelta di fare la funzionaria statale o altro; ha 18 anni; intanto ha nozione delle lingue, è curiosa e non sta murata in casa; poteva essere studiosissima ma iper-timida e super-insicura; persa in qualche ideologia maniaco-purista o ossessionata dai soldi, opportunista o altro;
    ma la cosa peggiore che le potesse capitare sarebbe stata quella di essere una brava 18enne, molto "Furia"; che è la psicologia delle ausiliare SS nei campi
    c' del lardo in Garfagnana

  2. #77
    Ammoscia banane L'avatar di nahui
    Data Registrazione
    05/03/09
    Località
    in una nuvola di smog
    Messaggi
    20,028
    Ma no, io sono così dolce
    Il vero castigo per chi mente non è di non essere più creduto, ma di non potere credere a nessuno.
    (George Bernard Shaw)

  3. #78
    Opinionista L'avatar di flying dutchman
    Data Registrazione
    14/04/21
    Località
    davanti alla simonetta
    Messaggi
    109
    Citazione Originariamente Scritto da nahui Visualizza Messaggio
    Grazie Doppio, eh...
    Guarda, sto passando uno dei periodi più ardui della mia vita da genitore, perché vivo un conflitto interiore fortissimo. Da una parte so che avete ragione, la vita è sua, deve scegliere come viverla, se decide di sbagliare cazzi suoi. Dall'altra mi stanno montando dentro una marea di pensieri e argomentazioni delle generazioni precedenti, mi sento posseduta. Mi sembra che non continuando gli studi lei butti nel cesso tutto "QUELLO CHE HO FATTO PER LEI", tutte le opportunità che io non ho avuto e che le ho dato, tutta l'attenzione e la dedizione che io non ho avuto e che le ho dato. Razionalmente capisco la pesantezza del fardello di aspettative che le ho caricato sulle spalle, e che lei sta smontando scientificamente, pezzo per pezzo, non c'è una sola cosa in cui non mi abbia contraddetto, fumo, droghe (spero solo leggere), scelte personali, tatuaggi, piercing, si è persino imbruttita, perché "tu mi vuoi esibire, ti vuoi vantare degli altri con me" Cosa che non mi è mai passato per la mente di fare, se non altro perché temo il malocchio Ora la mia paura è che faccia come il marito che si taglia il pene per far dispetto alla moglie. Ma non abbiamo un rapporto conflittuale, tutt'altro, sono sempre baci, abbracci, ti voglio bene e lunghi discorsi a cuore aperto.
    guarda che in fondo è giusto così. è giusto che noi diamo delle possibilità ai nostri figli, anche e soprattutto quelle che noi non abbiamo avuto.
    ma dobbiamo ricordarci che sono delle possibilità, sta a loro decidere se sfruttarle o no, o in che modo sfruttarle.
    è giusto dare attenzione e dedicarci ai nostri figli, ma che fare di attenzione e dedizione lo devono decidere loro.
    non è detto che, rifiutando la strada che vorremmo che intraprendessero, buttino tutto nel cesso. la cosa importante è che abbiano in mente una strada da seguire e che la seguano consapevolmente.
    sbaglieranno tante cose, come le abbiamo sbagliate noi, ma loro hanno ancora il tempo di tornare indietro, se vogliono. oppure proseguiranno lungo una strada che noi non avremmo mai immaginato, ma che è quella che percorrono con piacere.
    l'unico nostro diritto è quello di incazzarci. ma poi ricordiamoci che la vita è loro.
    But I'll try to carry off a little darkness on my back
    'Til things are brighter, I'm the Man In Black

  4. #79
    Superstite L'avatar di Doppio
    Data Registrazione
    04/08/10
    Località
    Dietro di te
    Messaggi
    3,902
    Citazione Originariamente Scritto da nahui Visualizza Messaggio
    Grazie Doppio, eh...
    Guarda, sto passando uno dei periodi più ardui della mia vita da genitore, perché vivo un conflitto interiore fortissimo. Da una parte so che avete ragione, la vita è sua, deve scegliere come viverla, se decide di sbagliare cazzi suoi. Dall'altra mi stanno montando dentro una marea di pensieri e argomentazioni delle generazioni precedenti, mi sento posseduta. Mi sembra che non continuando gli studi lei butti nel cesso tutto "QUELLO CHE HO FATTO PER LEI", tutte le opportunità che io non ho avuto e che le ho dato, tutta l'attenzione e la dedizione che io non ho avuto e che le ho dato. Razionalmente capisco la pesantezza del fardello di aspettative che le ho caricato sulle spalle, e che lei sta smontando scientificamente, pezzo per pezzo, non c'è una sola cosa in cui non mi abbia contraddetto, fumo, droghe (spero solo leggere), scelte personali, tatuaggi, piercing, si è persino imbruttita, perché "tu mi vuoi esibire, ti vuoi vantare degli altri con me" Cosa che non mi è mai passato per la mente di fare, se non altro perché temo il malocchio Ora la mia paura è che faccia come il marito che si taglia il pene per far dispetto alla moglie. Ma non abbiamo un rapporto conflittuale, tutt'altro, sono sempre baci, abbracci, ti voglio bene e lunghi discorsi a cuore aperto.
    Non c'è di che!
    Un anno sabbatico comunque non vuol dire non continuare gli studi e in ogni caso la realizzazione personale passa attraverso molte strade diverse, ma una importante è proprio quella di prendere le distanze dalle aspettative di chi per molta parte della vita è stato fin troppo idealizzato. L'uccisione metaforica del genitore è un elemento abbastanza basico del processo di crescita.

    In ogni caso continuo a non cogliere la testadicazzaggine, il solo elemento che mi pare che tu abbia portato a sostegno di questa tesi sia la volontà di sospendere l'istruzione e un certo margine di confusione circa la gestione economica di una professione "umile" (leggasi non specializzata), un'altra chiave di lettura può essere il desiderio di uscire da una scelta facile (continuare a studiare sostentata dalla famiglia) per tentare una strada nuova di cui ovviamente defice di esperienza, ma che proprio per quello vuole affrontare.

    Nemmeno mi esprimo sulla frase che hai messo in maiuscolo, spero che tu l'abbia maiuscolata e virgolettata proprio per la consapevolezza di quanto sia basilarmente contraddittorio spostare su di lei la responsabilità di azioni che dipendono unicamente da un'esistenza che tu (e il portatore dell'altra metà di patrimonio genetico) hai scelto per lei, hai sicuramente fatto tutto ciò che era in tuo potere per lei, ma anche se avesse gratitudine per questo, non sarebbe dovuta, hai fatto solo il tuo dovere e, non vorrei dire, ma si sprecano le occasioni in cui sono i genitori a sottolineare (giustamente) ai figli che non devono aspettarsi di sentirsi dire "bravo" quando semplicemente hanno fatto ciò che è loro responsabilità fare.
    Non avete ancora visto niente

    Moderatore droghe

  5. #80
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    55,192
    Citazione Originariamente Scritto da nahui Visualizza Messaggio
    E comunque ha ragione Cono: fateli sti figli, facile parlare così
    Mannaggia la miseria, se ne avrete vi ricorderete di Nahui, scuoterete la testa e penserete: povera donna, quanto aveva ragggione"
    Da qualsiasi parte la si voglia vedere, essere genitori rimane comunque una straordinaria avventura. Una magnifica palestra di Vita. Un'esperienza unica e particolare, che ci coinvolge completamente e ci rende (spesso inconsapevolmente) persone migliori. Adesso non ti sembra, Barbara. Adesso stai vivendo la fase del conflitto generazionale. Se non ti disperi e provi a superarlo (magari con l'aiuto di Dio, se riesci un pochettino a pregare) in futuro lo guarderai con gratitudine. Scoprirai che ti avrà reso più vera. Più forte e più vera!
    amate i vostri nemici

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •