Risultati da 1 a 14 di 14

Discussione: Benvenuti all'Inferno !

  1. #1
    Opinionista
    Data Registrazione
    30/04/19
    Messaggi
    660

    Benvenuti all'Inferno !

    La calorosa accoglienza infernale anziché immaginarla si può vedere a Roma nelle opere esposte in questi giorni nelle Scuderie del Quirinale nella mostra d’arte titolata “Inferno”.

    Per dare un “volto” al Male con le rappresentazioni figurative dell’Inferno, ci sono dipinti che mostrano le spettacolari e orrifiche cadute dal cielo di muscolosi "angeli ribelli", come nel quadro del pittore fiorentino Andrea Commodi (1560 – 1638): era un ammiratore di Michelangelo Buonarroti e cercò di eguagliarlo nell’arte.

    Papa Paolo V (Camillo Borghese) che pontificò dal 1605 al 1621, nel 1612 circa commissionò al Commodi un quadro con la rappresentazione della “Caduta degli angeli ribelli” per decorare una cappella nel Palazzo del Quirinale, residenza dei papi dal 1573 al 1870. Inizialmente l'edificio veniva usato come residenza estiva del pontefice poi divenne sede alternativa ai palazzi vaticani.

    Questo pittore si limitò al bozzetto. Rinunciò a completare il dipinto perché sconfortato dal paragone con il “Giudizio Universale” di Michelangelo.


    Andrea Commodi, Caduta degli angeli ribelli, olio su tela, 1612 – 1614, Palazzo Pitti, Firenze

    Il bozzetto fu portato a Firenze nel 1614 dallo stesso Commodi. In origine era più grande e centinato.
    Ultima modifica di doxa; 19-11-2021 alle 14:17

  2. #2
    Opinionista L'avatar di Vega
    Data Registrazione
    04/05/05
    Messaggi
    12,669
    Rivisto alcuni mesi fa tornando agli Uffizi. Secondo me è stupendo e suggestivo così, incompiuto.
    Pienamente funzionante e programmata in tecniche multiple

  3. #3
    Sovrana delle Rose dai Petali d'Oro L'avatar di ReginaD'Autunno
    Data Registrazione
    01/05/19
    Località
    In un incantevole paese della regione dei trulli
    Messaggi
    6,395
    E' tremendo e suggestivo allo stesso tempo.
    Grazie Doxa per i tuoi interventi sempre così artistici e particolari!
    Corteggiata da l'aure e dagli amori, siede sul trono de la siepe ombrosa, bella regina dè fioriti odori, in colorita maestà la rosa CLAUDIO ACHILLINI

  4. #4
    Opinionista L'avatar di Spirit
    Data Registrazione
    17/07/21
    Messaggi
    1,158
    Gustave dore'

    Visioni_dell_Inferno.jpg

    Paul Gustave Louis Christophe Doré, è stato un pittore e incisore francese. Disegnatore e litografo, è noto soprattutto per le sue illustrazioni della Divina Commedia di Dante, ma questa opera è solo una delle molte che ha illustrato. Le sue incisioni rispecchiano un gusto romantico, accostato a una visione epica e drammatica. (da "Wikipedia)
    Ultima modifica di Spirit; 20-11-2021 alle 12:06

  5. #5
    Opinionista
    Data Registrazione
    30/04/19
    Messaggi
    660
    “Quando il Figlio dell’uomo verrà nella sua gloria con tutti i suoi angeli, si siederà sul trono della sua gloria. E saranno riunite davanti a lui tutte le genti, ed egli separerà gli uni dagli altri, come il pastore separa le pecore dai capri, e porrà le pecore alla sua destra e i capri alla sinistra. Allora il re dirà a quelli che stanno alla sua destra: Venite, benedetti del Padre mio, ricevete in eredità il regno preparato per voi fin dalla fondazione del mondo”(Mt 25, 31 – 34).

    Forse ispirato da questi versetti dell’evangelista Matteo, il Beato Angelico nel suo dipinto titolato “Giudizio universale” divise l’umanità in buoni e cattivi: mise da una parte i beati in Cristo, dall’altra i malvagi condannati alla perpetua dannazione.


    Beato Angelico e aiuti “Giudizio universale”, tempera su tavola, 1432 circa, Museo di San Marco, Firenze

    Il dipinto fu commissionato all’Angelico nel 1431 circa per la decorazione della parte alta del seggio sacerdotale dove venivano cantate le messe nell’oratorio degli Scolari, cosiddetto perché commissionato dagli eredi di Filippo degli Scolari, noto condottiero fiorentino che lasciò 5 mila fiorini d’oro per far costruire in Firenze una cappella esterna al camaldolese monastero di Santa Maria degli Angeli.

    Il ligneo pannello di forma rettangolare ha la parte centrale trilobata e serviva da spalliera per il seggio sacerdotale.

    L’oratorio, dedicato alla madre di Jesus e ai 12 apostoli, è a pianta centrale, di forma ottagonale all’interno e 16 facciate all’esterno. Fu progettato nel 1434 dal famoso architetto Filippo Brunelleschi, perciò è anche conosciuto come la “Rotonda del Brunelleschi”.


    oratorio

    La parte centrale del dipinto
    nella cuspide è raffigurato “Cristo giudice” entro un lucente clipeo, circondato da una schiera di angeli. Sulla sua sinistra guardando, è raffigurata la Vergine, sulla sua destra l’apostolo ed evangelista Giovanni.

    Entrambi sono affiancati da una doppia tribuna di santi, di apostoli e da personaggi del Vecchio Testamento, come Abramo e Mosé in posizione preminente.

    Nel bordo inferiore del coro angelico è raffigurato un angelo con la croce e due angeli dell'apocalisse che suonano le trombe per svegliare i morti e farli uscire dalla tomba.

    Gli aperti sepolcri si vedono in basso in primo piano: sembrano finestre su un piano orizzontale; sono dominati dalla lignea bara vuota, immaginata usata per Jesus, il Cristo risorto., ma dai Vangeli si apprende che Gesù di Nazaret fu avvolto in un sudario e deposto nel sepolcro privato offerto da Giuseppe d'Arimatea.

    Gli angeli e i diavoli si sono spartiti i corpi dei risorti: i beati a sinistra, i dannati a destra, divisi dalle due file di tombe aperte

    Sulla sinistra, nel Paradiso, in un giardino i beati pregano e ringraziano il Signore mentre un gruppo di angeli effettua un girotondo. La scena non è collegata alla tradizione cristiana; sembra desunta da la “Repubblica”, testo che scrisse l’antico filosofo greco Platone.

    Nell'XI libro questo filosofo disserta sull'immortalità dell'anima e sul premio riservato ai giusti, descrive l'abbraccio gioioso dei beati che danzano in cerchio.

    Sulla destra ci sono i dannati, tormentati da neri demoni che li spingono verso l'Inferno, dove vengono smistati nei nove gironi per subìre le pene secondo la “legge del contrappasso”. In basso c’è Satana con la triplice testa che mastica tre dannati.


    il Paradiso

  6. #6
    Sovrana delle Rose dai Petali d'Oro L'avatar di ReginaD'Autunno
    Data Registrazione
    01/05/19
    Località
    In un incantevole paese della regione dei trulli
    Messaggi
    6,395
    E' veramente splendido, con un significato oserei dire: universale! Grazie Doxa.
    Corteggiata da l'aure e dagli amori, siede sul trono de la siepe ombrosa, bella regina dè fioriti odori, in colorita maestà la rosa CLAUDIO ACHILLINI

  7. #7
    Opinionista
    Data Registrazione
    30/04/19
    Messaggi
    660
    Nel passato il clero faceva credere che l’Inferno fosse un luogo fisico, ora non più: “contr’ordine compagni !” E’ soltanto metafisico !

    Dante Alighieri per la “Commedia” immaginò il “piano regolatore infernale”. E il pittore fiorentino Sandro Botticelli (1445 – 1510) traspose in immagini i versi danteschi: fu il primo a disegnare la fantastica struttura architettonica, come quella dell’Inferno, che conosciamo fin dai libri di scuola.



    Sandro Botticelli: “La voragine infernale”, 1481 – 1488, inchiostro su pergamena, Biblioteca Apostolica Vaticana, Città del Vaticano

    La topografia dell'Inferno di Dante è formata da una serie di cerchi concentrici sempre più piccoli a forma di imbuto.

    I peccatori che hanno commesso i peccati meno gravi sono puniti nelle zone superiori, quelli che hanno compiuto i peccati più gravi espiano la pena nelle regioni inferiori. Satana è in fondo all'Inferno.



    Botticelli realizzò graficamente quasi tutte le cantiche della Commedia. Cento disegni gli furono commissionati dal banchiere e ambasciatore Lorenzo di Pierfrancesco de’ Medici, cugino di secondo grado di Lorenzo il Magnifico.

    Di quei disegni se ne conoscono 92. L’unico completato è “La voragine infernale”, che introduce i Canti dell’Inferno.

    La visione apocalittica della costruzione dantesca è collegata ai concetti di peccato e castigo, di dannazione ed espiazione, ma anche di redenzione e salvezza.

  8. #8
    L'inferno e il paradiso esistono dentro di noi, dipende dal soggetto.
    Bambol utente of the decade

  9. #9
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    55,985
    Questo sicuramente. Non a caso diciamo "vita infernale" o "mi sento in Paradiso". Ma sono anche e soprattutto 2 LUOGHI. Fisici. Veri. Dei quali a più riprese parla Gesù Cristo stesso.
    amate i vostri nemici

  10. #10
    Opinionista
    Data Registrazione
    30/04/19
    Messaggi
    660
    Bumble ha scritto
    L'inferno e il paradiso esistono dentro di noi, dipende dal soggetto.
    Ciao Bumble,

    il credere nel Paradiso e nell'Inferno è condizionato dal premio/punizione eterni, ma è conciliabile con il concetto di libertà? Questo dilemma mi sembra che coinvolga solo i credenti o la folla di fedeli che affermano di essere credenti.

    E’ Dio ad inviare il “malvagio” nel cosiddetto Inferno o è la coscienza dell’individuo che ha agito in libertà ?

    Cono crede che l’Inferno sia un locus fisico in cui il peccatore subisce la punizione divina, invece tu credi che sia soltanto uno stato mentale, ed io concordo con te.

    Se l’Inferno non è una punizione divina che può capitare alla fine della propria vita ma una condizione dell’anima (per chi crede nell’esistenza dell’anima; meglio definirla coscienza), significa che siamo noi stessi a condannarci per il male compiuto.

    Ma libertà cosa significa ? Assecondare le pulsioni, i desideri che ci dominano ?

    La libertà assoluta non esiste ! E il libero arbitrio ? E’ possibile praticarlo ? Credo che sia condizionato dall’ambiente sociale in cui si vive. Il dubbio è ineliminabile, se non in presenza della Verità. Ma cos’è la Verità ? Antica domanda senza risposta ! Ma per Cono l’archimandrita (= abate) la risposta c’è, la verità è in Jesus (=Dio), il quale dice: “Io sono la via e la verità e la vita”, secondo il Vangelo di Giovanni (14, 6).

    L’individuo è libero di scegliere, ma ad ogni sua azione corrisponde una reazione da parte di altri, e può essere benefica, coercitiva o malefica.

    Non conosco persone completamente malvage o totalmente “sante”. Siamo una sinfonia di stati mentali e comportamenti più o meno virtuosi, condizionati da fattori socio-economici e da quelli extra ed intra psichici.

    Jesus disse: “Qui sine peccato est vestrum, primus lapidem mittat”: la locuzione latina significa “chi di voi è senza peccato, scagli per primo la pietra": queste parole egli le rivolse a coloro che avevano condotto da lui un’adultera con la speranza che ordinasse di lapidarla. Alla risposta di Gesù essi si allontanarono (vedi Vangelo di Giovanni 8. 7).
    Ultima modifica di doxa; 03-12-2021 alle 15:06

  11. #11
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    55,985
    Hai centrato il punto: Siamo tutti peccatori! Ma c'è chi crede nel Perdono di Dio e chi se ne fa beffe. Inferno e Paradiso dipenderanno da tale dicotomia.

    Se vuoi, osserverai i comandamenti;
    l'essere fedele dipenderà dal tuo buonvolere.
    Egli ti ha posto davanti il fuoco e l'acqua;
    là dove vuoi stenderai la tua mano.
    Davanti agli uomini stanno la vita e la morte;
    a ognuno sarà dato ciò che a lui piacerà.
    Grande infatti è la sapienza del Signore,
    egli è onnipotente e vede tutto.
    I suoi occhi su coloro che lo temono,
    egli conosce ogni azione degli uomini.

    SIRACIDE 15

    Gesù Cristo poi, non si limita certo a fare un discorso filosofico: Parla di Felicità o di Pena eterna a seconda del Luogo.

    Quando il Figlio dell'uomo verrà nella sua gloria con tutti i suoi angeli, si siederà sul trono della sua gloria. E saranno riunite davanti a lui tutte le genti, ed egli separerà gli uni dagli altri, come il pastore separa le pecore dai capri, e porrà le pecore alla sua destra e i capri alla sinistra. Allora il re dirà a quelli che stanno alla sua destra: Venite, benedetti del Padre mio, ricevete in eredità il regno preparato per voi fin dalla fondazione del mondo. Perché io ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere; ero forestiero e mi avete ospitato, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, carcerato e siete venuti a trovarmi. Allora i giusti gli risponderanno: Signore, quando mai ti abbiamo veduto affamato e ti abbiamo dato da mangiare, assetato e ti abbiamo dato da bere? Quando ti abbiamo visto forestiero e ti abbiamo ospitato, o nudo e ti abbiamo vestito? E quando ti abbiamo visto ammalato o in carcere e siamo venuti a visitarti? Rispondendo, il re dirà loro: In verità vi dico: ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l'avete fatto a me. Poi dirà a quelli alla sua sinistra: Via, lontano da me, maledetti, nel fuoco eterno, preparato per il diavolo e per i suoi angeli. Perché ho avuto fame e non mi avete dato da mangiare; ho avuto sete e non mi avete dato da bere; ero forestiero e non mi avete ospitato, nudo e non mi avete vestito, malato e in carcere e non mi avete visitato. Anch'essi allora risponderanno: Signore, quando mai ti abbiamo visto affamato o assetato o forestiero o nudo o malato o in carcere e non ti abbiamo assistito? Ma egli risponderà: In verità vi dico: ogni volta che non avete fatto queste cose a uno di questi miei fratelli più piccoli, non l'avete fatto a me. E se ne andranno, questi al supplizio eterno, e i giusti alla vita eterna».

    MATTEO 25
    Ultima modifica di conogelato; 08-12-2021 alle 00:27
    amate i vostri nemici

  12. #12
    Opinionista
    Data Registrazione
    30/04/19
    Messaggi
    660
    A Firenze, nel Palazzo Pitti, da oggi, 14 dicembre, al 17 aprile 2022 è da vedere la mostra titolata: “Dall’Inferno all’Empireo: il mondo di Dante tra scienza e poesia”, curata da Filippo Camerota in collaborazione con le Gallerie degli Uffizi.

    Il curatore, vice direttore del Museo Galileo, evidenzia che per tutte le religioni e tutte le mitologie l’aldilà è “realtà”, anche se l’oltre-mondo è un non luogo, non ha dimensione e vi si può accedere solo dopo la morte. Ma alcune religioni e alcune mitologie hanno avuto ognuna almeno un eroe che da vivo si recò nell’oltretomba per poi tornare e testimoniare del viaggio.

    Ulisse viaggiò nel paese dei Cimmeri per incontrare nell’Ade l’ombra di Tiresia.

    Il valoroso soldato Er tornò dal regno dei morti per raccontare come i giudici delle anime separavano i giusti dai malvagi. Il mito di Er, come il racconto sul giudizio dei morti nel "Gorgia", è al termine della "Repubblica" di Platone.

    Enea entrò nell’Ade nei pressi del Lago Averno, guidato dalla Sibilla Cumana, per incontrare il padre Anchise.

    Secondo il “Simbolo degli apostoli” (il cosiddetto “Credo”) anche Jesus discese agli inferi per poi ascendere.

    Dante con la “Commedia” non si limitò ad entrare nell’Ade , proseguì fino a scendere nel Tartaro della mitologia greca, l’Inferno cristiano.

    L’Alighieri dette forma all’oltretomba basandosi sulle fonti bibliche e cosmografiche.

    Lucifero cadde in mezzo a quello che chiamiamo Oceano Pacifico, in un luogo situato a 32° di latitudine sud, agli antipodi del sito su cui poi fu costruita Gerusalemme. La Terra lo inghiottì, aprendo una voragine e spingendo la materia verso l’esterno per formare la montagna del Purgatorio, che chiuse definitivamente il pozzo infernale. Il demone restò incastrato al centro della Terra, con le gambe nell’emisfero australe e il busto nell’emisfero boreale.

    Ultima modifica di doxa; 14-12-2021 alle 18:56

  13. #13
    Sovrana delle Rose dai Petali d'Oro L'avatar di ReginaD'Autunno
    Data Registrazione
    01/05/19
    Località
    In un incantevole paese della regione dei trulli
    Messaggi
    6,395
    E' sempre molto interessante ciò che scrivi Doxa! Per me ma credo per tutti sia istruttivo sapere cose che forse si sono studiate ma che con te ritornano alla mente. Poi io adoro la Divina Commedia!
    Corteggiata da l'aure e dagli amori, siede sul trono de la siepe ombrosa, bella regina dè fioriti odori, in colorita maestà la rosa CLAUDIO ACHILLINI

  14. #14
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    55,985
    Continua a deliziarci, Doxa. Grazie anche da parte mia
    amate i vostri nemici

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •