Pagina 6 di 6 PrimaPrima ... 2 3 4 5 6
Risultati da 76 a 77 di 77

Discussione: L'ultima "Prima" del Presidente

  1. #76
    Opinionista L'avatar di flying dutchman
    Data Registrazione
    14/04/21
    Località
    davanti alla simonetta
    Messaggi
    208
    mi sono espresso male: sulle piccole imprese concordo assolutamente, e concordo con i concetti generali che hai esposto. intendevo dire che magari non concordiamo su aspetti particolari, come ad esempio Venezia.
    But I'll try to carry off a little darkness on my back
    'Til things are brighter, I'm the Man In Black

  2. #77
    Opinionista L'avatar di axeUgene
    Data Registrazione
    17/04/10
    Località
    sotto una quercia nana in zona Porta Genova
    Messaggi
    19,477
    Citazione Originariamente Scritto da flying dutchman Visualizza Messaggio
    intendevo dire che magari non concordiamo su aspetti particolari, come ad esempio Venezia.
    Venezia è un "bene" commerciale molto diverso da Roma; più simile a Cortina o Portofino; cioè, non c'è una pressione esterna che renda inammissibili le opzioni "rendita" del modello; questo può anche essere deplorevole, ma è nell'ordine delle cose;

    la questione romana che sollevavo come esemplare attiene alla circostanza che la rendita dei più centrali tende a deprimere a catena le attività più periferiche, perché rende il centro poco appetibile ai locali e crea una rendita periferica, di quartiere, che a sua volta non attrae i turisti, in una rincorsa a tenere bassa l'asticella;
    questo è anche uno dei motivi per cui la domanda di trasporto efficiente si limita a tratte commerciali specifiche e necessarie, mentre quelle turistiche sono tenute "chiuse" da varie lobbies; col tube di Londra si può contare in un'offerta illimitata di buon livello; si possono visitare i musei stando in albergo a Clapham o Finchley - distante dal centro 25 km e passa, e lì sotto c'è il miglior ristorante turco della città, dove si va apposta;
    a Roma non si vuole un trasporto di quel tipo, perché se i quartieri periferici potessero diventare hub alberghieri gli operatori del centro, i tassisti, ecc... subirebbero una potente pressione competitiva;
    poi c'è tutto un problema di conformità degli immobili del centro, tutti con abusi, che rendono complicatissimo e melmoso ogni processo di subentro non mediato da attori "grigi", e anche la revisione degli estimi, che sono di fatto rendite;
    tutti questi blocchi sono ostacoli agli investimenti e alla creazione di ricchezza; il degrado romano degli ultimi 30 anni non è un caso, ma proprio il prodotto delle diseconomie della rendita, dove le potenzialità sarebbero elevatissime;

    20 anni fa convivevo con una francese, che faceva la receptionist in un albergo - a Firenze - un bellissimo convento del 600, in centro; l'anziana proprietaria non si dava molto da fare per riempire le camere; bastavano uno o due ospiti a 500 euro a notte, su una ricettività di 15 camere; con una bassa tassazione sulla proprietà, si produce l'effetto perverso per cui l'inefficienza è sostenibile, ma si propaga a catena, perché anche l'offerta concorrente può adeguare i prezzi a quel livello che non ottimizza, e senza investire.
    c' del lardo in Garfagnana

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •