Pagina 1 di 5 1 2 3 4 5 UltimaUltima
Risultati da 1 a 15 di 72

Discussione: La conferma dell'importanza del libro "Apocalisse".

  1. #1
    Opinionista L'avatar di Arcobaleno
    Data Registrazione
    31/12/16
    Messaggi
    3,092

    La conferma dell'importanza del libro "Apocalisse".

    Causa le affermazioni della dottoressa Fiammetta, appoggiata da Esterno, che i "titoli" (insulti) li dà al prossimo, mi trovo costretto a pubblicare separatamente questa discussione.

    Da “Primi scritti”, parte 3 – Doni spirituali – vol. 1:

    William Miller.

    Dio inviò il suo angelo per rendere sensibile il cuore di un agricoltore, che non credeva nella Bibbia, e aiutarlo ad approfondire le profezie. Gli angeli di Dio entrarono ripetutamente in contatto con lui per risvegliare la sua intelligenza, affinché comprendesse le profezie che fino a quel momento erano risultate oscure per il popolo di Dio. Riconobbe i diversi filoni profetici e li studiò uno dopo l'altro, fino a quando provò una grande ammirazione per la Parola di Dio. Scoprì così un insieme di verità meravigliose. Questa Parola, che aveva sempre ritenuto non ispirata, ora la percepiva in tutta la sua bellezza e la sua gloria. Si rese conto che un brano delle Scritture ne spiegava un altro, e quando non capiva un passo ne trovava un altro che lo chiariva. La Parola di Dio divenne per lui fonte di gioia e gli ispirava un profondo rispetto, quasi una forma di riverenza. {PS 207,1}
    Mentre studiava le profezie, capì che gli abitanti della terra, senza saperlo, stavano vivendo gli eventi finali della storia del mondo. Considerando le chiese, si rese conto della loro corruzione. Si erano allontanate da Cristo e si erano legate al mondo. Volevano beneficiare degli onori mondani, piuttosto che aspirare a quelli divini, e cercavano di ottenere le ricchezze terrene, invece di crearsi un tesoro in cielo. Ovunque si potevano constatare ipocrisia, oscurantismo e morte. Era profondamente turbato. Dio gli chiese di lasciare la sua fattoria, così come un tempo aveva chiamato Eliseo perché seguisse Elia, lasciando il suo bestiame e i suoi campi. Con grande timore William Miller iniziò a rivelare alla gente i misteri del regno di Dio, spiegando le profezie che si collegavano al ritorno di Cristo. Nella misura in cui si impegnava in questo compito, si sentiva più forte. Nello stesso modo in cui Giovanni il battista aveva annunciato il primo avvento di Gesù, così William Miller e quelli che si unirono a lui preparavano la seconda venuta del Figlio di Dio. {PS 207,2}
    Fui riportata ai giorni dei discepoli e mi fu mostrato che Dio aveva affidato a Giovanni un compito speciale. Satana era deciso a ostacolare la sua opera e istigò i suoi seguaci a uccidere l'apostolo. Ma Dio inviò il suo angelo, che lo protesse in modo straordinario. Tutti coloro che furono testimoni della grande potenza divina, in occasione della liberazione di Giovanni, rimasero stupiti; molti si convinsero che Dio era con lui e che la sua testimonianza riguardante Gesù era vera. Coloro che avevano cercato di ucciderlo si spaventarono al pensiero di dover ancora attentare alla sua vita e così gli fu permesso di continuare a soffrire per il suo Salvatore. Fu accusato ingiustamente dai suoi nemici e poco tempo dopo esiliato su un'isola deserta, dove il Signore inviò il suo angelo a rivelargli gli eventi che si sarebbero verificati sulla terra e lo stato della chiesa sino alla fine dei tempi: le apostasie, la posizione che avrebbe occupato se fosse rimasta fedele a Dio e infine il suo trionfo. {PS 207,3}
    L'angelo scese dal cielo in tutta la sua maestà verso l'apostolo, il suo volto rifletteva la gloria di Dio. Rivelò a Giovanni le scene più interessanti e appassionanti della storia della chiesa di Dio e gli mostrò i pericolosi conflitti che i discepoli di Cristo avrebbero dovuto affrontare. Giovanni li vide misurarsi con terribili difficoltà: pallidi, provati e infine conquistatori vittoriosi, in salvo nel regno di Dio. Il volto dell'angelo era radioso di gioia, quando mostrava a Giovanni il trionfo finale della chiesa di Dio. Mentre l'apostolo considerava la liberazione della chiesa, si lasciò coinvolgere dalla gloria della scena e con profondo rispetto e meraviglia cadde ai piedi dell'angelo, per adorarlo. Il messaggero divino lo fece alzare immediatamente e lo rimproverò, dicendo: "Guardati dal farlo. Io sono un servitore come te e come i tuoi fratelli, che custodiscono la testimonianza di Gesù: adora Dio. Perché la testimonianza di Gesù è lo spirito della profezia". Apocalisse 19:10. L'angelo mostrò a Giovanni la santa Città in tutto il suo splendore e la sua gloria, ed egli, rapito e sopraffatto da ciò che aveva visto, dimenticando il rimprovero dell'angelo, cadde nuovamente ai suoi piedi, per adorarlo. Di nuovo l'angelo lo riprese con gentilezza: "Guardati dal farlo; io sono un servo come te e come i tuoi fratelli, i profeti, e come quelli che custodiscono le parole di questo libro". Apocalisse 22:7. {PS 208,1}
    Sia i pastori sia la gente comune hanno considerato l'Apocalisse come un libro misterioso e meno rilevante, rispetto ad altre parti delle Scritture. Invece mi fu mostrato che quel libro rappresentava una rivelazione particolarmente importante per coloro che sarebbero vissuti negli ultimi tempi, per guidarli nell'adempimento delle loro responsabilità. Dio orientò la mente di William Miller nello studio delle profezie e gli permise di comprendere il libro dell'Apocalisse. {PS 208,2}
    Se le visioni di Daniele fossero state capite, il popolo avrebbe potuto comprendere meglio quelle di Giovanni. Ma al momento opportuno, Dio incoraggiò il messaggero che aveva scelto che, con chiarezza e con la potenza dello Spirito Santo, rivelò le profezie e mostrò l'armonia che esisteva fra le visioni di Daniele, di Giovanni e di altri passi della Bibbia.
    Inoltre, William Miller esercitò una profonda impressione sui cuori delle persone, presentando i sacri e i temibili avvertimenti della Parola, affinché si preparassero al ritorno del Figlio dell'uomo. Coloro che lo ascoltarono furono profondamente e solennemente convinti; pastori e gente comune, peccatori e infedeli si rivolsero al Signore e si prepararono per affrontare il giudizio. {PS 208,3}
    Gli angeli di Dio accompagnarono William Miller nella sua missione. Era un uomo deciso e irremovibile, e con coraggio proclamava il messaggio che gli era stato affidato. Un mondo immerso nelle tenebre spirituali e una chiesa fredda e secolarizzata erano sufficienti per catalizzare tutte le sue energie e fargli sopportare la privazione, la fatica e la sofferenza. Nonostante incontrasse l'opposizione della società in cui viveva e dei cristiani professanti, nonostante fosse esposto ai colpi bassi di Satana e dei suoi seguaci, non smise di predicare alle folle il messaggio del Vangelo eterno, ovunque fosse invitato; facendo risuonare vicino e lontano il grido: "Temete Dio e dategli gloria, perché è giunta l'ora del suo giudizio". Apocalisse 14:7. {PS 209,1}

    Voglio inoltre ricordare alcuni versi alla miscredente dottoressa Fiammetta, che insulta gli inviati di Dio e disprezza i loro scritti e mette in vetrina la sua laurea, e al suo collaboratore Esterno, che dubita della fallacità delle teorie di accademici, rigettati da Dio.

    In Geremia:

    Così dice Jahve: - Non si vanti il sapiente della sua saggezza e non si vanti il forte della sua forza, non si vanti il ricco delle sue ricchezze. Ma chi intende gloriarsi si vanti di ciò: di aver senno e di conoscere me, perché io sono Jahve che agisce con misericordia, con diritto e con giustizia sulla terra; di tali cose mi compiaccio. - Oracolo di Jahve. (9:23, 24)

    Maledetto l’uomo che confida nell’uomo, fa della carne il suo braccio e il cui cuore si allontana da Jahve. Egli è come una tamerice nella steppa, quando viene il bene non lo vede, dimora in luoghi aridi nel deserto, in una terra di salsuggine, non abitabile.
    Benedetto l’uomo che confida in Jahve e di cui Jahve è la fiducia. Egli è come un albero piantato lungo l’acqua, verso il fosso stende le radici; non teme quando viene il caldo, le sue foglie rimangono verdi; nell’anno della siccità non intristisce, non smette di produrre frutti.
    (17:5-8)

    In "Ecclesiastico":

    Colui che pecca contro il proprio creatore sarà lasciato nelle mani dei medici. (38:15)

    E' evidente che l'ateo Esterno confida nelle teorie degli accademici e non confida in Dio, come è logico.
    Quanto alla dottoressa Fiammetta, sappiamo che i suoi tanti malanni, che praticamente le impediscono di esercitare la professione, sono di origine ereditaria (dalla madre), ma le sue attuali posizioni fanno pensare che purtroppo il verso di Ecclesiastico si stia realizzando su di lei.
    Costei, nel tentativo di screditarmi, ha pure screditato la madre, la quale passò una vita a lavorare come maestra, senza mai passare in ruolo. Dunque, non aveva diritto a essere chiamata maestra?
    Quanto a me, non solo gli alunni mi chiamavano professore, ma anche il personale delle scuole e i presidi. Tutti sprovveduti?
    Se uno fa il maestro viene chiamato maestro, se uno fa il professore viene chiamato professore, se uno fa il direttore viene chiamato direttore, con o senza laurea, sia che lavori a tempo determinato che a tempo indeterminato...
    Voglio anche dire alla "teutonica" dottoressa Fiammetta che negli USA ci sono corsi rapidi di alcuni mesi o di un anno che permettono di fregiarsi del titolo di dottore, come per esempio un corso di chiropratica. E c'è almeno una dottoressa in chiropratica che esercita a Milano. Non può prescrivere medicine e prescrive solo integratori alimentari, però si fa chiamare dottoressa.
    Sul web:

    https://www.my-personaltrainer.it/sa...ropratica.html

    Il chiropratico è una figura professionale con un'abilitazione specifica in chiropratica. Un italiano, per ottenere un'abilitazione in chiropratica riconosciuta a livello internazionale, deve recarsi in quei Paesi Esteri, come gli Stati Uniti, il Canada, l'Australia, il Regno Unito ecc., in cui esiste una corso di laurea in chiropratica.

    In Italia, il riconoscimento legale della chiropratica è abbastanza recente; risale, infatti, al 2007.

    A proposito del verso di Ecclesiastico, voglio ringraziare pubblicamente Dio, perché da decenni mi consente di curare i miei malanni - ho più di 70 anni e qualche disturbo ce l'ho - con la pranoterapia Reiki, che si può applicare anche su se stessi, con la digitopressione e con qualche integratore alimentare naturale, che alterno.
    Questi ultimi, se scelti bene, hanno effetti benefici generali, anche antidolorifici articolari, e ringiovanenti, per quanto possibile attualmente.
    Molto raramente prendo qualche medicinale.

    Voglio ringraziare Dio pubblicamente anche perché per l'ennesima volta mi ha consentito di replicare rapidamente ai detrattori della sua parola e dei suoi inviati. Trovo citazioni pertinenti proprio nel momento del bisogno.
    Chi vuole continuare a insultare, può farlo, se non sarà bannato...
    Fate l'amore, non la guerra.
    Lavorare tutti, lavorare meno.

  2. #2
    Opinionista L'avatar di esterno
    Data Registrazione
    23/07/14
    Messaggi
    1,039
    Citazione Originariamente Scritto da Arcobaleno Visualizza Messaggio
    - Voglio ringraziare Dio pubblicamente anche perché per l'ennesima volta mi ha consentito di replicare rapidamente ai detrattori della sua parola e dei suoi inviati. Trovo citazioni pertinenti proprio nel momento del bisogno.
    ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



    Gli "ottusi" millenaristi da quasi 2 secoli, ossessionati da Er Diable persistono imperterriti, a divulgare la loro Mega-bufala sulla certissima quanto imminente catastrofe che dovrebbe
    distruggere il ns. pianeta.. unicamente per terrorizzare i semplici e (probabili) nuovi aderenti alla loro congregazione. Quella stessa che garantirebbe, sempre secondo questi esaltati-pazzoidi, l' agognata salvezza (ma de chè ?).

    Come ben si sa questi (sedicenti) possessori del santo spirito si rifanno agli ispirati testi apocalittici sia dell' At che NT.

    Per l' infaticabile Tarsiota del web, un valido esponente della setta Avventista, si prodiga nel postarci continuamente quelle storielle terrificanti. Per questo posta continuamente il forum (e non solo "questo") con vari stralci della sua preferita.. quella scappata di casa _ sorella White.

    Quale dunque il suo intento ? Forse di persuaderci e "convertirci" al suo credo ?

    E' risaputo che questi esaltati mentali (americani !) sono convinti che dopo la catastrofe, mirante a purificare la terra dai peccati degli umanoidi, si dovrebbe instaurare quel tanto annunciato regno teocratico.. con tutto quel corollario di cavolate che conosciamo!

    Purtroppo (per loro !) come del resto anche nel passato.. il catastrofico evento auspicato NON si Mai verificato !!

    La data annunciata da questi "spaventa-passeri viventi americani" (seppur varie volte modificavano la data dell' evento da parte dei loro stregoni) fu un solenne fiasco - tanto che la loro Mega-bufala fu etichettata come:
    - LA Grande Delusione (ottobre 1844)!

    Questi moderni stregoni si scordavano che gia' il granTarsiota, nella sua Filippesi (cap. 4), giurava e spergiurava dell' imminente apparizione del (suo) messia-divinizzato:
    - ..allo squillo del trombettiere celeste "egli" sarebbe disceso dalle magiche nubi... eccc.. ecc...

    Questa allegrotta Megabufala dell' ex-epilettico fu, poi, rivista dal successivo autore "ispirato" (per la cronaca l' anonimo autore della 2 Pietro _ cap.3) - ricorrendo al solito copia-incolla di un passo del salterio.
    Fu fatto intendere che il granTarsiota non sarebbe stato "compreso". Infatti un solo ns. giorno, per il Gran-Abba', corrisponderebbe a 1000 (mille) anni !!

    Ma il fattore "tempo" è davvero determinante per quell' entita' (trascendente ?) adorata dai credenti ??

    E comunque l' infaticabile Tarsiota del web, anche con questo suo ennesimo post non si smentisce. Egli ripropone un' ennesima perla del suo testo Canonico.

    Talmente "euforico" il tarsiota nostrano che interpreta (!), a suo piacimento, il passo canonico del Siracide (e/o Ecclesiastico) come una realizzata profezia.. nei confronti di una forumista.

    Un goffo commento che dimostra come il tarsiota del web prenda per oro colato la "forma letterale" del passo sapienziale.

    Ovviamente ben diverso dall' esegesi dei (miscredenti ?) teologhi/docenti.. e/o la nota a margine della bibbia catto-cristiana del citato passo (versione CEI _ pag. 1483).

    Un' ennesima dimostrazione di come è ridicola l' affidabilita' e serieta' del nostrano tarsiota del web.....


    --------------------------------------------------------------------

  3. #3
    ????? ???????????? L'avatar di Pazza_di_Acerra
    Data Registrazione
    09/12/09
    Località
    Sul pianeta Terra
    Messaggi
    28,167
    Citazione Originariamente Scritto da esterno Visualizza Messaggio
    ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



    Gli "ottusi" millenaristi da quasi 2 secoli, ossessionati da Er Diable persistono imperterriti, a divulgare la loro Mega-bufala sulla certissima quanto imminente catastrofe che dovrebbe
    distruggere il ns. pianeta.. unicamente per terrorizzare i semplici e (probabili) nuovi aderenti alla loro congregazione. Quella stessa che garantirebbe, sempre secondo questi esaltati-pazzoidi, l' agognata salvezza (ma de chè ?).

    Come ben si sa questi (sedicenti) possessori del santo spirito si rifanno agli ispirati testi apocalittici sia dell' At che NT.

    Per l' infaticabile Tarsiota del web, un valido esponente della setta Avventista, si prodiga nel postarci continuamente quelle storielle terrificanti. Per questo posta continuamente il forum (e non solo "questo") con vari stralci della sua preferita.. quella scappata di casa _ sorella White.

    Quale dunque il suo intento ? Forse di persuaderci e "convertirci" al suo credo ?

    E' risaputo che questi esaltati mentali (americani !) sono convinti che dopo la catastrofe, mirante a purificare la terra dai peccati degli umanoidi, si dovrebbe instaurare quel tanto annunciato regno teocratico.. con tutto quel corollario di cavolate che conosciamo!

    Purtroppo (per loro !) come del resto anche nel passato.. il catastrofico evento auspicato NON si Mai verificato !!

    La data annunciata da questi "spaventa-passeri viventi americani" (seppur varie volte modificavano la data dell' evento da parte dei loro stregoni) fu un solenne fiasco - tanto che la loro Mega-bufala fu etichettata come:
    - LA Grande Delusione (ottobre 1844)!

    Questi moderni stregoni si scordavano che gia' il granTarsiota, nella sua Filippesi (cap. 4), giurava e spergiurava dell' imminente apparizione del (suo) messia-divinizzato:
    - ..allo squillo del trombettiere celeste "egli" sarebbe disceso dalle magiche nubi... eccc.. ecc...

    Questa allegrotta Megabufala dell' ex-epilettico fu, poi, rivista dal successivo autore "ispirato" (per la cronaca l' anonimo autore della 2 Pietro _ cap.3) - ricorrendo al solito copia-incolla di un passo del salterio.
    Fu fatto intendere che il granTarsiota non sarebbe stato "compreso". Infatti un solo ns. giorno, per il Gran-Abba', corrisponderebbe a 1000 (mille) anni !!

    Ma il fattore "tempo" è davvero determinante per quell' entita' (trascendente ?) adorata dai credenti ??

    E comunque l' infaticabile Tarsiota del web, anche con questo suo ennesimo post non si smentisce. Egli ripropone un' ennesima perla del suo testo Canonico.

    Talmente "euforico" il tarsiota nostrano che interpreta (!), a suo piacimento, il passo canonico del Siracide (e/o Ecclesiastico) come una realizzata profezia.. nei confronti di una forumista.

    Un goffo commento che dimostra come il tarsiota del web prenda per oro colato la "forma letterale" del passo sapienziale.

    Ovviamente ben diverso dall' esegesi dei (miscredenti ?) teologhi/docenti.. e/o la nota a margine della bibbia catto-cristiana del citato passo (versione CEI _ pag. 1483).

    Un' ennesima dimostrazione di come è ridicola l' affidabilita' e serieta' del nostrano tarsiota del web.....


    --------------------------------------------------------------------
    Esterno, noto che continui a definire Paolo "ex epilettico" ma sbagli. Non essendo mai guarito, è rimasto epilettico sino alla fine della sua vita, oltre ad essere afflitto da impotentia coeundi, che lo ha reso così benevolo verso le donne. Una delle peggiori disgrazie dell''umanità, questo Saul.
    semel in anno licet insanire, cotidie melius

  4. #4
    Opinionista
    Data Registrazione
    25/05/21
    Messaggi
    562
    Citazione Originariamente Scritto da Pazza_di_Acerra Visualizza Messaggio
    Esterno, noto che continui a definire Paolo "ex epilettico" ma sbagli. Non essendo mai guarito, è rimasto epilettico sino alla fine della sua vita, oltre ad essere afflitto da impotentia coeundi, che lo ha reso così benevolo verso le donne. Una delle peggiori disgrazie dell''umanità, questo Saul.
    Si, Esterno, la dott.ssa Pazza ha ragione, non si guariva dall'epilessia, sarà morto epilettico, ah era anche impotente? con quel che pensava delle donne che gli serviva?

  5. #5
    Opinionista
    Data Registrazione
    25/05/21
    Messaggi
    562
    Arcobaleno.

    Stai scocciando. Mia madre ha fatto una volta il concorso magistrale, non avendo vinto
    non lo ha fatto piu', in genere al mercato , per strada la chiamavano signora, e nessuno se ne
    rammaricava. A casa c'era anche la nonna, madre di papa' che non stava molto bene, era un ipo
    tiroidea e, a dire dei medici, ipotiroidismo troppo avanzato nperché i farmaci potessero avere effetto.
    Qua siamoi n Italia e di quel che fanno in USA me ne frego.
    Tu non avresti mai chiamato un medico? Mi dicesti che da ragazzino stavi male e tua madre chiamo' un medico che ti rimise in sesto, un semplise discepolo di Esculapio, nessuna sorella White. Ah, poi Esterno é ai miei ordini, quali? Ti sei fatto di coca?Come scocci.

  6. #6
    Opinionista L'avatar di Arcobaleno
    Data Registrazione
    31/12/16
    Messaggi
    3,092
    Citazione Originariamente Scritto da Fiammetta Visualizza Messaggio
    Arcobaleno.
    Tu non avresti mai chiamato un medico? Mi dicesti che da ragazzino stavi male e tua madre chiamo' un medico che ti rimise in sesto, un semplise discepolo di Esculapio, nessuna sorella White.
    A mia memoria non ti ho mai detto che da ragazzino stavo male e mia madre chiamò un medico.
    Certamente ho avuto tutte le malattie esantematiche e mia madre avrà chiamato un medico. Mia madre non è me e certo non poteva curarmi in altri modi. Non capisco dove vuoi andare a parare.

    Siccome affermi che chi non è laureato dovrebbe vergognarsi, né tuo padre né tua madre si laurearono, furono entrambi maestri, perciò disprezzi entrambi i tuoi genitori, oltre a tutti coloro che nel mondo non hanno una laurea.

    Se a te non importa nulla di quello che accade negli USA, a me può non importare nulla di quello che accade in Germania.

    Tu ed Esterno dovreste pure riflettere sulle sciocchezze a proposito della conoscenza del latino in Germania.
    Provate ad andare in un albergo, in un bar, in un supermercato o in un qualsiasi negozio in Germania e a parlare in latino e vedrete se vi capiscono o no... Chi va in Germania, di regola, non ci va per parlare con dotti che hanno studiato il latino.
    Esterno lavora anche in Germania. Perché mai avrebbe studiato il tedesco, se conosce il latino e lì il latino sarebbe molto conosciuto?
    Fate l'amore, non la guerra.
    Lavorare tutti, lavorare meno.

  7. #7
    Opinionista L'avatar di Arcobaleno
    Data Registrazione
    31/12/16
    Messaggi
    3,092
    Citazione Originariamente Scritto da Pazza_di_Acerra Visualizza Messaggio
    Esterno, noto che continui a definire Paolo "ex epilettico" ma sbagli. Non essendo mai guarito, è rimasto epilettico sino alla fine della sua vita, oltre ad essere afflitto da impotentia coeundi, che lo ha reso così benevolo verso le donne. Una delle peggiori disgrazie dell''umanità, questo Saul.
    Non è la prima volta che riferisci queste presunte malattie di Paolo. Vorrei sapere la fonte. Poi, eventualmente, entreremo nel merito.
    Io sulla Bibbia ho trovato solo questo in 2 Corinzi 12:

    7 Perché non montassi in superbia per la grandezza delle rivelazioni, mi è stata messa una spina nella carne, un inviato di satana incaricato di schiaffeggiarmi,
    perché io non vada in superbia. 8 A causa di questo per ben tre volte ho pregato il Signore che l'allontanasse da me. 9 Ed egli mi ha detto: «Ti basta la mia grazia;
    la mia potenza infatti si manifesta pienamente nella debolezza». Mi vanterò quindi ben volentieri delle mie debolezze, perché dimori in me la potenza di Cristo.
    10 Perciò mi compiaccio nelle mie infermità, negli oltraggi, nelle necessità, nelle persecuzioni, nelle angosce sofferte per Cristo: quando sono debole, è allora che sono forte.

    Qui non si parla che di ceffoni ricevuti da un inviato di Satana. Anche padre Pio riferì di lotte coi demoni, se non ricordo male.
    Fate l'amore, non la guerra.
    Lavorare tutti, lavorare meno.

  8. #8
    Opinionista
    Data Registrazione
    25/05/21
    Messaggi
    562
    Citazione Originariamente Scritto da Arcobaleno Visualizza Messaggio
    Causa le affermazioni della dottoressa Fiammetta, appoggiata da Esterno, che i "titoli" (insulti) li dà al prossimo, mi trovo costretto a pubblicare separatamente questa discussione.

    Da “Primi scritti”, parte 3 – Doni spirituali – vol. 1:

    William Miller.

    Dio inviò il suo angelo per rendere sensibile il cuore di un agricoltore, che non credeva nella Bibbia, e aiutarlo ad approfondire le profezie. Gli angeli di Dio entrarono ripetutamente in contatto con lui per risvegliare la sua intelligenza, affinché comprendesse le profezie che fino a quel momento erano risultate oscure per il popolo di Dio. Riconobbe i diversi filoni profetici e li studiò uno dopo l'altro, fino a quando provò una grande ammirazione per la Parola di Dio. Scoprì così un insieme di verità meravigliose. Questa Parola, che aveva sempre ritenuto non ispirata, ora la percepiva in tutta la sua bellezza e la sua gloria. Si rese conto che un brano delle Scritture ne spiegava un altro, e quando non capiva un passo ne trovava un altro che lo chiariva. La Parola di Dio divenne per lui fonte di gioia e gli ispirava un profondo rispetto, quasi una forma di riverenza. {PS 207,1}
    Mentre studiava le profezie, capì che gli abitanti della terra, senza saperlo, stavano vivendo gli eventi finali della storia del mondo. Considerando le chiese, si rese conto della loro corruzione. Si erano allontanate da Cristo e si erano legate al mondo. Volevano beneficiare degli onori mondani, piuttosto che aspirare a quelli divini, e cercavano di ottenere le ricchezze terrene, invece di crearsi un tesoro in cielo. Ovunque si potevano constatare ipocrisia, oscurantismo e morte. Era profondamente turbato. Dio gli chiese di lasciare la sua fattoria, così come un tempo aveva chiamato Eliseo perché seguisse Elia, lasciando il suo bestiame e i suoi campi. Con grande timore William Miller iniziò a rivelare alla gente i misteri del regno di Dio, spiegando le profezie che si collegavano al ritorno di Cristo. Nella misura in cui si impegnava in questo compito, si sentiva più forte. Nello stesso modo in cui Giovanni il battista aveva annunciato il primo avvento di Gesù, così William Miller e quelli che si unirono a lui preparavano la seconda venuta del Figlio di Dio. {PS 207,2}
    Fui riportata ai giorni dei discepoli e mi fu mostrato che Dio aveva affidato a Giovanni un compito speciale. Satana era deciso a ostacolare la sua opera e istigò i suoi seguaci a uccidere l'apostolo. Ma Dio inviò il suo angelo, che lo protesse in modo straordinario. Tutti coloro che furono testimoni della grande potenza divina, in occasione della liberazione di Giovanni, rimasero stupiti; molti si convinsero che Dio era con lui e che la sua testimonianza riguardante Gesù era vera. Coloro che avevano cercato di ucciderlo si spaventarono al pensiero di dover ancora attentare alla sua vita e così gli fu permesso di continuare a soffrire per il suo Salvatore. Fu accusato ingiustamente dai suoi nemici e poco tempo dopo esiliato su un'isola deserta, dove il Signore inviò il suo angelo a rivelargli gli eventi che si sarebbero verificati sulla terra e lo stato della chiesa sino alla fine dei tempi: le apostasie, la posizione che avrebbe occupato se fosse rimasta fedele a Dio e infine il suo trionfo. {PS 207,3}
    L'angelo scese dal cielo in tutta la sua maestà verso l'apostolo, il suo volto rifletteva la gloria di Dio. Rivelò a Giovanni le scene più interessanti e appassionanti della storia della chiesa di Dio e gli mostrò i pericolosi conflitti che i discepoli di Cristo avrebbero dovuto affrontare. Giovanni li vide misurarsi con terribili difficoltà: pallidi, provati e infine conquistatori vittoriosi, in salvo nel regno di Dio. Il volto dell'angelo era radioso di gioia, quando mostrava a Giovanni il trionfo finale della chiesa di Dio. Mentre l'apostolo considerava la liberazione della chiesa, si lasciò coinvolgere dalla gloria della scena e con profondo rispetto e meraviglia cadde ai piedi dell'angelo, per adorarlo. Il messaggero divino lo fece alzare immediatamente e lo rimproverò, dicendo: "Guardati dal farlo. Io sono un servitore come te e come i tuoi fratelli, che custodiscono la testimonianza di Gesù: adora Dio. Perché la testimonianza di Gesù è lo spirito della profezia". Apocalisse 19:10. L'angelo mostrò a Giovanni la santa Città in tutto il suo splendore e la sua gloria, ed egli, rapito e sopraffatto da ciò che aveva visto, dimenticando il rimprovero dell'angelo, cadde nuovamente ai suoi piedi, per adorarlo. Di nuovo l'angelo lo riprese con gentilezza: "Guardati dal farlo; io sono un servo come te e come i tuoi fratelli, i profeti, e come quelli che custodiscono le parole di questo libro". Apocalisse 22:7. {PS 208,1}
    Sia i pastori sia la gente comune hanno considerato l'Apocalisse come un libro misterioso e meno rilevante, rispetto ad altre parti delle Scritture. Invece mi fu mostrato che quel libro rappresentava una rivelazione particolarmente importante per coloro che sarebbero vissuti negli ultimi tempi, per guidarli nell'adempimento delle loro responsabilità. Dio orientò la mente di William Miller nello studio delle profezie e gli permise di comprendere il libro dell'Apocalisse. {PS 208,2}
    Se le visioni di Daniele fossero state capite, il popolo avrebbe potuto comprendere meglio quelle di Giovanni. Ma al momento opportuno, Dio incoraggiò il messaggero che aveva scelto che, con chiarezza e con la potenza dello Spirito Santo, rivelò le profezie e mostrò l'armonia che esisteva fra le visioni di Daniele, di Giovanni e di altri passi della Bibbia.
    Inoltre, William Miller esercitò una profonda impressione sui cuori delle persone, presentando i sacri e i temibili avvertimenti della Parola, affinché si preparassero al ritorno del Figlio dell'uomo. Coloro che lo ascoltarono furono profondamente e solennemente convinti; pastori e gente comune, peccatori e infedeli si rivolsero al Signore e si prepararono per affrontare il giudizio. {PS 208,3}
    Gli angeli di Dio accompagnarono William Miller nella sua missione. Era un uomo deciso e irremovibile, e con coraggio proclamava il messaggio che gli era stato affidato. Un mondo immerso nelle tenebre spirituali e una chiesa fredda e secolarizzata erano sufficienti per catalizzare tutte le sue energie e fargli sopportare la privazione, la fatica e la sofferenza. Nonostante incontrasse l'opposizione della società in cui viveva e dei cristiani professanti, nonostante fosse esposto ai colpi bassi di Satana e dei suoi seguaci, non smise di predicare alle folle il messaggio del Vangelo eterno, ovunque fosse invitato; facendo risuonare vicino e lontano il grido: "Temete Dio e dategli gloria, perché è giunta l'ora del suo giudizio". Apocalisse 14:7. {PS 209,1}

    Voglio inoltre ricordare alcuni versi alla miscredente dottoressa Fiammetta, che insulta gli inviati di Dio e disprezza i loro scritti e mette in vetrina la sua laurea, e al suo collaboratore Esterno, che dubita della fallacità delle teorie di accademici, rigettati da Dio.

    In Geremia:

    Così dice Jahve: - Non si vanti il sapiente della sua saggezza e non si vanti il forte della sua forza, non si vanti il ricco delle sue ricchezze. Ma chi intende gloriarsi si vanti di ciò: di aver senno e di conoscere me, perché io sono Jahve che agisce con misericordia, con diritto e con giustizia sulla terra; di tali cose mi compiaccio. - Oracolo di Jahve. (9:23, 24)

    Maledetto l’uomo che confida nell’uomo, fa della carne il suo braccio e il cui cuore si allontana da Jahve. Egli è come una tamerice nella steppa, quando viene il bene non lo vede, dimora in luoghi aridi nel deserto, in una terra di salsuggine, non abitabile.
    Benedetto l’uomo che confida in Jahve e di cui Jahve è la fiducia. Egli è come un albero piantato lungo l’acqua, verso il fosso stende le radici; non teme quando viene il caldo, le sue foglie rimangono verdi; nell’anno della siccità non intristisce, non smette di produrre frutti.
    (17:5-8)

    In "Ecclesiastico":

    Colui che pecca contro il proprio creatore sarà lasciato nelle mani dei medici. (38:15)

    E' evidente che l'ateo Esterno confida nelle teorie degli accademici e non confida in Dio, come è logico.
    Quanto alla dottoressa Fiammetta, sappiamo che i suoi tanti malanni, che praticamente le impediscono di esercitare la professione, sono di origine ereditaria (dalla madre), ma le sue attuali posizioni fanno pensare che purtroppo il verso di Ecclesiastico si stia realizzando su di lei.
    Costei, nel tentativo di screditarmi, ha pure screditato la madre, la quale passò una vita a lavorare come maestra, senza mai passare in ruolo. Dunque, non aveva diritto a essere chiamata maestra?
    Quanto a me, non solo gli alunni mi chiamavano professore, ma anche il personale delle scuole e i presidi. Tutti sprovveduti?
    Se uno fa il maestro viene chiamato maestro, se uno fa il professore viene chiamato professore, se uno fa il direttore viene chiamato direttore, con o senza laurea, sia che lavori a tempo determinato che a tempo indeterminato...
    Voglio anche dire alla "teutonica" dottoressa Fiammetta che negli USA ci sono corsi rapidi di alcuni mesi o di un anno che permettono di fregiarsi del titolo di dottore, come per esempio un corso di chiropratica. E c'è almeno una dottoressa in chiropratica che esercita a Milano. Non può prescrivere medicine e prescrive solo integratori alimentari, però si fa chiamare dottoressa.
    Sul web:

    https://www.my-personaltrainer.it/sa...ropratica.html

    Il chiropratico è una figura professionale con un'abilitazione specifica in chiropratica. Un italiano, per ottenere un'abilitazione in chiropratica riconosciuta a livello internazionale, deve recarsi in quei Paesi Esteri, come gli Stati Uniti, il Canada, l'Australia, il Regno Unito ecc., in cui esiste una corso di laurea in chiropratica.

    In Italia, il riconoscimento legale della chiropratica è abbastanza recente; risale, infatti, al 2007.

    A proposito del verso di Ecclesiastico, voglio ringraziare pubblicamente Dio, perché da decenni mi consente di curare i miei malanni - ho più di 70 anni e qualche disturbo ce l'ho - con la pranoterapia Reiki, che si può applicare anche su se stessi, con la digitopressione e con qualche integratore alimentare naturale, che alterno.
    Questi ultimi, se scelti bene, hanno effetti benefici generali, anche antidolorifici articolari, e ringiovanenti, per quanto possibile attualmente.
    Molto raramente prendo qualche medicinale.

    Voglio ringraziare Dio pubblicamente anche perché per l'ennesima volta mi ha consentito di replicare rapidamente ai detrattori della sua parola e dei suoi inviati. Trovo citazioni pertinenti proprio nel momento del bisogno.
    Chi vuole continuare a insultare, può farlo, se non sarà bannato...
    Che scemenze scrivi? Inventi le cose? Io per screditare te ho screditato mia maDRE che passò una vita a fare la maestra senza entrare in ruolo. Ma non l'ho mai detto. Ho detto che fece il concorso magistrale prima che nascesse mio fratello, non lo vinse e lascio' perdere anche perché in casa avevamo la nonna che non stava bene, doveva essere curata 50 anni prima, così non si poteva fare piu' niente, però stava male e mamma le stava vicino.Quando mai l ho screditata? ma tu inventi? mio padre lo chiamavano maestro o signor maestro, certo non professore. Tu ti sei screditato abbastanza da solo. Certo che mi hai detto che da ragazzino sei stato tanto male e tua madre ha chiamato un medico normale mica un medico avventista del settimo regno... e sei guarito. Bene che ora con le tue tecniche ti curi, certo se andavi in coma per un meningioma di 6x7 cm, ti dovevano fare una craniotomia alktro che una digitopressione. Ah certo noi che maltrattiamo gli inviati di Dio abbiamo gravi punizioni e malattie. Basta che mi hai scocciato.

  9. #9
    Opinionista
    Data Registrazione
    25/05/21
    Messaggi
    562
    Citazione Originariamente Scritto da Arcobaleno Visualizza Messaggio
    A mia memoria non ti ho mai detto che da ragazzino stavo male e mia madre chiamò un medico.
    Certamente ho avuto tutte le malattie esantematiche e mia madre avrà chiamato un medico. Mia madre non è me e certo non poteva curarmi in altri modi. Non capisco dove vuoi andare a parare.

    Siccome affermi che chi non è laureato dovrebbe vergognarsi, né tuo padre né tua madre si laurearono, furono entrambi maestri, perciò disprezzi entrambi i tuoi genitori, oltre a tutti coloro che nel mondo non hanno una laurea.

    Se a te non importa nulla di quello che accade negli USA, a me può non importare nulla di quello che accade in Germania.

    Tu ed Esterno dovreste pure riflettere sulle sciocchezze a proposito della conoscenza del latino in Germania.
    Provate ad andare in un albergo, in un bar, in un supermercato o in un qualsiasi negozio in Germania e a parlare in latino e vedrete se vi capiscono o no... Chi va in Germania, di regola, non ci va per parlare con dotti che hanno studiato il latino.
    Esterno lavora anche in Germania. Perché mai avrebbe studiato il tedesco, se conosce il latino e lì il latino sarebbe molto conosciuto?
    Quando affermo che chi noin é laureato dovrebbe vergognarsi? Mai detto. E' chiaro che papa' da orfano di guierra poteva solo fare il bracciante o il falegname, scelse il falegname, voleva per i figli qualcosa di piu', é ovvio, mi ricordo che a Frascati c'erano molti maestri trasferiti dacentro sud per far studiare in questi collegi npregiati i figli, in genere cominciavaNO dall'asilo, io all'asilo non volevo andare e mi ficcarono nella pri.pri pri mina a 4 anni, mamma non poteva stare appresso a me che scappavo via dall'asilo, poi doveva allattare mio fratello e imboccare mia nonna, non c'è piu' tornata a scuola chi allattava mio fratello, la balia? Papa' aveva finito tutto a 21 anni, e poi era diverso da mamma era un capricorno ascendente Vergine, anch'ìio ascendente Vergine, mamma era Gemelli ascendente Gemelli, papa' aveva sempre un libro in mano, anch'io, trovava qualsiasi buco di tempo per leggere, mamma andava a spasso per il corso della citta' figuriamoci che leggeva e quindi non sapeva scrivere, se non leggi , non scrivi. Tutti questi maestri trasferiti li' hanno fatto i figli professionisti, così come avevo cominciato io se non fossi stata fermata. Che male c'è a dare ai figli un avvenire migliore? Gli ebrei erranti che viaggiavano per il mondo e l'Europa non erano calzolai, tutti professionisti anche loro, papa' amava il latino e poteva discorrerci.
    Ho un sacco di documenti da fare per la patente, hanno spostato le visite per il Covid di 7 mesi e ora chissa' quando si finisce, io senza macchina non posso stare.
    Ultima modifica di Fiammetta; 07-07-2022 alle 11:08

  10. #10
    Opinionista L'avatar di esterno
    Data Registrazione
    23/07/14
    Messaggi
    1,039
    Citazione Originariamente Scritto da Arcobaleno Visualizza Messaggio
    - Non è la prima volta che riferisci queste presunte malattie di Paolo. Vorrei sapere la fonte.
    Poi, eventualmente, entreremo nel merito. Io sulla Bibbia ho trovato solo questo in 2 Corinzi 12 -
    ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------




    Evidentemente il sacro testo utilizzato dalla tua stravagante congregazione ignora la lettera che il malaticcio granTarsiota rivolse ai Galati !!
    Strano che tu, novello tarsiota del web, non la menzioni.. Eppure proprio questa è una delle sue autentiche (!)

    Nei suoi 47 testi scritti dalla sublime (.. si fa per dire) esegeta sorella E. White non si fa menzione delle lettere del supponente auto-beatificatosi "esperto architetto dottrinario" - il primo il costruttore di questo corrotto cristianesimo ?

    Al cap. 4 di detta Galati il paziente illuminato (seppur reduce dalla fatale botta alla testa) riporta, in modo inequivocabile, della sua gravissima infermita'...

    Ora gli odierni "specialisti", che si occupano di queste gravi malattie mentali.. e basandosi di quanto riporta il suo portaborse e autore di Atti (capitoli 9 + 22 + 26) riportano che questo pseudo-illuminato della tribu' di Beniamino fosse affetto da epilessia ! Perchè ?

    Una delle risposte è quella di P. Rodriguez (anche lui un miscredente, un invasato del pluricornuto Belzebu' ?) direttore di una clinica di gravi malati mentali di Madrid, nonchè consulente del gobierno che tratta le (pericolose) sette americane che infestano il ns. Continente.

    Orbene.. la causa scatenante che provoca gli effetti devastanti e ripugnanti (come descrive esattamente l' ispirato citato portaborse) è il
    sole cocente !
    Nel corso della crisi.. il paziente emette suoni gutturali, copiosa bava, si stritola la lingua.. cosi' come vedrebbe strane apparizioni di figure/personaggi quali angeli, santi madonne, cristi barbuti.. che interloquiscono con il malato.
    Trattasi della (inquietante) nevrosi di conversione !

    Il paziente.. in seguito avra' altre visioni (per lo piu' notturne).. sempre di beati/santi/servi di dio + la santissima vergine con il suo cuore in mano e trafitto da spade e/o corone di spine..eccc.eccc...eccc...

    Quello che i citati scrittori sacri riportano (atti + lettere) delle frequenti "Visioni" che ebbe il Grantarsiota.. per lo piu' notturne (alla Dracula).

    In quanto lettore di oltre 1000 (mille) libri _ fai uno sforzo.. leggiti nella lingua che parli egregiamente (spagnolo):
    - Pepe Rodriguez / Mentiras fundamentales de la iglesia catolica - Edictiones B.S.A

    (in particolare quel fantastico capitolo /
    - Paolo, l' ebreo avventizio che fondo' un cristianesimo a misura dei suoi deliri mistici e delle sue frustrazioni personali ) !!!!!

    E soprattutto _ leggiti TUTTE le lettere del "tuo" sublime maestro ! Sarai cosi' a pieno titolo: Tarsiota del web !

    --

  11. #11
    Opinionista L'avatar di Arcobaleno
    Data Registrazione
    31/12/16
    Messaggi
    3,092
    Citazione Originariamente Scritto da Fiammetta Visualizza Messaggio
    Quando affermo che chi noin é laureato dovrebbe vergognarsi?
    Nella discussione "Gli effetti della preghiera" nell'intervento 132 hai scritto questo:

    Ma tu che vuoi?Ma che ti cerca? Ho capito perché ti fuggivano tutte, sei un sicofante,

    un invidioso, invidi ESterno perchè ne sa molto piu' di te, sei un bugiardo, praticamente

    ti vanti che il ragazzino ti 3a media ti chiamava professore. Anche noi, ma erano professori veri,

    erano di ruolo, avevano vinto il concorso, e tu?=Niente, mai niente, mai di ruolo, mai un concorso vinto che cazzo facevi, eri scemo?

    Ricordo un mio amico di qualche anno fa, bravissimo, scriveva in modo diafano e cristallino, aveva fatto giornalismo, ma non so che titoli

    di studio ci vogliano, andò a

    vivere verso Tarquinia, sapevano che era uno studioso, e sapevano che non era laureato , allora il giornalaio gli diceva, buongiorno prefessore, il barista, buona giornata

    professore, il tabaccaio, a rivederla professore, dice che quando tornava a casa dopo questa abbuffata di professori era paonazzo e non ce la faceva piu', così si laureò il

    Lettere Moderne. diffuse la notizia e lo chiamavano dottore, meno male, lui se ne stava facendo una malattia.

    Quanto a te bugiardo sei e bugiardo resti, l'ìinviatoi di Dio che dice cazzate in continuazione, ma vergognati e fanculo.


    Allora tua madre era scema, non avendo vinto il concorso? Anch'io partecipai a un concorso e non lo superai, perché la docente di materia mi fece tre domande trabocchetto, la cui risposta non si trova sui libri, ma solo su una rivista specializzata della materia. Io avevo studiato sui libri, non su una rivista.

    Quel tuo amico si vergognava di essere chiamato professore, pur non essendo laureato, quindi, secondo te, tutti coloro che non sono laureati e vengono chiamati professori dovrebbero vergognarsi...
    Io, però, ti dico che sia alle medie che alle superiori molti docenti sono solo diplomati: ed. tecnica, ed. artistica, ed. musicale, docenti tecnico-pratici di laboratorio, trattamento testi, stenografia...
    Dovrebbero vergognarsi tutti?

    Quanto ai giornalisti, bisogna saper scrivere e avere idee, ma può essere sufficiente anche un diploma. Qualcuno è addirittura diventato direttore di giornale senza laurea.
    Esiste un master in giornalismo. Certo, una laurea aiuta ad essere esperto in un campo del sapere e a scrivere su quello con maggiore cognizione di causa.
    Fate l'amore, non la guerra.
    Lavorare tutti, lavorare meno.

  12. #12
    Opinionista L'avatar di Arcobaleno
    Data Registrazione
    31/12/16
    Messaggi
    3,092
    Citazione Originariamente Scritto da Fiammetta Visualizza Messaggio
    Certo che mi hai detto che da ragazzino sei stato tanto male e tua madre ha chiamato un medico normale mica un medico avventista del settimo regno... e sei guarito.
    Io da ragazzino non sono mai stato molto male. Ho ricordi a partire dai 5 anni di età. Non ricordo nemmeno di avere avuto le malattie esantematiche, che probabilmente ebbi prima di quell'età.
    Ricordo solo che quando da bambino mia madre mi vide con la pelle giallastra, mi portò dal pediatra, che mi trovò il fegato ingrossato e mi prescrisse almeno un mese di iniezioni, di non andare in spiaggia e di non mangiare ghiaccioli. Io, però, mi sentivo bene, ma le iniezioni furono abbastanza dolorose.
    Fate l'amore, non la guerra.
    Lavorare tutti, lavorare meno.

  13. #13
    Opinionista L'avatar di Arcobaleno
    Data Registrazione
    31/12/16
    Messaggi
    3,092
    Citazione Originariamente Scritto da esterno Visualizza Messaggio
    Al cap. 4 di detta Galati il paziente illuminato (seppur reduce dalla fatale botta alla testa) riporta, in modo inequivocabile, della sua gravissima infermita'...

    Ora gli odierni "specialisti", che si occupano di queste gravi malattie mentali.. e basandosi di quanto riporta il suo portaborse e autore di Atti (capitoli 9 + 22 + 26) riportano che questo pseudo-illuminato della tribu' di Beniamino fosse affetto da epilessia ! Perchè ?

    Una delle risposte è quella di P. Rodriguez (anche lui un miscredente, un invasato del pluricornuto Belzebu' ?) direttore di una clinica di gravi malati mentali di Madrid, nonchè consulente del gobierno che tratta le (pericolose) sette americane che infestano il ns. Continente.

    Orbene.. la causa scatenante che provoca gli effetti devastanti e ripugnanti (come descrive esattamente l' ispirato citato portaborse) è il
    sole cocente !
    Nel corso della crisi.. il paziente emette suoni gutturali, copiosa bava, si stritola la lingua.. cosi' come vedrebbe strane apparizioni di figure/personaggi quali angeli, santi madonne, cristi barbuti.. che interloquiscono con il malato.
    Trattasi della (inquietante) nevrosi di conversione !
    In Galati 4 è scritto:

    13 Voi non mi faceste alcun torto; anzi sapete bene che fu a motivo di una infermità della carne che vi evangelizzai la prima volta;
    14 e quella mia infermità corporale che era per voi una prova, voi non la sprezzaste né l'aveste a schifo; al contrario, mi accoglieste come un angelo di Dio, come Cristo Gesù stesso.


    Quindi non c'è alcuna specificazione di malattia. Quando avrò tempo esaminerò anche i tuoi riferimenti agli Atti.
    Però dice che predicò il Vangelo a causa di quell'infermità della carne, quindi non può trattarsi né di epilessia né di impotentia coeundi. Usiamo il cervello, per favore. Senza aver riletto Atti, al momento mi viene da pensare alla cecità conseguente alla visione di Gesù. Questa sì che l'ha spinto a predicare il Vangelo.
    Fate l'amore, non la guerra.
    Lavorare tutti, lavorare meno.

  14. #14
    Opinionista
    Data Registrazione
    25/05/21
    Messaggi
    562
    Citazione Originariamente Scritto da Arcobaleno Visualizza Messaggio
    Non è la prima volta che riferisci queste presunte malattie di Paolo. Vorrei sapere la fonte. Poi, eventualmente, entreremo nel merito.
    Io sulla Bibbia ho trovato solo questo in 2 Corinzi 12:

    7 Perché non montassi in superbia per la grandezza delle rivelazioni, mi è stata messa una spina nella carne, un inviato di satana incaricato di schiaffeggiarmi,
    perché io non vada in superbia. 8 A causa di questo per ben tre volte ho pregato il Signore che l'allontanasse da me. 9 Ed egli mi ha detto: «Ti basta la mia grazia;
    la mia potenza infatti si manifesta pienamente nella debolezza». Mi vanterò quindi ben volentieri delle mie debolezze, perché dimori in me la potenza di Cristo.
    10 Perciò mi compiaccio nelle mie infermità, negli oltraggi, nelle necessità, nelle persecuzioni, nelle angosce sofferte per Cristo: quando sono debole, è allora che sono forte.

    Qui non si parla che di ceffoni ricevuti da un inviato di Satana. Anche padre Pio riferì di lotte coi demoni, se non ricordo male.

  15. #15
    Opinionista
    Data Registrazione
    25/05/21
    Messaggi
    562
    Anche san Filippo Neri, Don Bosco lottavano nspesso col de3monio di notte e allora?

    Ah parli di sam Paolo, ma quello aveva battuto la testa chissa' che trauma cranico aveva, non c'era ancora la Tac.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •