Risultati da 1 a 8 di 8

Discussione: Per dott.ssa Pazza. Parliamo di letteratura inglese, The Puritan Age e di John Milton

  1. #1
    Opinionista
    Data Registrazione
    25/05/21
    Messaggi
    572

    Per dott.ssa Pazza. Parliamo di letteratura inglese, The Puritan Age e di John Milton

    Di John Milton (1608-1674) oltre a ricordarci del Paradise Lost and the Paradise regained,

    abbiamo tutti scolpito in mente il suo sonetto " On His Blindness" perché il poeta divenne

    lentamente cieco, così come accadde al suo amico Galileo Galilei. Probabilmente avevano

    una cataratta ma allora non se ne sapeva niente.

    Devo uscire un attimo, FINE I PARTE:

  2. #2
    Opinionista
    Data Registrazione
    25/05/21
    Messaggi
    572
    Citazione Originariamente Scritto da Fiammetta Visualizza Messaggio
    Di John Milton (1608-1674) oltre a ricordarci del Paradise Lost and the Paradise regained,

    abbiamo tutti scolpito in mente il suo sonetto " On His Blindness" perché il poeta divenne

    lentamente cieco, così come accadde al suo amico Galileo Galilei. Probabilmente avevano

    una cataratta ma allora non se ne sapeva niente.

    Devo uscire un attimo, FINE I PARTE:
    OT: Cari amici, scusate che abbia interrotto il post, é che la mia stanza a nord

    con pareti spesse dava 35 gradi, anche altri anni ha fatto caldo ma non ricordo

    così tanto. Quindi sono uscita per comprare una medicina e poi mi sono ficcata in una

    gelateria a prendere ghiaccio e menta, ma mi comincio a preoccupare. Ricordo che negli ultimi

    anni che sono stata in Sardegna, alcuni amici venivano spesso per un drink dopo la cena e ricordo

    che faceva caldo e questi sudavano come fontane, io mai sudato e mi dissero, ma che i medici

    non sudano? Voi non avete caldo? Io sudavo pochissimo, quasi niente. Un altrp anno andammo , sempre

    d'estate, a vedere la grotta con piscina di Tiberio a Sperlonga, sì faceva un po' caldo ma io non sudavo e quelli

    come fontanelle. Oggi invece ho sentito caldo, scusate scriverò domani.Buonanotte

  3. #3
    Opinionista
    Data Registrazione
    25/05/21
    Messaggi
    572
    Citazione Originariamente Scritto da Fiammetta Visualizza Messaggio
    OT: Cari amici, scusate che abbia interrotto il post, é che la mia stanza a nord

    con pareti spesse dava 35 gradi, anche altri anni ha fatto caldo ma non ricordo

    così tanto. Quindi sono uscita per comprare una medicina e poi mi sono ficcata in una

    gelateria a prendere ghiaccio e menta, ma mi comincio a preoccupare. Ricordo che negli ultimi

    anni che sono stata in Sardegna, alcuni amici venivano spesso per un drink dopo la cena e ricordo

    che faceva caldo e questi sudavano come fontane, io mai sudato e mi dissero, ma che i medici

    non sudano? Voi non avete caldo? Io sudavo pochissimo, quasi niente. Un altrp anno andammo , sempre

    d'estate, a vedere la grotta con piscina di Tiberio a Sperlonga, sì faceva un po' caldo ma io non sudavo e quelli

    come fontanelle. Oggi invece ho sentito caldo, scusate scriverò domani.Buonanotte

  4. #4
    Opinionista
    Data Registrazione
    25/05/21
    Messaggi
    572
    Jhon Milton II , Sonetto

    ON HIS BLINDNESS

    ,

    When I consider how my light is spent

    Ere half my days, in this dark world and wide,

    And that one talent, which is death to hide,

    Lodg'd with me useless, though my soul more be

    to serve therewith my Maker, and present

    my true account, ,lest he returning chide;


    CONTINUA

  5. #5
    ????? ???????????? L'avatar di Pazza_di_Acerra
    Data Registrazione
    09/12/09
    Località
    Sul pianeta Terra
    Messaggi
    28,178
    Milton divenne completamente cieco nel 1651 ; tuttavia continuò nel suo lavoro, assistito da una serie di segretari tra cui il poeta Andrew Marvell. Il suo sonetto ‘Sulla sua cecità’ accetta la sua disabilità senza rabbia, attirando il lettore alla famosa battuta finale ‘ Servono anche chi sta solo in piedi e aspetta.,‘
    Come a prova dell’argomento del suo sonetto sulla cecità, scrisse finalmente il grande poema epico che aveva concepito vent’anni prima, ‘ Paradise Lost. Questo fu pubblicato nel 1667, quando la monarchia era stata restaurata, due dei suoi libri erano stati bruciati in pubblico per sedizione, era stato arrestato, multato e poi rilasciato in pensione. Racconta la storia della caduta dell’Uomo: la tentazione di Adamo ed Eva da parte di Satana e la loro espulsione dal Giardino dell’Eden. Il suo argomento è dichiarato da Milton nel primo libro: “Giustificare le vie di Dio all’uomo”., Il suo tema è la libertà dell’uomo di scegliere; il poema esprime in una forma diversa le polemiche di alcuni dei suoi precedenti scritti in prosa. ‘Paradise Lost’ è potente e sonoro in alcuni passaggi, in altri sottilmente suggestivo; è unico nella sua serietà di tono, ambizione e scala.
    Milton morì di gotta nel 1674 e fu sepolto accanto a suo padre a St Giles’, Cripplegate.
    semel in anno licet insanire, cotidie melius

  6. #6
    Opinionista
    Data Registrazione
    25/05/21
    Messaggi
    572
    Citazione Originariamente Scritto da Pazza_di_Acerra Visualizza Messaggio
    Milton divenne completamente cieco nel 1651 ; tuttavia continuò nel suo lavoro, assistito da una serie di segretari tra cui il poeta Andrew Marvell. Il suo sonetto ‘Sulla sua cecità’ accetta la sua disabilità senza rabbia, attirando il lettore alla famosa battuta finale ‘ Servono anche chi sta solo in piedi e aspetta.,‘
    Come a prova dell’argomento del suo sonetto sulla cecità, scrisse finalmente il grande poema epico che aveva concepito vent’anni prima, ‘ Paradise Lost. Questo fu pubblicato nel 1667, quando la monarchia era stata restaurata, due dei suoi libri erano stati bruciati in pubblico per sedizione, era stato arrestato, multato e poi rilasciato in pensione. Racconta la storia della caduta dell’Uomo: la tentazione di Adamo ed Eva da parte di Satana e la loro espulsione dal Giardino dell’Eden. Il suo argomento è dichiarato da Milton nel primo libro: “Giustificare le vie di Dio all’uomo”., Il suo tema è la libertà dell’uomo di scegliere; il poema esprime in una forma diversa le polemiche di alcuni dei suoi precedenti scritti in prosa. ‘Paradise Lost’ è potente e sonoro in alcuni passaggi, in altri sottilmente suggestivo; è unico nella sua serietà di tono, ambizione e scala.
    Milton morì di gotta nel 1674 e fu sepolto accanto a suo padre a St Giles’, Cripplegate.

  7. #7
    Opinionista
    Data Registrazione
    25/05/21
    Messaggi
    572

    II PARTE di On My Blindness ndi John Milton

    II PARTE di On My Blindness.


    Doth God exact day-labour, light deni'd"

    I fondly ask:. but Patience prevent

    That murmur, soon replies:" God doth not need

    Either man's work, or His own gifts; who best

    Bear His mild yoke, they serve Him best:His state

    Is kingly; Thousands at His bidding speed,

    And post- o'ver land and ocean without rest;

    They also serve, who only stand and wait."

    FINE II PARTE

  8. #8
    Opinionista
    Data Registrazione
    25/05/21
    Messaggi
    572
    III parte On His Blindness

    Questo é uno dei tanti sonetti che babbo mi costrinse ad imparare a memoria,
    non si poteva discutere, forse cio' mi ha aiutato a superare tutti i quiz anche se
    le malattie hanno interferito.


    Traduzione, mia.

    Quando io penso a come la mia luce sia stata consumata
    prima della meta' dei miei giorni, in questo mondo buio e vasto,
    e quell'unico talento che é morte nascondere alloggia in me inutile benchè
    la mia anima sia ben disposta a servire con esso il mio fattore (Dio),
    e a presentare il mio giusto conto per paura che Egli contraccambi il rimpro
    vero, "Dio esige il lavoro giornaliero e negò la luce", io pazzamente chiedo
    ma la Pazienza per prevenire quelle lamentele subito replica: Dio non ha
    bisogno ne' del lavoro dell'uomo ne' dei suoi doni, chi meglio sopporta il suo
    lieve giogo egli lo serve meglio, il suo stato é regale. Migliaia ai suoi ordini si
    affrettano su terra e oceano senza riposo. Lo servono anche quelli che soffrono
    e aspettano.

    FINE

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •