Risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: La Lingua francese chiusa nel castello

  1. #1
    Opinionista
    Data Registrazione
    30/04/19
    Messaggi
    1,450

    La Lingua francese chiusa nel castello

    In Francia, a Villers-Cottorèts, nella Piccardia, nei giorni scorsi è stata inaugurata la “Cité internationale de la langue française”.

    Il presidente della repubblica francese, Macron, ha scelto come edificio quello che fu la residenza di caccia del re Francesco I, da dove il sovrano nel 1539 promulgò l’ordinanza che fece del francese la lingua di Stato e lo sostituì al latino.

    Il grande castello rinascimentale ha itinerari di visita che mescolano notizie sulla lingua francese con la storia dei luoghi.

    Dispositivi multimediali, documenti , testi, percorsi interattivi e giochi narrano l’evoluzione della lingua francese nello scritto e nel parlato. Si può ascoltare la ricostruzione, presunta, della voce e dell’accento di Francesco I.

    La Cité (e non museo) rappresenta l’ambizione della Francia di usare la propria lingua come strumento di influenza e per contrastare la cultura anglofona.
    I francesi hanno un’esagerata riverenza per la loro lingua, gli italiani, invece, spesso non rispettano la loro lingua. Basti pensare all’abuso degli anglicismi e alla nostra incapacità di coniare neologismi. Forse perché la consideriamo perdente.


    L’italiano supera il francese e diventa la quarta lingua più studiata nel mondo.


    Stilare una classifica delle lingue più parlate al mondo non è facile, perché è impossibile conoscere il numero preciso delle persone che parlano una determinata lingua. Si deve tener conto di quale istituzione rileva i dati e del momento storico in cui essi vengono raccolti, perché i numeri possono variare molto tra una rilevazione e un'altra.

    I risultati della classifica 2018 stilata da “Ethnologue”, pubblicazione cartacea ed elettronica del SIL International, che esamina migliaia di lingue nel mondo fornendo per ognuna di esse il numero dei parlanti, le regioni di diffusione, i dialetti, le affiliazioni linguistiche.

    I dati ci riservano una bella sorpresa su scala mondiale, infatti, dopo inglese, spagnolo e cinese, l'italiano è la quarta lingua più studiata, prima del francese. Una classifica ormai consolidata dal 2014-2015, quando lo studio dell'italiano ha registrato un boom, passando da 1,7 milioni di studenti (2013-2014) a più di 2 milioni il biennio dopo.

    L'italiano è sempre al quarto posto per l'anno accademico 2016/17, con 2.145.093 studenti raggiunti in 115 paesi tramite gli Istituti Italiani di Cultura.

    Se invece si focalizza lo studio alla sola Unione europea vediamo che per il 97,3% degli alunni delle scuole secondarie l'inglese è parte integrante dei programmi scolastici. Sempre secondo il rapporto della Commissione Europea del 2017, il francese è al secondo posto come lingua straniera studiata dal 33,8% degli alunni, seguita dal tedesco, seconda lingua straniera scelta dal 23,1% degli studenti europei, poi lo spagnolo (13,6%), il russo (2,7%) e l'italiano (1,1%).

    Una classifica diversa se si concentra sulla sola Italia, dove dietro l'inglese le lingue straniere più studiate risultano essere il francese (72,3%), lo spagnolo (18,8%) e il tedesco (8,7%). Ma questo trend è in evoluzione e in molte scuole italiane lo spagnolo sta diventando la seconda lingua straniera scelta dagli studenti, al posto del francese. In Italia, sia all'università che nel contesto di scuole private si registra anche un crescente interesse verso il cinese mandarino e un interesse nascente per l'arabo.

    Per quanto riguarda la lingua parlata al primo posto della classifica per numero di parlanti c'è l'inglese, utilizzato da un miliardo 190 milioni di persone, il 17% della popolazione mondiale. Al secondo il cinese mandarino parlato da un miliardo 107 milioni di individui, il 15,8% della popolazione del pianeta. Al terzo posto arriva l'hindi-urdu, lingua parlata da 697,4 milioni di persone. A seguire spagnolo (512,9 mln), arabo (422 mln), francese (284,9 mln), malese (281 mln), russo (264,3 mln), bengalese (261,8 mln) e portoghese (236,5 mln). L'italiano è invece al 21° posto della classifica, con oltre 67 milioni di parlanti e un interessante primato. Per via della forte emigrazione di italiani all'estero, è quella che viene parlata come madrelingua in più paesi, 26 in tutto.

    Quando si guarda invece al numero di persone madrelingue, la classifica cambia: il primo posto va al cinese mandarino con 908,7 mln, al secondo c'è lo spagnolo, madrelingua per 442,3 mln, seguito dall'inglese (378,2 mln), hindi-urdu (329,1 mln), bengalese (242,6), portoghese (222,7), russo (153,9), giapponese (128,2), giavanese (84,3) e cinese wu (80,7).
    Ultima modifica di doxa; 26-11-2023 alle 14:40

  2. #2
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    59,911
    Quella francese è la lingua più musicale.
    amate i vostri nemici

  3. #3
    ????? ???????????? L'avatar di Pazza_di_Acerra
    Data Registrazione
    09/12/09
    Località
    Sul pianeta Terra
    Messaggi
    28,660
    Citazione Originariamente Scritto da conogelato Visualizza Messaggio
    Quella francese è la lingua più musicale.
    Che stupidaggine.
    semel in anno licet insanire, cotidie melius

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BBAttivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG]Attivato
  • Il codice [VIDEO]Attivato
  • Il codice HTML � Disattivato