Pagina 1 di 2 1 2 UltimaUltima
Risultati da 1 a 15 di 19

Discussione: Carità romana

  1. #1
    Opinionista
    Data Registrazione
    30/04/19
    Messaggi
    1,471

    Carità romana

    Nell’antichità c’era la tendenza mito-poetica di personificare oggetti inanimati o fenomeni naturali attribuendo loro tratti (anche psicologici e comportamentali) umani, un esempio è la caritas, raffigurata nell’arte mentre elargisce pane ai poveri, oppure mentre allatta dei bambini. A quest’quest’ultima tipologia ho dedicato recentemente un topic.

    Ma è stata pure rappresentata come una donna che allatta un uomo anziano. Questa iconografia è conosciuta col nome di “Carità romana”, sia per distinguerla dall'altra sia perché è collegata ad un racconto di epoca romana: una giovane donna, di nome Perus o Pero, allatta il vecchio padre, Cimon o Micon, che è in prigione, salvandolo dalla morte per inedia.

    La leggenda è narrata dallo storico Valerius Maximus nel “Factorum et dictorum memorabilium libri IX”: una raccolta in 9 libri di fatti e detti memorabili, desunti dalla storia romana e da quella greca. Gli aneddoti sono moraleggianti. La finalità dell'autore è quella di descrivere esempi di comportamenti virtuosi.

    Ecco la storia della “Carità romana”: a Roma, in epoca repubblicana, Perus, ottenne il permesso di poter andare ogni giorno nel carcere dal padre, condannato a morire di fame.

    La donna aveva partorito da poco e allattava il figlio. Durante le sue visite giornaliere al genitore, in segreto lo nutriva con l’unico alimento a disposizione: il latte del suo seno. Tutto andò bene fino a quando le guardie cominciarono ad avere dei sospetti, infatti Cimon nonostante fosse molto dimagrito era ancora in vita.

    Un giorno un carceriere scoprì l’azione della donna e lo comunicò ai suoi superiori, che rimasero sorpresi e commossi, ma anziché punirla graziarono lei e il padre che tornò libero.

    Questa vicenda, nei secoli ispirò numerosi artisti fin dall’epoca romana.

    A Pompei, nel parco archeologico c’è la domus di Marcus Lucretius Fronto, sepolta durante l’eruzione del Vesuvio del 79 d. C.. Fu costruita nel II sec. a. C., successivamente ristrutturata e ampliata. Ha decorazioni pittoriche di notevole qualità.



    Pompei, atrio della domus di epoca romana di Marcus Lucretius Fronto

    A fianco del tablinum c’è un cubicolo, affrescato dopo il terremoto del 62 d. C.. Ha la zoccolatura di colore rosso scuro, decorata con la raffigurazione di piante. La zona mediana ha le pareti di colore giallo ocra, con al centro due scene contornate da raffigurazioni con ghirlande, frutta e amorini in volo: in un riquadro, il mito di Narciso, nel momento in cui ammira la sua immagine riflessa nell’acqua, nell’altro è rappresentata la giovane Pero che allatta in prigione il vecchio padre Micon salvandolo dalla morte a cui era stato condannato.

    Completa la decorazione due medaglioni con ritratti di fanciulli ai lati dell’ingresso. Forse era la camera da letto dei figli del proprietario a cui probabilmente erano rivolti i due esempi: la vanità e l’amore filiale verso i genitori.

    L'ambiente è illuminato dalla luce esterna che attraversa una finestra.


    Narciso si specchia nell’acqua, 50 – 79 d. C., Museo Archeologico, Napoli


    Micon e Pero, affresco, 50 – 79 d. C., Museo Archeologico, Napoli
    Ultima modifica di doxa; 06-02-2024 alle 13:54

  2. #2
    Opinionista
    Data Registrazione
    30/04/19
    Messaggi
    1,471
    Nel Medioevo, la vicenda di Pero e Cimon è tramandata da Giovanni Boccaccio nel 65/esimo capitolo del De mulieribus claris” (= le donne famose), testo in lingua latina scritto tra l’estate del 1361 e quella del 1362.

    L’opera descrive con finalità morali 106 donne dell’antichità e del Medioevo. Tramite le loro azioni, sia buone che malvagie, l’autore intendeva presentare esempi e spronare alla virtù.

    L’ispirazione per questo suo libro dedicato soltanto a donne famose gli era venuta dal “De viris illustribus” di Francesco Petrarca, che descrive biografie di uomini.

    Nell’ambito della pittura, nel 1606/1607 a Napoli Caravaggio dipinse una pala d’altare dedicata alle sette opere di misericordia corporale commissionata dalla locale “Confraternita del Pio Monte della Misericordia”, istituzione che si occupava di aiutare i bisognosi.

    Sei delle sette opere misericordiose sono narrate nel Vangelo di Matteo. La settima riguarda la sepoltura dei morti.

    I personaggi raffigurati sono disposti a raggiera. Tramite loro l’artista raffigura diversi episodi in un unico dipinto.


    Michelangelo Merisi, detto Caravaggio, Sette opere di misericordia, olio su tela, 1606 – 1607, Pio Monte della Misericordia, Napoli

    In un unico spazio sono uniti il divino e l’umano.

    In alto la Madonna col Bambino, accompagnati da due angeli con grandi ali piumate e in parte avvolti da panneggi, osservano le vicende umane sulla Terra.


    particolare della Madonna col Bambino



    particolare degli angeli

    L’opera, con ombre e luci, concentra in una visione d’insieme 14 personaggi che raffigurano le 7 opere di misericordia corporale in un ipotetico, brulicante scenario cittadino partenopeo.

    Segue
    Ultima modifica di doxa; 07-02-2024 alle 15:45

  3. #3
    Opinionista
    Data Registrazione
    30/04/19
    Messaggi
    1,471
    Le sette opere di misericordia corporale: 1 Dar da mangiare agli affamati 2 - Dar da bere agli assetati 3 - Vestire gli ignudi 4 - Alloggiare i pellegrini 5 - Visitare gli infermi 6 - Visitare i carcerati 7 - Seppellire i morti.


    1 Dar da mangiare agli affamati: rappresentato dall'episodio di Cimone e Pero; notare la goccia di latte sulla barba dell’anziano uomo, che sta bevendo dal seno della figlia.





    2 Dar da bere agli assetati: un uomo, in secondo piano sulla sinistra, beve da una mascella d'asino. Questa raffigurazione è l'unica che si discosta dalle altre, perché non c’è l'intervento di un individuo che soccorre un altro, ma l’azione divina.






    3 Vestire gli ignudi: in primo piano un giovane cavaliere, san Martino di Tours, dona il suo mantello a un uomo visto di spalle e seduto in terra. Dietro la testa del santo s'intravede l'orecchio di un'altra persona.




    segue
    Ultima modifica di doxa; 06-02-2024 alle 21:27

  4. #4
    Opinionista
    Data Registrazione
    30/04/19
    Messaggi
    1,471
    4 Ospitare i pellegrini: quest’opera di carità è riassunta da due figure:

    l'uomo in piedi sulla sinistra indica un punto verso l'esterno della composizione, come se volesse invitare il pellegrino, San Giacomo, raffigurato con il bordone e la conchiglia sul cappello (simboli del pellegrinaggio a Santiago de Compostela).





    5 Visitare gli infermi: allo stesso san Martino di Tours è collegata la figura dello storpio in basso nell'angolo buio a sinistra della scena; è disteso, è visibile un suo piede, ha le mani congiunte in preghiera e chiede aiuto al cavaliere.





    6 Visitare i carcerati:
    quest’opera di misericordia viene raffigurata da Caravaggio con gli stessi personaggi visti nella prima opera di carità: “Dar da mangiare agli affamati”, con Pero che allatta il padre rinchiuso nel carcere.





    7 Seppellire i morti: c’è un uomo con la fiaccola che fa luce sul percorso, un altro che trasporta la salma, della quale si vedono i piedi sopra un lenzuolo bianco.

    Ultima modifica di doxa; 06-02-2024 alle 21:28

  5. #5
    Opinionista
    Data Registrazione
    16/11/08
    Messaggi
    2,031
    Buonasera doxa, non rimane che ringraziarti per come descrivi la pittura del maestro Caravaggio nella sua pittura, per l'espressione che imprime nei personaggi, aggiungendo di mio un poco di fantasia osservando i volti dei personaggi sembra di sentirli parlare e poi la luce che esalta con il contrasto della oscurità, il movimento delle vesti dove i personaggi impreziosisce l'insieme del quadro nella fattispecie dei quadri. Quanto avrei desiderato essere stato nella mente dell'illustre pittore quando nasceva in lui l'ispirazione dei suoi capolavori.

  6. #6
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    60,002
    Doxa è come il vino: più passa il tempo e più migliora. Questo argomento è oltremodo importante e commovente. Anche la Bibbia pone spesso attenzione alla cura dei genitori anziani....

    "Figlio, soccorri tuo padre nella vecchiaia,
    non contristarlo durante la sua vita.
    Anche se perdesse il senno, compatiscilo
    e non disprezzarlo, mentre sei nel pieno vigore.
    Poiché la pietà verso il padre non sarà dimenticata,
    ti sarà computata a sconto dei peccati."

    Siracide 3
    amate i vostri nemici

  7. #7
    Citazione Originariamente Scritto da doxa Visualizza Messaggio
    notare la goccia di latte sulla barba dell’anziano uomo, che sta bevendo dal seno della figlia.


    non l'avevo mai notata (distratto dagli angeli che fanno la voltarella tra le lenzuola che attorniano la finestra con la madonna col bambino "raffaellesca di Forcella o Pizzofalcone", come dice il Longhi nel "Caravaggio")

    Ultima modifica di restodelcarlino; 07-02-2024 alle 12:02

  8. #8
    Opinionista
    Data Registrazione
    30/04/19
    Messaggi
    1,471
    Durante, Cono, Carlino vi ringrazio per la vostra pazienza nel leggere i miei post.

    Dopo la pala d'altare di Caravaggio, che ho descritto nel precedente post, numerosi pittori vollero esprimere il loro talento artistico dedicandolo anche al tema di Pero e Cimone. La “moda” iniziò nel 1610-12 e durò circa due secoli. Si diffuse in Italia, Francia, Paesi Bassi, parteciparono pure gli spagnoli Jusepe de Ribera e Bartolomé Esteban Murillo.

    Oggi offro alla vostra visione la “Carità romana” immaginata da un pittore di origine tedesca ma risiedeva ad Anversa, in Belgio, mi riferisco a Pieter Paul Rubens, che dal 1600 al 1608 soggiornò in varie città italiane, in particolare a Venezia, Mantova e Roma. In queste località affinò la sua arte ammirando le opere di noti pittori italiani.

    Il fiammingo Rubens è considerato un precursore dello stile barocco.


    Pieter Paul Rubens, Carità romana, olio su tela, 1612 circa, Museo dell’Ermitage, San Pietroburgo.


    Nel 1630 Rubens tornò su questo tema ma titolò la tela “Cimone e Pero”



    Pieter Paul Rubens, Cimone e Pero, olio su tela, 1630, Rijksmuseum, Amsterdam.

    In questa versione padre e figlia sono seduti su un baule. Pero è una bionda donna pletorica, di carnagione chiara. L’attenzione ai dettagli nel corpo dell'uomo e nei vestiti mostra la capacità dell'artista di creare una sensazione di realismo nel suo lavoro.
    Ultima modifica di doxa; 07-02-2024 alle 18:34

  9. #9
    Opinionista
    Data Registrazione
    30/04/19
    Messaggi
    1,471
    Oggi virtualmente rimango in Belgio. Ieri ad Anversa con Rubens, stamane sono a Gand per mostrarvi un gruppo scultoreo che raffigura la “Carità romana”: Pero che allatta il padre.



    Questa torre campanaria del XIV secolo, alta 95 metri, è il beffroi: la torre civica.

    Adiacente c’è l’edificio rettangolare del XV secolo. Fu costruito per le transazioni commerciali di tessuti. Successivamente i locali furono adibiti ad altre funzioni.

    L’attigua e più bassa palazzina fu costruita nel 1741 come nuovo carcere della città e alloggio del comandante delle guardie carcerarie. Nel nostro tempo ospita gli uffici del difensore civico.



    Sul timpano della porta d’ingresso c’è il gruppo scultoreo che raffigura la “Carità romana"; in modo scherzoso e in dialetto gli abitanti l’hanno denominata “Mammelokker (= succhiaseno), parola composta da “mamme” (= seno) + “locks” (= succhiare).







    p. s. Carlino quel che ho scritto in questo post ci sono errori ed omissioni ?

  10. #10
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    60,002
    Rubens è famoso per la sua incredibile capacità di spaziare nell'animo femminile: dalla Carità pietosa di Pero verso il padre, alla crudeltà cinica di Dalila verso Sansone. Conosci quel dipinto, Doxa?
    amate i vostri nemici

  11. #11
    Citazione Originariamente Scritto da doxa Visualizza Messaggio
    Oggi virtualmente rimango in Belgio. Ieri ad Anversa con Rubens, stamane sono a Gand per mostrarvi un gruppo scultoreo che raffigura la “Carità romana”: Pero che allatta il padre.



    p. s. Carlino quel che ho scritto in questo post ci sono errori ed omissioni ?
    Mi sembra tu fossi a

    Rijksmuseum, Amsterdam e Museo dell’Ermitage, San Pietroburgo



    Scherzi a parte

  12. #12
    Opinionista L'avatar di follemente
    Data Registrazione
    22/12/09
    Località
    Al mare
    Messaggi
    10,817
    Thread meraviglioso, Doxa.
    Scusami se ti leggo sempre solo alla fine, solo quando mi ritaglio il tempo necessario per assaporare ciò che tu scrivi e pubblichi.

    Tu pensa, l'opera di Caravaggio che analizzi non l'avevo mai guardata con la tua stessa attenzione.

    All'Ermitage ci devo ancora andare, come pure a Gand.Ma il quadro di Rubens al Rijksmuseum l'ho visto.

  13. #13
    Opinionista
    Data Registrazione
    30/04/19
    Messaggi
    1,471
    Cono ha scritto
    Doxa è come il vino: più passa il tempo e più migliora.
    Gentile Cono, si, ormai sono come un vino da meditazione in ambiente “celestiale”.

    Per le mie meditazioni paradisiache scelgo vini caratterizzati da sapori e profumi molto intensi, che per essere apprezzati nelle loro sfumature necessitano di tempo, calma, e assaporati lentamente.

    Debbo dirti però che da quando dialogo con te nel forum le mie scelte sono cambiate. Ormai mi limito a centellinare con compiacimento soltanto due di quei vini: il “Santo Spirito” (vino liquoroso da dessert, lo sorseggio come post prandiale nel salotto) e il "vin santo" per il dopo cena, sempre accompagnato dal suono dell’arpa.

    Sto scherzando, non mi dedico alla meditazione né al bere dopo i pasti.

    Torno al tema…, per dirti che furono numerosi gli artisti che si dedicarono a realizzare la raffigurazione della “Carità romana”. Scegliere tra loro non è facile, ed io col passar del tempo sto diventando un irrequieto. Mi annoiano i topic con numerosi post. Perciò il thread lo concludo con questo.

    Stamane a Roma io e te andiamo virtualmente insieme a visitare la chiesa dedicata a Sant’Isidoro degli Irlandesi, in via degli Artisti, nei pressi di via Veneto.


    veduta della facciata e del campanile della chiesa di Sant’Isidoro, con annesso convento francescano.

    La storia di questa chiesa con l'annesso convento francescano risale al 1622, in occasione della canonizzazione di cinque santi, fra i quali lo spagnolo Isidoro Agricola, il “santo contadino nato a Madrid nel 1080 e morto nella stessa città nel 1130. Gli furono attribuiti eventi prodigiosi e considerato protettore dei campi e dei raccolti, come una divinità pagana.

    In quell’anno alcuni francescani spagnoli vollero fondare un ospizio per i loro connazionali pellegrini di passaggio a Roma, e da dedicare a quell’Isidoro.

    Nel 1624 il complesso edilizio era ancora incompiuto. E la sua storia ebbe un’altra trama con l’arrivo a Roma del teologo francescano Luca Wadding, di origine irlandese, scelto dal re di Spagna per la delegazione inviata per incontrare il pontefice Paolo V.

    Wadding ricevette anche l’incarico di occuparsi di quel cantiere. Il frate, con l’aiuto dei benefattori, fece concludere i lavori. La chiesa fu consacrata nel 1686 ma la facciata fu completata nel 1704.

    L’interno della chiesa è a navata unica a croce latina e con volta a botte, e quattro cappelle laterali. Nel soffitto è affrescata “Gloria di Sant’Isidoro”, realizzata da Charles-André Van Loo nel 1729.


    Interno della chiesa di Sant’Isidoro degli Irlandesi.

    Una delle quattro capelle laterali è la barocca Cappella de Sylva, realizzata tra il 1661 e il 1663 su progetto di Gian Lorenzo Bernini. Qui è possibile ammirare l’ovale pala d’altare che raffigura l’Immacolata Concezione, dipinta da Carlo Maratta nel 1663; alle pareti ritratti funebri di appartenenti alla famiglia de Sylva e quattro allegoriche virtù.





    sulla parete sinistra le virtù della Carità (in primo piano) e della Verità

    I restauri eseguiti nel 2002 hanno permesso di scoprire un caso di censura sulle sculture di due Virtù, la Verità e la Carità, in questo caso “romana”, ma senza la statua che raffigura Micon mentre sugge il latte dal seno della figlia.

    Bernini aveva ideate le due virtù con i seni prosperosi. Nel 1860, i religiosi irlandesi ritennero indecenti e provocanti le nudità e le posture delle due sculture, perciò fecero coprire quei seni con pudiche camicie di bronzo, avvitate al marmo e dipinte in nero. Furono tolte nel 2002 durante i restauri.


    Personificazione della Carità: prima e dopo il restauro


    Personificazione della Verità prima e dopo il restauro.


    p. s.. Buongiorno Lady Folle, grazie per la tua attenzione ai miei post. Ma “una domanda mi sorge spontanea”: le altre ladies che frequentano il forum perché non commentano ciò che scrivo ? Gradirei da loro anche critiche per “migliorarmi”, invece… c’è il silenzio “assordante”. Da cosa dipende ? La sensibilità artistica l’hanno soltanto i maschi ? Mi riferisco a Cono, Carlino e Durante.

    C'è un'eccezione: la nostra Regina d’Autunno, che gentilmente legge i miei post e li apprezza.

    Ciao Lady Folle
    Ultima modifica di doxa; 09-02-2024 alle 18:11

  14. #14
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    60,002
    Allora Follemente raccontaci cosa ti ha trasmesso

    Doxa, se te porti il Vinsanto io i cantuccini: binomio inscindibile!
    Ultima modifica di conogelato; 09-02-2024 alle 10:19
    amate i vostri nemici

  15. #15
    Opinionista L'avatar di follemente
    Data Registrazione
    22/12/09
    Località
    Al mare
    Messaggi
    10,817
    Citazione Originariamente Scritto da conogelato Visualizza Messaggio
    Allora Follemente raccontaci cosa ti ha trasmesso
    Ho visto il quadro dieci anni fa tra la Ronda di notte di Rembrandt, La lattaia di Vermeer, Ritratti di Hals e millemila altri quadri: non penserai mica che mi ricordi di tutto?

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BBAttivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG]Attivato
  • Il codice [VIDEO]Attivato
  • Il codice HTML � Disattivato