Risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: Sentiero

  1. #1
    Opinionista
    Data Registrazione
    30/04/19
    Messaggi
    1,527

    Sentiero

    Divagazioni sui sentieri.

    Sono consapevole che soltanto alcuni dei miei topic sono suscettibili di scambio di opinioni, perché di solito mi dedico alle divagazioni che meritano la sola lettura, ma anche queste sono utili nel forum nei giorni carenti di dibattiti.

    A volte basta una parola, una sola parola permette di comporre alcuni post, un esempio è il sostantivo “sentiero”, può condurmi ovunque: sui monti, al mare, in un bosco...


    Vincent van Gogh, “Sentiero nel bosco, olio su tela, 1887, Van Gogh Museum, Amsterdam

    Van Gogh lo realizzò mentre era a Parigi, dal 1886 al 1888.

    In questo dipinto riuscì ad armonizzare colori contrastanti.

    La luce solare penetra tra i rami degli alberi e tra le foglie sparse sul sentiero, colorandole con numerose sfumature.

    Nelle zone d’ombra il fogliame presenta varie tonalità di ocra e di verde, attraverso esse compare il colore celeste del cielo.

    segue

  2. #2
    Opinionista
    Data Registrazione
    30/04/19
    Messaggi
    1,527
    La parola “sentiero” deriva dall’antico francese “sentier”, e questo dal tardo latino “sēmĭta, che nel tempo subì la modifica in "semitarium" (o "semiterium "), a sua volta derivato da "semitarius".

    Nell’antica Roma c’era una via denominata “Alta Semita” (= sentiero alto, in latino), corrispondeva all’ingresso in città della Via Salaria e della Via Nomentana, attraverso la Porta Collina. Il suo percorso corrisponde alle attuali via del Quirinale e via XX Settembre, lungo la sommità del Colle Quirinale.

    La Porta Collina: era una delle 4 porte urbiche nelle mura difensive di Roma nel VI sec. a. C.. Secondo la tradizione in epoca monarchica le fece costruire il re Tarquinio Prisco, poi fatte ampliare dal successore, Servio Tullio, il sesto dei cosiddetti “Sette re di Roma”, e da questo presero il nome di “Mura Serviane”.


    tratto di mura serviane al di fuori della Stazione Termini



    Quella porta nella cinta muraria era collocata all'incrocio tra le attuali via Goito e via XX Settembre. Fu demolita nel 1872 per la costruzione del grande edificio del Ministero dell’Economia (ex Ministero delle Finanze).

    In epoca imperiale il percorso dell’Alta Semita fu interrotto nel 112 per la costruzione del foro e dei mercati traianei, progettati dall’architetto Apollodoro di Damasco durante l’impero di Traiano. Furono edificati per celebrare la vittoria dei Romani sui Daci.

    Altra deviazione l’Alta Semita l’ebbe nel 315 circa sul colle del Quirinale per la costruzione delle Terme di Costantino I. Questo complesso termale fu l’ultimo del suo genere nell’antica Roma. Era ubicato nell’area attualmente compresa tra piazza del Quirinale, via Ventiquattro Maggio, via della Consulta e via Nazionale, in corrispondenza dei giardini di palazzo Rospigliosi. Queste terme furono danneggiate nel 367 da un incendio, saccheggiate nel 410 dai Goti comandati da Alarico. Restaurate nel 443 e abbandonate all’inizio del Medioevo.

    Costantino I aveva la sovranità sulla pars occidentalis dell’impero romano, invece Licinio regnava sulla pars orientalis.
    E’ quel Costantino che nel gennaio del 313 a Milano permise (d’accordo con Licinio) di rendere il cristianesimo “religio licita” e autorizzò la restituzione alla Chiesa dei beni confiscati.


    Dalla Porta Collina l’Alta Semita entrava in città, passava vicino le Terme di Diocleziano e al tempio di Serapide, scendeva dal Colle Quirinale verso il Foro (Forum magnum, di epoca repubblicana) e forse si raccordava al Vicus Iugarius: significa "strada dei costruttori di gioghi”: il “giogo” è un attrezzo che serve per la trazione animale; è una barra trasversale che viene per esempio applicata al collo di una coppia di buoi, usati per trainare un carro o un aratro.



    segue
    Ultima modifica di doxa; 01-04-2024 alle 10:41

  3. #3
    Sovrana di Bellezza L'avatar di ReginaD'Autunno
    Data Registrazione
    01/05/19
    Località
    In un incantevole paese della regione dei trulli
    Messaggi
    10,264
    Bellissime immagini per delle belle spiegazioni come sempre doxa, grazie!
    Corteggiata da l'aure e dagli amori, siede sul trono de la siepe ombrosa, bella regina dè fioriti odori, in colorita maestà la rosa CLAUDIO ACHILLINI

  4. #4
    Opinionista
    Data Registrazione
    30/04/19
    Messaggi
    1,527
    Nel precedente post ho citato il Vicus Iugarius: nell’Urbe collegava il forum magnum ai fora Holitorium, Bovarium e l’area del porto fluviale.

    [Una strada era detta vicus se in un tratto in piano, clivus se in salita. Il termine “via” veniva dato solo a poche strade, come la Via Sacra e la Via Nova].

    Il Foro Olitorio (Forum Holitorium in latino) è un'area archeologica alle pendici del Campidoglio tra il Teatro di Marcello e il Foro Boario.

    In epoca romana il forum Holitorium era adibito a mercato della frutta e della verdura. Al suo interno c’era una statua bronzea di elefante: l’Elephas Herbarius; una zona era riservata a tre tempietti dedicati rispettivamente a Giano, Speranza e Giunone Sopita.


    In primo piano la posizione dei tre templi rettangolari del V sec. a. C. nel Foro Olitorio. Sulla sinistra il Teatro di Marcello. Chi era ? Marco Claudio Marcello era il nipote di Cesare Ottaviano Augusto, figlio della sorella Ottavia, che Augusto aveva designato come suo erede, dandogli in moglie la propria figlia Giulia, ma morto prematuramente.


    Veduta di ciò che resta del Teatro di Marcello con le superfetazioni adibite ad abitazioni


    Nelle vicinanze c’era il Foro Boario (in latino Forum Boarium o Bovarium), dedicato al mercato del bestiame e della carne.


    (dal plastico nel Museo della Civiltà Romana, nel quartiere E.U.R.): in basso, al centro dell’immagine, l’area pianeggiante del foro boario. Anche in questa zona commerciale c’erano dei templi: il tempio e l'ara dedicati ad Ercole Vincitore e il tempio di Portunus (tempio della Fortuna Virilis).

    Visibili le fluviali banchine del Portus Tiberinus, adiacente al Pons Aemilius (Ponte Emilio), il più antico ponte in pietra sul Tevere (Tiber).

    segue

  5. #5
    Opinionista
    Data Registrazione
    30/04/19
    Messaggi
    1,527
    Di solito un sentiero viene creato dal continuo passaggio di animali e persone.



    Camminare nei sentieri che s’inoltrano nei boschi di pino silvestre, abeti, faggi e betulle. E’ un andare secondo natura, come i Sami e gli Inuit, senza mappe o GPS, affidandosi al sole, ai crinali dei monti, ai venti, alla visione dell’ambiente avvolto dal silenzio, avvolgente come la nebbia. Un passo dietro l’altro nell’inconoscibile, solo con l’uso degli occhi e della mente, e diventa psicoterapia itinerante. Sostare e contemplare il mistero dell’universo, come davanti a un disvelamento.



    tipico sentiero prealpino

    Seguire un sentiero che s’inoltra tra vegetazioni spesso selvatiche è un’esperienza interessante ma nel contempo inquietante.


    La Commissione Escursionismo del Club Alpino Italiano ha classificato i sentieri in sette tipologie:

    1. turistico, sentiero facile in località turistiche;

    2. escursionistico, anche questo privo di difficoltà e collegato a dei rifugi per la sosta;

    3. attrezzato, per escursionisti esperti e caratterizzato dalla presenza di funi o scale;

    4. alpinistico, con dei gradi di difficoltà, adatto a escursionisti esperti e necessita di un equipaggiamento adeguato;

    5. via ferrata, è su pareti rocciose e sulle creste montuose, attrezzato con funi o scale;

    6. storico, importanza della via e ne valorizza l’aspetto culturale;

    7. tematico, a scopo formativo, non presenta eccessive difficoltà.

    Esistono anche altri tipi di classificazione. Una è relativa alla lunghezza e suddivide i sentieri in breve, media e lunga percorrenza. I primi sono itinerari circolari, senza grandi difficoltà con una durata massima di due giorni. I secondi, supportati da attrezzature ricettive, adatti ad escursionisti esperti e possono prevedere una camminata sino a sette giorni. Quelli di lunga percorrenza si caratterizzano per la durata di molti giorni di marcia e sono dotati della necessaria ricettività lungo il percorso.

    Un’altra classificazione è legata al carattere funzionale dei sentieri. Li divide in sentieri:

    di fondovalle, che collegano i paesi tra di loro;

    di accesso dai fondovalle, che conducono ai rifugi montani ai passi e cime.

    attrezzati:
    sentieri dotati di segnaletica, tratti attrezzati (scale di ferro, cordini, staffe, appigli, ecc.)

    vicinali: sentieri creato su un fondi privati e usati per collegarsi a una pubblica via. Nelle mappe catastali possiamo riconoscere il sentiero vicinale in quanto nella sua intersezione con le strade principali è chiuso e non ha un passo carrabile. Di fatto viene usato solo per il passaggio di persone e animali in quanto privo dei requisiti necessari occorrenti per il transito di automezzi.

    Un sentiero è utile se viene usato. Scoprire nuovi sentieri o rendere fruibili quelli coperti da rovi ed erbacce, significa creare le condizioni per continuare la funzione che aveva quando fu realizzato.



    sentiero costiero che conduce al faro sul promontorio

    Amabile Regina d’Autunno ora lascio alla tua indole poetica e ad altri volenterosi continuare le divagazioni sui sentieri.
    Ultima modifica di doxa; 01-04-2024 alle 12:32

  6. #6
    Sovrana di Bellezza L'avatar di ReginaD'Autunno
    Data Registrazione
    01/05/19
    Località
    In un incantevole paese della regione dei trulli
    Messaggi
    10,264
    Il foro boario e il sentiero costiero sono quelli che mi piacciono di più!
    Il primo perchè sembra fiabesco, il secondo perchè è vicino al mare ed io il mare l'adoro! Grazie doxa
    Corteggiata da l'aure e dagli amori, siede sul trono de la siepe ombrosa, bella regina dè fioriti odori, in colorita maestà la rosa CLAUDIO ACHILLINI

  7. #7
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    60,376
    Noi abitiamo proprio lungo un sentiero vicinale.....
    amate i vostri nemici

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BBAttivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG]Attivato
  • Il codice [VIDEO]Attivato
  • Il codice HTML � Disattivato