Risultati da 1 a 15 di 15

Discussione: Frasi fatte e frasi fatte

  1. #1
    Alive and Kickin' L'avatar di Jerda
    Data Registrazione
    12/04/19
    Località
    Amsterdam
    Messaggi
    2,132

    Frasi fatte e frasi fatte

    Frasi fatte accettate da tutti come tali e condannate perché ritenute false senza spiegazione, è comodo liquidarle come tali, anche se l'accusa di aver detto una frase fatta non ha mai senso in sé:

    "aiutiamoli a casa loro!"
    "non sono razzista, ma..." bella frase per concludere tutto quello che c'è dopo il "ma" e chiudere argomenti spinosi senza analisi
    ...e altre che non mi vengono in mente per ora.

    Chiamarle frasi fatte serve tanto, perché quando vengono riconosciute tali si chiude il discorso, con gli altri e la propria testa. Niente dubbi interiori, niente repliche da fuori.

    Altre frasi fatte, se chiamate proverbi, sono verissime e le chiamiamo in modo diverso per questo: riconoscerle tali porterebbe a una cassazione del concetto de facto, come per le prime: non deve succedere.

    "tra moglie e marito non mettere il dito" (beh, chiunque abbia un minimo di esperienza lo sa)
    "non dire gatto se non l'hai nel sacco" (un'altra cosa che la vita insegna prima o poi a tutti)

    Frasi fatte che dobbiamo socialmente dire anche se pensiamo al contrario: guai a chiamarle frasi fatte anche se lo sono, ci servono. In questo caso l'essere frase fatta non impedisce di pensarlo e non si può chiudere un discorso altrui chiamandole così. Si sarà investiti da una pioggia di "si, ma che c'entra..."

    "si, ma che c'entra" appunto. Quando un paragone non piace, nemmeno pasta al tonno e pasta alle sarde possono essere confrontate senza critica. L'uomo "anticorpo dell'inconscio collettivo sociale" si ribella: fanno eccezione anche se frasi fatte. Viceversa quelle che a tutti stanno sulle palle sono false solo perché frasi fatte, attenzione, senza ulteriore spiegazione. Quest'ultimo tra l'altro è il punto del 3d: lasciare che una frase comune, per motivi sociali, venga criminalizzata per motivi tra lo snobismo e la non-logica: una frase è vera o falsa a prescindere da chi l'ha detta e da quanti l'hanno detto prima, ma riconosciamo questo principio solo a intermittenza.

    "Tornassi indietro, rifarei tutto"
    "Tutti hanno diritto alla vita"
    "Quella è una persona! Non una bestia!"
    "prima le donne e i bambini"
    "non si ruba, mai"
    "le razze non esistono" (triste, unico modo per non essere razzisti, si devono negare le differenze che mettono in crisi, per niente scientifico)
    "il suicidio non è mai una soluzione"
    "bisogna rispettare la gente anziana"

    Magari condivisibilissime, ma condivise di solito senza nessun pensiero o perché l'unica cosa da dire.

    ... viene più difficile, pensando a tutti i luoghi comuni e non solo a quelli che vogliamo condannare e cassare senza crisi in quanto tali, tornare a usare l'argomentazione "ma questa è una frase fatta" per convincere o convincersi, pensandoci su? Per me si.

    Altri esempi, opinioni?
    Ultima modifica di Jerda; 20-11-2019 alle 13:17
    Il vostro compito non è cercare l’amore, ma, semplicemente, cercare e trovare dentro di voi tutte le barriere che avete costruito contro di esso.

    Giamal al-Din Rumi

  2. #2
    Opinionista L'avatar di follemente
    Data Registrazione
    22/12/09
    Località
    Al mare
    Messaggi
    5,133
    Degli immigrati: se sei buonista, ospitali a casa tua.

  3. #3
    Eufonista L'avatar di BiO-dEiStA
    Data Registrazione
    22/02/10
    Località
    La terra delle tre stirpi
    Messaggi
    5,341
    Le donne si sentono in pieno diritto di cambiare idea ogni 30 secondi. Per fortuna che gli uomini sono scemi.
    Citazione Originariamente Scritto da Careful with that Visualizza Messaggio
    i miei post in media sono di una dozzina di righe, al più;
    Citazione Originariamente Scritto da Ned Flanders Visualizza Messaggio
    Sono stato tanto...ma tanto Laurina, lontano dal Signore: Ne ho combinate di cotte e di crude. Ti basti sapere soltanto questo....

  4. #4
    Si stava meglio quando si stava peggio!!

    Quante volte l'ho sentita!!
    Bambol utente of the decade

  5. #5
    Opinionista L'avatar di King Kong
    Data Registrazione
    05/07/17
    Messaggi
    715
    Non sono né di destra né di sinistra...
    Aut hic aut nullubi

  6. #6
    Il tempo è tiranno... disse Sauro.
    Bambol utente of the decade

  7. #7
    Opinionista L'avatar di Turbociclo
    Data Registrazione
    28/04/19
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,743
    Non ci sono più le mezze stagioni.
    E poi...

    14ac943b45837ea4d3661ca7209adc31.jpg
    È il tempo che hai perduto per la tua rosa che ha reso la tua rosa così importante

  8. #8
    Opinionista L'avatar di Turbociclo
    Data Registrazione
    28/04/19
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,743
    È il tempo che hai perduto per la tua rosa che ha reso la tua rosa così importante

  9. #9
    Opinionista L'avatar di Turbociclo
    Data Registrazione
    28/04/19
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,743
    È il tempo che hai perduto per la tua rosa che ha reso la tua rosa così importante

  10. #10
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    51,283
    "Assolutamente si" (che fastidio sentirlo continuamente ripetere)
    amate i vostri nemici

  11. #11
    Alive and Kickin' L'avatar di Jerda
    Data Registrazione
    12/04/19
    Località
    Amsterdam
    Messaggi
    2,132
    ...

    Ma io avevo impostato una discussione sull’illusorietà del concetto per cui un’ opinione può comodamente essere “scacciata dalla mente” in quanto “luogo comune”, per sminuirle ed esorcizzarle solo in quanto tali, come scorciatoia intellettuale, senza che questa caratteristica (chiamarla frase fatta come peggiorativo solo perché lo dicono in tanti, concetto anche un po’ snob) abbia alcun significato in sé e mettendo in evidenza come sulle varie cose si debba pensare singolarmente.
    Lo “sbeffeggiamento” di un’idea (ma solo quelle scomode) che propiniamo come sbagliate solo in quanto luoghi comuni e quindi fondamentalmente ripetute da tanti non vale, sia perché molte frasi che sono luoghi comuni le riteniamo vere automaticamente ma non le chiamiamo luoghi comuni, perché luogo comune è una definizione negativa che creiamo a convenienza e talmente interiorizzata che pare obiezione convincente per un’illusione collettiva molto comoda, e sbeffeggiare le idee in quanto luoghi comuni è limitativo e incoerente, e serve solo a sentirsi meglio di altri che li seguono mentre ne abbiamo anche noi. Un 3d intellettualmente provocatorio per costringere a non poter cassare un’idea come luogo comune. Una critica al 3d di Magiostrina e un’invito ad analizzare le cose che crediamo da sempre...
    Ultima modifica di Jerda; 21-11-2019 alle 08:13
    Il vostro compito non è cercare l’amore, ma, semplicemente, cercare e trovare dentro di voi tutte le barriere che avete costruito contro di esso.

    Giamal al-Din Rumi

  12. #12
    Alive and Kickin' L'avatar di Jerda
    Data Registrazione
    12/04/19
    Località
    Amsterdam
    Messaggi
    2,132
    Ad esempio: non ci sono più le mezze stagioni. Spesso quando dico qualcosa di scomodo che la zona di comfort degli altri spinge a scacciare subito dalla mente vengono definiti in 0,2 secondi luoghi comuni per non pensarci se sono veri.

    Dico qualcosa di impopolare detto in qualche altro modo da altri, e il compagno di turno:”si, e non esistono più le mezze stagioni
    Beh grazie amico: dato che queste effettivamente non si vedono più granché, sembra che tu mi stai dando ragione
    Ultima modifica di Jerda; 21-11-2019 alle 08:15
    Il vostro compito non è cercare l’amore, ma, semplicemente, cercare e trovare dentro di voi tutte le barriere che avete costruito contro di esso.

    Giamal al-Din Rumi

  13. #13
    Eufonista L'avatar di BiO-dEiStA
    Data Registrazione
    22/02/10
    Località
    La terra delle tre stirpi
    Messaggi
    5,341
    Logica direbbe che quando si presenta un caso in cui la proposizione non è vera, tale proposizione sia falsa. Lontano dai formalismi e dagli assiomi della matematica, il linguaggio discorsivo di tutti i giorni offre magnifici spunti di generalizzazione, che va a braccetto con l'indeterminazione. Un'affermazione fattuale può essere ritenuta più vera di una induttiva o interpretativa, ma la stessa descrizione di un fatto si rivela un'interpretazione effettuata su una norma tanto implicita quanto non formalizzata, ossia quella che definisce i punti salienti e di conseguenza relega all'irrilevanza tutti gli altri.
    A riprova di ciò, basti chiedere al sillogista di turno di definire uno qualsiasi dei concetti che dà per scontati nel suo costrutto. Ne vedremo delle belle, ma chi è senza peccato scagli la prima pietra: anche fra i parlanti una stessa lingua si sta poco a scoprire che l'accordo sulle parole non è affatto così preciso come sembra, e che la definizione delle parole della lingua in termini di se stessa (funzione metalinguistica) non fa altro che nascondere la polvere sotto il tappeto, riproponendo il problema a un altro livello.
    A questo mondo concetti come perfezione, amore e simili sono un'illusione a cui ciascuno dà il significato che preferisce, salvo relegarli ad altre dimensioni o ad altri dei. Eppure il linguaggio funziona. Certo che funziona, con buona pace di Wittgenstein, e funzionano anche i sistemi automatici; basta riuscire a ridurre l'indeterminazione, ovvero il rumore di fondo, entro limiti accettabili, e mantenere la retroazione nei confini della stabilità.
    Non so esattamente cosa ho detto e poco me ne frega, ma sono praticamente certo che ciascuno, se sarà arrivato a leggere fin qua, sarà anche in grado di attribuire alle mie parole un significato qualsiasi, purché sia quello che preferisce.
    Citazione Originariamente Scritto da Careful with that Visualizza Messaggio
    i miei post in media sono di una dozzina di righe, al più;
    Citazione Originariamente Scritto da Ned Flanders Visualizza Messaggio
    Sono stato tanto...ma tanto Laurina, lontano dal Signore: Ne ho combinate di cotte e di crude. Ti basti sapere soltanto questo....

  14. #14
    Opinionista L'avatar di Turbociclo
    Data Registrazione
    28/04/19
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,743
    Non esistono più le mezze stagioni

    Quando c’è la salute, c’è tutto

    Non è per i soldi, ma per una questione di principio

    Il nero sfina

    Nella splendida cornice di…

    Allo stato dell’arte

    Oggi come oggi

    L’eccezione che conferma la regola

    Non c’è due senza tre

    La matematica non è un’opinione
    È il tempo che hai perduto per la tua rosa che ha reso la tua rosa così importante

  15. #15
    Opinionista L'avatar di LadyHawke
    Data Registrazione
    29/04/19
    Messaggi
    1,328
    Le frasi fatte sono semplicemente dei modi di dire, luoghi comuni che contengono spesso mezze verità, non è detto che siano sempre condivisibili e non possano essere messe in discussione dipende anche dal contesto in cui vengono inserite, forse non si dovrebbe abusarne nei discorsi.
    Per esempio "non esistono più le mezze stagioni" non va preso alla lettera,è evidente che il clima non è lo stesso di quarant'anni fa, ma è in continuo cambiamento, non da oggi e neanche da ieri, ma da sempre.
    Anche "il nero che sfina," be' non vuol dire che dimostri due o tre taglie in meno ma per me significa semplicemente che il nero non essendo appariscente come un colore chiaro e vivace,tende a nascondere, a notarsi di meno, quindi si noteranno meno i rotolini, sui fianchi, in vita, rispetto ad un altro colore
    E via dicendo.
    "le razze non esistono" (triste, unico modo per non essere razzisti, si devono negare le differenze che mettono in crisi, per niente scientifico)
    Per conto mio non è un triste modo per non sentirsi razzisti, un tempo pensavo anch'io che esistessero differenziazioni di razze nell'essere umano, ma pare che scientificamente non sia così, nessuno nega che esistono differenze somatiche, colore della pelle, occhi tipici , è palese che un africano ha caretteri fisici diversi da un nord europeo, ma apparteniamo tutti a un'unica razza, quella umana, discendenti dell'homo sapiens perchè siamo il risultato di continue migrazioni e mescolanza di caratteri e geni fin dalla preistoria e non c'è stato un periodo così lungo di isolamento per poter parlare di una razza diversa.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •