Pagina 6 di 6 PrimaPrima ... 2 3 4 5 6
Risultati da 76 a 85 di 85

Discussione: Dualismo onda-particella, o entanglement dell'osservatore?

  1. #76
    Opinionista L'avatar di Tommaso
    Data Registrazione
    24/01/20
    Messaggi
    138
    Sono stato innamorato della fisica nucleare già tempi del liceo: ricordo che portai una tesina sull'equazione di Schrödinger alla maturità, tra la palese costernazione del Commissario interno che non aveva idea di cosa stessi parlando.
    Devo però dire che, negli ultimi tempi, mi sta un po' deludendo: non c'è paragone tra il genio assoluto dei "grandi" dei primi trent'anni del secolo scorso ( Einstein, Planck, Schrödinger, Heisenberg, Dirac eccetera eccetera ), tutta gente che, usando quasi solo carta, calamaio ed il proprio cervello, ha rivoluzionato la Fisica e lo stesso nostro modo di concepire l'Universo, rispetto al pauroso rincorrersi delle teorie degli ultimi trent'anni: un accavallarsi di "modelli" matematici ( Teoria delle Stringhe, Modello Standard... ) con l'ambizione di arrivare ad una Teoria del tutto che, invece, di fatto ha creato solo una enorme confusione, non solo in me, povero dilettante ed incompetente, ma, questa almeno è la mia impressione, anche tra gli scienziati addetti ai lavori.
    Il punto è che la ricerca in fisica è drammaticamente cambiata rispetto agli anni eroici: non si può più fare ricerca senza investimenti colossali, fondi statali e privati... Con la conseguenza che c'è la continua necessità del risultato a breve scadenza, da riportare sulle riviste scientifiche, magari "forzando" un po' le cifre, altrimenti decadono i finanziamenti e/o non si arriva al Nobel...
    Per questo penso che non abbia più alcun senso sperare in una nuova Teoria del tutto, che con una equazione semplice, tipo E=mc2, spieghi ogni fenomeno naturale e ci faccia cogliere l'intima essenza dell'esistente.
    Meglio puntare su obiettivi meno ambiziosi, più realistici ed "utilitaristici".

  2. #77
    Opinionista L'avatar di Tommaso
    Data Registrazione
    24/01/20
    Messaggi
    138
    Ispirandomi a questa discussione, ho cambiato anche avatar...

  3. #78
    Opinionista L'avatar di crepuscolo
    Data Registrazione
    08/10/07
    Messaggi
    20,595
    Citazione Originariamente Scritto da xmanx Visualizza Messaggio
    Rimane il fatto che l'onda non ha massa.
    Sono d'accordo che l'onda non ha massa, ma se tiri un sasso in uno stagno produce un'onda che è il risultato del sasso che impatta, se sostituisci al sasso la particella mi sembrerebbe che il discorso quadri.
    Poiché nelle particelle le velocità sono enormi per trovare la particella si dovrebbe misurare prima e durante l'impatto, mai dopo perché dopo troveresti l'onda.















    o
    Ultima modifica di crepuscolo; 16-02-2020 alle 20:58

  4. #79
    Opinionista L'avatar di crepuscolo
    Data Registrazione
    08/10/07
    Messaggi
    20,595
    Citazione Originariamente Scritto da Tommaso Visualizza Messaggio
    Ispirandomi a questa discussione, ho cambiato anche avatar...
    Ti sei invecchiato

  5. #80
    Opinionista L'avatar di Tommaso
    Data Registrazione
    24/01/20
    Messaggi
    138
    Citazione Originariamente Scritto da crepuscolo Visualizza Messaggio
    Sono d'accordo che l'onda non ha massa, ma se tiri un sasso in uno stagno produce un'onda che è il risultato del sasso che impatta, se sostituisci al sasso la particella mi sembrerebbe che il discorso quadri.
    Poiché nelle particelle le velocità sono enormi per trovare la particella si dovrebbe misurare prima e durante l'impatto, mai dopo perché dopo troveresti l'onda.
    C'è un errore concettuale: quello di pensare alla massa come se fosse un sasso, un mattone, un qualcosa di "concreto", insomma, contrapposto ad un qualcosa di etereo ed impalpabile come l'onda.
    Di nuovo facciamo l'errore di voler per forza trasferire l'esperienza del mondo macroscopico a quello subatomico: impossibile.
    Bisogna, al contrario, "rassegnarsi" a pensare a concetti come "massa", "energia", "onda" semplicemente in termini fisico-matematici, senza alcuna correlazione con ciò che percepiamo con i nostri 5 sensi.
    Difficile, forse, ma solo così si può veramente capire la fisica moderna.

  6. #81
    Opinionista L'avatar di Tommaso
    Data Registrazione
    24/01/20
    Messaggi
    138
    Citazione Originariamente Scritto da crepuscolo Visualizza Messaggio
    Ti sei invecchiato
    Ho sicuramente guadagnato in intelligenza, però...

  7. #82
    Opinionista L'avatar di crepuscolo
    Data Registrazione
    08/10/07
    Messaggi
    20,595
    Si ma non mi convinci

  8. #83
    Opinionista L'avatar di Tommaso
    Data Registrazione
    24/01/20
    Messaggi
    138
    Citazione Originariamente Scritto da crepuscolo Visualizza Messaggio
    Si ma non mi convinci
    Assolutamente normale, figuriamoci, sono argomenti che vanno talmente contro il sentire comune, che è assolutamente comprensibile che non possano essere facilmente assimilati...
    Vuoi un altro esempio?
    Einstein ha dimostrato che massa ed energia sono la stessa cosa, e che il loro rapporto è regolato dalla famosa equazione e=mc2.
    Ma pensaci un attimo: per "massa" si intende un qualcosa di concreto che possiamo facilmente visualizzare ( il solito "sasso" o macigno che ciascuno di noi associa mentalmente al concetto di "massa"... ).
    Ma l'energia?
    Su qualunque dizionario trovi che in fisica la definizione di "energia" è: "attitudine a compiere un lavoro"...
    "Attitudine". cioè un concetto astratto, non concreto.. Per cui Einstein ha dimostrato che la cosa più "concreta" che ci si possa immaginare, la massa, è in realtà uguale ad un concetto astratto, l'"attitudine" a compiere un lavoro...
    Forte, no?...
    Ultima modifica di Tommaso; 17-02-2020 alle 21:34

  9. #84
    Opinionista L'avatar di Vega
    Data Registrazione
    04/05/05
    Messaggi
    11,199
    Citazione Originariamente Scritto da crepuscolo Visualizza Messaggio
    Sono d'accordo che l'onda non ha massa, ma se tiri un sasso in uno stagno produce un'onda che è il risultato del sasso che impatta, se sostituisci al sasso la particella mi sembrerebbe che il discorso quadri.
    Poiché nelle particelle le velocità sono enormi per trovare la particella si dovrebbe misurare prima e durante l'impatto, mai dopo perché dopo troveresti l'onda.















    o
    Ma l'onda elettromagnetica non si propaga in un mezzo a differenza di quelle sonore e non hai pressioni e compressioni. Non è che un fotone viaggi nello spazio come nelle figure, facendo su e giù come nelle montagne russe, quello che varia nel tempo e nello spazio lungo la direzione di propagazione sono il campo elettrico e magnetico, uno perpendicolare all'altro.
    Pienamente funzionante e programmata in tecniche multiple

  10. #85
    Opinionista L'avatar di crepuscolo
    Data Registrazione
    08/10/07
    Messaggi
    20,595
    Grazie Vega, mi acculturerò in merito.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •