Risultati da 1 a 8 di 8

Discussione: La varietà del Cristianesimo antico

  1. #1
    Opinionista L'avatar di crepuscolo
    Data Registrazione
    08/10/07
    Messaggi
    19,923

    La varietà del Cristianesimo antico

    La grande eterogeneità del primo Cristianesimo si può osservare soprattutto sulle credenze teologiche seguite dalle persone che si consideravano seguaci di Gesù.
    Nel II e nel III secolo c'erano ovviamente Cristiani che credevano in un solo Dio, ma ce n’erano altri che affermavano che ne esistevano due, e altri ancora per cui ce n’erano trenta, o persino 365.
    Nel II e III secolo c'erano Cristiani per i quali Dio aveva creato il mondo ed altri convinti che questo mondo fosse stato creato da una divinità subordinata ed ignorante ( altrimenti perché il mondo sarebbe stato così pieno di dolore e difficoltà? ), secondo altri le cose le cose stavano ancora peggio , perché il mondo era un errore cosmico creato da una divinità malvagia come luogo di detenzione per imprigionare gli umani e soggiogarli al dolore ed alla sofferenza.
    Nel II e III secolo c’erano Cristiani che credevano che le Scritture ebraiche, denominate dal Cristianesimo “Antico Testamento” , fossero state ispirate dall’unico vero Dio, ma per altri erano state ispirate dal Dio degli Ebrei, che non era l’unico vero Dio, e per altri ancora da una divinità malvagia; altri, poi, credevano che non fossero affatto ispirate.
    Nel II e III secolo c’erano Cristiani che credevano che Gesù fosse sia divino sia , Dio e Uomo; altri sostenevano che era completamente divino e niente affatto umano ( per loro, divinità ed umanità erano entità incommensurabili: Dio poteva essere un uomo non più di quanto un uomo poteva essere una pietra). Altri affermavano che Gesù era un uomo interamente di carne ed ossa unito ad un essere pienamente divino, Cristo, che aveva temporaneamente abitato il corpo di Gesù nel corso della sua missione per lasciarlo subito prima della sua morte, ispirandone gli insegnamenti ed i miracoli ma evitando le sofferenze finali.
    Nel II e III secolo c’erano cristiani che credevano che la morte di Gesù avesse comportato la salvezza del mondo, mentre altri pensavano che la sua morte non avesse nulla a che fare con la salvezza del mondo ed altri ancora dicevano che Gesù non era mai morto.

    Come potevano essere considerate cristiane alcune di queste idee?
    In altri termini, come potevano sostenere cose del genere persone che si definivano cristiane?
    Perché non consultavano le loro Scritture per vedere che non c’erano 365 dei, o che il vero Dio aveva creato il mondo o che Gesù era morto?
    Perché, semplicemente, non leggevano il Nuovo Testamento?

    La risposta è: perché non c’era alcun Nuovo Testamento.

    Certo, nel II secolo i libri che alla fine vennero accolti a formare il Nuovo Testamento erano già stati scritti, ma non erano stati ancora riuniti in un canone di Scritture largamente riconosciuto e ritenuto autorevole. E poi c’erano anche altri libri dalla paternità altrettanto nobile, altri vangeli, Atti, Epistole e Apocalissi che affermavano di essere stati scritti dagli apostoli terreni di Gesù.
    Fine I parte.
    Brano preso da “ I Cristianesimi perduti “ di Bart D. Ehrman.

  2. #2
    Opinionista L'avatar di King Kong
    Data Registrazione
    05/07/17
    Messaggi
    638
    Seguo
    Aut hic aut nullubi

  3. #3
    Opinionista L'avatar di crepuscolo
    Data Registrazione
    08/10/07
    Messaggi
    19,923
    Domani, buona notte.

  4. #4
    Opinionista L'avatar di crepuscolo
    Data Registrazione
    08/10/07
    Messaggi
    19,923
    Un altro stralcio che serve da paragone tra ieri ed oggi.

    E' difficile immaginare un fenomeno religioso più variegato del Cristianesimo odierno.
    Ci sono missionari cattolici romani nei paesi in via di sviluppo che si sono votati alla povertà volontaria per amore degli altri e telepredicatori evangelici che conducono trasmissioni in cui insegnano come raggiungere la ricchezza in poche e semplici mosse; presbiteriano del New England e domatori di serpenti degli Appalachi; preti greci ortodossi dediti al servizio liturgico di Dio che seguono un complesso e preciso apparato di preghiere, litanie ed incensi, e predicatori fondamentalisti che guardano alla liturgia delle alte sfere ecclesiastiche come ad un'invenzione del demonio; attivisti politici metodisti di orientamento progressista impegnati a cambiare la società e pentecostali che credono che la società stia per finire bruscamente con il ritorno di Gesù.
    E ci sono ancora oggi seguaci di David Koresh che credono che il mondo stia già finendo dopo gli avvenimenti di Waco, da loro considerati la realizzazione di alcune profezie dell'Apocalisse.
    Ovviamente molti di questi gruppi cristiani rifiutano di considerare cristiani gli altri.
    Che cosa c'è, ed adesso lo sappiamo, di più eterogeneo del variegato fenomeno del Cristianesimo odierno?
    Il Cristianesimo del mondo antico.
    Come gli storici sanno da molto tempo, nei primi tre secoli dell'era cristiana le pratiche e le fedi di chi si definiva cristiano erano talmente diverse che al confronto le differenze tra cristiani cattolici, battisti primitivi ed avventisti del settimo giorno impallidiscono.

  5. #5
    Opinionista L'avatar di esterno
    Data Registrazione
    23/07/14
    Messaggi
    514
    Citazione Originariamente Scritto da crepuscolo Visualizza Messaggio
    - Certo, nel II secolo i libri che alla fine vennero accolti a formare il Nuovo Testamento erano già stati scritti, ma non erano stati ancora riuniti in un canone di Scritture largamente riconosciuto e ritenuto autorevole --



    Chi si preoccupo' di "iniziare a selezionare" fra i tanti testi.. quelli veritieri, e dunque Ispirati dal cielo tanto da essere meritevoli di costiture quel famoso N.T. della costituenda religione, fu il vescovo Ireneo di Lione.

    Come ben si sa il termine: Testamento in questo ambito religioso.. vuol significare: Alleanza (tra la divinita' e l' umano).

    Purtuttavia, come gia' a suo tempo postato (maggio 2019), la distinzione delle scritture sacre in A.T. e N.T. / vale solamente per il cristianesimo / poichè per i piu' coerenti monoteisti ebrei lo stesso vacabolo "bibbia" non ha alcun valore.
    Tra l' altro è ben ricordare che il termine: bibbia - è stato coniato SOLO nel IV dopo l' avvento del redentore del mondo!

    Infatti, come ben si sa, gli ebrei designano i loro sacri testi come:
    - kivè qodesh / quanto al termine Tanak _ esso è l' acronimo e comprende sia la Torah, i Profeti (Neviim) e agiografi (ketuvim) -

    Questo tanak vien anche definito: gadol mikra' (ovvero: grande lettura) - tuttavia il pilastro del monoteismo rimane ovviamente la Torah (il famoso Pentauteuco): è il Libro per eccellenza, il piu' autorevole (!) in assoluto (ovviamente per loro) da qui il temine: miqrah !

    Dunque il termine è "greco" (biblion _ ovvero libri) - mentre per quanto riguarda la "distinzione" tra Antica Alleanza/Testimonianza _ Nuova Alleanza/testimonianza lo si deve (come gia' postato) a quell' autore della 2 Corinzi (cap.3)..

    E chi mai poteva essere sia il "picconatore" dell' Antica e nello stesso tempo il Nuovo artefice della costituenda dottrina ??
    Ovviamente l' ex epilettico paganfariseo di Tarso !

    Ora a parte i primi scritti, rappresentati dalle sue celeberrime lettere-epistole _ dopo decenni (!) seguiranno la redazione dei tanti testi / dalle varie tradizioni.. che richiesero una rigida selezione..

    Ma la scelta dei futuri sacri libri alquanto grottesca.. che poteva essere creduta sola in quel determinato contesto storico.

    Comunque era importantissimo quanto prioritario stabilire il "numero" che doveva costituire il canone tra i tanti _ e l' artefice fu proprio quel vescovo citato. Il sacro numero non poteva che essere 4 (quattro)!

    quanto alle sue motivazioni.... - prossima puntata --------------------



    - H. Kueng _ ebraismo / passato, presente e futuro / Rizzoli
    - R. Calimani _ Gesu' ebreo / Rusconi
    - Puech _ ebraismo / Feltrinelli

  6. #6
    Opinionista L'avatar di esterno
    Data Registrazione
    23/07/14
    Messaggi
    514
    seconda parte / scelta (rocambolesca) dei futuri testi della Nuova Testimonianza (N.T.) inseriti nel canone -




    Nel mondo antico si era convinti che il mondo fosse costituito da:
    - 4 (quattro) "angoli" / quattro zone, regioni..eccc....
    cosi' come 4 erano
    - le fasi lunari,
    - le stagioni,
    - i punti cardinali,

    Ma questo (sacro) numero nel monoteismo giudaico aveva altre valenze (come per esempio:

    - 4 lettere componente il celeberrimo tetragramma di Es. 3.14 -
    - 4 esseri animati nella "visione" di Ezechiele (cap. 1),
    - 4 è il numero della profezia...eccc...eccc..

    Insomma questo numero (oltre ai gia' ultra-famosi: 1 - 3 - 7 - 5 -10 - 40 ) rappresenta la "solidita', la pienezza".

    Da queste assolute "certezze" il vescovo Ireneo, a seguito della sua illuminazione, trovo' conforto tenico da quel famoso tardivo autore dell' apocalisse del tardivo autore (il celebre "spirituale") _ che prospettava non solo scenari da incubo, dipinti GIA' dal fantasioso pseudoDaniele, ma descriveva (nel suo capitolo 7) la visione dei 4 angeli che giacevano ai 4 angoli della terra.

    Questi esseri celesti, seppur immateriali, con la loro sovraumana forza trattenevano i 4 venti.. minacciosi e distruttivi tanto da annientare la terra.

    Ebbene Ireneo cosi' riportava:

    Essendo il mondo formato da 4 zone/regioni/angoli DEVONO dunque esistere 4 versioni della Nuova Alleanza (testimonianza) poichè Devono com-baciare con i 4 punti cardinali.
    Il divinVerbo, com-partecipante alla creazione (?!?) regna e brilla sui cherubini. Questi esseri hanno 4 forme + 4 ali e percio' il divinVerbo ci offre il gran dono delle 4 testimonianze !

    Da questa sublime motivazione di uno dei famosi Padri dell' ekklesia - nel cosro del concilio di Nicea (anno 325) (il piu' controverso.. per via di quel dogma della consustanzialita' sia dell' Abba' che del RI-tornato in vita, seppur avente un' entita' Pneumatica...ecc..eccc..)

    Ed ecco al metodo impiegato per quella fatidica "scelta" (modus operandi) - che riproporlo oggi.. ti rinchiuderebbero in un manicomio.

    Quattro sono le modalita' riportate:

    - 1 ) A Nicea sul grande altare vengono posti TUTTI i libri della nuova testimonianza. Tutti i partecipanti all' assise incominciano a pregare, cantare lodi, suppliche al cielo affinchè illumini i presenti e scelga cosi' i "veri" libri da inserire nel canone.
    E qui avvenne il miracolo. Un vento impetuoso butto' a terra tutti i (falsi) libri - mentre i 4 (che conosciamo) rimasero sull' altare.

    - 2 ) TUTTI i libri furono adagiati sul pavimento...eccc.. e "quei" 4 spiccarono il volo per porsi sull' altare.

    - 3 ) Solo "quei" 4 libri - furono messi sull' altare.. e dopo le orazioni, con grande meraviglia, erano Rimasti Immobili sull' altare !


    - 4 ) Nella grande sala conciliare _ il santo spirito / sotto forma di un volatile (non vien specificato se fosse una colomba, un corvo, una rondine..) si poso' sulle spalle di ciascun padre presente.. "suggerendo" quali fossero le vere testimonianze dell' uomodiouomo.


    Di queste storielle, il sarcastico Voltaire riporta solo la versione 2).
    Il suo rammarico è che sia andata perduta la "ricetta magica" (ovvero la formula segreta di come rivolgersi all' iddiobiblico _ per i suoi eventuali altri magici interventi..) - (Diz. Filosofico _ cap. Concili - pag. 225 / Mondadori)


    E comunque dopo Nicea (325) e soprattutto fu la ratifica del sinodo di Laodicea (anno 363/364) che confermarono i famosi 4 come veramente "ispirati" dal santo spirito.


    alcuni link sul sinodo che ratifico' i 4 testi canonici:


    - questo purtroppo - e' solo in inglese
    http://www.newadvent.org/fathers/3806.htm


    questo invece è in greco:

    http://www.bible-researcher.com/laodicea.html


    https://it.cathopedia.org/wiki/Concilio_di_Laodicea


    http://www.documentacatholicaomnia.e...a__LT.doc.html

  7. #7
    Opinionista L'avatar di crepuscolo
    Data Registrazione
    08/10/07
    Messaggi
    19,923
    Perdite e guadagni

    Poi, come colpo di grazia, la parte vittoriosa riscrisse la storia della controversia, facendo vedere che dopo tutto non c'era stato un grande conflitto ed affermando che le proprie opinioni erano sempre state quelle della maggior parte dei cristiani, fin dal tempo di Gesù e dei suoi apostoli, e ribadendo che la propria interpretazione di fatto era sempre stata "ortodossa" ( letteralmente di "fede retta") e gli avversari, con i loro testi scritturali "diversi", avevano sempre rappresentato poche scheggie impazzite dedite ad ingannare la gente per spingerla all'eresia ( parola che letteralmente significa "scelta": un eretico è qualcuno che sceglie volontariamente di non credere nelle cose giuste).
    Ciò che il Cristianesimo guadagnò alla fine di questi conflitti antichi fu la convinzione di essere nel giusto e di esserci sempre stato.
    Ne guadagnò anche un credo, a tutt'oggi recitato dai cristiani, che affermava le credenze giuste in contrasto con quelle eretiche e sbagliate; di conseguenza ne guadagno una teologia, che affermava tra l'altro che Cristo è allo stesso tempo pienamente uomo e pienamente umano, e una dottrina della trinità per cui Dio consiste in tre persone ( Padre, Figlio e Spirito Santo) distinte di numero ma uguali nell'essenza.
    Inoltre guadagnò una gerarchia di capi ecclesiastici in grado di mantenere viva la chiesa e sorvegliare l'aderenza alla fede ed alla pratica corretta; e soprattutto guadagnò un canone di Scritture, il Nuovo Testamento, fatto di 27 libri che sostenevano gli ideali ecclesiastici dei capi spirituali e la loro interpretazione della dottrina, dell'etica e del culto.
    Ovviamente questi guadagni sono importanti e noti a tutti; meno note sono le perdite avvenute quando questi conflitti giunsero alla fine.
    E' sorprendente che per secoli ogni studioso del primo Cristianesimo,abbia senz'altro accettato la versione dei vincitori ortodossi del conflitto, vi fu però un cambio significativo quando nel XIX secolo alcuni studiosi iniziarono a mettere in dubbio l'oggettività di alcuni scrittori come l'ortodosso Eusebio (IV secolo), il cosiddetto "padre della storiografia ecclesiastica", che ci ha lasciato il più antico resoconto del conflitto. Questa indagine preliminare sull'esattezza di Eusebio si tradusse in un attacco serrato contro la sua personalità quando alcuni studiosi del XX secolo iniziarono a sottoporre la sua opera ad una critica ideologica che ne denunciava i pregiudizi ed il loro ruolo nell'esposizione dei fatti.
    La nuova valutazione di Eusebio fu in parte dovuta alla scoperta di nuovi libri antichi, riportati alla luce dalle ricerche mirate di archeologi esperti ma anche alle scoperte casuali di alcuni beduini; tra questi libri c'erano ad esempio altri Vangeli che affermavano anch'essi di essere stati scritti da apostoli.
    Ultima modifica di crepuscolo; 03-09-2019 alle 15:00

  8. #8
    Opinionista L'avatar di esterno
    Data Registrazione
    23/07/14
    Messaggi
    514
    Citazione Originariamente Scritto da crepuscolo Visualizza Messaggio
    [U] -- E' sorprendente che per secoli ogni studioso del primo Cristianesimo,abbia senz'altro accettato la versione dei vincitori ortodossi del conflitto… --


    Infatti è proprio quello che è avvenuto.
    Del resto come avrebbe potuto uno studioso "critico" di quel tempo contrastare la ormai dilagante diffusione della "bella novella" annunciata alle incolte moltitudini ?

    Per giunta la santa ekklesia - finalmente - aveva raggiunto il suo (vero) scopo): il Potere e, soprattutto, il controllo sistematico sulle popolazioni _ "obbligate" a convertirsi per via del famigerato editto di Teodosio I (la Cunctos populi), che riconosceva il (taroccato) monoteismo-cristianesimo come religione dello Stato !!

    Chi mai dunque poteva addentrarsi nello studio mirante alla ricerca "obiettiva" sia sulla genesi della setta gesuana _ che sulla sua evoluzione.. tanto da diventare quella mastodontica struttura teologica .. zeppa di dogmi astrusi e che sarebbero stai inconcepibili allo stesso Rabbi storico (semmai fosse ancora esistito ) ?

    Se per qualche secolo la santa ekklesia regnava incontrastata.. qualche avvisaglia la si riscontra nei movimenti "pauperistici" (Gherardo Segarelli, fra Dolcino di Novara, Albigesi-Catari, valdesi, le Beghine..eccc..eccc.. ), questi tuttavia seguivano lo spirito del messaggio dell' uomodiouomo _ ben diverso dallo studio "critico" dei celeberrimi sacri testi.. l' indiscussa assoluta verita' !

    Un vero scoglio invece il gran-Sinedrio della croce lo trovo' nei confronti di quel deutsche Panzer Luther / l' unico "ribelle" che mori' nel suo letto.. seppur i gestori del culto romano cosa avrebbero rinunciato (dalle loro incommensurabili ricchezze del regno divino - ) pur di aver fra le loro mani benedette quell' impenintente.. ? Per cosa ? Per "affettarlo" a dovere _ una variante della "crocefissione" per il ribelle di turno.

    Purtuttavia la diatriba del Panzer riguardava piu' che altro il nobile operato del vicario del Redentore del mondo _ e non l' esame critico dei sacri testi.. (la questione delle indulgenze _ ormai anche i sassi la conoscono..) -

    E comunque solo dopo due secoli dopo Luther che avviene qualcosa di fantastico (per l' intero Continente:
    - l' avvento dell' Illuminismo !..eccc..eccc....

    Orbene vien citato spesso Samuel Reimarus, l' impavido amburghese che diede avvio a quel grandioso Jesu-Forschung _ di cui si gia' postato varie volte.

    Purtuttavia tuttavia vien dimenticato l' artefice di quell' inizio "critico" dei testi biblici: Erasmo di Rotterdam ! (quasi un secolo prima degli Illuministi).

    L' opera dei "picconatori" era finalmente iniziata ! E tutto questo fu possibile.. quando la santa ekklesia aveva esaurito il suo stra-potere "Sulle coscienze".

    Solo allora il pentolone è stato scoperchiato.. e si è scoperto quelle tante storielle che per secoli e secoli sono state come frutto dell' illuminazione celeste.
    Ultima modifica di esterno; 03-09-2019 alle 22:37

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •