Pagina 2 di 2 PrimaPrima 1 2
Risultati da 16 a 25 di 25

Discussione: Tutti possono scrivere libri?

  1. #16
    Opinionista
    Data Registrazione
    30/04/19
    Messaggi
    537
    Citazione Originariamente Scritto da Jerda Visualizza Messaggio
    moltissime compagnie ti obbligano per i primi 3000 libri stampati, di comprarne due o 300 tu. .
    Per alcuni mi sembra la giusta punizione!

    Moltissimi aspiranti scrittori oggi pubblicano in digitale, almeno salviamo le piante!

  2. #17
    Opinionista
    Data Registrazione
    30/04/19
    Messaggi
    537
    La mia esperienza personale con un libro pubblicato "in proprio" non è stata malvagia.

    Facevo parte di un gruppo di lettura ed è stato proposto questo titolo, autrice sconosciuta che ha pubblicato il suo libro su un notissimo portale commerciale.
    Il libro non era male, carino, non un capolavoro, certo non lo avrei comprato di mia iniziativa.

  3. #18
    Alive and Kickin' L'avatar di Jerda
    Data Registrazione
    12/04/19
    Località
    Amsterdam
    Messaggi
    2,186
    Citazione Originariamente Scritto da Breakthru Visualizza Messaggio
    Per alcuni mi sembra la giusta punizione!

    Moltissimi aspiranti scrittori oggi pubblicano in digitale, almeno salviamo le piante!
    E' una franchigia da compagnie assicuratrici... sulla carta ti fanno vedere cifre superiori ma poi a questo modo il margine ti diminuisce. Come le agenzie di modeling, ti fanno fare il provino ma devi fare un book fotografico con loro, e poi ti scaricano dopo che hai pagato...
    Il vostro compito non è cercare l’amore, ma, semplicemente, cercare e trovare dentro di voi tutte le barriere che avete costruito contro di esso.

    Giamal al-Din Rumi

  4. #19
    la viaggiatrice L'avatar di dark lady
    Data Registrazione
    09/03/05
    Località
    On the road
    Messaggi
    50,822
    Citazione Originariamente Scritto da Breakthru Visualizza Messaggio
    Anche secondo me fa più danno la seconda categoria.
    Il libero pensiero e la libera espressione non sarebbero un problema se il livello culturale medio fosse, appunto, almeno medio.
    Le sciocchezze , le castronerie verrebbero lette con leggerezza, con uno poco di spirito critico e poi ignorate.
    La maggioranza di noi gioca al ribasso da tempo
    Esatto, è esattamente il mio pensiero. In questo modo la cultura media invece di aumentare cala. Perché la gente legge e condivide le cose che trova in giro sui social, che per l'80% sono castronerie, senza verificare le fonti, così si diffondono concetti completamente errati e fuorvianti. I libri non li leggono più, e se li leggono magari trovano questi autopubblicati su amazon senza alcun controllo, scritti coi piedi. E il livello culturale precipita.
    Qui si tratta di vivere, non di arrivare primo, e al diavolo il destino

    Noi vogliamo cantare l'amor del pericolo, l'abitudine all'energia e alla temerità.

  5. #20
    la viaggiatrice L'avatar di dark lady
    Data Registrazione
    09/03/05
    Località
    On the road
    Messaggi
    50,822
    Citazione Originariamente Scritto da Jerda Visualizza Messaggio
    Comunque la strada per autopubblicarsi è piena di iene. Se oggigiorno non conosci il settore, le fregature sono dietro l'angolo. Intanto non puoi controllare quante copie vendano, inoltre moltissime compagnie ti obbligano per i primi 3000 libri stampati, di comprarne due o 300 tu. E' anche vero che per quanti nuovi libri stampino, l'80% dei libri pubblicati va in rimessa.
    Se parli di libri stampati è vero. Ma il problema è che, come ho scritto nello starter post, con Amazon chiunque può pubblicare senza spendere un centesimo, se non per comprarsi il codice ISBN.
    Qui si tratta di vivere, non di arrivare primo, e al diavolo il destino

    Noi vogliamo cantare l'amor del pericolo, l'abitudine all'energia e alla temerità.

  6. #21
    Alive and Kickin' L'avatar di Jerda
    Data Registrazione
    12/04/19
    Località
    Amsterdam
    Messaggi
    2,186
    Citazione Originariamente Scritto da dark lady Visualizza Messaggio
    Esatto, è esattamente il mio pensiero. In questo modo la cultura media invece di aumentare cala. Perché la gente legge e condivide le cose che trova in giro sui social, che per l'80% sono castronerie, senza verificare le fonti, così si diffondono concetti completamente errati e fuorvianti. I libri non li leggono più, e se li leggono magari trovano questi autopubblicati su amazon senza alcun controllo, scritti coi piedi. E il livello culturale precipita.
    Assolutamente vero. Ma è anche aumentata la tendenza a credere a qualcosa perché è scritta su internet. Come tutti penso, abbiamo avuto periodi in cui si tendeva a pensare che se una cosa era "su un libro" fosse vera. Gli adulti ci richiamavano a questo, ci dicevano che erano solo parole di una persona qualsiasi su carta. Invece oggi siamo tornati indietro, se lo scrive barimedica2.ilcannocchiale.it deve essere vero. Con quello che c'è dietro ai blog oggi...
    Il vostro compito non è cercare l’amore, ma, semplicemente, cercare e trovare dentro di voi tutte le barriere che avete costruito contro di esso.

    Giamal al-Din Rumi

  7. #22
    la viaggiatrice L'avatar di dark lady
    Data Registrazione
    09/03/05
    Località
    On the road
    Messaggi
    50,822
    Citazione Originariamente Scritto da Jerda Visualizza Messaggio
    Assolutamente vero. Ma è anche aumentata la tendenza a credere a qualcosa perché è scritta su internet. Come tutti penso, abbiamo avuto periodi in cui si tendeva a pensare che se una cosa era "su un libro" fosse vera. Gli adulti ci richiamavano a questo, ci dicevano che erano solo parole di una persona qualsiasi su carta. Invece oggi siamo tornati indietro, se lo scrive barimedica2.ilcannocchiale.it deve essere vero. Con quello che c'è dietro ai blog oggi...
    Infatti. Perché che un bambino tenda a credere a tutto è comprensibile, e gli adulti sono li per questo. Oggi però sono gli adulti che prendono per oro colato ogni cazzata che trovano scritta. E questo è sintomo di una completa mancanza di autonomia critica. E questo è imputabile al mondo dei social, soprattutto, oltre che di internet in generale.
    Tu pensa l'assurdità: se noi giornalisti scriviamo mezza parola che non sia verificata e che non sia sostenuta da una molteplicità di fonti autorevoli, rischiamo casini su casini. Poi il perfetto sconosciuto scrive qualsivoglia cazzata sul proprio blog o sulla propria pagina fb e nessuno gli dice niente. C'è ancora un vuoto normativo tremendo sul mondo di internet. Ci feci la mia tesi di quinta superiore nel 2000, ma le cose oggi, a quasi 20 anni di distanza, non è che siano migliorate granché.
    Qui si tratta di vivere, non di arrivare primo, e al diavolo il destino

    Noi vogliamo cantare l'amor del pericolo, l'abitudine all'energia e alla temerità.

  8. #23
    Alive and Kickin' L'avatar di Jerda
    Data Registrazione
    12/04/19
    Località
    Amsterdam
    Messaggi
    2,186
    Per niente, e poi oggi le prime pagine di google sono lottizzate pesantemente. Il logaritmo di google ci ha tolto ogni possibilità di trovare fonti serie se non con molta fatica. Chi cita fonti come barimedica2.it dovrebbe prendere delle frasi dal link che cita, copiaincollarlo su google e vedere quante altre centinaia di siti le riportano uguali.
    Tornando però IT, in rete ci sono molte risorse per informarsi su come essere scrittori e anche dritte. Però oggi chi vuole scrivere deve sapere cosa interessa alla gente, conoscere il mercato, sapere come rapportarsi con media e blog, decidere se tenerne uno personale per promuoversi, trattenersi dal scrivere su quelle cose fondamentali della vita che lui sa e che vuole che tutti sappiano ma che non fregano a nessuno, in media la gente che scrive vorrebbe scrivere dei "diari" della propria vita. Gli scrittori sanno quando scrivere qualcosa per sé, i novellini si fanno prendere dalle proprie passioni pensando che piaceranno a tutti. Bisogna essere consulenti globali di sé stessi e molto ferrati con le case editrici che ci provano sempre a spolparti.
    Questo articolo l'ho trovato molto interessante in merito: https://www.ilfattoquotidiano.it/201...regare/489086/
    Il vostro compito non è cercare l’amore, ma, semplicemente, cercare e trovare dentro di voi tutte le barriere che avete costruito contro di esso.

    Giamal al-Din Rumi

  9. #24
    Opinionista L'avatar di LadyHawke
    Data Registrazione
    29/04/19
    Messaggi
    1,362
    Citazione Originariamente Scritto da dark lady Visualizza Messaggio
    Infatti. Perché che un bambino tenda a credere a tutto è comprensibile, e gli adulti sono li per questo. Oggi però sono gli adulti che prendono per oro colato ogni cazzata che trovano scritta. E questo è sintomo di una completa mancanza di autonomia critica. E questo è imputabile al mondo dei social, soprattutto, oltre che di internet in generale.
    Tu pensa l'assurdità: se noi giornalisti scriviamo mezza parola che non sia verificata e che non sia sostenuta da una molteplicità di fonti autorevoli, rischiamo casini su casini. Poi il perfetto sconosciuto scrive qualsivoglia cazzata sul proprio blog o sulla propria pagina fb e nessuno gli dice niente. C'è ancora un vuoto normativo tremendo sul mondo di internet. Ci feci la mia tesi di quinta superiore nel 2000, ma le cose oggi, a quasi 20 anni di distanza, non è che siano migliorate granché.
    Concordo con quanto dici, secondo me i social tipo FB oggi contribuiscono alla pigrizia mentale, basta un click per condividere e un altro per dire "mi piace" . Si tende a credere a quello che condivide l'amico, a volte vere e proprie bufale, senza un minimo di senso critico e andare a verificare su fonti più attendibili di un blog oppure uno spazio web personale, come ad esempio verificare su testate nazionali conosciute e così le fake news e bufale diventano catene di s. Antonio che girano per anni, magari con un piccolo ritocco e aggiornamento.
    Ultima modifica di LadyHawke; 25-09-2019 alle 16:25

  10. #25
    Citazione Originariamente Scritto da dark lady Visualizza Messaggio
    se noi giornalisti scriviamo mezza parola che non sia verificata e che non sia sostenuta da una molteplicità di fonti autorevoli, rischiamo casini su casini.
    ...credo di aver sbagliato nazione...o mondo....o forse universo....

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •