Pagina 3 di 3 PrimaPrima 1 2 3
Risultati da 31 a 37 di 37

Discussione: Dolore, buddhismo, natura, ecc...

  1. #31
    Opinionista L'avatar di xmanx
    Data Registrazione
    10/10/11
    Messaggi
    1,456
    Citazione Originariamente Scritto da Tiberio Visualizza Messaggio
    Probabilmente sa poco di buddhismo
    Questi sono i tre generi diversi di pratica buddista:

    Hinayana

    Un discepolo ha lo scopo di divenire un arhat, cioè colui che ha raggiunto il Nirvana e non rinascerà mai più. Questo stadio, richiede un’esistenza assolutamente rigorosa e di rinuncia del mondo.

    Mahayana

    Un discepolo mira a raggiungere l’Illuminazione per diventare un Bodhisattva, cioè colui che ritarda l’entrata nel Nirvana per aiutare altri nella via della salvezza..

    Vajrayana

    Un discepolo mira a conseguire l’illuminazione qui e ora, in questo corpo e in questa vita.

    Come si vede molto chiaramente, il soggetto di tutto è sempre l'EGO. Cioè l'egoismo e l'individualismo e il tornaconto personale. Anche nella pratica Mahayana, dove l'aiuto agli altri è sempre e solo subordinato ad un interesse "spirituale" personale e a un tornaconto "spirituale" personale.

    Probabilmente sei tu che sai poco di buddismo.
    Lo stagista.
    Apprendista stregone.

  2. #32
    Opinionista L'avatar di Turbociclo
    Data Registrazione
    28/04/19
    Località
    Roma
    Messaggi
    2,732
    Alla base del buddhismo c’è la compassione che non è pietas, ma è togliere sofferenza e dare gioia. Il voto stesso del bodhisattva ha valore eterno e in eterno lo pone a servizio dell'umanità. Ovviamente l'essere umano percorre un cammino verso l'illuminazione che deve partire da se stessi, affinando la propria interiorità.
    È il tempo che hai perduto per la tua rosa che ha reso la tua rosa così importante

  3. #33
    Greto L'avatar di Tiberio
    Data Registrazione
    16/08/16
    Località
    SV
    Messaggi
    2,930
    Citazione Originariamente Scritto da xmanx Visualizza Messaggio
    Questi sono i tre generi diversi di pratica buddista:

    Hinayana

    Un discepolo ha lo scopo di divenire un arhat, cioè colui che ha raggiunto il Nirvana e non rinascerà mai più. Questo stadio, richiede un’esistenza assolutamente rigorosa e di rinuncia del mondo.

    Mahayana

    Un discepolo mira a raggiungere l’Illuminazione per diventare un Bodhisattva, cioè colui che ritarda l’entrata nel Nirvana per aiutare altri nella via della salvezza..

    Vajrayana

    Un discepolo mira a conseguire l’illuminazione qui e ora, in questo corpo e in questa vita.

    Come si vede molto chiaramente, il soggetto di tutto è sempre l'EGO. Cioè l'egoismo e l'individualismo e il tornaconto personale. Anche nella pratica Mahayana, dove l'aiuto agli altri è sempre e solo subordinato ad un interesse "spirituale" personale e a un tornaconto "spirituale" personale.

    Probabilmente sei tu che sai poco di buddismo.
    Non direi.

    E comunque non si chiama Hinayana ma Theravada per i buddhisti.
    Hinayana è un termine spregiativo usato da alcuni Mahayana, secondo i Theravada

    Se vuoi, ma dubito che lui accetti, invito un maestro zen qualificato di Montpellier o il fondatore (oggi induista ma molto esperto) di Buddhismo Italia forum

    Ache nel nel Vajra si vuole raggiungere presto l'illuminazione ma per diventare bodhisattva quindi perlomeno Mahayana e Vajrayana sono molto altruistici, l'egoismo mascherato al massimo si può vedere nel Theravada
    Ultima modifica di Tiberio; 27-03-2020 alle 18:17
    .

  4. #34
    Greto L'avatar di Tiberio
    Data Registrazione
    16/08/16
    Località
    SV
    Messaggi
    2,930
    Citazione Originariamente Scritto da Turbociclo Visualizza Messaggio
    Alla base del buddhismo c’è la compassione che non è pietas, ma è togliere sofferenza e dare gioia. Il voto stesso del bodhisattva ha valore eterno e in eterno lo pone a servizio dell'umanità. Ovviamente l'essere umano percorre un cammino verso l'illuminazione che deve partire da se stessi, affinando la propria interiorità.
    c'è anche una pratica tibetano di mortificazione mentale compassionevole ecc

    E il Metta Sutta del Buddha, le meditazioni contro l'egoismo ecc.

    "Questo sarà fatto da colui che ha come scopo il bene
    avendo ottenuto la condizione di pace:
    Sia capace, retto, e risoluto, / gentile e non presuntuoso,
    contenuto e integro, / con pochi doveri, vivendo leggermente,
    con facoltà pacate, maturo, / modesto e senza avidità.
    Non faccia azioni negative / che i saggi biasimano.
    Pensi: Possano / tutti gli esseri essere felici ed in pace.
    Qualsiasi essere, / debole o forte,
    lungo, grande, / medio, corto,
    sottile, corpulento, / visibile e non visibile, / vicino e lontano,
    nato o in procinto di nascere: / Possano tutti gli esseri essere felici ed in pace.
    Che nessuno inganni l’altro / o lo disprezzi,
    o attraverso la rabbia o l’odio / desideri la sofferenza per un altro.
    Come una madre rischierebbe la sua vita / per proteggere il suo bambino, il suo unico bambino
    così si dovrebbe coltivare un cuore illimitato / con riguardo a tutti gli esseri.
    Con buona volontà per il cosmo intero, / si coltivi un cuore illimitato:
    Senza odio, / stando in piedi, camminando
    sedendo, o riposando, / sempre con piena presenza mentale,
    pienamente consapevoli..."
    E ancora:
    «L'odio non cessa con l'odio, in nessun tempo; l'odio cessa con l'amore, questa è la legge eterna.»

    «Tutti tremano davanti a un'arma, tutti temono la morte. Provando per gli altri gli stessi sentimenti che provi per te stesso, non uccidere e non far uccidere.»

    (Dhammapada, 129)
    «Il Beato osservò il comportamento della società e notò come molta infelicità derivasse da malignità e da sciocche offese, fatte soltanto per compiacere la vanità e per orgoglio personale. E il Buddha disse: "Se un uomo stupidamente mi fa del male, gli restituirò la protezione del mio amore senza risentimento; più male mi viene da lui, più bene andrà da me a lui; la fragranza della bontà torna sempre a me, e l'aria nociva del male va a lui.»

    «O ancora, monaci, se briganti e assassini con una sega da alberi vi staccassero articolazioni e membra, chi per questo provasse furore non adempirebbe il mio insegnamento. Quindi voi monaci dovete ben esercitarvi a non essere turbati, a non lasciar sfuggire dalla bocca nessuna cattiva parola, a rimanere amichevoli e compassionevoli, con animo amorevole, senza segreta malizia. E dovete esercitarvi a irradiare chi vi sta davanti, con animo amorevole, e poi, cominciando da quella, a irradiare il mondo intero con animo amorevole, con animo ampio, profondo, illimitato, privo di rabbia e rancore. Di questo insegnamento col paragone della sega vogliate voi spesso ricordarvi.»

    (Kamcupamasutta, Majjhima-Nikkaya I, 21)
    Ancora:

    «Detestando ogni tipo di uccisione, l’asceta Gotama si astiene dall’uccidere, vive senza bastone o spada, coscienzioso, compassionevole, gli sta a cuore solo il benessere di tutti gli esseri viventi. Per questo motivo gli uomini lodano il Tathagata.»
    .

  5. #35
    Opinionista L'avatar di Vega
    Data Registrazione
    04/05/05
    Messaggi
    11,356
    Citazione Originariamente Scritto da conogelato Visualizza Messaggio
    Quale sarebbe la cazzata? Che l'Uomo ha una Coscienza? Che è una meravigliosa sintesi di Materia e Spirito? Che oltre a un Corpo possiede anche un'Anima? Che fra pensiero e azione, in lui, vi è sempre la mediazione etica? Quale?
    La coscienza è un fenomeno che riguarda la mente, le cazzate sono le spiegazioni del menga che rivoghi ogni volta e dopo che in più occasioni ti è stato spiegato che, anche se non vedi i pensieri ed i sentimenti, questi fanno parte di quel mondo dei neuroni, delle molecole e dell'attività elettrica del cervello.
    Se lo vuoi capire lo capisci, sennò te ne vai a fare una girata. Lo sanno i tuoi figli e lo sai anche tu. Falla finita di fare il finto tonto.
    Pienamente funzionante e programmata in tecniche multiple

  6. #36
    Greto L'avatar di Tiberio
    Data Registrazione
    16/08/16
    Località
    SV
    Messaggi
    2,930
    Guardate, de Sade diceva che Le confessioni di Rousseau (il credente nella bontà innata) era come l'Imitazione di Cristo per i cattolici, cioè un strumento perché lui, credente nella cattiveria innata, potesse migliorare.

    Per me questi strumenti sono (anche) i testi buddhisti e la lettura di Guido Ceronetti (vorrei essere come era lui, ascetico nel cibo e vegetariano, sereno e rasserenante anche se a volte si arrabbiava e diceva qualche cavolata) e anche un po' Emil Cioran.
    .

  7. #37
    Greto L'avatar di Tiberio
    Data Registrazione
    16/08/16
    Località
    SV
    Messaggi
    2,930
    Citazione Originariamente Scritto da Tiberio Visualizza Messaggio
    Non direi.

    E comunque non si chiama Hinayana ma Theravada per i buddhisti.
    Hinayana è un termine spregiativo usato da alcuni Mahayana, secondo alcuni dei Theravada
    Divulgativamente e pro omnes: https://it.wikipedia.org/wiki/H%C4%A...a#Controversia
    .

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •