Pagina 84 di 98 PrimaPrima ... 34 74 80 81 82 83 84 85 86 87 88 94 ... UltimaUltima
Risultati da 1,246 a 1,260 di 1459

Discussione: L’affetto allargato

  1. #1246
    Opinionista L'avatar di axeUgene
    Data Registrazione
    17/04/10
    Località
    sotto una quercia nana in zona Porta Genova
    Messaggi
    18,487
    Citazione Originariamente Scritto da conogelato Visualizza Messaggio
    Non resta che metterlo agli atti: Axeugene ne capisce e ne sa più di Zygmunt Bauman, di Papa Francesco e degli altri filosofi, sociologi, scrittori, analisti e psicoterapeuti che si sono espressi sull'argomento. Ok? Per Axeugene la Società attuale non soffre di niente. Anzi: è virtuosa! Sta mettendo in campo una vera e propria rivoluzione sociale, apportatrice di nuove speranze per le generazioni a venire, di nuove opportunità di futuro, di orizzonti luminosi e intriganti.
    ho capito: pur di insistere con queste stupidaggini continui ad attribuirmi cose che non ho scritto e che ti inventi di sana pianta;
    il mio non è un giudizio di merito, come ho puntualizzato più e più volte;
    io non giudico buono o cattivo, perché non sono l'ombelico del mondo; la storia è il succedersi di crisi e cambiamenti che mediamente ai vecchi non piacciono, così come il tuo stile di vita o quello dei tuoi figli sarebbero stati criticati dalle generazioni precedenti;


    Bauman non era un cretino, che ignorava la storia; e il papa fa il suo onesto lavoro di difesa della dottrina;
    ma quella rivoluzione è un mero fatto, che tu stesso constati, ed è la cosa per cui il Novecento verrà ricordato più delle guerre mondiali e della tecnologia: la rivoluzione delle donne, dapprima in Occidente;

    la famiglia tradizionale è finita semplicemente perché le donne - e con loro una maggioranza di uomini - la cultura e la sensibilità comune, hanno decretato la fine di quel sistema gerarchico di famiglia fondato su quei tuoi "carismi" di genere, di cui significativamente lamenti l'abbandono;

    non è un'invenzione mia, ma un mero fatto; tutto il casino che fanno i nostri vicini islamizzati è dovuto alla disperata opposizione di quel mondo tradizionalista ai modelli egualitari che arrivano o filtrano dall'Occidente, il Grande Satana; non c'entra il Corano: quelli hanno solo una fottuta paura che pure le loro donne, vedendo le nostre, smettano di sottomettersi, e allora chi li tiene più tutti quei poveri caporaletti sottomessi che sono "qualcuno" solo in famiglia ? finisce che quelli faranno pure loro una rivoluzione democratica: la cosa è semplicissima per chi vuol vedere l'evidente...

    Narcisismo, individualismo ed edonismo galoppante sono invenzioni di "simpatici vecchietti" che della Vita sanno poco o niente.
    no, ci sono, l'ho scritto, anche se tu non mi leggi, e vuoi polemizzare stupidamente, inventandoti le mie presunte idee e attribuendomele;

    e quei modi sono una conseguenza in una fase di transizione, a fronte di un modello di relazione e famiglia che ha smesso di funzionare nel modo tradizionale, per tanti motivi, che vuoi ignorare;

    tante persone giovani osservano le modalità di relazione e vedono - soprattutto le donne - che i fautori del matrimonio tradizionale chiedono sacrifici, di solito squilibrati, e reagiscono rivendicando quello spazio per se stesse, difendendosi; molti uomini - giovani e istruiti, equilibrati - si adeguano, percependo l'iniquità del tutto e dell'onere di essere a loro volta i carcerieri; i meno autonomi, gli squilibrati, non reggono la botta e diventano violenti;

    l'individualismo è una conseguenza, non la causa della crisi della famiglia tradizionale; la causa è l'iniquità di quel modello, incompatibile coi nostri valori diffusi, che non sono più i tuoi;

    tu ti fai paladino di quella roba e citi allegramente le tesi di una privilegiata che ha scritto un libello dal titolo significativo e autentico come una confessione spontanea: Sposati e sii sottomessa; sottomessa; sarebbe un successone nel mondo islamizzato poi ti meravigli che la reazione sia l'individualismo

    tornerà la famiglia, certamente, ma non sarà certo quella che piace a te, ma qualcosa di diverso, come sempre nella storia;

    Considerare la Sessualità come un Dono, innamorarsi, fidanzarsi, sposarsi nella prospettiva del per sempre, perdonarsi, sovvenirsi, completarsi, avere Figli, educarli passando loro Valori solidi e non liquidi, sono retaggi del passato, nicchie di ipocrisia non al passo coi tempi.
    Dimmi un si e lo mettiamo agli atti.
    io ti dico che per me - e per una gran parte di persone - un valore solido, e anche un dovere, è il rispetto della libertà e dell'autodeterminazione altrui, una variabile che la tua idea di famiglia non contempla, se non come finzione retorica; se una donna non mi vuole, o non mi vuole più, devo farmene una ragione e il mio personale comodo o desiderio deve cedere il passo; punto; io non sottometto nessuno, prima di tutto per onorare me stesso e i miei valori, anche se a te non piacciono;

    ma questo richiede un'educazione fondata su valori diversi dai tuoi, e chi non è educato poi rischia di diventare l'uomo violento e omicida, quando la famiglia entra in crisi; questo, molto concretamente e quotidianamente, lo vedono anche i tuoi figli e figlie, così come l'hanno visto le generazioni precedenti;
    regala alle tue figlie Sposati e sii sottomessa; magari le convinci...
    c' del lardo in Garfagnana

  2. #1247
    Opinionista L'avatar di axeUgene
    Data Registrazione
    17/04/10
    Località
    sotto una quercia nana in zona Porta Genova
    Messaggi
    18,487
    Citazione Originariamente Scritto da nahui Visualizza Messaggio
    Mah... Adesso che sono relativamente anziana vedo le cose da una prospettiva diversa. Per moltissimo tempo ho creduto nell'amore romantico, facendone un mito ed essendo affetta dalla malattia che in letteratura è definita "bovarismo".
    il picco storico fu quando Cioè allegò il poster di Raul Bova, esaurito in una mattinata; beh, in fondo, meglio di Corona, no ?

    Il guaio peggiore, per tutti, ma soprattutto per le donne, è confondere il sano istinto sessuale con l'amore, riversando sull'ignaro portatore di pene un carico di aspettative francamente eccessivo. L'unico rimedio a questa malattia è la libertà sessuale e l'esperienza.
    questa direi che è una pre-condizione, necessaria ma non sufficiente; parte del percorso identitario che dovrebbe gestire le insicurezze e quelle proiezioni di identità che interpongono tante strumentalizzazioni alle relazioni;
    Infatti, appena uscita fuori dalla parrocchietta sono guarita e davvero maturata. Se questa guarigione sia stata un bene o un male lo decideranno i posters
    Quindi auspico che la mia progenie si senta libera di smontare sti miti prima dei 25, per poter scegliere il suo compagno di vita libera dal bisogno.
    credo che la questione principale sia l'aggregato di obiettivi identitari, strutturati come funzionali; cioè, la persona giovane si autocensura come mezzo per raggiungere fini-feticcio di realizzazione, inevitabilmente deludenti; e questo lo fa per inevitabile educazione al risultato, finché ha davanti un futuro;

    poi, la vita pone di fronte al presente e smantella quella finzione, costringe a scelte; quello che Cono fraintende di quanto legge dai suoi guru, come perorazione dei modelli tradizionali, è che quell'individualismo è paradossalmente una reazione della persona/massa proprio alla carenza di un nucleo forte autocentrato di identità, che crea insicurezza e angoscia di fronte alle scelte del possibile, inevitabilmente di compromesso;

    in parole povere, una famiglia, una coppia, dei figli, sono sostenibili se la persona è ancorata ad un'identità forte che ha superato, metabolizzato il problema di emanciparsi, attraverso un legame passionale con l'esistenza, un vero spazio proprio in cui essere se stessi, e poter poi dedicare quell'identità alla condivisione; hai un lavoro, momenti di realizzazione e gioia creativa, sai chi sei, e puoi affrontare gli inevitabili sacrifici di una famiglia o di una coppia, senza quelle aspettative totalizzanti di cui scrivevi;
    nella mia esperienza, ho visto una correlazione diretta tra presenza di questi ancoraggi - prima col lavoro, poi con la musica - e capacità di essere disponibili nella relazione con l'altro, in senso generale, non solo di coppia;
    a occhio e croce, credo che se avessi figli - oltre allo studio e ad una fisicità e sessualità libera - mi adopererei molto perché coltivassero uno spazio creativo di gioco, una Settimana enigmistica di livello, una stanza mentale di totale immersione in qualcosa di gratuito, privo di utilità ma autosufficiente in termini di gratificazione; qualcosa per cui la persona-progenie possa dire: io sono questa e nessuno mi può togliere questa identità, questo ancoraggio;

    per alcuni settori elitari o privilegiati il lavoro di responsabilità e potere, oppure creativo, è sufficiente; per le persone "normali" è necessaria la creazione di spazi appositi, bisogna ricavare una stanza dal salotto di rappresentanza, per dirla con l'agente immobiliare col collettone, il cravattone e le scarpe con la punta quadrata
    c' del lardo in Garfagnana

  3. #1248
    Citazione Originariamente Scritto da conogelato Visualizza Messaggio
    E' un Forum, questo. Non una chat. E si chiama "Discutere" proprio perchè vengono analizzati i problemi che attraversano la Società da un punto di vista generale, non personale. Non sono le singole storie di Tizio o di Caio che interessano. Detto questo, sono quì da 14 anni e mezzo e conoscete tutto di me. Ho raccontato la mia storia tante volte. E' per questo che mi ritrovo perfettamente nelle analisi e nelle conclusioni di tanti pensatori ed esperti che hanno fatto le loro riflessioni sull'argomento: La nostra Società soffre non perchè sia particolarmente cattiva o espressione di chissà quale "feccia" o "bassezza", Mik. Ma perchè ha smarrito il senso del Bene Comune. Ha perso l'orientamento etico. Il vero significato del vivere, dell'amare, del relazionarsi con gli Altri.
    Io non vedo la discussione se non tu contro tutti e se fossi in te una domanda me la farei , sempre che il tuo ego te lo conceda

  4. #1249
    Opinionista L'avatar di Vega
    Data Registrazione
    04/05/05
    Messaggi
    11,953
    Citazione Originariamente Scritto da conogelato Visualizza Messaggio
    Se durasse...se fosse stabile nel tempo, la seconda Relazione sarebbe solida. Il dramma grosso che ci sovrasta, è che la seconda diventa poi facilmente la terza. La terza, quarta e la quarta, quinta. Il tutto portandosi spesso appresso con nonchalance Bambini piccoli e Adolescenti, che avrebbero invece bisogno di stabilità emotiva ed affettiva. E' questo l'abominio, Laurina mia! E' questa la cosa desolante!!!
    Una volta, diversi anni fa, Cona si trovava coi Bambini in un negozio, suscitando gli sguardi divertiti e incuriositi degli altri avventori. Si fece avanti una signora e le chiese "Che bellini, sono tutti suoi?" Al che Cona rispose di si. "Ma suoi come? Mica li avrà fatti con un uomo solo, vero?" Al suo nuovo si, lo stupore e l'incredulità della signora fu più che palese.
    Il tutto per dire in quale tipo di "cultura" siamo oramai immersi. E ti parlo di un fatto....diciamo di almeno vent'anni fa!


    Mi viene da chiedermi quanti credenti e frequentatori della parrocchia libertini ci siano! Più altri esterni e non credenti che, a quanto dici, fanno buca tutti ad Empoli ed al centro di ascolto!
    Perché se parli per esperienza del contatto diretto con le persone, vuol dire che sei circondato di peccatori e falsi credenti, che maneggiano i genitali come più aggrada, in spregio ad ogni comandamento e sacramento!
    Comunque Cono, preoccupati di quei casi in cui qualche soggetto, con figli compresi, passa la vita a saltare di fiore in fiore. Non so davvero quanti ne troverai.


    Ora, la gente è vero a volte è un pò sfacciata e maleducata, ma che la signora sia venuta a dire proprio a dire quella frase lì mi fa un pò strano. Magari avrà chiesto se erano tutti dello stesso babbo. Per conto mio inventi o giri un pò la frittata.
    Pienamente funzionante e programmata in tecniche multiple

  5. #1250
    Opinionista L'avatar di Vega
    Data Registrazione
    04/05/05
    Messaggi
    11,953
    Citazione Originariamente Scritto da conogelato Visualizza Messaggio
    E' un Forum, questo. Non una chat. E si chiama "Discutere" proprio perchè vengono analizzati i problemi che attraversano la Società da un punto di vista generale, non personale. Non sono le singole storie di Tizio o di Caio che interessano. Detto questo, sono quì da 14 anni e mezzo e conoscete tutto di me. Ho raccontato la mia storia tante volte. E' per questo che mi ritrovo perfettamente nelle analisi e nelle conclusioni di tanti pensatori ed esperti che hanno fatto le loro riflessioni sull'argomento: La nostra Società soffre non perchè sia particolarmente cattiva o espressione di chissà quale "feccia" o "bassezza", Mik. Ma perchè ha smarrito il senso del Bene Comune. Ha perso l'orientamento etico. Il vero significato del vivere, dell'amare, del relazionarsi con gli Altri.
    No, tu copi-incolli ed annunci l'apocalisse e basta. Non poni mai le questioni come spunti per intavolare discussioni e riflessioni.
    Hai solo da ripetere quanti e quali siano i mali del mondo, facendo orecchie da mercante ad ogni risposta ed informazione che ti viene fornita.
    Pienamente funzionante e programmata in tecniche multiple

  6. #1251
    Citazione Originariamente Scritto da Vega Visualizza Messaggio
    No, tu copi-incolli ed annunci l'apocalisse e basta. Non poni mai le questioni come spunti per intavolare discussioni e riflessioni.
    Hai solo da ripetere quanti e quali siano i mali del mondo, facendo orecchie da mercante ad ogni risposta ed informazione che ti viene fornita.
    ad appunto quanto ho scitto , l'ego gli vieta di ascoltare gli altri ma di prevalere sugli altri ( violenza ) , questo è il suo discutere.it e questo è solo un forum dove puoi anche ignorare ...immagina nella realtà

  7. #1252
    Opinionista
    Data Registrazione
    06/02/16
    Messaggi
    5,107
    . E' per questo che mi ritrovo perfettamente nelle analisi e nelle conclusioni di tanti pensatori ed esperti che hanno fatto le loro riflessioni sull'argomento:
    Allora sarebbe il caso che vai su un forum di grandi pensatori per interloquire e non qui con limitata gente comune con cui da grande pensatore nulla hai in comune.
    Ultima modifica di meogatto; 25-11-2020 alle 11:57

  8. #1253
    straniera L'avatar di nahui
    Data Registrazione
    05/03/09
    Località
    in una nuvola di smog
    Messaggi
    19,681
    Citazione Originariamente Scritto da axeUgene Visualizza Messaggio

    per alcuni settori elitari o privilegiati il lavoro di responsabilità e potere, oppure creativo, è sufficiente; per le persone "normali" è necessaria la creazione di spazi appositi ricavare una stanza dal salotto di rappresentanza, per dirla con l'agente immobiliare col collettone, il cravattone e le scarpe con la punta quadrata
    Ma infatti Marito, che è resiliente come il marmo di Carrara, campa felice in questi spazi, ora si è iscritto ad un corso di saldatura
    Io non ci riesco, la "stanza tutta per me" preconizzata dalla Woolf rimane un miraggio, perché prima viene la cura della famiglia che assorbe voracemente tutto. Ho un super io cazzuto.
    Chissà se è meglio non capire un cazzo.
    Forse campi meglio
    Efua

  9. #1254
    Opinionista L'avatar di axeUgene
    Data Registrazione
    17/04/10
    Località
    sotto una quercia nana in zona Porta Genova
    Messaggi
    18,487
    Citazione Originariamente Scritto da nahui Visualizza Messaggio
    Ma infatti Marito, che è resiliente come il marmo di Carrara, campa felice in questi spazi, ora si è iscritto ad un corso di saldatura
    questa non è resilienza, ma letteratura un'evento traumatico col telaio del kite che si è dissaldato in volo ?

    Io non ci riesco, la "stanza tutta per me" preconizzata dalla Woolf rimane un miraggio, perché prima viene la cura della famiglia che assorbe voracemente tutto. Ho un super io cazzuto.
    senza la stanza la capra - la famiglia - crepa, o fa le crepe, un po' troppino, diventa inelegante, "cade" male, come un vestito stazzonato;

    stanotte, per festeggiare la giornata contro la violenza sulle donne, ne sono morte accoppate dai mariti due, equamente distribuite per geografia: Catanzaro e Padova;

    ma il problema è l'individualismo ed edonismo di chi non si vuol sposare e sottomettere o essere colui che sottomette; eh, ma... e si va di nulla, si va...
    c' del lardo in Garfagnana

  10. #1255
    Citazione Originariamente Scritto da conogelato Visualizza Messaggio
    Finalmente! standing ovation.
    Non si riesce a capire che non si tratta di tornare alla Religione, ma alla NATURALITA'. Di tutti i personaggi letti in questi mesi, solo uno è credente: Il Santo Padre!!!
    Tutti gli altri (di eterogenea provenienza culturale) dicono in sintesi solo una cosa: Il bene individuale messo al posto del Bene Comune è un male. Un male a prescindere. Un male per l'intera collettività. Non avere più legami solidi ma liquidi, è un male. Fare sesso anche senza coinvolgimento sentimentale, è un male. Non fare più Figli, è un male. Far pagare alle parti più fragili della Società (Anziani e Bambini) l'idolatria per la nostra singola "libertà" personale, è un male. Che prima o poi ci si ritorcerà contro.
    Non si tratta, per concludere, di tornare all'antico. Si tratta proprio di ripensare i nostri modelli di Vita. Quelli attuali hanno prodotto sfaceli, rovine, solitudini, depressioni, conflitti di genere e infelicità.
    Cono, mi spiace, non mi incanti... tu il concetto di "NATURALITA' lo inzuppi di pensiero divino... Io (e credo non solo io) lo intendo invece come armonia, stare in pace con se stessi e quindi con gli altri... e poco importa se questo implica un cambiamento di partner, qualora il primo non si dimostri adeguato.

    Tanto per dirti, oggi, che è il giorno dedicato alla violenza sulle donne, ebbene due donne sono state uccise dal loro (attuale o ex) partner..... LO REPUTI NATURALE QUESTO?

    Probabilmente si, poichè continui imperterrito a citare libertà, liquidismo e fumismo individuale che pesa su anziani e bambini....

    Gli anziani.... chi sono gli anziani? Siamo sicuri che siano innocenti o magari da giovani abbiano copulato come scimmie a nostra insaputa e all'insaputa del partner?
    Un tempo non c'era Novella 2000, ma ti assicuro che le corna da sempre sono una fatto di costume più o meno sintomatico ... e anche per chi non si sente nessun peso
    sulla testa, consiglio di fare un tampone di DNA ai propri figli che magari spunta la sorpresa.

    Io credo sarebbe stato NATURALE, piuttosto che uccidere il partner, si fossero lasciati (o cambiati) da tempo.

    Poi... non fare più figli è un male... ma la colpa è principalmente di uno STATO BASTARDO e INDEGNO di questo nome.

    E non voglio aggiungere altro. Siamo alla Fuffa oramai.

    ciao.
    Ultima modifica di bumble-bee; 25-11-2020 alle 12:50
    Bambol utente of the decade

  11. #1256
    Doppio.


    Ne approfitto per aggiungere che i modelli di vita attuali non saranno il massimo, ma durante il secolo scorso, con due guerre mondiali e varie guerre regionali con conseguente guerra fredda, crisi petrolifera e quant'altro non è che sia stato meglio...

    Nel 1974 però un gran successo, il referendum vinto dai divorzisti.... poi... nel 1984 (finalmente) la cancellazione dell'attenuante del delitto d'onore.... che metteva fine all'usanza tribale di ammazzare moglie e amante a costo quasi zero (vedere i film girati da Germi, Divorzio all'Italiana e Sedotta e abbandonata per maggior comprensione del problema).

    E oggi? Oggi una ragazza, insegnante di asilo, manda un video hot privato al suo fidanzato, poi questi si lasciano ed il fidanzato lo passa agli amici del calcetto, poi la moglie di uno di questi, controlla il cellulare del marito e, piuttosto che dare un calcio nei coglioni del marito, da della puttana alla ragazza, che tra l'altro è la maestra di suo figlio, poi avvisa le altre mamme, poi si arriva alla preside, la quale, sospende la maestra REA di aver inviato qualcosa di se che doveva rimanere privato e, invece di essere biasimati chi ha violato la sua privacy.... in questa terra retrogada e fortemente plasmata da ironia religiosa, nonché perbenismo da quattro soldi (basta vedere la numerosa serie di film erotici degli anni '70/80 per mettere a nudo i "vizi" degli italiani medi - Malizia, Grazie Zia, Giovannona coscialunga, ecc. ecc.) e piuttosto che mettere alla gogna chi ha divulgato il video... si giudica la morale di una donna, messa in atto da altre donne.

    Questo si spiega solo con secoli e secoli di condizionamento morale-religioso... e ancora parliamo di Naturalità? Cos'è la Naturalità? Chi decide cosa sia naturale?

    E' naturale che delle donne, vadano contro altre donne in giudizi tali, tanto da dimenticare chi ha violato chi... puntando il dito sulla vittima, piuttosto che sui carnefici?

    Questa è l'Italia, questi siamo noi, questo sei anche tu, Cono.

    Etica, Morale, senso comune del pudore... va benissimo, se la barra sta sempre al centro, cioè se non si esagera, sia in un senso, che nell'altro.
    Ultima modifica di bumble-bee; 25-11-2020 alle 13:06
    Bambol utente of the decade

  12. #1257
    Posh&Rebel L'avatar di efua
    Data Registrazione
    07/12/11
    Località
    In un interminabile viaggio
    Messaggi
    23,681
    Citazione Originariamente Scritto da axeUgene Visualizza Messaggio
    in parole povere, una famiglia, una coppia, dei figli, sono sostenibili se la persona è ancorata ad un'identità forte che ha superato, metabolizzato il problema di emanciparsi, attraverso un legame passionale con l'esistenza, un vero spazio proprio in cui essere se stessi, e poter poi dedicare quell'identità alla condivisione; hai un lavoro, momenti di realizzazione e gioia creativa, sai chi sei, e puoi affrontare gli inevitabili sacrifici di una famiglia o di una coppia, senza quelle aspettative totalizzanti di cui scrivevi;
    nella mia esperienza, ho visto una correlazione diretta tra presenza di questi ancoraggi - prima col lavoro, poi con la musica - e capacità di essere disponibili nella relazione con l'altro, in senso generale, non solo di coppia;
    a occhio e croce, credo che se avessi figli - oltre allo studio e ad una fisicità e sessualità libera - mi adopererei molto perché coltivassero uno spazio creativo di gioco, una Settimana enigmistica di livello, una stanza mentale di totale immersione in qualcosa di gratuito, privo di utilità ma autosufficiente in termini di gratificazione; qualcosa per cui la persona-progenie possa dire: io sono questa e nessuno mi può togliere questa identità, questo ancoraggio;

    per alcuni settori elitari o privilegiati il lavoro di responsabilità e potere, oppure creativo, è sufficiente; per le persone "normali" è necessaria la creazione di spazi appositi, bisogna ricavare una stanza dal salotto di rappresentanza, per dirla con l'agente immobiliare col collettone, il cravattone e le scarpe con la punta quadrata
    Esattamente tutto questo
    La coppia, la famiglia e compagnia bella, è tutto sostenibile fino a quando tu resti individuo, fedele prima di tutto a se stesso
    Non è che se diventi acqua zuccherata, scecherata, tu sia migliore
    Certo, lo sei per chi vuole acqua e zucchero
    Ma tu, come ti senti?
    Di te, cosa resta?
    Le dinamiche conesche le conosco bene, perché vissute in prima persona
    Anche se Cono fa finta di saltarci tutti, a pie’ pari
    Quando una persona, che in via teorica, dovrebbe amarti, ti rende la vita impossibile
    Il perdono non è una brioche
    Ma diventa una purga
    Il sottomettersi va bene solo a letto, per un gioco erotico
    Contemplato da entrambi
    Il resto è prevaricazione
    Where there’s will there’s a way

    -Work hard have fun & be nice-

  13. #1258
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    53,967
    Citazione Originariamente Scritto da axeUgene Visualizza Messaggio
    ho capito: pur di insistere con queste stupidaggini continui ad attribuirmi cose che non ho scritto e che ti inventi di sana pianta;
    il mio non è un giudizio di merito, come ho puntualizzato più e più volte;
    io non giudico buono o cattivo, perché non sono l'ombelico del mondo; la storia è il succedersi di crisi e cambiamenti che mediamente ai vecchi non piacciono, così come il tuo stile di vita o quello dei tuoi figli sarebbero stati criticati dalle generazioni precedenti;


    Bauman non era un cretino, che ignorava la storia; e il papa fa il suo onesto lavoro di difesa della dottrina;
    ma quella rivoluzione è un mero fatto, che tu stesso constati, ed è la cosa per cui il Novecento verrà ricordato più delle guerre mondiali e della tecnologia: la rivoluzione delle donne, dapprima in Occidente;

    la famiglia tradizionale è finita semplicemente perché le donne - e con loro una maggioranza di uomini - la cultura e la sensibilità comune, hanno decretato la fine di quel sistema gerarchico di famiglia fondato su quei tuoi "carismi" di genere, di cui significativamente lamenti l'abbandono;

    non è un'invenzione mia, ma un mero fatto; tutto il casino che fanno i nostri vicini islamizzati è dovuto alla disperata opposizione di quel mondo tradizionalista ai modelli egualitari che arrivano o filtrano dall'Occidente, il Grande Satana; non c'entra il Corano: quelli hanno solo una fottuta paura che pure le loro donne, vedendo le nostre, smettano di sottomettersi, e allora chi li tiene più tutti quei poveri caporaletti sottomessi che sono "qualcuno" solo in famiglia ? finisce che quelli faranno pure loro una rivoluzione democratica: la cosa è semplicissima per chi vuol vedere l'evidente...


    no, ci sono, l'ho scritto, anche se tu non mi leggi, e vuoi polemizzare stupidamente, inventandoti le mie presunte idee e attribuendomele;

    e quei modi sono una conseguenza in una fase di transizione, a fronte di un modello di relazione e famiglia che ha smesso di funzionare nel modo tradizionale, per tanti motivi, che vuoi ignorare;

    tante persone giovani osservano le modalità di relazione e vedono - soprattutto le donne - che i fautori del matrimonio tradizionale chiedono sacrifici, di solito squilibrati, e reagiscono rivendicando quello spazio per se stesse, difendendosi; molti uomini - giovani e istruiti, equilibrati - si adeguano, percependo l'iniquità del tutto e dell'onere di essere a loro volta i carcerieri; i meno autonomi, gli squilibrati, non reggono la botta e diventano violenti;

    l'individualismo è una conseguenza, non la causa della crisi della famiglia tradizionale; la causa è l'iniquità di quel modello, incompatibile coi nostri valori diffusi, che non sono più i tuoi;

    tu ti fai paladino di quella roba e citi allegramente le tesi di una privilegiata che ha scritto un libello dal titolo significativo e autentico come una confessione spontanea: Sposati e sii sottomessa; sottomessa; sarebbe un successone nel mondo islamizzato poi ti meravigli che la reazione sia l'individualismo

    tornerà la famiglia, certamente, ma non sarà certo quella che piace a te, ma qualcosa di diverso, come sempre nella storia;


    io ti dico che per me - e per una gran parte di persone - un valore solido, e anche un dovere, è il rispetto della libertà e dell'autodeterminazione altrui, una variabile che la tua idea di famiglia non contempla, se non come finzione retorica; se una donna non mi vuole, o non mi vuole più, devo farmene una ragione e il mio personale comodo o desiderio deve cedere il passo; punto; io non sottometto nessuno, prima di tutto per onorare me stesso e i miei valori, anche se a te non piacciono;

    ma questo richiede un'educazione fondata su valori diversi dai tuoi, e chi non è educato poi rischia di diventare l'uomo violento e omicida, quando la famiglia entra in crisi; questo, molto concretamente e quotidianamente, lo vedono anche i tuoi figli e figlie, così come l'hanno visto le generazioni precedenti;
    regala alle tue figlie Sposati e sii sottomessa; magari le convinci...
    Ma almeno l'hai letto? La sottomissione cristiana o è vicendevole o non ha ragione d'essere....

    "Siate sottomessi gli uni agli altri". (Efesini 5) implica assoluta reciprocità! La continuazione del libro di Costanza Miriano poi, ha per titolo "Amala. E muori per lei!" ed è ancora più bello e ricco del primo

    Mi confermi che l'unico valore solido, per questa Società, è quello della libertà individuale. Da perseguire ad ogni costo. "I Bambini? Evvabbè, si abitueranno a questa sana rivoluzione". Sono ancora parole tue. La lasci anche a me la libertà di dire che tutto ciò è abominevole?
    amate i vostri nemici

  14. #1259
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    53,967
    Citazione Originariamente Scritto da dietrologo Visualizza Messaggio
    Io non vedo la discussione se non tu contro tutti e se fossi in te una domanda me la farei , sempre che il tuo ego te lo conceda
    Non sono "contro" nessuno. Stiamo dibattendo e discutendo da Persone civili un argomento di strettissima attualità, Mik. Che riguarda il presente ma ancor più il Futuro prossimo dei nostri Figli.
    Per caso sei anche te un amante del pensiero unico globalizzato?
    amate i vostri nemici

  15. #1260
    Candle in the wind L'avatar di conogelato
    Data Registrazione
    17/07/06
    Località
    Empoli
    Messaggi
    53,967
    Citazione Originariamente Scritto da Vega Visualizza Messaggio


    Mi viene da chiedermi quanti credenti e frequentatori della parrocchia libertini ci siano! Più altri esterni e non credenti che, a quanto dici, fanno buca tutti ad Empoli ed al centro di ascolto!
    Perché se parli per esperienza del contatto diretto con le persone, vuol dire che sei circondato di peccatori e falsi credenti, che maneggiano i genitali come più aggrada, in spregio ad ogni comandamento e sacramento!
    Comunque Cono, preoccupati di quei casi in cui qualche soggetto, con figli compresi, passa la vita a saltare di fiore in fiore. Non so davvero quanti ne troverai.


    Ora, la gente è vero a volte è un pò sfacciata e maleducata, ma che la signora sia venuta a dire proprio a dire quella frase lì mi fa un pò strano. Magari avrà chiesto se erano tutti dello stesso babbo. Per conto mio inventi o giri un pò la frittata.
    Siamo tutti adulti e vaccinati: Le bugie e le fake news lasciamole a chi si diverte a prendere in giro le persone, Laura. Ti ho raccontato l'episodio così come è accaduto.
    Quel che accade nella Società, purtroppo, non è invenzione e non accade solamente a Empoli....

    "Il neo-libertinismo del nostro tempo vorrebbe rendere risibile il “per sempre” dell’amore. Abbiamo bisogno di ricostruire un lessico amoroso che ci indichi che le ragioni del cuore hanno un peso senza il quale la vita umana appare mutilata. Il nostro tempo sputa sulla promessa di eternità che si ripete in ogni amore. Preferisce il disincanto, che riduce l’amore al sesso o al cosiddetto poliamore."

    MASSIMO RECALCATI http://www.gliscritti.it/blog/entry/4800

    Gli amori di una volta, sono stati sostituiti da relazioni estremamente liquide, sempre in bilico e a metà tra il desiderio di avere sicurezza ed emozioni forti ed esaltanti e il desiderio di essere liberi e indipendenti, affrancati da legami che potrebbero risultare soffocanti e impedire di provare le emozioni sempre nuove e sempre estreme di relazioni che cambiano e non sono mai le stesse, perché realizzatesi con persone diverse, in contesti diversi e con modalità diverse. Insomma, pare proprio che nei tempi che viviamo, nei tempi del consumismo, l’amore liquido sia quell’amore che, esattamente come uno smartphone, le scarpe o l’auto cambiamo di continuo, in modo che sia in grado di fornirci, esattamente come un paio di scarpe, l’auto o lo smartphone, alcune irripetibili emozioni immediate. A scapito dei sentimenti profondi, che richiedono tempo e impegno.

    L’amore dunque è diventato un bene di intrattenimento e di consumo, come un film scaricato da Netflix, un ovetto kinder o le mutande rosse del capodanno. E, allo stesso tempo, nell’essere umano postmoderno rimane un grande bisogno e desiderio di sicurezza, quello che si può realizzare solo in relazioni piene e durature. Relazioni di amore solido e non liquido.
    Ecco allora perché l’amore postmoderno si muove tra parole altisonanti e dichiarazioni passionali ai suoi inizi e poi, ancora prima di nascere e sbocciare, muore nel whats’app che non arriva, negli SMS insensati, nel “io non voglio una storia seria”; nel “sono confuso”; nel “non sono pronto per…”. E non solo da parte di uomini, si intenda, ma anche da parte di donne. Ecco perché l’amore postmoderno vive di chat, di amicizie Facebook, di romanticume a effetto, ma senza sostanza. E, anche, soprattutto di distacchi rapidi e repentini, di inconcludenza e – molto spesso – di mancanza di contatto fisico, totale o parziale. C’è un disperato bisogno di amare e di essere amati – che può essere soddisfatto solo in relazioni autentiche – e insieme una ricerca spasmodica alla soddisfazione piena, che però non si è mai sicuri di avere raggiunto e quindi nel dubbio, si cerca un’altra relazione, che forse, magari, chissà, potrebbe essere più appagante – eccitante, emozionante, soddisfacente – della precedente.

    https://www.lapersonagiusta.com/prob...ido-seduzione/

    Invenzioni? Esagerazioni? Idee strampalate? Oppure è quel che accade davvero?
    amate i vostri nemici

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •