Pagina 11 di 15 PrimaPrima ... 7 8 9 10 11 12 13 14 15 UltimaUltima
Risultati da 151 a 165 di 221

Discussione: Una conferma sulla saggezza di non sposarsi e non avere figli negli ultimi tempi.

  1. #151
    Opinionista L'avatar di axeUgene
    Data Registrazione
    17/04/10
    Località
    sotto una quercia nana in zona Porta Genova
    Messaggi
    16,558
    Citazione Originariamente Scritto da crepuscolo Visualizza Messaggio
    ESEGESI riguardo alle nozze...

    Non è proprio il matrimonio spirituale ciò a cui mira per esempio l'opera mistica di Giovanni della Croce?
    Così uomo e donna sono da principio dei mezzi a vicenda per raggiungere Dio.
    Von Balthasar dice che siamo in presenza non semplicemente di una trascendenza immanente (come per buona parte della letteratura teologica), e cioè di una cifra del divino immessa nella relazione sessuale uomo-donna, ma di una trascendenza trascendente, nel senso che questa cifra diventa anche un analogatum princeps - nel quadro delle vestigia relative all'immago trinitatis - per scorgere qualcosa del mistero delle Persone divine.
    Si può così sostenere che la teologia sessuale, nel quadro dell'antropologia metafisica, assume un rilievo di grande portata.
    Nel vero amore sessuale, quello che diventa cifra di comunicazione agapica nell'eros ed attraverso l'eros, l'azione dell'uomo è realmente dedizione al pari della donna; entrambi si donano, l'uno in modo tale che, mentre è maschio nell'atto del dono di sé, e perciò in funzione attiva, diventa passivo e contemplativo nella nascita, mentre la donna, che appare in una posizione di accoglienza del dono del maschio, diventa però attiva nella gestazione e nella nascita.

    Caro axe, se ti basta termino qui.
    per me, termina dove vuoi;
    ma non risponde alla mia domanda;
    qui si parla della teologia dell'unione sessuale, non del senso del matrimonio in relazione ad un precetto che ne determini la solubilità o meno;

    la domanda era semplice: in base a quali principi evangelici espliciti, normativizzanti, quale costrutto morale, si dovrebbe stabilire, o altrimenti evincere, la liceità o meno della rottura di un matrimonio ?
    se un coniuge semplicemente non ama più, il valore di quell'unione resta sacro allo stesso modo ? l'amore è un elemento essenziale, oppure no, per definire la qualità di quella situazione, il suo pregio ?
    a questa domanda va data risposta, perché le sue conseguenze sono quelle che tutti viviamo, qui e ora; un qui e ora su cui si discute, evidentemente, sul piano morale.
    c' del lardo in Garfagnana

  2. #152
    Opinionista L'avatar di crepuscolo
    Data Registrazione
    08/10/07
    Messaggi
    20,581
    Citazione Originariamente Scritto da axeUgene Visualizza Messaggio
    per me, termina dove vuoi;
    ma non risponde alla mia domanda;
    qui si parla della teologia dell'unione sessuale, non del senso del matrimonio in relazione ad un precetto che ne determini la solubilità o meno;

    Io sono cristiano e ti ho risposto da cristiano , tu volevi l'esegesi sul matrimonio-nozze ed io te l'ho cercata.
    E' ovvio che se ti sposi in Chiesa devi sottostare alle regole della Chiesa.
    Se invece ti unisci ad una donna senza ricorrere alla Chiesa niente viene tutelato neanche gli eventuali i figli, a meno che ricorri ad un notaio e stipuli un contratto.
    Ma allora a che ti serve l'esegesi che mi avevi sollecitato inscenando un ridicola partita a palla tra me e cono; ci stai o no con la testa?
    Il matrimonio non è mica solubile in acqua.
    Quando parli di principi evangelici sai già a che cosa vai incontro.
    Ultima modifica di crepuscolo; 13-02-2020 alle 09:34

  3. #153
    Opinionista L'avatar di axeUgene
    Data Registrazione
    17/04/10
    Località
    sotto una quercia nana in zona Porta Genova
    Messaggi
    16,558
    Citazione Originariamente Scritto da crepuscolo Visualizza Messaggio
    Io sono cristiano e ti ho risposto da cristiano , tu volevi l'esegesi sul matrimonio-nozze ed io te l'ho cercata.
    hai cercato male, perché quella - è scritto, eh, non lo dico io... - è l'esegesi del rapporto sessuale, non del matrimonio;

    E' ovvio che se ti sposi in Chiesa devi sottostare alle regole della Chiesa.
    Se invece ti unisci ad una donna senza ricorrere alla Chiesa niente viene tutelato neanche gli eventuali i figli, a meno che ricorri ad un notaio e stipuli un contratto.
    oddio, sei laureato in economia; l'esame di diritto civile lo devi aver sostenuto;
    i figli sono tutelatissimi, automaticamente e paritariamente a quelli nati nel matrimonio, per il solo fatto di essere persone fisiche;
    a meno che tu non abbia dato l'esame nello Stato pontificio, prima del 1870
    Ma allora a che ti serve l'esegesi che mi avevi sollecitato inscenando un ridicola partita a palla tra me e cono; ci stai o no con la testa?
    che la insceno io ???
    siete voi che vi beccate su ciò che sarebbe autenticamente cristiano, da evincersi a partire dal testo; io ho solo chiesto spiegazioni sul senso di quel testo;
    almeno Cono prova a formulare, sulla base della lettera di Matteo; a me sembra poco e insufficiente;
    ma tu non dici nulla, salvo che sono fatti tuoi;
    e a me sta benissimo; ma non è certo esegesi del testo
    c' del lardo in Garfagnana

  4. #154
    Opinionista L'avatar di crepuscolo
    Data Registrazione
    08/10/07
    Messaggi
    20,581
    E' stato cono a venirmi a beccare nel mio piatto; glielo ho anche detto che doveva essere contento per il suo matrimonio, ma a casa mia cucino io e potrei cucinare per gli ospiti indesiderati dei bei "bombetti all'anconetana" ...con aggiunta di curaro.
    Spero non ritorni più sull'argomento perché sarò muto come un pesce.
    Se poi tu rincari la dose potrei invitare pure te a mangiarli.

    Per quanto riguarda la Laurea è vero che mi sono laureato in Economia e Commercio perché a quei tempi i mammoni erano rari, o studiavi o lavoravi, ed a me piaceva divertirmi; comunque gli esami di diritto e di finanza, nonostante abbia dato l'esame da commercialista li odiavo, a me piaceva l'econometria e la statistica ed a quei tempi nell'ateneo di Ancona c'erano due bravi professori, Fuà e Rey.

    Contento?
    Non credo
    Ultima modifica di crepuscolo; 13-02-2020 alle 13:57

  5. #155
    Opinionista L'avatar di crepuscolo
    Data Registrazione
    08/10/07
    Messaggi
    20,581
    vedi sopra

  6. #156
    Opinionista L'avatar di axeUgene
    Data Registrazione
    17/04/10
    Località
    sotto una quercia nana in zona Porta Genova
    Messaggi
    16,558
    Citazione Originariamente Scritto da crepuscolo Visualizza Messaggio
    comunque gli esami di diritto e di finanza, nonostante abbia dato l'esame da commercialista li odiavo, a me piaceva l'econometria e la statistica ed a quei tempi nell'ateneo di Ancona c'erano due bravi professori, Fuà e Rey.
    Contento?
    Non credo
    ammirato; econometria la trovo pesa, ma riconosco che è importantissima per analizzare davvero approfonditamente certe cose; e pure la statistica, per capire tante circostanze poco intuitive;
    però, i principi costituzionali fondamentali sulla personalità giuridica, e le conseguenze sul diritto di famiglia, non sono cultura tecnica, ma generale, essenziale.
    c' del lardo in Garfagnana

  7. #157
    Opinionista L'avatar di crepuscolo
    Data Registrazione
    08/10/07
    Messaggi
    20,581
    Come spesso tu dici è questione di gusti, ed i gusti spesso manifestano un carattere, per me o è così o non lo è, le materie dove bisogna cercare vie di uscita od altre vie che si rivelano spesso come compromessi non si addicono al mio modo di pensare; tant'è che nella separazione ho lasciato tutto senza discussioni, mi sono preso la colpa e sono andato da mia madre...pace all'anima sua.

  8. #158
    Opinionista L'avatar di Lilia
    Data Registrazione
    28/04/19
    Località
    Roma-centro.
    Messaggi
    616

    Unhappy

    Citazione Originariamente Scritto da LadyHawke Visualizza Messaggio
    Cono non è sempre così sai?
    Conosco coppie che non si sono separate ai primi contrasti ma dopo anni, non sono d'accordo poi sull'abnegazione e sacrificio, una dose di sano egoismo per vivere bene ed essere felici ci vuole,come dice una psicologa che conosco, non l'annullamento per l'altro.
    Arwen, che vai a fà da tutti sti psicologhi cretini?

  9. #159
    Opinionista L'avatar di Lilia
    Data Registrazione
    28/04/19
    Località
    Roma-centro.
    Messaggi
    616
    Citazione Originariamente Scritto da axeUgene Visualizza Messaggio
    non capisco; se essere cristiano in modo ideale prevede la castità come stile di vita ideale, allora la realizzazione del cristianesimo implica l'estinzione e la condanna del matrimonio; non si capisce cosa Dio abbia creato il sesso e la vita stessa a fare;
    né si capisce il valore morale della castità; perché ?


    ma... mi sembra un po' debole come spiegazione; o una prescrizione ha un valore morale, oppure no; non è che dici Non rubare, ma se proprio devi, ruba poco


    il buon senso non è un precetto, non ti dice come orientarti secondo il precetto di Gesù; e il risultato, sono le diatribe con Cono;


    idem, con patate;
    quello che sostieni è che il matrimonio non può essere un sacramento, ma è un evento esclusivamente mondano; solo che - per quanto io possa essere d'accordo, da "esterno", non risolve la questione di ciò che effettivamente prescriva il testo evangelico; non ci prova nemmeno;


    io ti ho chiesto cosa dovrebbe fare un cristiano nel momento in cui egli, oppure il coniuge sono infelici a causa di quel matrimonio, anche senza una colpa vera e propria dell'uno o dell'altro, ma solo perché l'amore è finito;
    ti ho posto la questione in modo ordinato, ma tu non hai risposto:
    AXE.

    Anche per gli ebrei il matrimonio prevede la castità, ma bisogna vedere che si intende.
    Hai mai sentito parlare delle donne ebree ortodosse che sono sempre con i capelli rasati a zero e le
    parrucche perche' devono fare del tutto per non eccitare gli uomini a letto? E così, sapendo che
    se un uomo vede un pelo si eccita, radere tutto, si eccita lo stesso... Insomma é solo sesso per
    la riproduzione, non per la saga " legami come un salame e frustami". Tutto deve essere molto breve, senza eccitamento
    prolungato solo per assicurare la discendenza. Questo, almeno un tempo, non so se sia ancora così presso gli ebrei
    ortodossi.

    Per il matrimonio cattolico se non va più ci si separa.

  10. #160
    Opinionista L'avatar di crepuscolo
    Data Registrazione
    08/10/07
    Messaggi
    20,581
    Allora sono in regola.
    Meglio una moglie dall'altra parte che una moglie all'altro mondo.

  11. #161
    Opinionista L'avatar di LadyHawke
    Data Registrazione
    29/04/19
    Messaggi
    1,628
    Citazione Originariamente Scritto da conogelato Visualizza Messaggio
    Sano ed egoismo non sono termini che stanno bene insieme, Lady. Se non si è disposti a morire per l'Altro, è meglio non sposarsi. O sposarsi solo civilmente: Il Matrimonio cristiano è un'altra cosa....
    Non si tratta di pensare solo a se stessi e fregarsene di tutti.
    Per sano ed onesto egoismo s'intende non fare cose che rendono infelici pur di non scontentare l'altro o chi ti circonda.Significa star bene prima di tutto con se stessi, volersi bene solo, solo così si potrà amare anche gli altri.Il sano ed onesto egoismo è espressione di autenticità.
    Se "morire per l'altro" intendi annullarsi totalmente mi spiace ma non condivido, capisco il tuo punto di vista cristiano di credente osservante, ma comunque non lo condivido. Difatti oggi i giovani si sposano sempre meno con rito religioso e chi lo fa spesso è solo per tradizione, per non scontentare i parenti, pochi lo fanno per autentica e sentita fede religiosa, come del resto è sempre stato.
    La vita è veramente molto semplice, ma noi insistiamo nel renderla complicata.
    Confucio

  12. #162
    Opinionista L'avatar di LadyHawke
    Data Registrazione
    29/04/19
    Messaggi
    1,628
    Citazione Originariamente Scritto da Lilia Visualizza Messaggio
    Arwen, che vai a fà da tutti sti psicologhi cretini?
    Non vado dagli psicologi, compro il libro e...un bel chissenefrega, come nella guida pratica per onesti egoisti.
    La vita è veramente molto semplice, ma noi insistiamo nel renderla complicata.
    Confucio

  13. #163
    Opinionista L'avatar di LadyHawke
    Data Registrazione
    29/04/19
    Messaggi
    1,628
    Citazione Originariamente Scritto da conogelato Visualizza Messaggio
    E se il ‘meglio’ che intendono i genitori non sia davvero la scelta giusta per il figlio? Qualcuno ha mai chiesto davvero ad un bambino cosa pensa della separazione dei genitori?
    Hai mai chiesto invece ad un bambino cosa prova quando ogni volta che i genitori litigano di brutto, si mette a piangere da solo, nella sua cameretta, perchè magari non ha neanche fratelli con cui condividere il peso di quella situazione? Come si sente? E come cresce?
    Un bambino si sa che vorrebbe vedere i genitori insieme e felici ma se non è possibile meglio si separino, ma non sarà mai il bambino a dirlo e neanche desiderarlo, lo penserà e lo dirà magari quando sarà un adolescente, però intanto i danni questi genitori li hanno già fatti.
    La cosa giusta per i figli è crescere in un ambiente sereno, e i genitori che si separano come quelli che invece decidono di restare insieme dovrebbero tenerne conto.
    La vita è veramente molto semplice, ma noi insistiamo nel renderla complicata.
    Confucio

  14. #164
    Sovrana delle Rose dai Petali d'Oro L'avatar di ReginaD'Autunno
    Data Registrazione
    01/05/19
    Località
    In un incantevole paese della regione dei trulli
    Messaggi
    1,665
    Citazione Originariamente Scritto da LadyHawke Visualizza Messaggio
    Hai mai chiesto invece ad un bambino cosa prova quando ogni volta che i genitori litigano di brutto, si mette a piangere da solo, nella sua cameretta, perchè magari non ha neanche fratelli con cui condividere il peso di quella situazione? Come si sente? E come cresce?
    Un bambino si sa che vorrebbe vedere i genitori insieme e felici ma se non è possibile meglio si separino, ma non sarà mai il bambino a dirlo e neanche desiderarlo, lo penserà e lo dirà magari quando sarà un adolescente, però intanto i danni questi genitori li hanno già fatti.
    La cosa giusta per i figli è crescere in un ambiente sereno, e i genitori che si separano come quelli che invece decidono di restare insieme dovrebbero tenerne conto.
    Io vivo con dei genitori che letteralmente si odiano, mia madre si vorrebbe anche separare ma non può per l'egoismo di mio padre che non vuole sapersene di andare via. Ed io e le mie sorelle che abbiamo vissuto in questo clima ostile che cosa dovremmo dire?
    Corteggiata da l'aure e dagli amori, siede sul trono de la siepe ombrosa, bella regina dè fioriti odori, in colorita maestà la rosa CLAUDIO ACHILLINI

  15. #165
    Opinionista L'avatar di axeUgene
    Data Registrazione
    17/04/10
    Località
    sotto una quercia nana in zona Porta Genova
    Messaggi
    16,558
    Citazione Originariamente Scritto da Lilia Visualizza Messaggio
    AXE.

    Anche per gli ebrei il matrimonio prevede la castità, ma bisogna vedere che si intende.
    Hai mai sentito parlare delle donne ebree ortodosse che sono sempre con i capelli rasati a zero e le
    parrucche perche' devono fare del tutto per non eccitare gli uomini a letto? E così, sapendo che
    se un uomo vede un pelo si eccita, radere tutto, si eccita lo stesso... Insomma é solo sesso per
    la riproduzione, non per la saga " legami come un salame e frustami". Tutto deve essere molto breve, senza eccitamento
    prolungato solo per assicurare la discendenza. Questo, almeno un tempo, non so se sia ancora così presso gli ebrei
    ortodossi.
    se Benigni non basta, leggiti un po' di Philip Roth
    poi, mi pare che quelli avessero il ripudio; i patriarchi biblici ne facevano di cotte e di crude, fino a tarda età...
    ad ogni modo, non esiste, come per l'Islam o i riformati, una dottrina centralizzata di prescrizioni inderogabili; non c'è un papa...
    Per il matrimonio cattolico se non va più ci si separa.
    si, ma con l'obbligo di castità perpetua, almeno secondo dottrina; ti separi a 35 anni e chiudi bottega; poi picchi la vecchina in coda al super se ti chiede di passare avanti perché c'ha il bisognino
    c' del lardo in Garfagnana

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •